Dove sta andando la Casa delle Donne di Roma?

"La Casa siamo tutte" recita il bello slogan dello storico enclave di Trastevere. Ma in quello spazio, che è pubblico e dovrebbe essere aperto, l'agibilità è solo transfemminista. E dopo il sostegno acritico al ddl Zan -per fermare i femminicidi!-, il sì all'utero in affitto e al "sex work", ora anche l'inno agli ultracorpi maschili negli sport femminili: forse è il momento che si apra una riflessione
Condividi questo articolo

La Casa Internazionale delle Donne di Roma condivide la proposta dell'università della Pennsylvania di nominare Lia Thomas "atleta donna dell'anno".

Lia Thomas, di cui abbiamo parlato più volte qui, è la celebre nuotatore che ha sbaragliato più volte le avversarie gareggiando nelle categorie femminili, ma che ha avuto quanto meno il merito di far finalmente esplodere la questione degli ultracorpi maschili negli sport delle donne. Il post condiviso dalla Casa Internazionale delle Donne, un piccolo confusionario trattato di femminismo Intersezionale, conclude: "E naturalmente, caso mai non vi rivedessi, buon pomeriggio, buonasera e vaffanxulo alle TERF ❤" .

Qualche settimana fa la presidente della Casa Maura Cossutta aveva dichiarato, di fronte a recenti casi di femminicidio particolarmente cruenti, che la soluzione al problema sarebbe la rapida approvazione della Legge Zan (e perché?). Luisa Muraro ha da tempo constatato la «tendenza femminile a preferire la verità dell’altro»;e anche Mary Daly sottolinea la propensione autosvalutativa a trovare qualunque causa più importante della propria. Queste recenti prese di posizione della Casa costituiscono un esempio lampante di questa propensione.


Quella di Maura Cossutta è dichiarazione ufficiale, non smentita né ridimensionata dalle diverse realtà che compongono il direttivo di quello che è a livello nazionale si presenta come il “tempio” del mondo femminista. La dichiarata pluralità e le diverse posizioni sbandierate dalle “Storiche” di questa realtà si sono dimostrate ancora una volta una pia illusione.

La Casa si presenta come "una struttura aperta che guarda al territorio e al mondo; un laboratorio dove si coniuga la politica di genere; un centro cittadino, nazionale e internazionale di accoglienza, d’incontro, di promozione dei diritti, della cultura, delle politiche, dei “saperi” e delle esperienze prodotte dalle e per le donne". 

Si osserva invece un serrare i ranghi sulla linea transfemminista espressa soprattutto da Non Una di Meno, a cui di fatto è stata data delega in bianco sui contenuti, sulle relazioni politiche, sui rapporti con le altre realtà del mondo femminista. Quello che si vede è un allineamento “bulgaro” a tutte le tesi transfemministe -a quanto pare condivise dal PD- compreso il recente sostegno esplicito alla pratica abominevole dell’utero in affitto in reazione alla proposta Meloni-Carfagna di renderlo reato universale, punibile anche se commesso all'estero.

Nessun dibattito interno, nessun dialogo con il femminismo del resto del Paese, con le sigle storiche che si sono espresse in maniera netta e argomentata contro il ddl Zan, e in particolare contro il cuore della legge, ossia l’identità di genere, apripista per il self-id o autocertificazione di genere. Nessuna considerazione degli argomenti critici di intellettuali, giuristi, costituzionalisti, anche politici di sinistra di lungo corso come Stefano Fassina. Stesso silenzio, stesso muro “no-platform” sulla Gpa, solita retorica pelosa. 

Perché la Casa è finita a fare da grancassa a movimenti che odiano le donne e le vogliono cancellare?

Qualche anno fa Casa Internazionale delle Donne era sotto sfratto. La giunta Raggi voleva mettere quello spazio a bando, come capita per tutti gli spazi di proprietà pubblica.. Servivano soldi, tanti soldi, le associazioni storiche che avevano “fatto” la Casa erano preoccupatissime. A quanto pare Monica Cirinnà avrebbe avuto un ruolo in questo salvataggio. I fondi sono arrivati. Ma dov'è la pluralità delle voci che ci si aspetterebbe da una realtà che gode di pubblico sostegno? Davvero la Casa è aperta a tutte le donne, a cominciare dalle cittadine romane, o è ormai solo un presidio transfemminista?

Le anziane della Casa, forse romanticamente, vedono di buon occhio l’energia e la vitalità delle NUDM, la loro capacità di stare sui media e di mobilitare le più giovani. Si è detto che il dialogo interno è sempre vivo, che anche il femminismo radicale avrebbe avuto spazio e considerazione. Non ci sembra che le cose vadano così.

Un incontro organizzato alla Casa dal femminismo radicale il 1 dicembre 2018 non ha goduto di fantastica accoglienza. Riservata invece alle "lavoratrici del sesso" (entrare finalmente dalla porta principale, disse Pia Covre) mentre la sopravvissuta Rachel Moran e le abolizioniste della prostituzione venivano zittite, minacciate, bullizzate, spintonate dai gruppi sexworkisti che hanno avuto mano libera.

E ora il sostegno al ddl Zan contro i femminicidi -perché, come spiega Cossutta, “anche la violenza contro la comunità LGBTQIA+ è violenza di genere”-, e l'inno a Lia Thomas, che ha catalizzato vigorose proteste da parte elle donne.

Non sarebbe ora che la Casa Internazionale delle Donne di Roma aprisse una riflessione al suo interno e prendesse sul serio il suo impegno a dialogare con il femminismo tenuto forzatamente "esterno"?

Anna Perenna                                         


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
16 Maggio 2024
UK: a scuola non si parlerà più di identità di genere
Nuovo giro di vite del governo Sunak dopo il rapporto Cass che mette in guardia anche sui rischi della transizione sociale dei minori, la cosiddetta "identità alias" che è già stata adottata anche da molte scuole italiane: in classe non si insegnerà più che si può cambiare sesso e l'educazione sessuale sarà calibrata in base all'età. E mai senza il consenso dei genitori
Dopo anni e anni che i transattivisti di associazioni come Stonewall e Mermaids fanno il bello e il cattivo tempo con i loro corsi di educazione sessuale nelle scuole inglesi di ogni ordine e grado, il governo di Rishi Sunak annuncia oggi con la ministra dell’Istruzione Gillian Keegan nuove linee guida obbligatorie per scolari e studenti su questi temi. In classe non si insegnerà più che si può cambiare la propria identità di genere, come è stato fino ad ora […]
Leggi ora
14 Maggio 2024
Da Gaza alle sale parto occidentali, Judith Butler vede fascisti dappertutto
Fasciste, ovviamente, anche noi femministe gender critical, "alleate della destra e del Vaticano". L'intellettuale californiana, rinunciando a ogni sottigliezza filosofica, compila un'agenda politica che coincide con la piattaforma degli universitari in lotta. E auspica un'alleanza tra trans, antifa, movimento pro-Pal, senza casa, persone nere, migranti e anche donne -intese come una delle tante minoranze- per edificare "una democrazia radicale ispirata agli ideali del socialismo". Un resoconto della tappa bolognese del suo trionfale tour europeo
Forse oggi si potrebbe parlare di "Agenda Butler": la sua piattaforma coincide perfettamente con la piattaforma di lotta delle-degli studenti in tutto l'Occidente, con poche certezze sul fatto se sia nato prima l'uovo o la gallina. Certo Judith Butler è a tutti gli effetti la madre delle Gender Theory a cui queste/i studenti (comunque una minoranza) aderiscono con entusiasmo; a loro volta queste/i studenti con le loro mobilitazioni sono fonte di ispirazione per Butler, le loro piattaforme sono anche una […]
Leggi ora
6 Maggio 2024
La chirurgia trans aumenta il rischio-suicidio
Un recentissimo studio su 90 milioni di pazienti dimostra che le persone trans operate corrono "un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico" e necessitano di un supporto psichiatrico. Quindi il coronamento del lungo e faticoso percorso di transizione con la chirurgia "affermativa" non assicura il raggiungimento del benessere sperato
"La chirurgia per l’affermazione di genere è associata a un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, suicidio/autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico rispetto ai gruppi di controllo in questo database del mondo reale. Poiché il suicidio è una delle cause di morte più comuni tra gli adolescenti e gli individui di mezza età, è chiaro che dobbiamo lavorare per prevenire questi esiti sfortunati. Ciò rafforza ulteriormente la necessità di un’assistenza psichiatrica completa negli anni che seguono la chirurgia per […]
Leggi ora
5 Maggio 2024
Saman: la "loro cultura" come attenuante
Il matrimonio della ragazza era «combinato e non forzato» e nel giudizio «bisogna tenere conto anche della cultura del reo»: le motivazioni della sentenza (firmata da giudici donne) per il brutale assassinio della giovane pakistana lasciano sconcertate. Così come l'autosessismo della madre che sarebbe l'esecutrice materiale del delitto. Di questo passo, secondo le proiezioni Unicef, la bambine continueranno a essere vendute a uomini almeno per i prossimi 300 anni
Nella foto, un manifesto con il volto di Saman composto dalle foto di tante donne vittime della violenza maschile. La storia di Saman Abbas è una ferita aperta. Uccisa dalla sua famiglia tre anni fa, il corpo occultato ritrovato a più di un anno dalla morte. All’inizio di quest’anno il funerale, con grande partecipazione della gente comune. Pochi giorni fa sono arrivate le motivazioni della sentenza del processo in primo grado alla famiglia di Saman del dicembre scorso: ergastolo ai […]
Leggi ora
3 Maggio 2024
Due parole al signor Gennarone (di più non ne merita)
L'essenza del fascismo è impedire a chiunque di parlare. Chi dà della ****** a una donna intende intimidirla, svalorizzarla e soprattutto metterla a tacere. Ergo: un sessista non può definirsi antifascista perché il sessismo è incompatibile con l'antifascismo
Due parole al rapper Gennarone, autore di testi pregevoli (es.:«Stile foggiano, la mia terra la amo, dall’appennino dauno alle terre del Gargano. Prendimi la mano pronti per il viaggio nella terra che viviamo») che nel corso del concertone del 1° maggio a Foggia tra le molte altre cose ha detto che «L’Italia sta vivendo l’ombra del fascismo grazie a quella ***** di Giorgia Meloni». Solo per ricordargli che: a) l'essenza di ogni fascismo e totalitarismo è impedire a chiunque di […]
Leggi ora
25 Aprile 2024
Sull'aborto solo propaganda: "Emendamento fuffa, buono per la campagna elettorale"
Il comma recentemente approvato che autorizza le associazioni pro life a entrare nei consultori in realtà non aggiunge e non cambia quanto già previsto dalla legge 194. Lo spiegano Marina Terragni e Francesca Izzo. E anche i Pro Vita si affrettano a precisare: non entreremo nei consultori. Il tema è buono per lo scontro politico in vista delle Europee. Ma la legge resta tale e quale
E' triste dover parlare di aborto a comando: l'aborto è un'esperienza complessa e dolorosa per la stragrande maggioranza delle donne. "Per il piacere di chi sto abortendo?": Carla Lonzi sintetizzava la questione in questo modo. E' tristissimo che il tema venga agitato in campagna elettorale, da una parte e dall'altra, e che ci si senta obbligate a dire qualcosa. Nei giorni scorsi la destra ha proposto e fatto passare con la fiducia un emendamento al PNRR che autorizzerebbe i pro-life […]
Leggi ora