Ddl Zan: servono confronti veri, non la guerra dei comunicati

Condividi questo articolo

Il femminismo critico nei riguardi del ddl Zan nei giorni scorsi ha emesso un comunicato -vedere qui- in cui si tornano a elencare le ragioni per le quali ci opponiamo non a una legge contro l'omotransfobia, ma a QUESTA legge contro l'omotransfobia. Ragioni che sono sempre le stesse, da mesi, e in quanto tali perfettamente opinabili in un confronto -se venisse accettato, ma finora non è successo-.

E' piuttosto deprimente che anziché considerare queste ragioni, anziché confrontarsi su queste ragioni si intraprenda una guerra dei comunicati allo scopo di dimostrare che le VERE femministe sono a favore del Ddl così com'è. L'ultimo, messo in piedi in fretta e in furia, sottoscritto da "attiviste di Se Non Ora Quando" (?) -che in quanto tale non esiste più da anni: esistono solo Snoq Libere, Snoq Factory, Snoq Genova e di altre città, ma Se Non Ora Quando no- e da un elenco di nomi -alcuni dei quali, scopriamo accidentalmente, non sapevano nemmeno di avere sottoscritto- e poi diffuso dalla grancassa dei siti Lgbtq+.

Tutto questo non è serio, è umiliante, riduce la politica a un gioco da tavolo e a un firmificio.

Potremmo rispondere esibendo le quasi 17 mila firme e le 320 associazioni, tra cui molte italiane, che hanno sottoscritto la Declaration on Women's Sex-Based Rights (vedere qui), rete gender critical globale che si estende in 130 nazioni, ovvero in più della metà delle nazioni del mondo (di questa rete siamo le referenti italiane). Oppure menzionare la partnership politica con le femministe spagnole di Contra Borrado in lotta contro la Ley Trans e l'identità di genere (vedere qui), decine e decine di associazioni che sono efficacemente al nostro fianco. Potremmo menzionare l'americano Women Liberation Front (Wolf) e molte altre realtà. O anche semplicemente provare a ingaggiare come testimonial personagge-i dello showbitz.

In tutta franchezza non ci sentiamo di accettare questo piano.

Le questioni in gioco sono troppo importanti, toccano la radice dell'umano e la vita delle donne, delle ragazze, delle bambine e dei bambini, e non si può liquidare con un raccatto firme più o meno inventate.

L'onorevole Zan e gli altri firmatari della legge contro l'ombitransfobia hanno scelto di farsi eleggere in rappresentanza di tutte e tutti, compito che richiede un alto senso di responsabilità nonostante lo stato di salute non eccellente delle nostre istituzioni rappresentative. A lui e a loro chiediamo di mantenere la discussione al livello che merita. Soprattutto, di accettare di discutere: il confronto che stiamo chiedendo da mesi viene regolarmente rifuggito. Ogni tentativo è stato ignorato: per quale ragione?

Come Zan sa benissimo, noi non siamo Pillon. La verità delle nostre vite non consente di iscriverci alla destra omofobica. Le nostre biografie sono strettamente a intrecciate a quelle di sorelle e fratelli lesbiche, gay e trans, e per una parte di noi coincidono. Il femminismo, come ha riconosciuto Michel Foucault, ha dato moltissimo alla lotta Lgbt, e l'abbiamo fatto anche noi singolarmente, fino alle ultime piazze per le unioni civili.

Questo forse rende più complesso tenere conto delle nostre argomentazioni critiche al ddl, e misurarcisi. Anche perché siamo convinte che Zan e gli altri firmatari del ddl comprendono benissimo di che cosa stiamo parlando.

E' davvero così difficile capire che non è possibile che una parlamentare venga perseguita per avere detto che "solo le donne partoriscono" (sta capitando in Norvegia)? Che è assurdo permettere a persone con corpi di uomini intatti partecipare alle competizioni sportive femminili? Che è molto pericoloso per le donne consentire a uomini che per ragioni di comodo si dichiarano donne di essere detenuti nelle carceri femminili (sta capitando in California, 270 richieste di trasferimento)? Che uno che si percepisce donna da 15 mesi non può pretendere, come sta facendo, di entrare in un convento femminile (sta capitando in Olanda)? (qui menzioniamo solo fatti degli ultimi giorni). Che non si possono imbottire di ormoni bambine e bambini di 8 anni, rendendoli rachitici e infertili, solo perché mostrano comportamenti non perfettamente conformi al loro sesso, come peraltro è capitato a quasi tutte-i noi? E che non è accettabile che a Vancouver, Canada, un padre sia stato incarcerato per essersi opposto ai puberty blockers somministrati alla sua bambina? (oggi si terrà una manifestazione in solidarietà dell'uomo, già minacciata dai transattivisti).

No, non è difficile. Chiunque abbia buon senso lo capisce. Questa è l'identità di genere, nella sua versione non glitterata e fashion. Il fatto è che l'identità di genere sta al centro del ddl Zan, e noi vogliamo parlarne. Vogliamo parlare di questo e di altre cose.

Chiudiamo quindi con l'ennesima richiesta a Zan e agli altri firmatari del ddl di accettare un confronto serio, approfondito e argomentato (dell'unica che giusto nei giorni scorsi si era detta forse disponibile, Monica Cirinnà, non abbiamo più tracce).


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
14 Maggio 2024
Da Gaza alle sale parto occidentali, Judith Butler vede fascisti dappertutto
Fasciste, ovviamente, anche noi femministe gender critical, "alleate della destra e del Vaticano". L'intellettuale californiana, rinunciando a ogni sottigliezza filosofica, compila un'agenda politica che coincide con la piattaforma degli universitari in lotta. E auspica un'alleanza tra trans, antifa, movimento pro-Pal, senza casa, persone nere, migranti e anche donne -intese come una delle tante minoranze- per edificare "una democrazia radicale ispirata agli ideali del socialismo". Un resoconto della tappa bolognese del suo trionfale tour europeo
Forse oggi si potrebbe parlare di "Agenda Butler": la sua piattaforma coincide perfettamente con la piattaforma di lotta delle-degli studenti in tutto l'Occidente, con poche certezze sul fatto se sia nato prima l'uovo o la gallina. Certo Judith Butler è a tutti gli effetti la madre delle Gender Theory a cui queste/i studenti (comunque una minoranza) aderiscono con entusiasmo; a loro volta queste/i studenti con le loro mobilitazioni sono fonte di ispirazione per Butler, le loro piattaforme sono anche una […]
Leggi ora
6 Maggio 2024
La chirurgia trans aumenta il rischio-suicidio
Un recentissimo studio su 90 milioni di pazienti dimostra che le persone trans operate corrono "un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico" e necessitano di un supporto psichiatrico. Quindi il coronamento del lungo e faticoso percorso di transizione con la chirurgia "affermativa" non assicura il raggiungimento del benessere sperato
"La chirurgia per l’affermazione di genere è associata a un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, suicidio/autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico rispetto ai gruppi di controllo in questo database del mondo reale. Poiché il suicidio è una delle cause di morte più comuni tra gli adolescenti e gli individui di mezza età, è chiaro che dobbiamo lavorare per prevenire questi esiti sfortunati. Ciò rafforza ulteriormente la necessità di un’assistenza psichiatrica completa negli anni che seguono la chirurgia per […]
Leggi ora
5 Maggio 2024
Saman: la "loro cultura" come attenuante
Il matrimonio della ragazza era «combinato e non forzato» e nel giudizio «bisogna tenere conto anche della cultura del reo»: le motivazioni della sentenza (firmata da giudici donne) per il brutale assassinio della giovane pakistana lasciano sconcertate. Così come l'autosessismo della madre che sarebbe l'esecutrice materiale del delitto. Di questo passo, secondo le proiezioni Unicef, la bambine continueranno a essere vendute a uomini almeno per i prossimi 300 anni
Nella foto, un manifesto con il volto di Saman composto dalle foto di tante donne vittime della violenza maschile. La storia di Saman Abbas è una ferita aperta. Uccisa dalla sua famiglia tre anni fa, il corpo occultato ritrovato a più di un anno dalla morte. All’inizio di quest’anno il funerale, con grande partecipazione della gente comune. Pochi giorni fa sono arrivate le motivazioni della sentenza del processo in primo grado alla famiglia di Saman del dicembre scorso: ergastolo ai […]
Leggi ora
3 Maggio 2024
Due parole al signor Gennarone (di più non ne merita)
L'essenza del fascismo è impedire a chiunque di parlare. Chi dà della ****** a una donna intende intimidirla, svalorizzarla e soprattutto metterla a tacere. Ergo: un sessista non può definirsi antifascista perché il sessismo è incompatibile con l'antifascismo
Due parole al rapper Gennarone, autore di testi pregevoli (es.:«Stile foggiano, la mia terra la amo, dall’appennino dauno alle terre del Gargano. Prendimi la mano pronti per il viaggio nella terra che viviamo») che nel corso del concertone del 1° maggio a Foggia tra le molte altre cose ha detto che «L’Italia sta vivendo l’ombra del fascismo grazie a quella ***** di Giorgia Meloni». Solo per ricordargli che: a) l'essenza di ogni fascismo e totalitarismo è impedire a chiunque di […]
Leggi ora
25 Aprile 2024
Sull'aborto solo propaganda: "Emendamento fuffa, buono per la campagna elettorale"
Il comma recentemente approvato che autorizza le associazioni pro life a entrare nei consultori in realtà non aggiunge e non cambia quanto già previsto dalla legge 194. Lo spiegano Marina Terragni e Francesca Izzo. E anche i Pro Vita si affrettano a precisare: non entreremo nei consultori. Il tema è buono per lo scontro politico in vista delle Europee. Ma la legge resta tale e quale
E' triste dover parlare di aborto a comando: l'aborto è un'esperienza complessa e dolorosa per la stragrande maggioranza delle donne. "Per il piacere di chi sto abortendo?": Carla Lonzi sintetizzava la questione in questo modo. E' tristissimo che il tema venga agitato in campagna elettorale, da una parte e dall'altra, e che ci si senta obbligate a dire qualcosa. Nei giorni scorsi la destra ha proposto e fatto passare con la fiducia un emendamento al PNRR che autorizzerebbe i pro-life […]
Leggi ora
22 Aprile 2024
Lettera a Rishi Sunak: serve un'inchiesta pubblica sull'influenza dell'ideologia transgender
Centotrenta parlamentari, medici, psichiatri, accademici e detransitioner britannici -tra loro anche JK Rowling- hanno scritto una lettera al primo ministro per invitarlo ad esaminare “l’influenza pervasiva” dell’ideologia transgender nelle scuole e nel servizio sanitario nazionale e ad accertare le responsabilità del danno prodotto a migliaia di bambine e bambini
"Rishi, se leggi questa petizione per favore, fai la cosa giusta e avvia con urgenza un’inchiesta pubblica. Il benessere dei nostri figli dipende da questo”. A scrivere è lo psicoterapeuta James Esses, coordinatore della dichiarazione per la realtà biologica e uno dei firmatari di un appello rivolto al primo ministro britannico dopo il grande scandalo del trattamento dei bambini “confusi e vulnerabili” da parte di professionisti medici, reso evidente del rapporto di Hilary Cass. Tra i primi firmatari anche JK […]
Leggi ora