Finiscono le scuole, ricominciano i prelievi coatti dei bambini

Nonostante una recente sentenza della Cassazione abbia definito "fuori dallo stato di diritto" il prelievo coatto dei minori, questa mattina in provincia di Lodi un bambino di 11 anni è stato strappato a sua madre, trattenuta con la forza e con l'inganno mentre il figlio veniva prelevato. Ecco come sono andati i fatti nel racconto di una testimone
Condividi questo articolo

Questa mattina in provincia di Lodi, a Casalmaiocco, un bambino di 11 anni, Gioele, è stato strappato con la forza ed allontanato in modo improvviso e traumatico dalla madre con cui viveva.

Ecco i fatti come vengono raccontati da un'attivista di MaternaMente presente in quel momento:

"Deborah e suo figlio erano stati convocati per un incontro dai servizi sociali stamattina. L'incontro si è  svolto online e i ss hanno usato toni rassicuranti. La mamma si è poi recata in comune per restituire le chiavi della casa popolare occupata dalla sua mamma, da poco deceduta, sollecitata  dal sindaco a fare la restituzione in giornata. Una volta entrata è stata trattenuta con violenza da undici persone in una stanza. Il bambino era in piazza nelle vicinanze del comune, con una attivista di MaternaMente socia anche di MovimentiAMOci Vicenza. Improvvisamente è stata avvicinata da un uomo, ha cercato di portare via il bambino e successivamente  di impedire il prelievo. È  stata trattenuta mani e piedi da cinque persone e il bambino è stato portato via urlante. Le è  stato impedito successivamente di riprendere e filmare dal controllo costante delle forze di polizia. Un'ambulanza è  stata posizionata davanti al Comune per far credere che il piccolo fosse ancora dentro. In realtà una testimone oculare ha poi riferito di aver visto una macchina dei servizi sociali uscire dal retro del Comune prima ancora dell'arrivo dell'ambulanza. La nostra attivista sporgerà denuncia per la violenza  e brutalità del prelevamento".

Finiscono le scuole, ricominciano i prelievi coatti dei bambini
I lividi e le escoriazioni sulle braccia di Deborah, trattenuta a forza da 11 persone

Qui il racconto di Deborah in una diretta Facebook.

Qui il momento drammatico in cui Deborah viene letteralmente sequestrata: come potete vedere, Deborah è perfettamente lucida e in se stessa, nonostante la violenza ingiustificabile che sta subendo.

Tutto questo quando una recente sentenza della Cassazione, relativa al caso di Laura Massaro, abbia escluso che i bambini possano essere prelevati con la forza, definendo questi prelievi fuori dallo stato di diritto.

Da anni gruppi di madri e di donne in tutta Italia protestano vigorosamente contro la violenza istituzionale. Donne che hanno figlie e figli da ex-mariti ed ex-compagni violenti che sono costrette di fatto dalla legge sull’affido condiviso (legge 54/2006) a condividere la genitorialita con l’ex-partner, pena la decadenza della responsabilità genitoriale o l’allontanamento - spesso definitivo - dai figli.

Non si sono registrati ad oggi casi inversi, in cui un figlio collocato dal padre sia stato in seguito costretto, con intervento della polizia, a riavvicinarsi alla madre per garantire la legge 54/2006. Madri e padri, donne e uomini, anche in queste situazioni, si comportano in modo differenti. Eppure ci si ostina, a destra e a sinistra, a proclamare una falsa parità che porta a risultati grotteschi e disumani come gli allontanamenti di figli minori da madri protettive che hanno denunciato la violenza coniugale.

La scorsa estate si sono verificati altri gravi casi in seguito ai quali con altre associazioni di donne abbiamo scritto alla Ministra dell’Interno Lamorgese per mettere fine alla pratica dei prelievi coatti, contraria a ogni norma di salute pubblica.

La Commissione Femminicidio del Senato ha analizzato decine di fascicoli che documentavano la grave forma di vittimizzazione secondaria subita da donne e madri già spesso provate da pregresse situazioni di violenza domestica, stalking giudiziario e pregiudizi misogini della società.

Nonostante questo con la chiusura dell’anno scolastico il figlio di Casalmaiocco questa mattina e’ stato allontanato in modo traumatico ed improvviso dalla madre. Solo gravi rischi e maltrattamenti potrebbero forse giustificare questi interventi da parte delle forze dell’ordine. Eppure alla logica della protezione dei minori viene contrapposta l’errata interpretazione del principio di bigenitorialita insito nella legge 54/2006 - che impone una parità sulla carta anche in situazioni complesse o di pregressa violenza e fa si che troppo spesso, nel nostro Paese come in tutto il mondo occidentale, una madre sia ritenuta inadeguata se non riesce a garantire il rapporto col padre, anche quando questi si sia dimostrato violento, abusante o gravemente inadeguato.

Così, attraverso un uso improprio della giustizia e delle istituzioni, la forza del patriarcato si fa valere senza che la vittima riesca ad alzare alla pari la propria voce, indebolita e ritenuta inaffidabile. 

Veronica Tamborini

A seguire il testo da inviare via mail al sindaco di Casalmaiocco

sindaco@comune.casalmaiocco.lo.it

Alla c.a. di: preg.mo Dott. Marco Vighi Sindaco di Casalmaiocco

E p.c.: preg.mi Consiglieri Comunali del Comune di Casalamaiocco

OGGETTO: SOTTRAZIONE DI UN MINORE RESIDENTE A CASALMAIOCCO ( LO ) CON L’USO DELLA FORZA E DELL’INGANNO E CONSEGUENZE PER LA SALUTE PSICO-FISICA DEL BAMBINO NONCHE’ DELLA MADRE DELLO STESSO.

Gentile Sindaco, 

Come donne e cittadine, ci sgomenta che Lei Sindaco, massima autorità deputata alla tutela della Salute sul suo territorio, si sia reso partecipe attraverso una “furbesca messa in scena” ( telefonata per chiedere di portarle le chiavi della casa comunale, affidata alla madre della signora Deborah D., deceduta pochi giorni fa, per altro ) al fine di attirare fuori casa la signora Deborah stessa a che venisse presa alla sprovvista, e venisse compiuto l’infame gesto autoritario e autorizzato del prelievo forzato di suo figlio. In presenza di testimoni.

Sottrazione che fra l’altro, che va contro l’Ordinanza della Cassazione n. 9691/2022 e viola la legge n. 77/2013 ( Convenzione di Istambul ).

ll Sindaco, a norma DLg 299/99, è il responsabile della condizione di salute della popolazione del suo territorio

in termini di esercizio di funzioni di controllo sull’operato delle Asl territoriali; l’art. 6 del D.L. 92/2008,

modificando l’art. 54 del D. Lgs 267/2000 (TUEL - Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli Enti Locali)

ha inoltre ampliato le attribuzioni del sindaco nelle funzioni di competenza statale in relazione alla garanzia

della pubblica sicurezza. ll Decreto del Ministro dell’Interno 5 agosto 2008, ha disciplinato infine i compiti del

sindaco ed i suoi poteri di intervento, quale ufficiale del governo, in materia di sicurezza e incolumità

pubblica. Secondo il Decreto, ai fini di cui all’art. 54 del TUEL, per incolumità pubblica si intende anche

l’integrità fisica della popolazione residente sul territorio comunale.

Tali responsabilità permangono, pur nella delega operata nei confronti dell’Amministrazione Provinciale sulla

gestione dei Servizi Sociali e delle correlate operatività, e vengono anche in parte condivise con l’intero Consiglio Comunale.

L’amministrazione pubblica è al servizio della persona, del cittadino, della famiglia e della comunità;

promuove la solidarietà sociale e la coesione, tutelando i diritti fondamentali della persona quali individuati

dalla Costituzione Italiana, dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea e dalla dichiarazione

Universale dei Diritti dell’uomo. 

In virtù dei poteri e dei doveri assegnategli dalla Legge ed in ossequio alla legislazione internazionale, La esortiamo pertanto ad assumere una considerazione ampia e rigorosa del concetto di pubblica salute e sicurezza: strappare un bambino trascinandolo con la forza e contro la sua espressa volontà alla propria madre, provocandogli angoscia ed estrema sofferenza, è un’azione che mina l’integrità psicofisica del minore e ne mette oggettivamente a rischio la salute.

Non ci può essere alcun valido motivo, in assenza di comportamenti oggettivamente minanti i diritti, la salute e la sicurezza del minore, di allontanarlo dal proprio nucleo famigliare, dai propri legami fondamentali, dalla madre che lo ha messo al mondo amato e protetto.

Nessuna protesta o tardivo cambio legislativo potrà sanare il danno inferto a queste figli e figli e a queste donne. Lo Stato dimostra di non sapere aiutare madri sole impegnate nello sforzo di una vita protetta e al riparo da violenza. I discorsi di questi mesi sulla denatalità risultano estranei e del tutto dissonanti rispetto alla continua denigrazione della funzione materna. 

Recuperare la connessione con la propria umanità, fragilità e con la verità delle nostre vite a partire dalla nascita e dalla cura può essere il primo passo anche per mettere fine a queste violenze.

-----


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
26 Novembre 2022
Riforma del Reddito di Cittadinanza: si tenga conto della differenza sessuale
La situazione occupazionale e i livelli retributivi delle donne -con forte variabilità regionale- sono molto diversi tra donne e uomini. Così è stato anche per il reddito, che ha avuto effetti positivi anche sulla natalità. Ecco perché il cambiamento dell'istituto richiede un'attenta valutazione del cosiddetto "impatto di genere": una riforma "uguale" potrebbe avere effetti diseguali in base al sesso
Ormai a 360°, sia pure con impostazioni e soluzioni diverse, si riconosce la necessità di una riforma del reddito di cittadinanza. Il governo Meloni ha presentato il suo piano in progress. Ma la considerazione di quello che viene definito "impatto di genere" -cioè la valutazione degli effetti della riforma sulle donne- appare ancora insufficiente, generalmente sottovalutato dalle analisi. In una situazione sociale e in un mercato del lavoro come quello italiano che vede le donne fortemente svantaggiate tanto nei livelli […]
Leggi ora
21 Novembre 2022
I "clienti" di prostituzione sanno benissimo di commettere una violenza
Una ricerca sui compratori di sesso dimostra che gli uomini sono perfettamente consapevoli del fatto che la prostituzione è violenza, che le organizzazioni criminali tengono le donne nel terrore e che non c'è "regolamentazione" che tenga. Ma si fermano solo se rischiano una condanna penale, come accade in Svezia, Norvegia, Canada, Francia, Irlanda, Israele e in altri paesi che hanno introdotto il modello abolizionista. Diversamente continuano a considerare lo stupro a pagamento come un loro diritto
di Julie Bindel La Germania è conosciuta come il bordello d’Europa. È un titolo conquistato faticosamente. Con più di 3.000 bordelli in tutto il Paese, e 500 solo a Berlino, il suo commercio sessuale vale più di 11 miliardi di sterline all’anno. La prostituzione, in tutte le sue forme, è legale in Germania, sin dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Recentemente, però, l’atteggiamento sta cambiando. La gente e i politici chiedono al governo di prendere atto del cosiddetto “stato pappone” e […]
Leggi ora
29 Ottobre 2022
Il nome della premier
Giorgia Meloni non è femminista. La sua storia non è questa. Non ha condiviso le lunghe battaglie sulla lingua, sulla declinazione al femminile anziché al neutro-maschile. Ma il linguaggio oggi è un campo di battaglia che struttura le più importanti questioni politiche. E merita da parte sua un supplemento di riflessione
Giorgia Meloni non è femminista. Non è questa la sua storia. Nessuna donna di destra o centrodestra che abbia assunto importanti incarichi politici, da Thatcher a Merkel, si è mai detta femminista. Ne consegue la non-sensibilità alla declinazione femminile del proprio incarico, a cui il femminismo invece dà importanza. Anche se Angela Merkel alla fine del suo lungo cancellierato, nel corso di un incontro con la scrittrice Chimamanda Ngozi Adichie, ha accettato di dirsi femminista. Secondo Alice Schwarzer, fondatrice della […]
Leggi ora
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora
21 Ottobre 2022
Donne-contenitori: prolife e pro-utero in affitto la vedono allo stesso modo
Per gli uni e per gli altri il corpo femminile deve mettersi a disposizione per "produrre" il nascituro rinunciando alla possibilità di scelta una volta che la gravidanza è avviata. Ma una nuova vita inizia davvero solo quando c'è il sì materno: fatto inaggirabile e irraggiungibile dal diritto. Diversamente l'unica possibilità è la coazione
Sul ddl depositato da Maurizio Gasparri per modificare l’articolo 1 del Codice civile e introdurre nel nostro ordinamento il riconoscimento della capacità giuridica al concepito "con l’intento di prevenire l’aborto volontario, in qualsiasi forma, legale o clandestino che sia” si possono dire almeno tre cose. La prima: è altamente improbabile che il ddl arrivi nelle aule parlamentari. L'immediata conseguenza della sua approvazione sarebbe la sostanziale inapplicabilità della legge 194 perché l'aborto equivarrebbe di fatto a un omicidio. Nessuna delle forze di maggioranza […]
Leggi ora
16 Ottobre 2022
Il simbolico è politico
Il no di Giorgia Meloni ai desiderata di Silvio Berlusconi è stato definito una nemesi: una giovane donna che affonda il vecchio leader -"drago divoratore di vergini" lo ha definito l'ex-moglie- e non si fa intimorire da amici e nemici. Un imprevisto nella nostra politica misogina. Anche se la futura premier non si è mai definita femminista
Supponente, prepotente, arrogante e offensiva. E lei che a breve giro risponde di non essere ricattabile. Insomma, parafrasando un altro celebre scambio di battute, "non a disposizione". I maggiori quotidiani hanno già parlato di nemesi. Il Cavaliere messo sotto da una donna molto più giovane di lui, Giorgia Meloni, che a 45 anni potrebbe essere la prima a guidare un governo in Italia: i conti duri con il padre, del resto, fanno parte della sua biografia. Sul fronte opposto, il […]
Leggi ora