Carceri, riforma Cartabia: si rispettino i diritti delle persone trans senza farne pagare il prezzo alle donne

Tra le possibili misure l'istituzione di reparti trans adiacenti alle sezioni femminili per evitare le violenze degli uomini. Ma lo spazio per l'inclusione non può essere trovato chiedendo un passo indietro alle detenute, costrette a dividere le celle con maschi che si identificano come donne. Succede in Canada, in California, in Scozia. E c'è già un caso italiano
Condividi questo articolo

La ministra della Giustizia Marta Cartabia ha annunciato di voler impegnare il mese di gennaio nella riforma delle carceri. La discussione sul testo è in corso. In questa sintesi di stampa i punti salienti.

Uno dei temi in discussione è la questione dei-delle detenuti-e transessuali. Secondo quanto riportato dall'articolo "c'è una specifica azione per la tutela antidiscriminatoria per orientamento sessuale e identità di genere. Si propone l'adozione di una circolare che regoli le sezioni omogenee per persone transgender o che si dichiarino omosessuali, e temano di subire, in ragione di tali condizioni personali, gesti di prevaricazione, dando prevalenza alle sperimentazioni che hanno condotto (ad esempio la sez. D dell'istituto di Firenze "Sollicciano", che tuttavia risulta allo stato chiusa) ad affiancare le sezioni per detenute transgender MaleToFemale a istituti o sezioni femminili, piuttosto che maschili, al fine di dare prevalenza - e di poter contare su un personale maggiormente formato in tal senso – al sesso di identificazione invece che a quello meramente biologico".

Sarebbe ovviamente necessario disporre della bozza di testo per verificare che si parli effettivamente di "sesso di identificazione" e di identità di genere.

Al momento possiamo solo osservare che se è vero che detenute-i trans meritano una speciale protezione dalle violenze maschili -chiamiamo le cose con il loro nome- questo non può avvenire, come in Canada, in California, nello stato di Washington, in Scozia e in altre nazioni occidentali, a spese delle donne ospitate nelle carceri femminili.

Per spese intendiamo stupri e aggressioni, molestie, malattie sessualmente trasmissibili, perfino gravidanze indesiderate (ne abbiamo parlato più volte) e in generale la violenza di dover condividere spazi ristretti con persone che si autoidentificano -spesso opportunisticamente- come donne pur conservando genitali e corpi maschili.

Uno studio pubblicato sul British Journal of Criminology segnala che in Scozia diversi detenuti transgender che hanno scontano la pena nelle carceri femminili sono tornati a identificarsi nel loro sesso di nascita maschile dopo essere stati rilasciati. Lo rivelano fonti interne alle carceri. La notizia ha sollevato nuove preoccupazioni sull'autoidentificazione di genere che pone a rischio la sicurezza delle donne, ma il primo ministro Nicola Sturgeon si prepara a portare avanti la legislazione sul riconoscimento del genere.

Ancora più sconvolgente la rivelazione del Federal Bureau of Prisons americano -quindi fonte ufficialissima- secondo cui quasi il 50 per cento dei detenuti maschi trans-identificati sono stati incarcerati per reati sessuali!-contro l'11 per cento della popolazione carceraria maschile nel suo complesso-. In particolare, secondo il documento, il 48.47 per cento dei detenuti maschi che si identificano come donne sono in carcere per reati sessuali, a fronte del 4.71 per cento di donne biologiche che si identificano come uomini.

Carceri, riforma Cartabia: si rispettino i diritti delle persone trans senza farne pagare il prezzo alle donne

Il dato va letto con cautela: non significa che le persone transessuali sono propense a commettere reati sessuali più spesso delle persone non T. Significa piuttosto che molti criminali sessuali maschi scelgono di transidentificarsi come donne per ottenerne vantaggi e agevolazioni anche dal punto di vista della pena.

Come vanno le cose in Italia?

Il percorso di transizione è regolato dalla legge 164/82 che consente il cambio di sesso all'anagrafe dopo un lungo cammino che prevede accompagnamento psicologico, perizie mediche, terapie farmacologiche e intervento chirurgico "maggiore" (demolitivo dei genitali di nascita). Va peraltro detto che la legge fu formulata soprattutto per la transizione MtF (da maschio a femmina) al tempo assolutamente maggioritaria (gli FtM erano rarissimi), mentre oggi tra le-gli adolescenti con disforia le proporzioni sono rovesciate.

Va anche detto però che alcune sentenze successive hanno sostanzialmente modificato la legge: oggi il cambio di sesso all'anagrafe, pur restando necessario il percorso indicato dalla 164/82, si può ottenere anche senza intervento chirurgico di demolizione dei genitali.

Questo comporta il fatto che un transessuale MtF riconosciuto come donna all'anagrafe può conservare il suo apparato genitale e i suoi caratteri sessuali secondari maschili. Non si tratta di autodeterminazione di genere (non è un vero e proprio self-id): al momento in Italia non dovrebbe essere possibile autoidentificarsi opportunisticamente donne per richiedere di essere trasferiti in un carcere femminile, come avviene altrove.

Ma un precedente nel carcere di Sollicciano (Firenze) desta molte preoccupazioni: l'anno scorso una detenuta transessuale già riconosciuta all'anagrafe come donna -ma con genitali maschili- è stata trasferita dalla sezione trans alla sezione femminile in seguito a ordinanza del tribunale di sorveglianza, secondo il quale "è ben noto come secondo i più recenti orientamenti le identità maschile e femminile non esauriscano affatto le possibili identità: l’identità di genere infatti non corrisponde alla semplificazione dualistica uomo/donna ma è un continuum che dal maschile porta al femminile e viceversa".

Il tribunale, si legge nel dispositivo, ha ordinato "di assegnare A. L. al reparto detentivo femminile, corrispondente alla sua identità di genere, vietandone la permanenza, senza il suo consenso, nella sezione ‘transessuali’ del carcere di Firenze-Sollicciano o di qualunque altro istituto dotato di apposita sezione avente le stesse caratteristiche".

Il disagio delle detenute -condividere spazi con una persona dotata di genitali maschili- non è stato ritenuto ragione sufficiente. Prevalente, secondo i giudici, il rifiuto della detenuta trans -ripetiamo: all'anagrafe già riconosciuta come donna benché con genitali maschili- di essere ospitata nella sezione trans.

Anche in questo caso, dunque, la logica dell'"inclusività" ha prevalso sui diritti e i sentimenti delle detenute. L'idea è che tocchi sempre alle donne fare un passo indietro e rinunciare ai propri elementari diritti per creare lo spazio necessario all'inclusione.

Considerato il precedente e quello che sta capitando nelle carceri femminili in molti Paesi occidentali, le preoccupazioni per i possibili effetti della riforma Cartabia sono più che fondate.

L'auspicio è che si trovi il modo di assicurare protezione e dignità alle persone transessuali senza violare i diritti umani delle donne detenute. E che il testo non introduca surrettiziamente il concetto di identità di genere, tentativo che -in particolare dalla "caduta" del ddl Zan in poi- ha corso in un gran numero di leggi e regolamenti locali, in una logica di "accerchiamento".

Marina Terragni (ha collaborato Maria Celeste)


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
24 Settembre 2022
SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS
A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- […]
Leggi ora
17 Settembre 2022
Quando l'aborto interessa agli uomini
Totalmente ignorata a destra e a sinistra in tempo di pace, la questione dell'aborto diventa centrale quando gli uomini combattono per il proprio potere. Ma se esiste un "caso Marche" c'è anche un "caso Emilia", regione rossa: stesse percentuali di obiezione e niente pillola abortiva nei consultori. Noi donne non dobbiamo partecipare a questa immonda contesa sulla nostra carne, schierandoci nell'una o nell'altra tifoseria
Le donne -anzi, i cosiddetti "diritti delle donne"- sono state scaraventate strumentalmente al centro di questa orribile campagna elettorale, probabilmente la peggiore di sempre. Non il basso tasso di occupazione femminile, il gender pay gap, la mancanza di servizi che ci costringe nella parte di welfare vivente, la violenza e il femminicidio, il machismo della politica e tutto quello che sappiamo e che viviamo. La questione delle questioni è l'aborto, ripescata dal dimenticatoio in cui è normalmente confinata -nessun partito […]
Leggi ora
14 Settembre 2022
Forse l'identità di genere non esiste
Se a dubitare è la biologa Anna Fausto-Sterling, la prima a parlarne negli anni Novanta, ispiratrice di Judith Butler e fondatrice delle gender theory, allora forse siamo a un clamorosissimo e definitivo giro di boa. Fermate le leggi trans prima che sia troppo tardi!
Se Judith Butler è The Queen of Gender, Anna Fausto-Sterling è la sua dea: zoologa, biologa e docente di gender study -oggi alla Brown University- partendo dalla rara condizione genetica dell'intersessualità nei primi anni Novanta è stata la prima ad attaccare il concetto di binarietà sessuale, sostenendo che la sessualità è uno spettro e che si possono individuare almeno 5 sessi ("ma dai, non era mica una teoria, ero ironica, era solo una provocazione" ha detto in seguito. Ma invano). […]
Leggi ora
11 Settembre 2022
Trans-Europa: Irlanda, UK, Spagna, le leggi-gender ai primi posti nelle agende politiche
Mentre la nuova premier britannica Liz Truss lavora per bloccare l'autocertificazione di genere in Scozia, il governo iberico impedisce il dibattito parlamentare sulla Ley Trans, che consente il cambio di sesso perfino ai bambini di 12 anni, per andare ad approvare in fretta e furia: per questo le femministe spagnole rompono con la sinistra e aprono il dialogo con il Partito Popolare. Intanto in Irlanda un professore viene arrestato per aver rifiutato di usare il linguaggio fluido
Un professore di una scuola cristiana irlandese, Enoch Burke, è stato sospeso e quindi arrestato per aver rifiutato di appellare uno studente transgender con un pronome neutro. Intanto la nuova premier britannica Liz Truss starebbe cercando di bloccare i piani della Scozia per consentire l'autoidentificazione per le persone transgender (self-id) e avrebbe chiesto agli avvocati consigli su come "mettere in pausa o prevenire" le riforme. Truss, responsabile del brief sulle uguaglianze oltre che ex-ministro degli esteri, è stata determinante nell'escludere […]
Leggi ora
9 Settembre 2022
Elizabeth, l'ultima matriarca
La regina scomparsa ha saputo esercitare il proprio potere in modo così abile da renderlo invisibile. Un'influenza profonda che non ha mai prodotto contraccolpi. Sapienza, ferreo senso del dovere, pragmatismo, controllo emotivo e nessun narcisismo: questi i tratti di una sovranità che ne fanno un modello di autorità femminile
Gaby Hinsliff per The Guardian Ferma tutti gli orologi. Stacca il telefono. Per una volta, i versi di apertura della poesia di WH Auden, Funeral Blues, sembrano adatti al momento. Piaccia o meno, gran parte della vita pubblica si fermerà nei giorni di lutto mentre le emittenti sospendono i loro programmi e si prepara il funerale di stato. Per quanto possa essere stato prevista da tempo, la morte della monarca che ha regnato più a lungo nella storia britannica è un momento […]
Leggi ora
29 Agosto 2022
Un video ogni 10 minuti
Il brutale omicidio di Alessandra Matteuzzi uccisa a martellate dal suo ex è la rappresentazione perfetta di ogni femminicidio: l'assassino non è uno che perde il controllo, ma che lo ristabilisce. La morte di lei serve a ritrovare l'equilibrio perduto in seguito all'abbandono. La violenza è una funzione del dominio. E' qui che si deve tenere lo sguardo per riuscire a fermarla
L'uccisione di Alessandra Matteuzzi, la donna bolognese ammazzata dall'ex a martellate e a colpi di panca di ferro, è la rappresentazione plastica e perfetta della dinamica di ogni femminicidio. Giovanni Padovani non è pazzo, non è un drop out, è un giovane uomo in perfetta forma, inserito nel mondo, addirittura testimonial di campagne contro la violenza sulle donne. Insomma non l'avresti mai detto, come quasi sempre. Alessandra è sottoposta a vessazioni continue e inaudite: deve giustificare ogni movimento, ogni respiro, […]
Leggi ora