Dove sta andando la Casa delle Donne di Roma?

"La Casa siamo tutte" recita il bello slogan dello storico enclave di Trastevere. Ma in quello spazio, che è pubblico e dovrebbe essere aperto, l'agibilità è solo transfemminista. E dopo il sostegno acritico al ddl Zan -per fermare i femminicidi!-, il sì all'utero in affitto e al "sex work", ora anche l'inno agli ultracorpi maschili negli sport femminili: forse è il momento che si apra una riflessione
Condividi questo articolo

La Casa Internazionale delle Donne di Roma condivide la proposta dell'università della Pennsylvania di nominare Lia Thomas "atleta donna dell'anno".

Lia Thomas, di cui abbiamo parlato più volte qui, è la celebre nuotatore che ha sbaragliato più volte le avversarie gareggiando nelle categorie femminili, ma che ha avuto quanto meno il merito di far finalmente esplodere la questione degli ultracorpi maschili negli sport delle donne. Il post condiviso dalla Casa Internazionale delle Donne, un piccolo confusionario trattato di femminismo Intersezionale, conclude: "E naturalmente, caso mai non vi rivedessi, buon pomeriggio, buonasera e vaffanxulo alle TERF ❤" .

Qualche settimana fa la presidente della Casa Maura Cossutta aveva dichiarato, di fronte a recenti casi di femminicidio particolarmente cruenti, che la soluzione al problema sarebbe la rapida approvazione della Legge Zan (e perché?). Luisa Muraro ha da tempo constatato la «tendenza femminile a preferire la verità dell’altro»;e anche Mary Daly sottolinea la propensione autosvalutativa a trovare qualunque causa più importante della propria. Queste recenti prese di posizione della Casa costituiscono un esempio lampante di questa propensione.


Quella di Maura Cossutta è dichiarazione ufficiale, non smentita né ridimensionata dalle diverse realtà che compongono il direttivo di quello che è a livello nazionale si presenta come il “tempio” del mondo femminista. La dichiarata pluralità e le diverse posizioni sbandierate dalle “Storiche” di questa realtà si sono dimostrate ancora una volta una pia illusione.

La Casa si presenta come "una struttura aperta che guarda al territorio e al mondo; un laboratorio dove si coniuga la politica di genere; un centro cittadino, nazionale e internazionale di accoglienza, d’incontro, di promozione dei diritti, della cultura, delle politiche, dei “saperi” e delle esperienze prodotte dalle e per le donne". 

Si osserva invece un serrare i ranghi sulla linea transfemminista espressa soprattutto da Non Una di Meno, a cui di fatto è stata data delega in bianco sui contenuti, sulle relazioni politiche, sui rapporti con le altre realtà del mondo femminista. Quello che si vede è un allineamento “bulgaro” a tutte le tesi transfemministe -a quanto pare condivise dal PD- compreso il recente sostegno esplicito alla pratica abominevole dell’utero in affitto in reazione alla proposta Meloni-Carfagna di renderlo reato universale, punibile anche se commesso all'estero.

Nessun dibattito interno, nessun dialogo con il femminismo del resto del Paese, con le sigle storiche che si sono espresse in maniera netta e argomentata contro il ddl Zan, e in particolare contro il cuore della legge, ossia l’identità di genere, apripista per il self-id o autocertificazione di genere. Nessuna considerazione degli argomenti critici di intellettuali, giuristi, costituzionalisti, anche politici di sinistra di lungo corso come Stefano Fassina. Stesso silenzio, stesso muro “no-platform” sulla Gpa, solita retorica pelosa. 

Perché la Casa è finita a fare da grancassa a movimenti che odiano le donne e le vogliono cancellare?

Qualche anno fa Casa Internazionale delle Donne era sotto sfratto. La giunta Raggi voleva mettere quello spazio a bando, come capita per tutti gli spazi di proprietà pubblica.. Servivano soldi, tanti soldi, le associazioni storiche che avevano “fatto” la Casa erano preoccupatissime. A quanto pare Monica Cirinnà avrebbe avuto un ruolo in questo salvataggio. I fondi sono arrivati. Ma dov'è la pluralità delle voci che ci si aspetterebbe da una realtà che gode di pubblico sostegno? Davvero la Casa è aperta a tutte le donne, a cominciare dalle cittadine romane, o è ormai solo un presidio transfemminista?

Le anziane della Casa, forse romanticamente, vedono di buon occhio l’energia e la vitalità delle NUDM, la loro capacità di stare sui media e di mobilitare le più giovani. Si è detto che il dialogo interno è sempre vivo, che anche il femminismo radicale avrebbe avuto spazio e considerazione. Non ci sembra che le cose vadano così.

Un incontro organizzato alla Casa dal femminismo radicale il 1 dicembre 2018 non ha goduto di fantastica accoglienza. Riservata invece alle "lavoratrici del sesso" (entrare finalmente dalla porta principale, disse Pia Covre) mentre la sopravvissuta Rachel Moran e le abolizioniste della prostituzione venivano zittite, minacciate, bullizzate, spintonate dai gruppi sexworkisti che hanno avuto mano libera.

E ora il sostegno al ddl Zan contro i femminicidi -perché, come spiega Cossutta, “anche la violenza contro la comunità LGBTQIA+ è violenza di genere”-, e l'inno a Lia Thomas, che ha catalizzato vigorose proteste da parte elle donne.

Non sarebbe ora che la Casa Internazionale delle Donne di Roma aprisse una riflessione al suo interno e prendesse sul serio il suo impegno a dialogare con il femminismo tenuto forzatamente "esterno"?

Anna Perenna                                         


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora
6 Agosto 2022
California, transificio di bambine/i
Lo stato americano si propone come meta di turismo "sanitario" per le/i minori che non riescono ad accedere alla transizione nel luogo in cui vivono. Esautorando i genitori e sollevando gli operatori da ogni rischio di causa in caso di successivi "pentimenti". Intanto in UK, dopo la chiusura della Tavistock, occhi puntati su una clinica scozzese dove il modello sperimentale (bloccanti della pubertà e chirurgia) continua a essere applicato
Negli Stati Uniti è in corso una vera e propria guerra sull’ideologia dell’identità di genere e la sua promozione nelle scuole. Una “guerra culturale” che vede contrapposte le élite, che finanziano e promuovono la gender ideology, e la gente comune che vi si oppone (vedere qui il caso Disney). Mentre Biden fin dal primo giorno ha fatto molte concessioni legislative all’attivismo trans a livello federale, i repubblicani hanno intercettato lo scontento della cittadinanza con diverse contro-leggi a livello statale, come […]
Leggi ora
29 Luglio 2022
UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical
L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro […]
Leggi ora
28 Luglio 2022
Argentina: stop al linguaggio neutro nelle scuole
E' stato il primo paese a introdurre l’auto-identificazione di genere. Dieci anni dopo è tra i primi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole in quanto "nemmeno così inclusivo: crea una barriera per i bambini con difficoltà di apprendimento”
Nel 2012 l’Argentina è stato il primo paese al mondo a introdurre il self-id o auto-identificazione di genere nel suo ordinamento giuridico. Dieci anni dopo è uno dei primi paesi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole. Come insegnano le madri del femminismo radicale e del pensiero della differenza, il neutro è uno specchietto per le allodole che di fatto riporta al centro il punto di vista maschile. Se l’illusione del neutro salta meno all’occhio nella lingua inglese, è subito […]
Leggi ora
28 Luglio 2022
I record rubati di Petrillo: “Ma vincevo anche da uomo”. È vero? Ecco i fact-checking
Mentre il Comitato Olimpico annuncia un cambio di rotta nelle linee guida sulla partecipazione di corpi maschili negli sport femminili, Valentina nata Fabrizio Petrillo ambisce a partecipare ai Giochi Paralimpici nella categoria femminile. A chi l’accusa di voler vincere facile risponde che vinceva anche prima della transizione. Ma non è così: ecco un’analisi dei tempi di Petrillo e di come sono valutati rispettivamente nella categoria maschile e in quella femminile
Dopo le federazioni internazionali del nuoto, del ciclismo e di altri sport, anche il Comitato Olimpico fa marcia indietro sullo sport “inclusivo” dei corpi maschili negli sport femminili. Francesco Ricci Bitti alla guida dell’ASOIF, l’associazione che riunisce le federazioni internazionali degli sport olimpici estivi, ha annunciato in una recente conferenza il bisogno di rivedere le attuali regole sulla partecipazione degli atleti transgender, soprattutto MtF, uomini che “si identificano come donne”. Francesco Ricci Bitti ha detto: “Secondo l’approccio dei diritti umani […]
Leggi ora
25 Luglio 2022
Campo aperto, liste chiuse
L'occhio di tigre non vuole vedere che tu puoi riassemblare e ricombinare lo schieramento quanto vuoi, ma se le facce e i nomi restano gli stessi sei molto poco credibile. E se l'unico obiettivo riconoscibile dal più dell'elettorato è sbarrare la strada all'avversaria politica -per una volta una donna, il che rende tutto ancora più surreale- le probabilità di successo non sono molte
Lavori in corso per la costruzione del grande rassemblement o campo aperto (quello largo è stato dismesso). La discussione è solo tra uomini (con la parziale eccezione di Emma Bonino) e il cemento che tiene insieme il progetto di coalizione è "fermare Meloni": di programmi politici si discute poco, e che cosa possano avere in comune Calenda, Fratoianni e Di Maio è tutto da capire. Osservatori e sociologi della politica si sgolano a far notare che costruire un progetto "contro" […]
Leggi ora