I PENTITI DEL PORNO

Giovani uomini sempre più consapevoli dei danni della pornografia: dipendenza, disfunzioni erettili, difficoltà nelle relazioni reali. Dopo l’impennata di consumi durante il Lockdown, in UK boom di servizi per smettere: dalla psicoterapia alle app che bloccano i contenuti sessuali. Ma la dipendenza comincia da giovanissimi
Condividi questo articolo

Uomini che dicono basta al porno: nascono app e psicoterapie per aiutarli

Giovani uomini sempre più consapevoli dei danni della pornografia. Dopo l’impennata di consumo di porno durante il Lockdown, in UK boom di servizi per smettere: dalla psicoterapia alle app che bloccano i contenuti sessuali. Ma la dipendenza comincia da giovanissimi

Durante il Lockdown il consumo di pornografia ha avuto un’impennata: nel marzo 2020 il sito Pornhub, per esempio, ha registrato un’improvvisa crescita del traffico di oltre il 20%. In quel periodo un maggiore numero di uomini ha sviluppato una dipendenza dalla pornografia, e ne ha sperimentato sulla propria pelle le conseguenze: depressione, disfunzione erettile e problemi nelle relazioni.

Gli uomini allora si sono ritrovati a dover dare ragione alle femministe: il porno fa male. E dal momento che in questo caso fa male a loro stessi, sono corsi velocemente ai ripari. Dopo la prima estate di pandemia, è nata così una piccola “industria casalinga” che offre prodotti tecnologici e terapie a questi uomini che vogliono liberarsi dal porno.

Gran parte dei nuovi prodotti tecnologici contro la pornografia sono creati da uomini per uomini. Si tratta soprattutto di software o app che bloccano i siti pornografici e i contenuti sessuali sui social media e sul web, come la app Remojo di Jack Jenkins, intervistato dal Guardian. Il giovane imprenditore britannico racconta di aver deciso di smettere di guardare porno come parte di un percorso di meditazione buddhista, e di essersi accorto che c’erano molti altri uomini che ne sentivano il bisogno, tanto da rappresentare una nicchia di mercato.

La app, che blocca il porno e offre come alternativa “contenuti per la meditazione e la crescita personale”, intercetta anche quegli uomini che per imbarazzo non si rivolgono ai tradizionali servizi di supporto per la dipendenza o la salute mentale. Jenkins racconta che più di 1200 uomini al giorno scaricano la sua app, anche dall’estero, in particolare da Stati Uniti, Brasile e India, e una parte di loro sono motivati dall’essere recentemente diventati padri. L’imprenditore sostiene di non ispirarsi ad alcuna morale, di non essere necessariamente anti-pornografia o anti-masturbazione: “Il fatto è che se gli uomini pensano a come sono al loro meglio, di solito è quando sono senza porno”.

Il Guardian intervista anche la psicoterapeuta Paula Hall, specializzata in dipendenza da sesso e da pornografia, il cui studio ha visto un aumento di oltre il 30% delle richieste nell’anno successivo all’inizio della pandemia e ha assunto cinque nuovi terapisti. La dott.ssa Hall segue l’approccio tradizionale che considera la dipendenza da pornografia come “un sintomo, un meccanismo di coping, un anestetico”. Il lavoro dello psicoterapeuta sarebbe dunque di individuare e di “parlare della causa principale del problema e poi ricostruire un rapporto sano con il sesso”.

La dipendenza da pornografia è considerata un “comportamento sessuale compulsivo”, e in quanto tale nel 2018 è stata classificata come disturbo della salute mentale dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Alcuni studi che hanno esaminato gli effetti della pornografia sul cervello sembrano confermare che ha le caratteristiche delle dipendenze (vedere qui). Altri studi invece hanno evidenziato che il cervello dei consumatori regolari di pornografia ha un sistema di ricompensa più piccolo, da cui consegue bisogno di materiale sempre più estremo per eccitarsi (vedere qui).

Il problema di fondo che emerge dalle interviste del Guardian ai professionisti della cura dalla pornografia e ai loro pazienti-clienti è che questa loro presunta dipendenza è cominciata quando erano bambini, ha disturbato la loro crescita e le loro relazioni con le donne, e sono passati molti anni prima che si decidessero ad affrontare il problema.

“Penso spesso che se ci fosse stato un filtro su internet quando avevo 13 anni, ora sarei sposato con figli e non avrei questa conversazione” dice per esempio James, un paziente della dott.ssa Hall, che a sua volta dichiara: “Dobbiamo rassegnarci al fatto che un ragazzo determinato troverà sempre un modo per battere il sistema, ed è per questo che dobbiamo anche educare.” Anche Jenkins, l’imprenditore della app per bloccare la pornografia, afferma: “Non possiamo dare ai bambini la responsabilità per avere interagito con questi contenuti. È vergognoso che accettiamo la situazione così com'è”.

Chi a vario titolo rimane coinvolto nel problema della pornografia sembra invariabilmente convincersi della necessità di regolamentare l’industria, almeno per bloccarne l’accesso troppo facile ai bambini. Nel 2019 il governo britannico aveva elaborato una proposta per costringere i siti pornografici a introdurre la verifica dell'età sono, il progetto però è fallito per le pressioni dell’industria pornografica in nome della “tutela della privacy” (vedere qui). Il Regno Unito spera ancora di introdurre una qualche forma di regolamentazione. Nel frattempo, spetta ai genitori abilitare i filtri su telefonini e computer, e sperare che i loro figli non accedano alla pornografia altrove.

Maria Celeste

Articolo integrale qui



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora
3 Agosto 2022
Operaia sì. Ministra no. Donna nemmeno
Se c’è una cosa su cui i politici italiani sono tutti d’accordo è la cancellazione delle donne, a partire dal linguaggio. Mentre la sinistra "progressista" ci cancella con asterischi e schwa -lingua finto-inclusiva che riporta tutto al maschile- la destra rifiuta di usare il femminile per le donne di autorità nelle istituzioni. Ma la parole sono importanti perché fanno realtà
Incredibilmente -e con voto segreto, scelleratamente concesso dalla presidente Casellati- qualche giorno fa il Senato ha respinto l'emendamento Maiorino che autorizzava a chiamare le donne delle istituzioni con il loro nome. Questione che ha una profonda rilevanza politica. Sono molti i poeti che nel corso dei secoli si sono avvalsi di licenze poetiche, ovvero intenzionali errori grammaticali, metrici e sintattici con l'intenzione di sottolineare un concetto o alterare la sonorità del componimento. Il 27 luglio 2022 a palazzo Madama è […]
Leggi ora
28 Luglio 2022
I record rubati di Petrillo: “Ma vincevo anche da uomo”. È vero? Ecco i fact-checking
Mentre il Comitato Olimpico annuncia un cambio di rotta nelle linee guida sulla partecipazione di corpi maschili negli sport femminili, Valentina nata Fabrizio Petrillo ambisce a partecipare ai Giochi Paralimpici nella categoria femminile. A chi l’accusa di voler vincere facile risponde che vinceva anche prima della transizione. Ma non è così: ecco un’analisi dei tempi di Petrillo e di come sono valutati rispettivamente nella categoria maschile e in quella femminile
Dopo le federazioni internazionali del nuoto, del ciclismo e di altri sport, anche il Comitato Olimpico fa marcia indietro sullo sport “inclusivo” dei corpi maschili negli sport femminili. Francesco Ricci Bitti alla guida dell’ASOIF, l’associazione che riunisce le federazioni internazionali degli sport olimpici estivi, ha annunciato in una recente conferenza il bisogno di rivedere le attuali regole sulla partecipazione degli atleti transgender, soprattutto MtF, uomini che “si identificano come donne”. Francesco Ricci Bitti ha detto: “Secondo l’approccio dei diritti umani […]
Leggi ora
25 Luglio 2022
Campo aperto, liste chiuse
L'occhio di tigre non vuole vedere che tu puoi riassemblare e ricombinare lo schieramento quanto vuoi, ma se le facce e i nomi restano gli stessi sei molto poco credibile. E se l'unico obiettivo riconoscibile dal più dell'elettorato è sbarrare la strada all'avversaria politica -per una volta una donna, il che rende tutto ancora più surreale- le probabilità di successo non sono molte
Lavori in corso per la costruzione del grande rassemblement o campo aperto (quello largo è stato dismesso). La discussione è solo tra uomini (con la parziale eccezione di Emma Bonino) e il cemento che tiene insieme il progetto di coalizione è "fermare Meloni": di programmi politici si discute poco, e che cosa possano avere in comune Calenda, Fratoianni e Di Maio è tutto da capire. Osservatori e sociologi della politica si sgolano a far notare che costruire un progetto "contro" […]
Leggi ora
20 Luglio 2022
Dove sta andando la Casa delle Donne di Roma?
"La Casa siamo tutte" recita il bello slogan dello storico enclave di Trastevere. Ma in quello spazio, che è pubblico e dovrebbe essere aperto, l'agibilità è solo transfemminista. E dopo il sostegno acritico al ddl Zan -per fermare i femminicidi!-, il sì all'utero in affitto e al "sex work", ora anche l'inno agli ultracorpi maschili negli sport femminili: forse è il momento che si apra una riflessione
La Casa Internazionale delle Donne di Roma condivide la proposta dell'università della Pennsylvania di nominare Lia Thomas "atleta donna dell'anno". Lia Thomas, di cui abbiamo parlato più volte qui, è la celebre nuotatore che ha sbaragliato più volte le avversarie gareggiando nelle categorie femminili, ma che ha avuto quanto meno il merito di far finalmente esplodere la questione degli ultracorpi maschili negli sport delle donne. Il post condiviso dalla Casa Internazionale delle Donne, un piccolo confusionario trattato di femminismo Intersezionale, […]
Leggi ora
5 Luglio 2022
Il "regalo" del sindaco Beppe Sala al Pride
D'ora in poi a Milano verranno registrati in automatico gli atti di nascita dei figli di "coppie omogenitoriali", compresi quelli nati da utero in affitto. Anche se la legge e successive sentenze condannano fermamente la pratica e indicano la strada dell'adozione per il genitore "intenzionale". Ma l'anagrafe è di competenza dello Stato, e non delle amministrazioni locali. E i milanesi non sono mai stati interpellati a riguardo: tutte le criticità di una decisione unilaterale e molto glam che potrebbe presentare anche profili di incostituzionalità
“Abbiamo riavviato il riconoscimento dei figli nati in Italia da coppie omogenitoriali”: le parole con cui il sindaco Beppe Sala ha annunciato il suo personale “regalo” al Pride hanno inizialmente ingenerato qualche confusione. Infatti i figli nati “in Italia” per iniziativa -e giocoforza non “da”- coppie omogenitoriali sono solo i figli di donne unite con altre donne. I figli delle coppie di uomini nascono in Canada, in California o in altre nazioni mete di turismo procreativo, ma in Italia no […]
Leggi ora