Congedo di paternità a 3 mesi: ma madri e padri non sono pari

La misura del "Family Act" annunciata dalla ministra per le Pari Opportunità Bonetti al Women’s Forum G20 Italy. Ma se una maggiore partecipazione maschile è auspicabile, la logica paritaria che ispira la condivisione si muove ancora una volta in direzione del neutro, negando la differenza femminile e promuovendo azioni inefficaci
Condividi questo articolo

Nel corso dell’apertura a Milano del “Women’s Forum G20 Italy” la Ministra per le Pari Opportunità Elena Bonetti ha annunciato il progetto di allungare gradualmente il congedo di paternità obbligatorio dagli attuali 10 giorni a 3 mesi, nell’ambito del “Family Act". 

Il prolungamento - e in alcuni casi la parificazione - dei congedi dei padri e delle madri si presenta come una politica progressista finalizzata a raggiungere una maggiore “parità tra i sessi” in famiglia e nel lavoro, oltre a incoraggiare una condivisione dei carichi di cura che oggi gravano sulle donne in modo sproporzionato e spesso senza riconoscimento né formale né materiale.

In riferimento all’allungamento del periodo di congedo obbligatorio dei padri dopo la nascita di una figlia/o, Bonetti dichiara l’obiettivo di "parificare la responsabilità maschile a quella femminile". In un momento storico in cui il concetto di “diritti” viene esteso fino a nominare i più svariati desideri individuali, è certamente apprezzabile l’accento posto sul concetto di responsabilità. Anche nell’ambito della genitorialità ha infatti trovato spazio un discorso sui diritti che rappresenta prevalentemente i desideri degli adulti, raramente centrati sulle bambine/i. Per esempio il ricorso all’utero in affitto e alla fecondazione medicalmente assistita viene rivendicato come “diritto” che lo Stato dovrebbe garantire, sorvolando sulle ragioni del business e sulle implicazioni in termini di morale e di salute fisica e psicologica per donne e bambine/i.

Tornando alla misura di cui si discute, nelle linee dell’attuale Governo e nel PNRR si menziona spesso la necessità di aumentare l’occupazione femminile per raggiungere la “parità di genere”. Negli anni Settanta il femminismo ha criticato il concetto di '“emancipazione” e di “parità” che finiva per proporre l'omologazione al modello maschile, negando la libera espressione della differenza femminile. Una lezione che oggi appare dimenticata, anche se offrirebbe spunti utili a capire per quale ragione molte politiche “dalle buone intenzioni” paritarie non stanno producendo il cambiamento sperato, ma si limitano ad incoraggiare le donne a "essere come gli uomini", aderendo a un modello ancora saldamente maschile e patriarcale.

L’aumento del tempo di congedo obbligatorio ai padri servirebbe, secondo i sostenitori, a ridurre per le aziende i costi relativi all'assunzione di una donna (neo madre e/o potenziale neo madre) rispetto a quelli un uomo (neo padre e/o potenziale neo padre). L’efficacia di questa misura andrebbe valutata ex-post: la cura e i carichi familiari non si esauriscono dopo i primi tre mesi di una figlia/o e non riguardano solo le donne che hanno figlie/i. Sarebbe opportuno un dibattito per considerare i motivi per cui i congedi volontari oggi non vengono utilizzati dai padri e quindi se l’obbligatorietà di questa misura possa contribuire a scopo “educativo” o invece a cambiare gli equilibri di potere che generano la maggior parte delle ingiustizie subite dalle donne in ogni parte del mondo.

Se è vero che “per crescere un bambino ci vuole un villaggio” questa misura potrebbe forse andare anche nella direzione di ridurre la solitudine fisica e morale sperimentata dalle donne che diventano madri in Occidente. In ogni caso, parificare anche solo verbalmente il padre e la madre nei primi mesi di vita rimane un obiettivo figlio di una impostazione culturale votata al neutro, tutta da discutere e da mettere alla prova.

Per generare un cambiamento occorre invece riconoscere in pieno la differenza, esplorarla per riformare nel concreto il modello tenendo conto della libera espressione della differenza femminile, differenza che fonda l'umano e chiede di poter plasmare il mondo, domestico e pubblico.

Se non riconoscono la differenza, le politiche della parità rischiano di diventare delle "politiche dell'indifferenza", ingiuste e iscritte nel solo ordine simbolico maschile. 

Veronica Tamborini


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
26 Maggio 2022
Femminista norvegese rischia 3 anni di carcere per avere detto che un uomo non può essere madre
Christine Ellington, referente per la Norvegia di WDI, indagata dalla polizia per crimine d'odio nei confronti di tale Jentoft che si dice "lesbica". E che ha denunciato, con il sostegno di Amnesty International. Oggi dirsi donna è possibile per tutti. Tranne che per le donne
Mentre Netflix è sotto attacco transattivista per avere trasmesso lo stand-up dell’attore Ricky Gervais, che ha osato ironizzare sulle “donne con il pene”, in Norvegia si scherza molto meno. Christina Ellington, rappresentante di WDI (Women’s Declaration International) è indagata dalla polizia e rischia 3 anni di galera per avere twittato che i maschi non possono essere lesbiche e per avere detto in tv a  tale Jentoft, maschio che si identifica come una donna lesbica: "Tu sei un uomo. Non puoi essere […]
Leggi ora
21 Maggio 2022
Aborto: precisamente che cosa vogliono i pro-life?
Oggi a Roma la Manifestazione per la Vita che tornerà a gridare no all'aborto, in attesa della sentenza della Corte Suprema che potrebbe renderlo illegale negli USA. Ma l'abolizione della legge 194 è impensabile, non esiste una maggioranza che la sosterrebbe. Che cosa si chiede allora? Quali sono i veri obiettivi del movimento?
Oggi a Roma si svolgerà la Manifestazione per la Vita. Al netto del terremoto che sta scuotendo il mondo dei cosiddetti pro-life (un buon resoconto lo potete trovare qui), la piazza di oggi è fortemente corroborata dal vento USA e dal fatto che nel giro di poche settimane la Corte Suprema americana potrebbe confermare con sentenza definitiva la messa fuori legge dell'interruzione di gravidanza (ne abbiamo parlato qui). Nel rispetto delle opinioni di tutti, la posizione dei pro-life italiani è […]
Leggi ora
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
13 Maggio 2022
Destra, sinistra, umano, transumano
Il tema dei "diritti" -dall'identità di genere all'utero in affitto- non è complementare o a latere, ma delinea l'orizzonte verso il quale ci si muove. Ma la prospettiva post-umana perseguita dai progressisti non è unica e ineluttabile. L'alternativa esiste: una civiltà a radice femminile
Ripresentando il ddl Zan, al Senato con scarsissime possibilità che passi -quando invece altre soluzioni, tipo il ddl Scalfarotto, avrebbero assicurato una legge contro l'omobitransfobia- il segretario PD Letta ha più volte sottolineato che il tema dei diritti è decisivo per il suo partito. Tema dei diritti che tuttavia è sempre posto come complementare, a latere di questioni ritenute ben più rilevanti: la guerra, certo, i temi economici ma anche semplicemente la legge elettorale. In verità il più della partita […]
Leggi ora
4 Maggio 2022
Aborto in USA: qualcosa non torna
Una "manina" fa uscire in largo anticipo una sentenza della Corte Suprema che renderebbe illegale l'interruzione di gravidanza. A vantaggio di chi, e perché? Con quali conseguenze sulle elezioni di midterm, in cui Biden era dato perdente? E che cosa c'entra con tutto questo il femminismo gender critical, a cui alcuni osservatori liberal intendono dare la colpa?
Una vera bomba politica scagliata a pochi mesi dalle elezioni di midterm la bozza della sentenza della Corte Suprema americana, fortunosamente fuoruscita, che renderebbe l'aborto illegale negli Stati Uniti, rovesciando la storica sentenza Roe v. Wade che lo rese legale nel 1973. Intanto è una bozza, la sentenza definitiva è attesa per giugno. Si tratta inoltre di capire di chi sia la "manina" che l'ha fatta uscire, e perché. Potrebbe essere stato qualcuno dei giudici conservatori (Clarence Thomas, Samuel Alito che avrebbe […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora