Congedo di paternità a 3 mesi: ma madri e padri non sono pari

La misura del "Family Act" annunciata dalla ministra per le Pari Opportunità Bonetti al Women’s Forum G20 Italy. Ma se una maggiore partecipazione maschile è auspicabile, la logica paritaria che ispira la condivisione si muove ancora una volta in direzione del neutro, negando la differenza femminile e promuovendo azioni inefficaci
Condividi questo articolo

Nel corso dell’apertura a Milano del “Women’s Forum G20 Italy” la Ministra per le Pari Opportunità Elena Bonetti ha annunciato il progetto di allungare gradualmente il congedo di paternità obbligatorio dagli attuali 10 giorni a 3 mesi, nell’ambito del “Family Act". 

Il prolungamento - e in alcuni casi la parificazione - dei congedi dei padri e delle madri si presenta come una politica progressista finalizzata a raggiungere una maggiore “parità tra i sessi” in famiglia e nel lavoro, oltre a incoraggiare una condivisione dei carichi di cura che oggi gravano sulle donne in modo sproporzionato e spesso senza riconoscimento né formale né materiale.

In riferimento all’allungamento del periodo di congedo obbligatorio dei padri dopo la nascita di una figlia/o, Bonetti dichiara l’obiettivo di "parificare la responsabilità maschile a quella femminile". In un momento storico in cui il concetto di “diritti” viene esteso fino a nominare i più svariati desideri individuali, è certamente apprezzabile l’accento posto sul concetto di responsabilità. Anche nell’ambito della genitorialità ha infatti trovato spazio un discorso sui diritti che rappresenta prevalentemente i desideri degli adulti, raramente centrati sulle bambine/i. Per esempio il ricorso all’utero in affitto e alla fecondazione medicalmente assistita viene rivendicato come “diritto” che lo Stato dovrebbe garantire, sorvolando sulle ragioni del business e sulle implicazioni in termini di morale e di salute fisica e psicologica per donne e bambine/i.

Tornando alla misura di cui si discute, nelle linee dell’attuale Governo e nel PNRR si menziona spesso la necessità di aumentare l’occupazione femminile per raggiungere la “parità di genere”. Negli anni Settanta il femminismo ha criticato il concetto di '“emancipazione” e di “parità” che finiva per proporre l'omologazione al modello maschile, negando la libera espressione della differenza femminile. Una lezione che oggi appare dimenticata, anche se offrirebbe spunti utili a capire per quale ragione molte politiche “dalle buone intenzioni” paritarie non stanno producendo il cambiamento sperato, ma si limitano ad incoraggiare le donne a "essere come gli uomini", aderendo a un modello ancora saldamente maschile e patriarcale.

L’aumento del tempo di congedo obbligatorio ai padri servirebbe, secondo i sostenitori, a ridurre per le aziende i costi relativi all'assunzione di una donna (neo madre e/o potenziale neo madre) rispetto a quelli un uomo (neo padre e/o potenziale neo padre). L’efficacia di questa misura andrebbe valutata ex-post: la cura e i carichi familiari non si esauriscono dopo i primi tre mesi di una figlia/o e non riguardano solo le donne che hanno figlie/i. Sarebbe opportuno un dibattito per considerare i motivi per cui i congedi volontari oggi non vengono utilizzati dai padri e quindi se l’obbligatorietà di questa misura possa contribuire a scopo “educativo” o invece a cambiare gli equilibri di potere che generano la maggior parte delle ingiustizie subite dalle donne in ogni parte del mondo.

Se è vero che “per crescere un bambino ci vuole un villaggio” questa misura potrebbe forse andare anche nella direzione di ridurre la solitudine fisica e morale sperimentata dalle donne che diventano madri in Occidente. In ogni caso, parificare anche solo verbalmente il padre e la madre nei primi mesi di vita rimane un obiettivo figlio di una impostazione culturale votata al neutro, tutta da discutere e da mettere alla prova.

Per generare un cambiamento occorre invece riconoscere in pieno la differenza, esplorarla per riformare nel concreto il modello tenendo conto della libera espressione della differenza femminile, differenza che fonda l'umano e chiede di poter plasmare il mondo, domestico e pubblico.

Se non riconoscono la differenza, le politiche della parità rischiano di diventare delle "politiche dell'indifferenza", ingiuste e iscritte nel solo ordine simbolico maschile. 

Veronica Tamborini


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
26 Novembre 2022
Riforma del Reddito di Cittadinanza: si tenga conto della differenza sessuale
La situazione occupazionale e i livelli retributivi delle donne -con forte variabilità regionale- sono molto diversi tra donne e uomini. Così è stato anche per il reddito, che ha avuto effetti positivi anche sulla natalità. Ecco perché il cambiamento dell'istituto richiede un'attenta valutazione del cosiddetto "impatto di genere": una riforma "uguale" potrebbe avere effetti diseguali in base al sesso
Ormai a 360°, sia pure con impostazioni e soluzioni diverse, si riconosce la necessità di una riforma del reddito di cittadinanza. Il governo Meloni ha presentato il suo piano in progress. Ma la considerazione di quello che viene definito "impatto di genere" -cioè la valutazione degli effetti della riforma sulle donne- appare ancora insufficiente, generalmente sottovalutato dalle analisi. In una situazione sociale e in un mercato del lavoro come quello italiano che vede le donne fortemente svantaggiate tanto nei livelli […]
Leggi ora
21 Novembre 2022
I "clienti" di prostituzione sanno benissimo di commettere una violenza
Una ricerca sui compratori di sesso dimostra che gli uomini sono perfettamente consapevoli del fatto che la prostituzione è violenza, che le organizzazioni criminali tengono le donne nel terrore e che non c'è "regolamentazione" che tenga. Ma si fermano solo se rischiano una condanna penale, come accade in Svezia, Norvegia, Canada, Francia, Irlanda, Israele e in altri paesi che hanno introdotto il modello abolizionista. Diversamente continuano a considerare lo stupro a pagamento come un loro diritto
di Julie Bindel La Germania è conosciuta come il bordello d’Europa. È un titolo conquistato faticosamente. Con più di 3.000 bordelli in tutto il Paese, e 500 solo a Berlino, il suo commercio sessuale vale più di 11 miliardi di sterline all’anno. La prostituzione, in tutte le sue forme, è legale in Germania, sin dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Recentemente, però, l’atteggiamento sta cambiando. La gente e i politici chiedono al governo di prendere atto del cosiddetto “stato pappone” e […]
Leggi ora
29 Ottobre 2022
Il nome della premier
Giorgia Meloni non è femminista. La sua storia non è questa. Non ha condiviso le lunghe battaglie sulla lingua, sulla declinazione al femminile anziché al neutro-maschile. Ma il linguaggio oggi è un campo di battaglia che struttura le più importanti questioni politiche. E merita da parte sua un supplemento di riflessione
Giorgia Meloni non è femminista. Non è questa la sua storia. Nessuna donna di destra o centrodestra che abbia assunto importanti incarichi politici, da Thatcher a Merkel, si è mai detta femminista. Ne consegue la non-sensibilità alla declinazione femminile del proprio incarico, a cui il femminismo invece dà importanza. Anche se Angela Merkel alla fine del suo lungo cancellierato, nel corso di un incontro con la scrittrice Chimamanda Ngozi Adichie, ha accettato di dirsi femminista. Secondo Alice Schwarzer, fondatrice della […]
Leggi ora
21 Ottobre 2022
Donne-contenitori: prolife e pro-utero in affitto la vedono allo stesso modo
Per gli uni e per gli altri il corpo femminile deve mettersi a disposizione per "produrre" il nascituro rinunciando alla possibilità di scelta una volta che la gravidanza è avviata. Ma una nuova vita inizia davvero solo quando c'è il sì materno: fatto inaggirabile e irraggiungibile dal diritto. Diversamente l'unica possibilità è la coazione
Sul ddl depositato da Maurizio Gasparri per modificare l’articolo 1 del Codice civile e introdurre nel nostro ordinamento il riconoscimento della capacità giuridica al concepito "con l’intento di prevenire l’aborto volontario, in qualsiasi forma, legale o clandestino che sia” si possono dire almeno tre cose. La prima: è altamente improbabile che il ddl arrivi nelle aule parlamentari. L'immediata conseguenza della sua approvazione sarebbe la sostanziale inapplicabilità della legge 194 perché l'aborto equivarrebbe di fatto a un omicidio. Nessuna delle forze di maggioranza […]
Leggi ora
16 Ottobre 2022
Il simbolico è politico
Il no di Giorgia Meloni ai desiderata di Silvio Berlusconi è stato definito una nemesi: una giovane donna che affonda il vecchio leader -"drago divoratore di vergini" lo ha definito l'ex-moglie- e non si fa intimorire da amici e nemici. Un imprevisto nella nostra politica misogina. Anche se la futura premier non si è mai definita femminista
Supponente, prepotente, arrogante e offensiva. E lei che a breve giro risponde di non essere ricattabile. Insomma, parafrasando un altro celebre scambio di battute, "non a disposizione". I maggiori quotidiani hanno già parlato di nemesi. Il Cavaliere messo sotto da una donna molto più giovane di lui, Giorgia Meloni, che a 45 anni potrebbe essere la prima a guidare un governo in Italia: i conti duri con il padre, del resto, fanno parte della sua biografia. Sul fronte opposto, il […]
Leggi ora
13 Ottobre 2022
Boldrini sbaglia
In nome della bigenitorialità e di un paritarismo ideologico la parlamentare PD propone una modifica dell'art. 37 della Costituzione che parla della relazione tra la madre e il figlio come meritevole di "speciale protezione". Sarebbe un gran regalo "costituzionale" alla lobby dei padri separati sostenuta in particolare dalla Lega. E accrescerebbe i rischi per madri e bambini
Laura Boldrini annuncia la sua intenzione di depositare immediatamente in Parlamento una serie di proposte che chiama "pacchetto diritti". Tra queste, l'idea di una modifica dell'art. 37 della Costituzione in cui si afferma che "La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro devono consentire l'adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione". L'intento di Boldrini è […]
Leggi ora