Congedo di paternità a 3 mesi: ma madri e padri non sono pari

La misura del "Family Act" annunciata dalla ministra per le Pari Opportunità Bonetti al Women’s Forum G20 Italy. Ma se una maggiore partecipazione maschile è auspicabile, la logica paritaria che ispira la condivisione si muove ancora una volta in direzione del neutro, negando la differenza femminile e promuovendo azioni inefficaci
Condividi questo articolo

Nel corso dell’apertura a Milano del “Women’s Forum G20 Italy” la Ministra per le Pari Opportunità Elena Bonetti ha annunciato il progetto di allungare gradualmente il congedo di paternità obbligatorio dagli attuali 10 giorni a 3 mesi, nell’ambito del “Family Act". 

Il prolungamento - e in alcuni casi la parificazione - dei congedi dei padri e delle madri si presenta come una politica progressista finalizzata a raggiungere una maggiore “parità tra i sessi” in famiglia e nel lavoro, oltre a incoraggiare una condivisione dei carichi di cura che oggi gravano sulle donne in modo sproporzionato e spesso senza riconoscimento né formale né materiale.

In riferimento all’allungamento del periodo di congedo obbligatorio dei padri dopo la nascita di una figlia/o, Bonetti dichiara l’obiettivo di "parificare la responsabilità maschile a quella femminile". In un momento storico in cui il concetto di “diritti” viene esteso fino a nominare i più svariati desideri individuali, è certamente apprezzabile l’accento posto sul concetto di responsabilità. Anche nell’ambito della genitorialità ha infatti trovato spazio un discorso sui diritti che rappresenta prevalentemente i desideri degli adulti, raramente centrati sulle bambine/i. Per esempio il ricorso all’utero in affitto e alla fecondazione medicalmente assistita viene rivendicato come “diritto” che lo Stato dovrebbe garantire, sorvolando sulle ragioni del business e sulle implicazioni in termini di morale e di salute fisica e psicologica per donne e bambine/i.

Tornando alla misura di cui si discute, nelle linee dell’attuale Governo e nel PNRR si menziona spesso la necessità di aumentare l’occupazione femminile per raggiungere la “parità di genere”. Negli anni Settanta il femminismo ha criticato il concetto di '“emancipazione” e di “parità” che finiva per proporre l'omologazione al modello maschile, negando la libera espressione della differenza femminile. Una lezione che oggi appare dimenticata, anche se offrirebbe spunti utili a capire per quale ragione molte politiche “dalle buone intenzioni” paritarie non stanno producendo il cambiamento sperato, ma si limitano ad incoraggiare le donne a "essere come gli uomini", aderendo a un modello ancora saldamente maschile e patriarcale.

L’aumento del tempo di congedo obbligatorio ai padri servirebbe, secondo i sostenitori, a ridurre per le aziende i costi relativi all'assunzione di una donna (neo madre e/o potenziale neo madre) rispetto a quelli un uomo (neo padre e/o potenziale neo padre). L’efficacia di questa misura andrebbe valutata ex-post: la cura e i carichi familiari non si esauriscono dopo i primi tre mesi di una figlia/o e non riguardano solo le donne che hanno figlie/i. Sarebbe opportuno un dibattito per considerare i motivi per cui i congedi volontari oggi non vengono utilizzati dai padri e quindi se l’obbligatorietà di questa misura possa contribuire a scopo “educativo” o invece a cambiare gli equilibri di potere che generano la maggior parte delle ingiustizie subite dalle donne in ogni parte del mondo.

Se è vero che “per crescere un bambino ci vuole un villaggio” questa misura potrebbe forse andare anche nella direzione di ridurre la solitudine fisica e morale sperimentata dalle donne che diventano madri in Occidente. In ogni caso, parificare anche solo verbalmente il padre e la madre nei primi mesi di vita rimane un obiettivo figlio di una impostazione culturale votata al neutro, tutta da discutere e da mettere alla prova.

Per generare un cambiamento occorre invece riconoscere in pieno la differenza, esplorarla per riformare nel concreto il modello tenendo conto della libera espressione della differenza femminile, differenza che fonda l'umano e chiede di poter plasmare il mondo, domestico e pubblico.

Se non riconoscono la differenza, le politiche della parità rischiano di diventare delle "politiche dell'indifferenza", ingiuste e iscritte nel solo ordine simbolico maschile. 

Veronica Tamborini


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
19 Dicembre 2023
Quando l'aborto è una violenza
Un grande numero di interruzioni di gravidanza si spiega con l’irresponsabilità e con la “fuga” degli uomini. “Per il piacere di chi sto abortendo?” si chiedeva Carla Lonzi. Ma questa violenza maschile non viene mai nominata e si continuano a colpevolizzare le donne. Come fanno i ProVita con la loro proposta di obbligarle ad ascoltare il battito del feto
Ammesso che ce ne fosse bisogno, all'on. Maria Rachele Ruiu di ProVita ho detto con la massima franchezza che obbligare la donna intenzionata ad abortire di ascoltare il battito del cuore del feto non è una proposta ammissibile. Si tratta di un'idea insensata, sadica, punitiva e probabilmente incostituzionale che avrebbe probabilmente come unico effetto quello di incentivare l'aborto clandestino. Forse la proposta non andrà mai in discussione e resterà mera propaganda. Cattiva propaganda però. Ancora una volta nel mirino ci […]
Leggi ora
15 Dicembre 2023
Processi e stupri
Le domande poste in aula alla presunta vittima di violenza sessuale da parte di Ciro Grillo e compagni ricordano molto i toni dei legali della difesa nel famoso “Processo per stupro” del 1979. La formidabile arringa di Tina Lagostena Bassi, avvocata di parte civile in quel procedimento, spiega perché queste modalità di interrogatorio erano -e restano- inaccettabili. Riascoltiamola
Vale la pena di rileggersi ed eventualmente riascoltare -il pluripremiato film Processo per stupro, 1979*, potete rivederlo qui in versione integrale- la formidabile arringa dell'avvocata Tina Lagostena Bassi, legale di parte civile in difesa di una giovane donna stuprata da 4 uomini che l'avevano attirata in una villa di Nettuno con il pretesto di un'offerta di lavoro. Il processo si concluse con una condanna ma gli imputati beneficiarono della libertà condizionale. Vale la pena di riascoltare quell'arringa perché nelle parole […]
Leggi ora
4 Dicembre 2023
Fuori i misogini dal servizio pubblico
L'ingaggio a "Ballando con le stelle" di Teo Mammucari, protagonista di uno degli show più offensivi di sempre contro le donne con una "valletta muta" -Flavia Vento- inscatolata nel plexiglas e metodicamente sbeffeggiata, fa dubitare sull'effettivo impegno della Rai contro la violenza e il maschilismo. E obbliga le cittadine e i cittadini a contribuire al cachet di chi ha offerto delle donne un'immagine tanto degradante
Al CdA RAI alla Presidente MARINELLA SOLDI all'Amministratore Delegato ROBERTO SERGIO alla Commissione Parlamentare di Vigilanza RAI Il femminicidio di Giulia Cecchettin ha segnato un punto di non ritorno nella coscienza collettiva sulla violenza maschile: l’unico precedente possibile è il delitto del Circeo. La RAI ha rappresentato questo momento di dolore e di consapevolezza politica manifestando l’intento a mobilitarsi in modo permanente contro la misoginia e il maschilismo.  Per questa ragione ci sorprende, ci offende e ci addolora l'ingaggio a […]
Leggi ora
30 Novembre 2023
Nata da madre in affitto
Olivia Maurel, 32 anni, è nata da una madre surrogata e oggi si batte in prima linea contro la pratica che definisce “atroce” e “mostruosa”. Ha sempre saputo che qualcosa non andava nella sua famiglia. Soffre di depressione, ha avuto problemi di alcolismo e ha tentato più volte il suicidio. Solo recentemente ha scoperto la verità sulle sue origini e di aver subito il trauma dell’abbandono. “A nessun bambino” dice “deve più capitare quello che è successo a me”
Commerciale o "altruistica" la surrogata va abolita. Sono le parole di Olivia Maurel, nata nel dicembre 1991 in Kentucky da surrogata tradizionale (ovvero in cui anche l'ovocita appartiene alla "madre in affitto", ndr) che in una conferenza al parlamento della Repubblica ceca ha raccontato la sua esperienza. Oggi, sposata con due figli a Cannes, "fiera di esser femminista" come si legge sulla sua pagina X, si batte contro la surrogata. La sua testimonianza, molto preziosa in quanto sono ancora pochissimi […]
Leggi ora
9 Novembre 2023
13 novembre a L'Aja contro l'utero in affitto
La Conferenza di Diritto Internazionale Privato spinge per il riconoscimento transnazionale dei contratti di gestazione per altri con l'intento di forzare le legislazioni nazionali a vantaggio dei profitti del biomercato. La coalizione Icams contro la GPA ha organizzato una manifestazione in difesa della dignità delle donne e contro il mercato di bambine e bambini
La Coalizione internazionale per l’abolizione della maternità surrogata (ICASM) ha organizzato per il 13 novembre una manifestazione internazionale davanti alla Conferenza dell’Aja di diritto internazionale privato (HCCH) per opporsi alla regolamentazione della “maternità surrogata” transfrontaliera.  Si sta infatti cercando di imporre una regolamentazione internazionale per la cosiddetta “maternità surrogata”: dal 13 novembre l’HCCH istituirà un gruppo di lavoro con il compito di redigere una convenzione per consentire il riconoscimento transfrontaliero dei contratti. Questo per  soddisfare la crescente domanda nel biomercato […]
Leggi ora