Ddl Zan: chiamare le cose con il loro nome

Il vero nome del ddl Zan, stoppato alcuni giorni fa al Senato, avrebbe dovuto essere ddl sull'autocertificazione di genere e non contro l'omotransfobia. Era quello, il self-id, il vero obiettivo, ed è per questo che la legge si è arenata. Sacrificando la giusta tutela delle persone omosessuali e transessuali alla protervia del transattivismo queer
Condividi questo articolo

Un breve commento, dopo l'archiviazione del ddl Zan sull'omobitrasfobia, destinato soprattutto alle sorelle e amiche non italiane che ci chiedono di spiegare; e a chi, fra le italiane, non abbia ancora chiaro quello che è successo.

Più o meno un anno fa il ddl Zan contro l'omobitrasfobia è stato approvato alla Camera nel silenzio e nella disattenzione generale. In quella fase i media hanno del tutto oscurato il dibattito, mentre l'ondata Covid in corso -in Italia non era ancora cominciata la campagna vaccinale- stava catalizzando l'attenzione dell'opinione pubblica. Il centrosinistra aveva votato compattamente a favore, cosa che non si è ripetuta quando il ddl è arrivato al Senato per l'approvazione definitiva. La verità è che la gran parte delle deputate e dei deputati, come è stato in seguito riconosciuto dal alcuni tra loro (primo fra tutti Stefano Fassina), non aveva davvero capito quello che stava approvando. Convinti di votare una legge contro i crimini di odio ai danni delle persone omosessuali e transessuali, non avevano compreso che il vero core della legge era l'identità di genere, primo passo in direzione del self-id.

In Italia è in vigore una legge, la 164/82, non dissimile dal Gender Recognition Act inglese, che regola il percorso per il "cambiamento di sesso", percorso che si conclude con la pronuncia di un tribunale. Questa legge è stata aggiornata negli anni da una serie di sentenze: per esempio, oggi non è più richiesta la mutilazione chirurgica per ottenere il cambio di sesso sui documenti. Resta tuttavia necessario affrontare tutto il percorso, con perizie e sentenza finale. Quello che il ddl Zan intendeva introdurre surrettiziamente era l'autocertificazione di genere o self-id.

Ddl Zan: chiamare le cose con il loro nome
La transfemminista Angela Azzaro chiarisce che il vero obiettivo del ddl Zan era l'identità di genere o self-id

I deputati, dicevamo, non l'avevano capito. Molti cittadini non l'hanno capito nemmeno oggi. Ma noi femministe radicali sì, come potete vedere dall'immagine sopra, che risale a più di un anno fa. La lotta è stata a mani nude, e davvero molto dura, in particolare su due fronti: 1. rompere il silenzio dei media 2. interloquire con il centrosinistra -area politica della grande maggioranza fra noi- per apportare modifiche al testo del ddl.

Il primo obiettivo l'abbiamo in qualche modo raggiunto: con grande fatica siamo riuscite a "bucare", abbiamo fatto un grande lavoro sui social media, siamo uscite sui giornali, abbiamo strappato qualche passaggio in tv, siamo state audite in Senato. Il secondo obiettivo, interloquire con i proponenti, l'abbiamo del tutto mancato. Con rarissime eccezioni, nessuno ha mai voluto ascoltarci e confrontarsi con noi, dal primo firmatario Alessandro Zan, ai segretari dei partiti di sinistra (PD, M5S, LeU), alle donne di quei partiti.

Un muro invalicabile, una sordità assoluta, accompagnata da sprezzo misogino: siete una minoranza retriva, non rappresentate nessuno, e così via.

Le nostre obiezioni erano fondate e ragionevoli: oltre al no all'identità di genere (art.1) chiedevamo che la legge non venisse allargata all'odio misogino -le donne non sono una minoranza da tutelare ma la maggioranza del genere umano, e il femminismo non aveva mai chiesto una legge simile, soprattutto se concessa da misogini favorevoli a utero in affitto e "sex work"-. Chiedevamo che la propaganda transattivista restasse fuori dalle scuole (art.7) e che la libertà di espressione fosse davvero garantita (art. 4).

Abbiamo perfino proposto che si tornasse a un precedente disegno di legge (Scalfarotto-Annibali) che avrebbe garantito davvero la tutela delle persone omosessuali e transessuali.

I nostri argomenti sono stati ripresi e utilizzati dai partiti di destra e dai moderati: è stato davvero sorprendente sentire nominare Judith Butler e il transumanesimo dai deputati conservatori. Ma come abbiamo visto hanno fatto breccia anche presso una piccola parte della sinistra, che alla fine non ha sostenuto il disegno di legge, facendo mancare i numeri necessari per procedere nell'iter di approvazione al Senato. E' stata qui la nostra vittoria.

Abbiamo il fondato sospetto che una parte degli stessi proponenti abbia voluto stoppare la legge, che se approvata avrebbe aperto scenari davvero difficili da gestire e giustificare di fronte a un'opinione pubblica in grande parte sfavorevole al self-id, ma tuttora ignara che il vero obiettivo del ddl fosse quello.

E dispiace davvero che le persone omosessuali e transessuali non abbiano ottenuto la tutela che chiedevano a causa della protervia del transattivismo queer: i veri omofobici e transofobici sono proprio loro.

Per noi e per tutte, una lezione: non arrendersi, mai. Oggi lo diciamo soprattutto alle sorelle spagnole e tedesche che si trovano a lottare contro leggi simili. Non avremmo mai creduto di farcela, a mani nude, contro un mainstream universale schierato a favore del ddl, ma non ci siamo lasciate scoraggiare e abbiamo raggiunto l'obiettivo, sia pure amaramente. E soprattutto, pretendere che le cose vengano chiamate con il loro nome. Non consentire che una legge il cui scopo è introdurre il self-id si presenti come qualcos'altro, mascherando il vero obiettivo dietro a proposte più ragionevoli e condivise.

Ogni volta che vedete menzionata l'identità di genere, aguzzate le orecchie, e preparatevi a lottare.

Marina Terragni (RadFem Italia, WHRC Italy)


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
26 Novembre 2022
Riforma del Reddito di Cittadinanza: si tenga conto della differenza sessuale
La situazione occupazionale e i livelli retributivi delle donne -con forte variabilità regionale- sono molto diversi tra donne e uomini. Così è stato anche per il reddito, che ha avuto effetti positivi anche sulla natalità. Ecco perché il cambiamento dell'istituto richiede un'attenta valutazione del cosiddetto "impatto di genere": una riforma "uguale" potrebbe avere effetti diseguali in base al sesso
Ormai a 360°, sia pure con impostazioni e soluzioni diverse, si riconosce la necessità di una riforma del reddito di cittadinanza. Il governo Meloni ha presentato il suo piano in progress. Ma la considerazione di quello che viene definito "impatto di genere" -cioè la valutazione degli effetti della riforma sulle donne- appare ancora insufficiente, generalmente sottovalutato dalle analisi. In una situazione sociale e in un mercato del lavoro come quello italiano che vede le donne fortemente svantaggiate tanto nei livelli […]
Leggi ora
21 Novembre 2022
I "clienti" di prostituzione sanno benissimo di commettere una violenza
Una ricerca sui compratori di sesso dimostra che gli uomini sono perfettamente consapevoli del fatto che la prostituzione è violenza, che le organizzazioni criminali tengono le donne nel terrore e che non c'è "regolamentazione" che tenga. Ma si fermano solo se rischiano una condanna penale, come accade in Svezia, Norvegia, Canada, Francia, Irlanda, Israele e in altri paesi che hanno introdotto il modello abolizionista. Diversamente continuano a considerare lo stupro a pagamento come un loro diritto
di Julie Bindel La Germania è conosciuta come il bordello d’Europa. È un titolo conquistato faticosamente. Con più di 3.000 bordelli in tutto il Paese, e 500 solo a Berlino, il suo commercio sessuale vale più di 11 miliardi di sterline all’anno. La prostituzione, in tutte le sue forme, è legale in Germania, sin dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Recentemente, però, l’atteggiamento sta cambiando. La gente e i politici chiedono al governo di prendere atto del cosiddetto “stato pappone” e […]
Leggi ora
11 Novembre 2022
Iranian Beauty
In Iran la bellezza femminile diventa la leva di una vera rivoluzione: niente di simile alla mortificazione-mercificazione dei corpi che in Occidente viene propagandata come libertà. La lotta per poter essere donne rivela l'ipocrisia del queer
Sono ormai quasi due mesi che è iniziata la rivolta delle ragazze iraniane contro il velo, un'onda incontenibile che ogni giorno produce di nuove immagini, nuovi contenuti, una ventata di aria fresca rispetto a certe narrazioni sulle donne nel mondo islamico, ma anche uno specchio che rivela quanto di artefatto ci sia dietro tante parole d’ordine politicamente corrette del femminismo intersezionale o transfemminismo. Primo: il velo non è una libera scelta né tantomeno quell'empowerment femminista su cui ci bombarda da […]
Leggi ora
7 Novembre 2022
Belgio, nuova legge sul femminicidio. Da studiare
In Europa la violenza maschile è la principale causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni. Il Belgio si attrezza con una nuova legge che per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche fondate su statistiche ufficiali. Avendo ben presente che la violenza è un dispositivo del dominio maschile
Fermare la strage delle donne. E’ questo il senso della nuova “legge sulla prevenzione e la lotta contro i femminicidi, i delitti basati sul genere e le violenze che li precedono” adottata in prima lettura nel Consiglio dei ministri lo scorso 25 ottobre in Belgio. Depositata dalla Segretaria di Stato per la Parità di Genere, Sarah Schlitz (Ecolo/Verdi), la legge quadro per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche di lotta fondate su statistiche ufficiali. E in […]
Leggi ora
29 Ottobre 2022
Il nome della premier
Giorgia Meloni non è femminista. La sua storia non è questa. Non ha condiviso le lunghe battaglie sulla lingua, sulla declinazione al femminile anziché al neutro-maschile. Ma il linguaggio oggi è un campo di battaglia che struttura le più importanti questioni politiche. E merita da parte sua un supplemento di riflessione
Giorgia Meloni non è femminista. Non è questa la sua storia. Nessuna donna di destra o centrodestra che abbia assunto importanti incarichi politici, da Thatcher a Merkel, si è mai detta femminista. Ne consegue la non-sensibilità alla declinazione femminile del proprio incarico, a cui il femminismo invece dà importanza. Anche se Angela Merkel alla fine del suo lungo cancellierato, nel corso di un incontro con la scrittrice Chimamanda Ngozi Adichie, ha accettato di dirsi femminista. Secondo Alice Schwarzer, fondatrice della […]
Leggi ora
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora