Ddl Zan: meglio nessuna legge che la mediazione? La partita in mano al PD

Domani, 6 luglio, giornata decisiva per la legge contro l'omotransfobia. Si capirà se il centrosinistra accetterà qualche modifica del testo -via l'identità di genere, come chiediamo da sempre- o sceglierà di morire in battaglia
Condividi questo articolo

Domani, martedì 6 luglio, conosceremo il destino del ddl Zan. Vedremo se una mediazione sul testo sarà possibile o se invece Pd e 5Stelle decideranno di andare in battaglia in aula avvolti nella bandiera della gender identity.

Per almeno un anno abbiamo cercato un'interlocuzione per proporre alcuni cambiamenti nel testo. Eravamo davvero convinte che un dialogo costruttivo fosse possibile, anche per l'ottima ragione che la gran parte di noi proviene dal centrosinistra o ne fa parte.

Abbiamo trovato solo muri, sbeffeggiamenti e insulti a cominciare dallo stesso Zan, che insieme a Cirinnà e Boldrini ci ha più volte liquidato come "residuali" e irrilevanti, oltre al deliberato e tenace non ascolto da parte dei segretari Pd in successione, prima Zingaretti e poi Letta.

Alcune di noi studiano da molti anni la questione dell'identità di genere e l'impatto delle legislazioni gender friendly sulla società nel suo complesso e su donne, bambine e bambini in particolare. Siamo collegate ad organizzazioni femministe di molti Paesi, come ContraBorrado in Spagna e Cawsbar in Canada, facciamo parte della rete globale gender critical WHRC che conta quasi 20 mila iscritte e raccoglie centinaia di associazioni nel mondo. In breve, ne sappiamo moltissimo, ne sappiamo più di tutti, e il nostro Feminist Post insieme ad altri siti internazionali raccoglie tutte le informazioni necessarie a farsi un'idea.

L'intenzione era mettere il nostro patrimonio di conoscenza a disposizione dei parlamentari che verosimilmente di queste faccende non si sono mai occupati. Non ha funzionato. L'unica breccia nel centrosinistra è stata aperta da Italia Viva, impegnata da qualche tempo in un tentativo di mediazione.

Nelle ultime settimane al nostro interno si sono delineati due diversi punti di vista: una parte di noi ha ritenuto di continuare a cercare l'interlocuzione, in particolare con il Pd, nell'intento di cambiare il ddl Zan per "salvarlo"; altre si sono orientate diversamente nella convinzione che non ci fosse più nulla da salvare e nessun dialogo da perseguire, avendo constatato un'assoluta indisponibilità. E si sono coagulate intorno alla proposta di ripescare il "vecchio" ddl Scalfarotto che potrebbe garantire un'ottima e semplice legge contro i crimini omotrasfobici senza introdurre surrettiziamente l'autodeterminazione di genere. Io ero fra queste, e ho rilanciato in ogni occasione -qui, sui giornali, in Senato- l'ipotesi Scalfarotto.

Italia Viva ha ritenuto che fosse una buona idea, ne ha fatto la propria proposta di mediazione rilanciandola al tavolo del Senato, e domani si andrà al vaglio definitivo: o si media o si va alla conta in aula.

Mentre non mancano aperture da parte del centrodestra, il Pd sembra arroccato sul testo Zan. Difficile da comprendere, per almeno due ragioni: 1. anche il ddl Scalfarotto nasce nel centrosinistra, fa parte del suo patrimonio, fu sottoscritto dallo stesso Zan e garantirebbe un'efficace tutela contro l'omotransfobia 2. il ddl Scalfarotto troverebbe una maggioranza in Senato -anche Salvini converge sul testo- mentre il ddl Zan no.

Un argomento da parte del Pd è che il ddl Scalfarotto lascerebbe senza tutela le persone transessuali. Assolutamente infondato: il ddl Scalfarotto nomina esplicitamente la transfobia, mentre il ddl Zan non lo fa; e del resto sarebbe ben strano se il ddl Scalfarotto -ripetiamo, sottoscritto a suo tempo dallo stesso Zan- avesse voluto lasciare senza tutela le persone trans.

Si tratta, come è evidente, di argomenti pretestuosi. La vera questione sono i rapporti di forza tra Pd e Italia Viva da una parte e il centrodestra dall'altra. Ma l'esito del braccio di ferro politicistico ed elettoralistico potrebbe essere rovinoso proprio sul fronte della lotta contro l'omotransfobia. Meglio nessuna legge, se non è la legge Zan?

La non-mediazione con conta in aula potrebbe significare non soltanto l'affossamento del ddl Zan, ma anche la rinuncia definitiva a una legge almeno in questa legislatura. Se poi, come da sondaggi, la prossima fosse una legislatura con maggioranza di centrodestra, di leggi contro l'omotransfobia non si parlerebbe proprio più.

Se invece, ma è altamente improbabile, la conta in aula dovesse essere a favore del ddl Zan, si creerebbe un notevole problema nell'attuale maggioranza di governo, con possibili ricadute sul altri fronti.

Non ci sono, per concludere, ragioni sensate per dire no alla buona legge contro l'omotransfobia che sarebbe garantita dalla proposta Scalfarotto e che potrebbe essere rapidamente approvata. La speranza è quindi che il Pd accetti la mediazione.

Quanto invece all'identità e all'autocertificazione di genere, che come dicevamo il ddl Zan presumeva di introdurre in modo del tutto surrettizio: si tratterebbe di un vero e proprio civilization change in direzione del transumanesimo, progetto che nulla ha a che vedere con il rispetto e la tutela delle persone omosessuali e transessuali.

Chi vuole questo dovrebbe piuttosto proporre una riforma della legge 164/82 che regola i percorsi per le persone transessuali per introdurre l'autocertificazione di genere senza perizie o sentenze, tema sul quale non si può pensare di prendere scorciatoie, e che richiede una lunga e attenta riflessione.

L'orizzonte transumano non è affatto un destino ineluttabile. Ci sono altre possibilità.

Il femminismo, per esempio, ha in mente ben altra idea di civiltà, un neoumanesimo a radice femminile in cui le relazioni e la dipendenza tra i viventi sostituiscano l’illusione dell’individuo transumano sciolto da ogni legame, perfino da quello con il proprio corpo, precario assoluto, consumatore e produttore fungibile secondo le necessità del mercato.

Come si vede c'è molto da discutere. Tutto questo non ha niente a che vedere con la legittima richiesta di maggiori tutele per le persone omosessuali e transessuali.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
3 Dicembre 2022
Uk: le Sirene non sguazzano più
Sotto inchiesta Mermaids, ente di "beneficenza" britannico che si occupa di transizione dei minori, allo scopo di appurare i criteri della sua attività che secondo i detrattori incoraggia bambine e bambini sulla strada della "libera identità di genere". Intanto la presidente Susie Green si è improvvisamente dimessa e molte organizzazioni ed enti governativi, a partire dal Dipartimento dell'Educazione, hanno interrotto la collaborazione con l'ente e sospeso i finanziamenti pubblici
Qualche settimana fa Susie Green, leader di Mermaids, associazione di "beneficenza" britannica che si occupa di transizione dei minori, si è improvvisamente dimessa dal suo incarico senza dare alcuna spiegazione. Segnale che tra le Sirene qualcosa non sta funzionando. Mermaids è stata fondata nel 1995 e composta esclusivamente da volontari fino al 2016, quando Green è diventata presidente. Ha sede a Leeds, ufficio a Londra, e conta 44 membri dello staff e 110 volontari. La Charity Commission del governo ha avviato […]
Leggi ora
26 Novembre 2022
Riforma del Reddito di Cittadinanza: si tenga conto della differenza sessuale
La situazione occupazionale e i livelli retributivi delle donne -con forte variabilità regionale- sono molto diversi tra donne e uomini. Così è stato anche per il reddito, che ha avuto effetti positivi anche sulla natalità. Ecco perché il cambiamento dell'istituto richiede un'attenta valutazione del cosiddetto "impatto di genere": una riforma "uguale" potrebbe avere effetti diseguali in base al sesso
Ormai a 360°, sia pure con impostazioni e soluzioni diverse, si riconosce la necessità di una riforma del reddito di cittadinanza. Il governo Meloni ha presentato il suo piano in progress. Ma la considerazione di quello che viene definito "impatto di genere" -cioè la valutazione degli effetti della riforma sulle donne- appare ancora insufficiente, generalmente sottovalutato dalle analisi. In una situazione sociale e in un mercato del lavoro come quello italiano che vede le donne fortemente svantaggiate tanto nei livelli […]
Leggi ora
21 Novembre 2022
I "clienti" di prostituzione sanno benissimo di commettere una violenza
Una ricerca sui compratori di sesso dimostra che gli uomini sono perfettamente consapevoli del fatto che la prostituzione è violenza, che le organizzazioni criminali tengono le donne nel terrore e che non c'è "regolamentazione" che tenga. Ma si fermano solo se rischiano una condanna penale, come accade in Svezia, Norvegia, Canada, Francia, Irlanda, Israele e in altri paesi che hanno introdotto il modello abolizionista. Diversamente continuano a considerare lo stupro a pagamento come un loro diritto
di Julie Bindel La Germania è conosciuta come il bordello d’Europa. È un titolo conquistato faticosamente. Con più di 3.000 bordelli in tutto il Paese, e 500 solo a Berlino, il suo commercio sessuale vale più di 11 miliardi di sterline all’anno. La prostituzione, in tutte le sue forme, è legale in Germania, sin dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Recentemente, però, l’atteggiamento sta cambiando. La gente e i politici chiedono al governo di prendere atto del cosiddetto “stato pappone” e […]
Leggi ora
11 Novembre 2022
Iranian Beauty
In Iran la bellezza femminile diventa la leva di una vera rivoluzione: niente di simile alla mortificazione-mercificazione dei corpi che in Occidente viene propagandata come libertà. La lotta per poter essere donne rivela l'ipocrisia del queer
Sono ormai quasi due mesi che è iniziata la rivolta delle ragazze iraniane contro il velo, un'onda incontenibile che ogni giorno produce di nuove immagini, nuovi contenuti, una ventata di aria fresca rispetto a certe narrazioni sulle donne nel mondo islamico, ma anche uno specchio che rivela quanto di artefatto ci sia dietro tante parole d’ordine politicamente corrette del femminismo intersezionale o transfemminismo. Primo: il velo non è una libera scelta né tantomeno quell'empowerment femminista su cui ci bombarda da […]
Leggi ora
7 Novembre 2022
Belgio, nuova legge sul femminicidio. Da studiare
In Europa la violenza maschile è la principale causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni. Il Belgio si attrezza con una nuova legge che per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche fondate su statistiche ufficiali. Avendo ben presente che la violenza è un dispositivo del dominio maschile
Fermare la strage delle donne. E’ questo il senso della nuova “legge sulla prevenzione e la lotta contro i femminicidi, i delitti basati sul genere e le violenze che li precedono” adottata in prima lettura nel Consiglio dei ministri lo scorso 25 ottobre in Belgio. Depositata dalla Segretaria di Stato per la Parità di Genere, Sarah Schlitz (Ecolo/Verdi), la legge quadro per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche di lotta fondate su statistiche ufficiali. E in […]
Leggi ora
29 Ottobre 2022
Il nome della premier
Giorgia Meloni non è femminista. La sua storia non è questa. Non ha condiviso le lunghe battaglie sulla lingua, sulla declinazione al femminile anziché al neutro-maschile. Ma il linguaggio oggi è un campo di battaglia che struttura le più importanti questioni politiche. E merita da parte sua un supplemento di riflessione
Giorgia Meloni non è femminista. Non è questa la sua storia. Nessuna donna di destra o centrodestra che abbia assunto importanti incarichi politici, da Thatcher a Merkel, si è mai detta femminista. Ne consegue la non-sensibilità alla declinazione femminile del proprio incarico, a cui il femminismo invece dà importanza. Anche se Angela Merkel alla fine del suo lungo cancellierato, nel corso di un incontro con la scrittrice Chimamanda Ngozi Adichie, ha accettato di dirsi femminista. Secondo Alice Schwarzer, fondatrice della […]
Leggi ora