28 Luglio 2022

I record rubati di Petrillo: “Ma vincevo anche da uomo”. È vero? Ecco i fact-checking

Mentre il Comitato Olimpico annuncia un cambio di rotta nelle linee guida sulla partecipazione di corpi maschili negli sport femminili, Valentina nata Fabrizio Petrillo ambisce a partecipare ai Giochi Paralimpici nella categoria femminile. A chi l’accusa di voler vincere facile risponde che vinceva anche prima della transizione. Ma non è così: ecco un’analisi dei tempi di Petrillo e di come sono valutati rispettivamente nella categoria maschile e in quella femminile
Condividi questo articolo

Dopo le federazioni internazionali del nuoto, del ciclismo e di altri sport, anche il Comitato Olimpico fa marcia indietro sullo sport “inclusivo” dei corpi maschili negli sport femminili.

Francesco Ricci Bitti alla guida dell’ASOIF, l’associazione che riunisce le federazioni internazionali degli sport olimpici estivi, ha annunciato in una recente conferenza il bisogno di rivedere le attuali regole sulla partecipazione degli atleti transgender, soprattutto MtF, uomini che “si identificano come donne”.

Francesco Ricci Bitti ha detto: “Secondo l’approccio dei diritti umani le ‘donne transgender’ [gli atleti MtF] dovrebbero vivere una vita normale. Questo è assolutamente vero, ma forse non nel mondo dello sport professionistico d'élite”. Ha poi sottolineato che l'inclusione è un valore sociale, pertanto non dovrebbe essere il primo criterio da seguire nella composizione dei regolamenti sportivi: “Le regole di ammissibilità relative alle restrizioni dovrebbero essere prima di tutto basate sulla scienza e pensate per preservare l'equità nelle competizioni di alto livello. Credo che le linee guida più recenti siano troppo evasive e quindi dobbiamo migliorarle o altrimenti perderemo i livelli [di competitività]" (vedere qui).

Nel frattempo, in Italia l'atleta MtoF Valentina nata Fabrizio Petrillo continua a mietere vittorie nell’atletica femminile (vedere qui). Il mese scorso vi avevamo segnalato la sua partecipazione -come membro della nazionale italiana femminile- al World Para Athletics Grand Prix di Parigi, test importante in vista dei Giochi Paralimpici di Parigi 2024.

E Valentina non ha deluso le aspettative, portando a casa un oro sui 400 metri T13 e un nuovo record femminile italiano. Una settimana dopo, in una gara a Grosseto il 17 giugno, ha anche segnato un nuovo record sui 200 metri T13, migliorando un record che già deteneva (qui).

Insomma, quando corre Petrillo bisogna quasi sempre aggiornare i record italiani nelle varie distanze della corsa femminile paralimpica. Eppure “Valentina” nelle sue interviste ha sempre negato qualsiasi vantaggio dovuto all’essere nato uomo.

Oggi vi presentiamo un’analisi dei tempi di Petrillo in contesto, eseguita dallo statistico Marco Alciator. Alciator ha messo a confronto i tempi e i record di Petrillo con quelli di atleti uomini e atlete donne di livello internazionale, spiegando anche la diversa valutazione di prestazioni simili a seconda che si tratti di categoria maschile o femminile.

Dai dati emerge chiaramente una situazione di assoluta anomalia nel caso Petrillo, che con pressappoco gli stessi tempi di quando gareggiava come Fabrizio, passando alla categoria femminile ha iniziato a vincere anche nelle gare internazionali, un privilegio concesso solo ai corpi maschili che si identificano diversamente, ma non a quelli femminili che si identificano come “uomini”.


FACT-CHECKING: PETRILLO SUI 400 METRI

Valentina Petrillo, nato Fabrizio, atleta ipovedente classe 1973, dal gennaio 2019 (45 anni) ha intrapreso una «terapia ormonale» e dal 2020 partecipa alle gare femminili.

In una recente intervista a Fanpage ha dichiarato a proposito dei suoi risultati «Valentina non è che vince sempre, purtroppo» e «non è detto che un ex uomo sia avvantaggiato rispetto a una donna», ha parlato dei titoli ottenuti già nelle gare maschili e dei record che detiene, mentre un anno fa su Rai1 aveva fornito come prova di equità l’«aver perso 12 secondi sui 400 metri» e di sentirsi assolutamente alla pari con le atlete ai blocchi di partenza.

Per vederci più chiaro andiamo ad analizzare i tempi “pre-transizione” e i record nella categoria maschile sui 400 metri e successivamente i tempi “post-transizione” e record nella categoria femminile.

Tabella 1 – Record maschili italiani e mondiali nei 400 metri piani outdoor, assoluti, master M45 e paralimipici T12/13.

Record  400m MElite – AssolutiCategoria età –Master M45
Fidal
World Athletics
44”77
43”03
50”27
49”09
Fispes T12/T13
International Paralympic  
51” 96
46”70
  F.Petrillo 56”67 (2018)  

Da questa prima tabella si evince quanto il record personale di Petrillo sui 400m fosse  lontano da tutti i record maschili, sia rispetto al record dei coetanei master M45 sia rispetto al record paralimpico italiano ipovedenti T12/T13, tempo più lento di oltre 6 e 4 secondi rispettivamente, pari a +12,7% e 9,1%, percentuali utili per confronti successivi.

Tabella 2Record femminili italiani e mondiali nei 400 metri piani outdoor, assoluti, master F45 e paralimipici T12/13.

Record  400m FElite – AssolutiCategoria età –Master F45
Fidal
World Athletics
50”30
47”60
58”29
56”14
Fispes T12/T13
International Paralympic  
1’01”47*
54”46
  V.Petrillo 58”57** (2022)  

*record precedente

**dai primi mesi del 2021 Petrillo corre nella categoria ipovedenti T13 anziché T12, i record sono una categoria unica T12/T13 per FISPES

Il record personale successivo al 2020 risulta solo 3,4% più lento del record precedente (circa due secondi, non 12 secondi di differenza) e il record italiano master F45 è lontano solo pochi decimi di secondo (+0,5%) mentre quello paralimpico è stato migliorato di circa 3 secondi (-4,7%).

La forte anomalia dei due primati personali (2018 e 2022) è avvalorata anche dalla valutazione quantitativa assegnata tramite  punteggio Fidal, più alto è il punteggio più la prestazione è prestigiosa, il balzo è evidente, dai 476 punti come Fabrizio agli 815 punti come Valentina. Come termine di paragone, nelle tabelle dei punteggi Fidal una donna ottiene 476 punti con un tempo di 1:08”31 (qui sì 12 secondi in più dei 56”).

I record rubati di Petrillo: “Ma vincevo anche da uomo”. È vero? Ecco i fact-checking
Da Fabrizio a Valentina la prestazione rallenta di circa 2 secondi, tuttavia la prestazione di "Valentina" nella categoria femminile è valutata più punti (fonte: Fidal).

Dal confronto tra record maschili e femminili sulla distanza (Assoluti, Master45, T12/13) si ottiene una differenza media tra sessi del 14,7% (intervallo 10,6%-18,3%). Petrillo nel passaggio ha registrato vantaggi in tutti i confronti analizzati (vedere l’anomala inclinazione del segmento nel grafico che lo porta all’interno della “bolla” dei record), vantaggi compresi tra gli 8,7 e i 13,8 punti percentuali, con una media di 11,6 punti percentuali. (Con punti percentuali si intende la differenza tra percentuali, ad esempio da +10% a -5% si ottiene un vantaggio di 15 punti percentuali.)

I record rubati di Petrillo: “Ma vincevo anche da uomo”. È vero? Ecco i fact-checking
Grafico - Confronto tra record maschili e femminili nei 400m, mondiali, italiani, master e paralimpici T12/13 e primati personali di Petrillo “pre-transizione” e “post-transizione”

Sulla base dei tempi analizzati il vantaggio fisico pare essere conservato in larga parte e non possiamo escludere che parte del rallentamento dei tempi sia dovuto al fattore età (dai 44 ai 48 anni).

Riguardo i titoli nazionali ottenuti “pre-transizione” l’informazione è corretta, ci sono una decina di titoli ottenuti sia in campionati outdoor che indoor tra il 2016 e il 2018, sui 100, 200 e 400 metri, tuttavia risultano solo in ambito paralimpico Fispes (T12) a differenza di quanto avvenuto dopo con titoli nazionali master Fidal, quindi contro atlete della stessa età e normodotate (titoli master: Arezzo 2020, Rieti 2021, Ancona indoor 2022, ecc).

Quando Petrillo afferma di detenere ora 5 record italiani su 6 nelle corse veloci T13 (200m-400m, indoor e outdoor, 60m indoor) dice il vero ma questo è un ulteriore elemento a sostegno del vantaggio iniquo acquisito perché non risultano record “pre-transizione” tra gli uomini.

Come ulteriore elemento di confronto Fabrizio Petrillo con 56”67 aveva un tempo più lento di oltre 6 secondi rispetto all’ultimo classificato nella finale 400m T13 di Rio 2016 (vedere qui), ora come Valentina il suo 58”57 fatto registrare a Imola il 23 giugno potrebbe essere sufficiente per accedere alla finale di Parigi 2024 quando avrà 50 anni (a Tokyo 2020 il tempo di accesso alla finale è stato 58”48, l’età media delle otto finaliste era 24 anni, vedere qui).

Questo passaggio da atleta non di rilievo a potenziale partecipante alle Olimpiadi ricorda per vari aspetti la vicenda di Will/Lia Thomas, con un rallentamento del 2,6% sulle 200 yard stile libero è passato dal 462° posto nelle classifiche maschili al 1° in quelle femminili (i tempi maschili e femminili qui hanno un differenziale circa del 12%, vedere qui). Grazie alle nuove regole della FINA, Federazione internazionale di nuoto, Thomas non è più idoneo nelle gare femminili in quanto non sono più permessi passaggi di categoria dopo la pubertà/12 anni di età, riportando così saggiamente il criterio sul sesso biologico e non sull’identità di genere percepita.

«MA NON VINCONO SEMPRE»

A chi difende lo sport femminile viene contrapposto chi assicura che la competizione è regolare perché non sempre gli atleti che si identificano come transgender vincono nelle competizioni femminili. Questo argomento è fuorviante e facile da smontare: ad esempio partire prima del via dato dallo starter o fare uso di sostanze dopanti non garantisce la vittoria ma è comunque vietato perché rappresenta un vantaggio iniquo. Vi è poi anche il rischio -difficilmente dimostrabile, ma reale- che l’atleta che volesse occultare il vantaggio acquisito dal passaggio di categoria potrebbe prodursi in performance inferiori a quelle reali.

Se si costruiscono le regole sul presupposto non scientifico di assenza di vantaggio il rischio è quello di scivolare verso due categorie, una dominata dagli atleti (maschi) più forti, l’altra che vedrebbe contrapporsi atleti modesti contro le migliori atlete.

Accertato a più livelli che lo sport femminile deve rimanere solo femminile per equità, è possibile trovare una soluzione perché tutti possano praticare sport. Una strada percorribile, proposta da Linda Blade nel libro “Unsporting”, consiste nel prevedere due categorie: una solo femminile (XX) e una categoria maschile aperta, in cui possono gareggiare gli atleti uomini che si identificano come donne.

All’obiezione sollevata che i transgender sarebbero a disagio in una categoria che non sentono propria è opportuno ricordare che in vari casi atlete femmine che si dichiarano transgender partecipano nella categoria del loro sesso biologico senza che si riscontrino problemi (vedere qui).

Non è possibile ignorare più a lungo le evidenze scientifiche e fare finta di non vedere il vantaggio iniquo dell’ordine del 10% in uno sport in cui anche il singolo centesimo di secondo è importante. Bisogna garantire una categoria femminile sia per evitare di togliere credibilità ai valori sportivi e ancor di più per non privare le atlete di opportunità, vittorie e premi che spettano a loro e soltanto a loro.

Postilla ai lettori: Ogni segnalazione di imprecisione, dato assente o simili è apprezzata.

Marco Alciator


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
25 Luglio 2022
Campo aperto, liste chiuse
L'occhio di tigre non vuole vedere che tu puoi riassemblare e ricombinare lo schieramento quanto vuoi, ma se le facce e i nomi restano gli stessi sei molto poco credibile. E se l'unico obiettivo riconoscibile dal più dell'elettorato è sbarrare la strada all'avversaria politica -per una volta una donna, il che rende tutto ancora più surreale- le probabilità di successo non sono molte
Lavori in corso per la costruzione del grande rassemblement o campo aperto (quello largo è stato dismesso). La discussione è solo tra uomini (con la parziale eccezione di Emma Bonino) e il cemento che tiene insieme il progetto di coalizione è "fermare Meloni": di programmi politici si discute poco, e che cosa possano avere in comune Calenda, Fratoianni e Di Maio è tutto da capire. Osservatori e sociologi della politica si sgolano a far notare che costruire un progetto "contro" […]
Leggi ora
20 Luglio 2022
Dove sta andando la Casa delle Donne di Roma?
"La Casa siamo tutte" recita il bello slogan dello storico enclave di Trastevere. Ma in quello spazio, che è pubblico e dovrebbe essere aperto, l'agibilità è solo transfemminista. E dopo il sostegno acritico al ddl Zan -per fermare i femminicidi!-, il sì all'utero in affitto e al "sex work", ora anche l'inno agli ultracorpi maschili negli sport femminili: forse è il momento che si apra una riflessione
La Casa Internazionale delle Donne di Roma condivide la proposta dell'università della Pennsylvania di nominare Lia Thomas "atleta donna dell'anno". Lia Thomas, di cui abbiamo parlato più volte qui, è la celebre nuotatore che ha sbaragliato più volte le avversarie gareggiando nelle categorie femminili, ma che ha avuto quanto meno il merito di far finalmente esplodere la questione degli ultracorpi maschili negli sport delle donne. Il post condiviso dalla Casa Internazionale delle Donne, un piccolo confusionario trattato di femminismo Intersezionale, […]
Leggi ora
5 Luglio 2022
Il "regalo" del sindaco Beppe Sala al Pride
D'ora in poi a Milano verranno registrati in automatico gli atti di nascita dei figli di "coppie omogenitoriali", compresi quelli nati da utero in affitto. Anche se la legge e successive sentenze condannano fermamente la pratica e indicano la strada dell'adozione per il genitore "intenzionale". Ma l'anagrafe è di competenza dello Stato, e non delle amministrazioni locali. E i milanesi non sono mai stati interpellati a riguardo: tutte le criticità di una decisione unilaterale e molto glam che potrebbe presentare anche profili di incostituzionalità
“Abbiamo riavviato il riconoscimento dei figli nati in Italia da coppie omogenitoriali”: le parole con cui il sindaco Beppe Sala ha annunciato il suo personale “regalo” al Pride hanno inizialmente ingenerato qualche confusione. Infatti i figli nati “in Italia” per iniziativa -e giocoforza non “da”- coppie omogenitoriali sono solo i figli di donne unite con altre donne. I figli delle coppie di uomini nascono in Canada, in California o in altre nazioni mete di turismo procreativo, ma in Italia no […]
Leggi ora
29 Giugno 2022
Finiscono le scuole, ricominciano i prelievi coatti dei bambini
Nonostante una recente sentenza della Cassazione abbia definito "fuori dallo stato di diritto" il prelievo coatto dei minori, questa mattina in provincia di Lodi un bambino di 11 anni è stato strappato a sua madre, trattenuta con la forza e con l'inganno mentre il figlio veniva prelevato. Ecco come sono andati i fatti nel racconto di una testimone
Questa mattina in provincia di Lodi, a Casalmaiocco, un bambino di 11 anni, Gioele, è stato strappato con la forza ed allontanato in modo improvviso e traumatico dalla madre con cui viveva. Ecco i fatti come vengono raccontati da un'attivista di MaternaMente presente in quel momento: "Deborah e suo figlio erano stati convocati per un incontro dai servizi sociali stamattina. L'incontro si è  svolto online e i ss hanno usato toni rassicuranti. La mamma si è poi recata in comune per […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ciao ciao "Lia": stop mondiale ai nuotatori trans nelle gare femminili
Nonostante lo scandaloso e opportunistico silenzio dei media sportivi, La Federazione Mondiale del Nuoto chiude ai corpi maschili nelle gare femminili (qualcosa del genere è stato deciso anche per il ciclismo). Presto, si spera, arriveranno tutte le altre categorie. I casi "Lia" Thomas, trans ruba-trofei, non si ripeteranno più. Onore alle atlete che hanno combattuto contro questa colossale ingiustizia. E a tutte noi che resistiamo da anni alla violenza misogina della gender ideology
Lottare serve: un pezzo dopo l'altro il muro della trans-ideologia sta crollando. E mentre i democratici americani -parola di Hillary Clinton- prendono clamorosamente le distanze dal transattivismo perché si rendono conto che su questi temi rischiano di giocarsi la presidenza degli Stati Uniti, la Fina (Fédération Internationale de Natation), organo di governo mondiale del nuoto, ha votato a favore di nuove regole secondo le quali gli atleti transgender non potranno gareggiare nelle competizioni d'élite femminili se hanno attraversato una qualsiasi parte del […]
Leggi ora
11 Giugno 2022
Una lettera al direttore di Repubblica. Per spiegargli che cos'è una donna
Si moltiplicano le reazioni di lettrici -e anche lettori - all'inaccettabile testo di Michela Marzano secondo la quale chiunque è titolato a dirsi donna, e se una donna ha qualcosa da obiettare è una TERF. Qui la lettera aperta di Alessia Teani a Maurizio Molinari
Gentilissimo Direttore Maurizio Molinari mi permetto di scriverle direttamente perché Lei si è permesso di darmi della TERF dalle pagine del suo giornale. L'ha detto a me, a mia madre, alle mie nonne buonanima. Lei ha dato della TERF alle mie nipoti, alle mie alunne, alle mie amiche. Lei, signor Molinari, sta dando della TERF  a tutte le donne che entrando nello spogliatoio femminile non si aspettano di vedere un uomo nudo, con tutta l'arroganza che il Suo beneplacito gli […]
Leggi ora