Femministe contro Regione Campania che intende finanziare progetti contro la discriminazione in base all'"identità di genere"

Uscita dalla porta del legislatore con la caduta del ddl Zan, l'"identità di genere" prova a rientrare attraverso molte finestre. Dopo il blitz nella legge sulle Infrastrutture, ora si tenta anche in Campania. Ma il femminismo gender critical risponde. E chiede un'interlocuzione
Condividi questo articolo

Con il decreto della  Direzione Generale per le politiche sociali e socio-sanitarie n. 349 del 12/11/2021, pubblicato sul Burc 108 del 15.11.202, la Regione Campania intende finanziare i progetti  di contrasto alla violenza esclusivamente a favore di " vittime di violenza determinata dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere".

Non abbiamo nulla contro il sostegno di categorie fragili oppure oggetto di discriminazione. Anzi ci aspettiamo la stessa intenzione verso donne e  bambini, precisando che la violenza sulle donne non può essere iscritta in un repertorio che richiama discriminazioni lgbtq+.

Contestiamo però l'uso della definizione "identità di genere" che non è una definizione normata dalla legislazione italiana.

Che cosa è l'identità di genere? Chi saranno i beneficiari di queste risorse regionali? In base a quali criteri saranno distribuite?

Appena il giorno  27 ottobre 2021  il Parlamento italiano ha bocciato il ddl Zan e con esso la definizione di identità di genere. La Regione Campania vuole aprire un conflitto giurisdizionale con l'organo legislativo?

Si corregga il bando e non si faccia entrare dalla finestra  ciò su cui il Parlamento italiano ha già deciso.

Firmano:

Arcidonna Napoli Onlus

Protocollo Napoli Università Federico II

RadFem Italia

UDI Nazionale

Associazione Salute Donna

Associazione Terra di Lei

Associazione Luna Rossa

Associazione  Freedomina

Associazione femminista Blu Bramante

Associazione le Cassandre

Gabriella Ferrari Bravo presidente Psy - Com

Associazione Donne Insieme

APS Psicologi in Contatto onlus

Associazione Erinna di Viterbo

Marina Terragni

UDI Napoli

SnoqSisters

Collettivo LunaRossa

Collettivo Donne InCuranti

Maria Esposito

Elvira Reale

Caterina Arcidiacono

Rossana Ciambelli

Tiziana Giangrande

Gina Sfera

Rosa di Matteo

Ester Ricciardelli

Eliana Bouchard

Stefania Cantatore

Maddalena Robustelli

Maria Elena Muffato

Laura Di Mascolo

Ada Ferri

Antonella Bozzaotra

Rosetta Cappelluccio

Marinella Rotondo

Luisa Festa

Gerardina Speranza

Daniela Dioguardi

Vittoria Fiorelli

Francesca Marone

Patricia Bianchi

Rossana Casalegno

Sara Rinaudo

Veronica Tamborini

Laura De Barbieri

Cristina Favati

Raffaella Molena

Monica Lanfranco

Marisa Russo - ARPEC

Maria Castiglioni

Rita Paltrinieri

Marisa Guarneri

Laura Minguzzi

Mara Accettura

Elena Coccia

Wilma Plevano

Maria Assunta Vecchi

Clara Pappalardo

Titti Marrone

Giovanna Borrello

Paola Villani UNISOB

Valentina de Giovanni

Anna Maria Raimondi

Clelia Pallotta

Annalisa Cerchia

Patrizia Cubeddu

Maria Lopa

Ida Orlando

Anna Ametrano

Susy Caso

Rosa Pezzella

Giovanna di Guida

Augusta Angelucci

Werusca Mandelli

Wanda Pane

Silvana Campese

Annamaria Carrese

Giulia De Meo

Samantha Pisciotta

Adriana Buffardi

Gianna Curti Clerch

Salvatore Rotondi

Silvia Marastoni

Aira Athina Carr

Samanta Lucenera

Lia Amato

Carla Rizzi

Paola Ferrara

Marilena Zirotti

Sandra Bonfiglioli

Lorenza Accorsi

Isabella Mele

Sara Coppola

Valeria Damiani

Tiziana Adele Nasali

Luciana Tavernini

Iolanda D'incecco

Lorenza Accorsi

Maria Fusco

Rita Podda

Rosangela Pesenti

Annamaria Visconti

Giovanna Scassellati

Rosa Papa

Simona Ricciardelli

Pina Mandolfo


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Il problema non è il rooming-in ma la solitudine delle mamme
Dopo la triste vicenda del neonato morto accanto alla mamma al Pertini di Roma per alcune/i la soluzione è tenere i bambini nei nidi e non in stanza. Ma il rooming-in è stato fortemente voluto dalle donne che un tempo in ospedale venivano separate dai bambini. Si tratta semmai di consentire alle neomamme di avere vicino una congiunta/o che le assista. Specie in tempi di personale carente
A partire dalla dolorosissima vicenda del neonato morto all'ospedale Pertini di Roma -probabilmente per soffocamento accidentale, la magistratura accerterà le cause: potrebbe anche trattarsi di "morte in culla" o di altro- molte e molti concludono che il rooming-in è una pratica pericolosa e sbagliata e che i bambini dovrebbero stare nelle nursery. Ricordo però che in passato le donne hanno molto lottato per ottenere il rooming-in e per ragioni più che evidenti: non separarsi dal neonato dopo la lunga convivenza […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
21 Gennaio 2023
Anche in Italia si apre -finalmente!- il dibattito sui bloccanti della pubertà
A rompere il silenzio la Società Psicoanalitica Italiana che chiede una discussione scientifica aperta su questi trattamenti che definisce "sperimentali", non supportati da adeguati studi e a forte rischio etico perché predeterminano il destino di bambine e bambini
In notevole ritardo rispetto al Grande Nord europeo, alla Gran Bretagna all'Australia, ad alcuni stati USA -che hanno bruscamente frenato sull'uso del puberty blocker come "terapia" per bambine e bambini dai comportamenti non conformi al genere, anche in Italia si rompe finalmente il silenzio con una lettera indirizzata al governo da parte della Società Psicoanalitica Italiana, che invita alla prudenza e all'apertura di una discussione scientifica pubblica. A seguire riproduciamo le interviste realizzate da Marina Terragni per Il Foglio e […]
Leggi ora
16 Gennaio 2023
Gli psicoanalisti italiani: stop ai puberty blockers
La Società Psicoanalitica Italiana critica sui bloccanti per la pubertà ai bambini: trattamento pericoloso e sperimentale. E si unisce a femministe gender critical e genitori nel chiedere dati scientifici e un dibattito pubblico sul migliore trattamento per i minori che soffrono disforia di genere
Da anni noi femministe gender critical lottiamo contro lo scandalo della medicalizzazione dei bambini nel nome dell’identità di genere. E da anni veniamo bollate come fasciste, reazionarie, bigotte. Oggi finalmente una società scientifica accreditata italiana, la Società Psicoanalitica Italiana (SPI), prende posizione, unendosi a noi nel lanciare un grido di allarme: l’uso di bloccanti della pubertà è un trattamento sperimentale che non ha una solida base scientifica, e causa gravi effetti collaterali. Soprattutto, nella maggior parte dei casi la disforia […]
Leggi ora