Femministe contro Regione Campania che intende finanziare progetti contro la discriminazione in base all'"identità di genere"

Uscita dalla porta del legislatore con la caduta del ddl Zan, l'"identità di genere" prova a rientrare attraverso molte finestre. Dopo il blitz nella legge sulle Infrastrutture, ora si tenta anche in Campania. Ma il femminismo gender critical risponde. E chiede un'interlocuzione
Condividi questo articolo

Con il decreto della  Direzione Generale per le politiche sociali e socio-sanitarie n. 349 del 12/11/2021, pubblicato sul Burc 108 del 15.11.202, la Regione Campania intende finanziare i progetti  di contrasto alla violenza esclusivamente a favore di " vittime di violenza determinata dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere".

Non abbiamo nulla contro il sostegno di categorie fragili oppure oggetto di discriminazione. Anzi ci aspettiamo la stessa intenzione verso donne e  bambini, precisando che la violenza sulle donne non può essere iscritta in un repertorio che richiama discriminazioni lgbtq+.

Contestiamo però l'uso della definizione "identità di genere" che non è una definizione normata dalla legislazione italiana.

Che cosa è l'identità di genere? Chi saranno i beneficiari di queste risorse regionali? In base a quali criteri saranno distribuite?

Appena il giorno  27 ottobre 2021  il Parlamento italiano ha bocciato il ddl Zan e con esso la definizione di identità di genere. La Regione Campania vuole aprire un conflitto giurisdizionale con l'organo legislativo?

Si corregga il bando e non si faccia entrare dalla finestra  ciò su cui il Parlamento italiano ha già deciso.

Firmano:

Arcidonna Napoli Onlus

Protocollo Napoli Università Federico II

RadFem Italia

UDI Nazionale

Associazione Salute Donna

Associazione Terra di Lei

Associazione Luna Rossa

Associazione  Freedomina

Associazione femminista Blu Bramante

Associazione le Cassandre

Gabriella Ferrari Bravo presidente Psy - Com

Associazione Donne Insieme

APS Psicologi in Contatto onlus

Associazione Erinna di Viterbo

Marina Terragni

UDI Napoli

SnoqSisters

Collettivo LunaRossa

Collettivo Donne InCuranti

Maria Esposito

Elvira Reale

Caterina Arcidiacono

Rossana Ciambelli

Tiziana Giangrande

Gina Sfera

Rosa di Matteo

Ester Ricciardelli

Eliana Bouchard

Stefania Cantatore

Maddalena Robustelli

Maria Elena Muffato

Laura Di Mascolo

Ada Ferri

Antonella Bozzaotra

Rosetta Cappelluccio

Marinella Rotondo

Luisa Festa

Gerardina Speranza

Daniela Dioguardi

Vittoria Fiorelli

Francesca Marone

Patricia Bianchi

Rossana Casalegno

Sara Rinaudo

Veronica Tamborini

Laura De Barbieri

Cristina Favati

Raffaella Molena

Monica Lanfranco

Marisa Russo - ARPEC

Maria Castiglioni

Rita Paltrinieri

Marisa Guarneri

Laura Minguzzi

Mara Accettura

Elena Coccia

Wilma Plevano

Maria Assunta Vecchi

Clara Pappalardo

Titti Marrone

Giovanna Borrello

Paola Villani UNISOB

Valentina de Giovanni

Anna Maria Raimondi

Clelia Pallotta

Annalisa Cerchia

Patrizia Cubeddu

Maria Lopa

Ida Orlando

Anna Ametrano

Susy Caso

Rosa Pezzella

Giovanna di Guida

Augusta Angelucci

Werusca Mandelli

Wanda Pane

Silvana Campese

Annamaria Carrese

Giulia De Meo

Samantha Pisciotta

Adriana Buffardi

Gianna Curti Clerch

Salvatore Rotondi

Silvia Marastoni

Aira Athina Carr

Samanta Lucenera

Lia Amato

Carla Rizzi

Paola Ferrara

Marilena Zirotti

Sandra Bonfiglioli

Lorenza Accorsi

Isabella Mele

Sara Coppola

Valeria Damiani

Tiziana Adele Nasali

Luciana Tavernini

Iolanda D'incecco

Lorenza Accorsi

Maria Fusco

Rita Podda

Rosangela Pesenti

Annamaria Visconti

Giovanna Scassellati

Rosa Papa

Simona Ricciardelli

Pina Mandolfo


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
13 Maggio 2022
Destra, sinistra, umano, transumano
Il tema dei "diritti" -dall'identità di genere all'utero in affitto- non è complementare o a latere, ma delinea l'orizzonte verso il quale ci si muove. Ma la prospettiva post-umana perseguita dai progressisti non è unica e ineluttabile. L'alternativa esiste: una civiltà a radice femminile
Ripresentando il ddl Zan, al Senato con scarsissime possibilità che passi -quando invece altre soluzioni, tipo il ddl Scalfarotto, avrebbero assicurato una legge contro l'omobitransfobia- il segretario PD Letta ha più volte sottolineato che il tema dei diritti è decisivo per il suo partito. Tema dei diritti che tuttavia è sempre posto come complementare, a latere di questioni ritenute ben più rilevanti: la guerra, certo, i temi economici ma anche semplicemente la legge elettorale. In verità il più della partita […]
Leggi ora
10 Maggio 2022
Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane
La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui). Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical. Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen […]
Leggi ora
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora
28 Aprile 2022
Caso Sargentini: l'assordante silenzio di Saviano
La giornalista femminista Monica Ricci Sargentini minacciata di sanzione -tre giorni di sospensione- dal Corriere della Sera per avere condiviso lo spirito di un'iniziativa di protesta contro un articolo pubblicato sull'allegato Sette in cui lo scrittore napoletano parlava di regolarizzare il "sex work" come lavoro ordinario. Sarebbe importante conoscere il suo punto di vista di difensore della libertà di opinione sulla vicenda. Ma al momento nessun segnale
Conosciamo Roberto Saviano come un difensore della libertà di opinione e di stampa. Così si è sempre presentato. Non soltanto per i rischi corsi personalmente, ma per avere in più occasioni difeso la libertà di pensiero con prese di posizioni pubbliche, spiegando che un giornalista deve “poter fare il proprio lavoro senza essere attaccato sul piano personale, senza un clima di minaccia” e lamentando che “qualsiasi voce critica sa di potersi aspettare ritorsioni”. In questi giorni Monica Ricci Sargentini, giornalista […]
Leggi ora