Ddl Zan: meglio nessuna legge che la mediazione? La partita in mano al PD

Domani, 6 luglio, giornata decisiva per la legge contro l'omotransfobia. Si capirà se il centrosinistra accetterà qualche modifica del testo -via l'identità di genere, come chiediamo da sempre- o sceglierà di morire in battaglia
Condividi questo articolo

Domani, martedì 6 luglio, conosceremo il destino del ddl Zan. Vedremo se una mediazione sul testo sarà possibile o se invece Pd e 5Stelle decideranno di andare in battaglia in aula avvolti nella bandiera della gender identity.

Per almeno un anno abbiamo cercato un'interlocuzione per proporre alcuni cambiamenti nel testo. Eravamo davvero convinte che un dialogo costruttivo fosse possibile, anche per l'ottima ragione che la gran parte di noi proviene dal centrosinistra o ne fa parte.

Abbiamo trovato solo muri, sbeffeggiamenti e insulti a cominciare dallo stesso Zan, che insieme a Cirinnà e Boldrini ci ha più volte liquidato come "residuali" e irrilevanti, oltre al deliberato e tenace non ascolto da parte dei segretari Pd in successione, prima Zingaretti e poi Letta.

Alcune di noi studiano da molti anni la questione dell'identità di genere e l'impatto delle legislazioni gender friendly sulla società nel suo complesso e su donne, bambine e bambini in particolare. Siamo collegate ad organizzazioni femministe di molti Paesi, come ContraBorrado in Spagna e Cawsbar in Canada, facciamo parte della rete globale gender critical WHRC che conta quasi 20 mila iscritte e raccoglie centinaia di associazioni nel mondo. In breve, ne sappiamo moltissimo, ne sappiamo più di tutti, e il nostro Feminist Post insieme ad altri siti internazionali raccoglie tutte le informazioni necessarie a farsi un'idea.

L'intenzione era mettere il nostro patrimonio di conoscenza a disposizione dei parlamentari che verosimilmente di queste faccende non si sono mai occupati. Non ha funzionato. L'unica breccia nel centrosinistra è stata aperta da Italia Viva, impegnata da qualche tempo in un tentativo di mediazione.

Nelle ultime settimane al nostro interno si sono delineati due diversi punti di vista: una parte di noi ha ritenuto di continuare a cercare l'interlocuzione, in particolare con il Pd, nell'intento di cambiare il ddl Zan per "salvarlo"; altre si sono orientate diversamente nella convinzione che non ci fosse più nulla da salvare e nessun dialogo da perseguire, avendo constatato un'assoluta indisponibilità. E si sono coagulate intorno alla proposta di ripescare il "vecchio" ddl Scalfarotto che potrebbe garantire un'ottima e semplice legge contro i crimini omotrasfobici senza introdurre surrettiziamente l'autodeterminazione di genere. Io ero fra queste, e ho rilanciato in ogni occasione -qui, sui giornali, in Senato- l'ipotesi Scalfarotto.

Italia Viva ha ritenuto che fosse una buona idea, ne ha fatto la propria proposta di mediazione rilanciandola al tavolo del Senato, e domani si andrà al vaglio definitivo: o si media o si va alla conta in aula.

Mentre non mancano aperture da parte del centrodestra, il Pd sembra arroccato sul testo Zan. Difficile da comprendere, per almeno due ragioni: 1. anche il ddl Scalfarotto nasce nel centrosinistra, fa parte del suo patrimonio, fu sottoscritto dallo stesso Zan e garantirebbe un'efficace tutela contro l'omotransfobia 2. il ddl Scalfarotto troverebbe una maggioranza in Senato -anche Salvini converge sul testo- mentre il ddl Zan no.

Un argomento da parte del Pd è che il ddl Scalfarotto lascerebbe senza tutela le persone transessuali. Assolutamente infondato: il ddl Scalfarotto nomina esplicitamente la transfobia, mentre il ddl Zan non lo fa; e del resto sarebbe ben strano se il ddl Scalfarotto -ripetiamo, sottoscritto a suo tempo dallo stesso Zan- avesse voluto lasciare senza tutela le persone trans.

Si tratta, come è evidente, di argomenti pretestuosi. La vera questione sono i rapporti di forza tra Pd e Italia Viva da una parte e il centrodestra dall'altra. Ma l'esito del braccio di ferro politicistico ed elettoralistico potrebbe essere rovinoso proprio sul fronte della lotta contro l'omotransfobia. Meglio nessuna legge, se non è la legge Zan?

La non-mediazione con conta in aula potrebbe significare non soltanto l'affossamento del ddl Zan, ma anche la rinuncia definitiva a una legge almeno in questa legislatura. Se poi, come da sondaggi, la prossima fosse una legislatura con maggioranza di centrodestra, di leggi contro l'omotransfobia non si parlerebbe proprio più.

Se invece, ma è altamente improbabile, la conta in aula dovesse essere a favore del ddl Zan, si creerebbe un notevole problema nell'attuale maggioranza di governo, con possibili ricadute sul altri fronti.

Non ci sono, per concludere, ragioni sensate per dire no alla buona legge contro l'omotransfobia che sarebbe garantita dalla proposta Scalfarotto e che potrebbe essere rapidamente approvata. La speranza è quindi che il Pd accetti la mediazione.

Quanto invece all'identità e all'autocertificazione di genere, che come dicevamo il ddl Zan presumeva di introdurre in modo del tutto surrettizio: si tratterebbe di un vero e proprio civilization change in direzione del transumanesimo, progetto che nulla ha a che vedere con il rispetto e la tutela delle persone omosessuali e transessuali.

Chi vuole questo dovrebbe piuttosto proporre una riforma della legge 164/82 che regola i percorsi per le persone transessuali per introdurre l'autocertificazione di genere senza perizie o sentenze, tema sul quale non si può pensare di prendere scorciatoie, e che richiede una lunga e attenta riflessione.

L'orizzonte transumano non è affatto un destino ineluttabile. Ci sono altre possibilità.

Il femminismo, per esempio, ha in mente ben altra idea di civiltà, un neoumanesimo a radice femminile in cui le relazioni e la dipendenza tra i viventi sostituiscano l’illusione dell’individuo transumano sciolto da ogni legame, perfino da quello con il proprio corpo, precario assoluto, consumatore e produttore fungibile secondo le necessità del mercato.

Come si vede c'è molto da discutere. Tutto questo non ha niente a che vedere con la legittima richiesta di maggiori tutele per le persone omosessuali e transessuali.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
12 Aprile 2024
Chiuse in un recinto. Come a Kabul
Lettera aperta al Sindaco Gualtieri e alle altre autorità competenti sull’incredibile scena di discriminazione nel quartiere Centocelle a Roma: donne isolate come animali impuri per le celebrazioni di fine Ramadan. Chi ha dato il permesso per l’inaccettabile manifestazione? E che iniziative si intendono intraprendere contro questa barbarie misogina?
Al Sindaco di Roma Roberto Gualtieri Al Presidente del Municipio V Mauro Caliste Alla Commissione Pari Opportunità del Comune di Roma e p.c. Alla Ministra Pari Opportunità e Famiglia Eugenia Roccella Al Ministro dell'Interno Matteo Piantedosi Gentile Sindaco, gentile Presidente, gentili membri della Commissione Pari Opportunità, manifestiamo sgomento e sconcerto a fronte delle modalità con cui nel Municipio V della Capitale -piazza dei Mirti, quartiere Centocelle, a pochi metri dalla scuola intitolata ad Artemisia Gentileschi- si sono svolte le celebrazioni […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora
6 Marzo 2024
Scandalo WPATH: le "terapie" per i minori con disforia sono improvvisate e prescritte senza reale consenso
La World Professional Transgender Health è considerata la principale autorità scientifica e medica globale sulla “medicina di genere”: negli ultimi decenni i suoi standard di cura hanno plasmato le linee guida, le politiche e le pratiche di governi, associazioni mediche, sistemi sanitari pubblici e cliniche private in tutto il mondo, compresa l'OMS. Ma alcuni documenti trapelati rivelano la negligenza nei riguardi di bambini -compresi minori con gravi disturbi psichici- sottoposti a trattamenti improvvisati, senza tenere conto delle conseguenze a lungo termine e senza la certezza che avessero chiaro quello che stavano facendo
La notizia riesce a sconvolgere perfino chi lotta da tempo contro la terapia affermativa -bloccanti della pubertà, ormoni e chirurgia- per i minori non conformi al genere, come lo psicoanalista David Bell che ha denunciato lo scandalo alla Tavistock Clinic di Londra: "Anche per me il contenuto di questi file è scioccante e inquietante" ha dichiarato. "I file suggeriscono che alcuni membri del WPATH sono consapevoli che le cure che affermano il genere a volte causano danni molto gravi e […]
Leggi ora