Carceri, riforma Cartabia: si rispettino i diritti delle persone trans senza farne pagare il prezzo alle donne

Tra le possibili misure l'istituzione di reparti trans adiacenti alle sezioni femminili per evitare le violenze degli uomini. Ma lo spazio per l'inclusione non può essere trovato chiedendo un passo indietro alle detenute, costrette a dividere le celle con maschi che si identificano come donne. Succede in Canada, in California, in Scozia. E c'è già un caso italiano
Condividi questo articolo

La ministra della Giustizia Marta Cartabia ha annunciato di voler impegnare il mese di gennaio nella riforma delle carceri. La discussione sul testo è in corso. In questa sintesi di stampa i punti salienti.

Uno dei temi in discussione è la questione dei-delle detenuti-e transessuali. Secondo quanto riportato dall'articolo "c'è una specifica azione per la tutela antidiscriminatoria per orientamento sessuale e identità di genere. Si propone l'adozione di una circolare che regoli le sezioni omogenee per persone transgender o che si dichiarino omosessuali, e temano di subire, in ragione di tali condizioni personali, gesti di prevaricazione, dando prevalenza alle sperimentazioni che hanno condotto (ad esempio la sez. D dell'istituto di Firenze "Sollicciano", che tuttavia risulta allo stato chiusa) ad affiancare le sezioni per detenute transgender MaleToFemale a istituti o sezioni femminili, piuttosto che maschili, al fine di dare prevalenza - e di poter contare su un personale maggiormente formato in tal senso – al sesso di identificazione invece che a quello meramente biologico".

Sarebbe ovviamente necessario disporre della bozza di testo per verificare che si parli effettivamente di "sesso di identificazione" e di identità di genere.

Al momento possiamo solo osservare che se è vero che detenute-i trans meritano una speciale protezione dalle violenze maschili -chiamiamo le cose con il loro nome- questo non può avvenire, come in Canada, in California, nello stato di Washington, in Scozia e in altre nazioni occidentali, a spese delle donne ospitate nelle carceri femminili.

Per spese intendiamo stupri e aggressioni, molestie, malattie sessualmente trasmissibili, perfino gravidanze indesiderate (ne abbiamo parlato più volte) e in generale la violenza di dover condividere spazi ristretti con persone che si autoidentificano -spesso opportunisticamente- come donne pur conservando genitali e corpi maschili.

Uno studio pubblicato sul British Journal of Criminology segnala che in Scozia diversi detenuti transgender che hanno scontano la pena nelle carceri femminili sono tornati a identificarsi nel loro sesso di nascita maschile dopo essere stati rilasciati. Lo rivelano fonti interne alle carceri. La notizia ha sollevato nuove preoccupazioni sull'autoidentificazione di genere che pone a rischio la sicurezza delle donne, ma il primo ministro Nicola Sturgeon si prepara a portare avanti la legislazione sul riconoscimento del genere.

Ancora più sconvolgente la rivelazione del Federal Bureau of Prisons americano -quindi fonte ufficialissima- secondo cui quasi il 50 per cento dei detenuti maschi trans-identificati sono stati incarcerati per reati sessuali!-contro l'11 per cento della popolazione carceraria maschile nel suo complesso-. In particolare, secondo il documento, il 48.47 per cento dei detenuti maschi che si identificano come donne sono in carcere per reati sessuali, a fronte del 4.71 per cento di donne biologiche che si identificano come uomini.

Carceri, riforma Cartabia: si rispettino i diritti delle persone trans senza farne pagare il prezzo alle donne

Il dato va letto con cautela: non significa che le persone transessuali sono propense a commettere reati sessuali più spesso delle persone non T. Significa piuttosto che molti criminali sessuali maschi scelgono di transidentificarsi come donne per ottenerne vantaggi e agevolazioni anche dal punto di vista della pena.

Come vanno le cose in Italia?

Il percorso di transizione è regolato dalla legge 164/82 che consente il cambio di sesso all'anagrafe dopo un lungo cammino che prevede accompagnamento psicologico, perizie mediche, terapie farmacologiche e intervento chirurgico "maggiore" (demolitivo dei genitali di nascita). Va peraltro detto che la legge fu formulata soprattutto per la transizione MtF (da maschio a femmina) al tempo assolutamente maggioritaria (gli FtM erano rarissimi), mentre oggi tra le-gli adolescenti con disforia le proporzioni sono rovesciate.

Va anche detto però che alcune sentenze successive hanno sostanzialmente modificato la legge: oggi il cambio di sesso all'anagrafe, pur restando necessario il percorso indicato dalla 164/82, si può ottenere anche senza intervento chirurgico di demolizione dei genitali.

Questo comporta il fatto che un transessuale MtF riconosciuto come donna all'anagrafe può conservare il suo apparato genitale e i suoi caratteri sessuali secondari maschili. Non si tratta di autodeterminazione di genere (non è un vero e proprio self-id): al momento in Italia non dovrebbe essere possibile autoidentificarsi opportunisticamente donne per richiedere di essere trasferiti in un carcere femminile, come avviene altrove.

Ma un precedente nel carcere di Sollicciano (Firenze) desta molte preoccupazioni: l'anno scorso una detenuta transessuale già riconosciuta all'anagrafe come donna -ma con genitali maschili- è stata trasferita dalla sezione trans alla sezione femminile in seguito a ordinanza del tribunale di sorveglianza, secondo il quale "è ben noto come secondo i più recenti orientamenti le identità maschile e femminile non esauriscano affatto le possibili identità: l’identità di genere infatti non corrisponde alla semplificazione dualistica uomo/donna ma è un continuum che dal maschile porta al femminile e viceversa".

Il tribunale, si legge nel dispositivo, ha ordinato "di assegnare A. L. al reparto detentivo femminile, corrispondente alla sua identità di genere, vietandone la permanenza, senza il suo consenso, nella sezione ‘transessuali’ del carcere di Firenze-Sollicciano o di qualunque altro istituto dotato di apposita sezione avente le stesse caratteristiche".

Il disagio delle detenute -condividere spazi con una persona dotata di genitali maschili- non è stato ritenuto ragione sufficiente. Prevalente, secondo i giudici, il rifiuto della detenuta trans -ripetiamo: all'anagrafe già riconosciuta come donna benché con genitali maschili- di essere ospitata nella sezione trans.

Anche in questo caso, dunque, la logica dell'"inclusività" ha prevalso sui diritti e i sentimenti delle detenute. L'idea è che tocchi sempre alle donne fare un passo indietro e rinunciare ai propri elementari diritti per creare lo spazio necessario all'inclusione.

Considerato il precedente e quello che sta capitando nelle carceri femminili in molti Paesi occidentali, le preoccupazioni per i possibili effetti della riforma Cartabia sono più che fondate.

L'auspicio è che si trovi il modo di assicurare protezione e dignità alle persone transessuali senza violare i diritti umani delle donne detenute. E che il testo non introduca surrettiziamente il concetto di identità di genere, tentativo che -in particolare dalla "caduta" del ddl Zan in poi- ha corso in un gran numero di leggi e regolamenti locali, in una logica di "accerchiamento".

Marina Terragni (ha collaborato Maria Celeste)


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
13 Maggio 2022
Destra, sinistra, umano, transumano
Il tema dei "diritti" -dall'identità di genere all'utero in affitto- non è complementare o a latere, ma delinea l'orizzonte verso il quale ci si muove. Ma la prospettiva post-umana perseguita dai progressisti non è unica e ineluttabile. L'alternativa esiste: una civiltà a radice femminile
Ripresentando il ddl Zan, al Senato con scarsissime possibilità che passi -quando invece altre soluzioni, tipo il ddl Scalfarotto, avrebbero assicurato una legge contro l'omobitransfobia- il segretario PD Letta ha più volte sottolineato che il tema dei diritti è decisivo per il suo partito. Tema dei diritti che tuttavia è sempre posto come complementare, a latere di questioni ritenute ben più rilevanti: la guerra, certo, i temi economici ma anche semplicemente la legge elettorale. In verità il più della partita […]
Leggi ora
10 Maggio 2022
Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane
La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui). Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical. Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen […]
Leggi ora
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora
28 Aprile 2022
Caso Sargentini: l'assordante silenzio di Saviano
La giornalista femminista Monica Ricci Sargentini minacciata di sanzione -tre giorni di sospensione- dal Corriere della Sera per avere condiviso lo spirito di un'iniziativa di protesta contro un articolo pubblicato sull'allegato Sette in cui lo scrittore napoletano parlava di regolarizzare il "sex work" come lavoro ordinario. Sarebbe importante conoscere il suo punto di vista di difensore della libertà di opinione sulla vicenda. Ma al momento nessun segnale
Conosciamo Roberto Saviano come un difensore della libertà di opinione e di stampa. Così si è sempre presentato. Non soltanto per i rischi corsi personalmente, ma per avere in più occasioni difeso la libertà di pensiero con prese di posizioni pubbliche, spiegando che un giornalista deve “poter fare il proprio lavoro senza essere attaccato sul piano personale, senza un clima di minaccia” e lamentando che “qualsiasi voce critica sa di potersi aspettare ritorsioni”. In questi giorni Monica Ricci Sargentini, giornalista […]
Leggi ora