Femministe contro Regione Campania che intende finanziare progetti contro la discriminazione in base all'"identità di genere"

Uscita dalla porta del legislatore con la caduta del ddl Zan, l'"identità di genere" prova a rientrare attraverso molte finestre. Dopo il blitz nella legge sulle Infrastrutture, ora si tenta anche in Campania. Ma il femminismo gender critical risponde. E chiede un'interlocuzione
Condividi questo articolo

Con il decreto della  Direzione Generale per le politiche sociali e socio-sanitarie n. 349 del 12/11/2021, pubblicato sul Burc 108 del 15.11.202, la Regione Campania intende finanziare i progetti  di contrasto alla violenza esclusivamente a favore di " vittime di violenza determinata dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere".

Non abbiamo nulla contro il sostegno di categorie fragili oppure oggetto di discriminazione. Anzi ci aspettiamo la stessa intenzione verso donne e  bambini, precisando che la violenza sulle donne non può essere iscritta in un repertorio che richiama discriminazioni lgbtq+.

Contestiamo però l'uso della definizione "identità di genere" che non è una definizione normata dalla legislazione italiana.

Che cosa è l'identità di genere? Chi saranno i beneficiari di queste risorse regionali? In base a quali criteri saranno distribuite?

Appena il giorno  27 ottobre 2021  il Parlamento italiano ha bocciato il ddl Zan e con esso la definizione di identità di genere. La Regione Campania vuole aprire un conflitto giurisdizionale con l'organo legislativo?

Si corregga il bando e non si faccia entrare dalla finestra  ciò su cui il Parlamento italiano ha già deciso.

Firmano:

Arcidonna Napoli Onlus

Protocollo Napoli Università Federico II

RadFem Italia

UDI Nazionale

Associazione Salute Donna

Associazione Terra di Lei

Associazione Luna Rossa

Associazione  Freedomina

Associazione femminista Blu Bramante

Associazione le Cassandre

Gabriella Ferrari Bravo presidente Psy - Com

Associazione Donne Insieme

APS Psicologi in Contatto onlus

Associazione Erinna di Viterbo

Marina Terragni

UDI Napoli

SnoqSisters

Collettivo LunaRossa

Collettivo Donne InCuranti

Maria Esposito

Elvira Reale

Caterina Arcidiacono

Rossana Ciambelli

Tiziana Giangrande

Gina Sfera

Rosa di Matteo

Ester Ricciardelli

Eliana Bouchard

Stefania Cantatore

Maddalena Robustelli

Maria Elena Muffato

Laura Di Mascolo

Ada Ferri

Antonella Bozzaotra

Rosetta Cappelluccio

Marinella Rotondo

Luisa Festa

Gerardina Speranza

Daniela Dioguardi

Vittoria Fiorelli

Francesca Marone

Patricia Bianchi

Rossana Casalegno

Sara Rinaudo

Veronica Tamborini

Laura De Barbieri

Cristina Favati

Raffaella Molena

Monica Lanfranco

Marisa Russo - ARPEC

Maria Castiglioni

Rita Paltrinieri

Marisa Guarneri

Laura Minguzzi

Mara Accettura

Elena Coccia

Wilma Plevano

Maria Assunta Vecchi

Clara Pappalardo

Titti Marrone

Giovanna Borrello

Paola Villani UNISOB

Valentina de Giovanni

Anna Maria Raimondi

Clelia Pallotta

Annalisa Cerchia

Patrizia Cubeddu

Maria Lopa

Ida Orlando

Anna Ametrano

Susy Caso

Rosa Pezzella

Giovanna di Guida

Augusta Angelucci

Werusca Mandelli

Wanda Pane

Silvana Campese

Annamaria Carrese

Giulia De Meo

Samantha Pisciotta

Adriana Buffardi

Gianna Curti Clerch

Salvatore Rotondi

Silvia Marastoni

Aira Athina Carr

Samanta Lucenera

Lia Amato

Carla Rizzi

Paola Ferrara

Marilena Zirotti

Sandra Bonfiglioli

Lorenza Accorsi

Isabella Mele

Sara Coppola

Valeria Damiani

Tiziana Adele Nasali

Luciana Tavernini

Iolanda D'incecco

Lorenza Accorsi

Maria Fusco

Rita Podda

Rosangela Pesenti

Annamaria Visconti

Giovanna Scassellati

Rosa Papa

Simona Ricciardelli

Pina Mandolfo


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
21 Aprile 2024
Il gender è un campo di battaglia
Joe Biden in piena campagna elettorale sostituisce la parola sesso con identità di genere. Germania e Svezia approvano nuove leggi trans che consentono l’autoidentificazione (self-id): i genitori tedeschi potranno decidere di che sesso è la creatura neonata a prescindere dal fatto che abbia un pene o una vagina. Intanto dopo l’Inghilterra anche la Scozia proibisce I bloccanti della pubertà per i minori “non conformi”. E in Spagna a un anno dall’entrata in vigore della Ley Trans i “cambi di sesso” sono aumentati del 400 per cento. Perfino una trentina di militari barbuti si sono dichiarati donne. La lobby spinge furiosamente e il caos è indicibile
Mentre anche in Scozia, dopo l'Inghilterra, non si prescriverà più la "terapia affermativa" (puberty blocker seguiti da ormoni e chirurgia) ai minorenni, decisione assunta in seguito alla pubblicazione del clamoroso Cass Review, negli Stati Uniti il presidente Biden - o meglio, la sua amministrazione saldamente obamiana- in piena campagna elettorale per le presidenziali di novembre ha di fatto abolito il Titolo IX dell'Education Amendments in vigore dal 1972. L'emendamento prescriveva che nessuno/a sulla base del sesso potesse essere escluso dalla […]
Leggi ora
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora
12 Aprile 2024
Chiuse in un recinto. Come a Kabul
Lettera aperta al Sindaco Gualtieri e alle altre autorità competenti sull’incredibile scena di discriminazione nel quartiere Centocelle a Roma: donne isolate come animali impuri per le celebrazioni di fine Ramadan. Chi ha dato il permesso per l’inaccettabile manifestazione? E che iniziative si intendono intraprendere contro questa barbarie misogina?
Al Sindaco di Roma Roberto Gualtieri Al Presidente del Municipio V Mauro Caliste Alla Commissione Pari Opportunità del Comune di Roma e p.c. Alla Ministra Pari Opportunità e Famiglia Eugenia Roccella Al Ministro dell'Interno Matteo Piantedosi Gentile Sindaco, gentile Presidente, gentili membri della Commissione Pari Opportunità, manifestiamo sgomento e sconcerto a fronte delle modalità con cui nel Municipio V della Capitale -piazza dei Mirti, quartiere Centocelle, a pochi metri dalla scuola intitolata ad Artemisia Gentileschi- si sono svolte le celebrazioni […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora