Bagni "neutri" a scuola: la nuova battaglia dei sessopiattisti

Mentre in UK cresce l'insofferenza per le pressioni della lobby Lgbtq+, in Italia siamo in pieno peak trans: scuole, università, sistema massmediatico, libri per bambine-i e ragazze-i. Identità di genere dappertutto, come se l'autoidentificazione fosse in vigore de facto. L'ultimo caso nell'ateneo di Pisa
Condividi questo articolo

Mentre in UK il peak trans è alle spalle, e ogni giorno la stampa riporta notizie che danno conto della crescente insofferenza dei cittadini, del governo e delle grandi aziende private alle pressioni della lobby Lgbtq+ e in particolare del Diversity Scheme di Stonewall (solo l'ultima in ordine di tempo: centinaia di infermiere e ostetriche che chiedono alle loro organizzazioni di rompere con le politiche "inclusive" che consentono a uomini autoidentificati come donne di essere ricoverati nei reparti femminili, e costringono a definire le neomadri "persone post-parto", vedere qui), provincialmente in Italia siamo all'apice.

Fallito il ddl Zan contro l'omotransfobia, l'identità di genere spunta dappertutto: leggi nazionali e locali che vi fanno riferimento, il sistema massmediatico che ha già adottato di fatto il self-id per non perdere pubblicità e audience Trans-friendly, scuole e università, editoria per ragazzi.

Tre osservazioni, prima di riferire del caso dell'università di Pisa.

1. La contesa riguarda esclusivamente i corpi delle donne e il simbolico femminile: nessun uomo è costretto a definirsi "persona con prostata", mentre usare la parola "donna"è ritenuto per definizione violento ed escludente

2. E' la sinistra ormai priva di orizzonte a riempirlo con queste proposte di inclusività sulla pelle delle donne

3. La "battaglia dei bagni" -e quindi quella sulla sessuazione umana e sulla sostituzione del sesso con il genere- è una faccenda assolutamente seria, che può in gran parte spiegare la vittoria di Donald Trump dopo anni di politiche "inclusive" da parte del presidente Barack Obama, e spiegherà in buona parte la non-improbabile sconfitta di Joe Biden alle elezioni di midterm del 2022. Proprio su questi temi e sulle scuole, oltre che sulla "teoria critica della razza", i democratici hanno già perso la Virginia.

Marina Terragni

Bagni "neutri" a scuola: la nuova battaglia dei sessopiattisti
Il servizio di Sette-Corriere della Sera sul campus per bambini gender non-conforming

Da qualche giorno sulla stampa circola la notizia della protesta promossa dal gruppo “Sinistra per…” dell’Università di Pisa per chiedere bagni neutri. Stupisce la risonanza che i quotidiani nazionali danno all’iniziativa, rilanciando i volantini degli studenti e la risposta dell'ateneo, pronto a soddisfare la richiesta nei primi mesi del prossimo anno.

Sconcerta notare come molti articoli, anziché raccontare i fatti con toni informativi, riportano in modo esatto il linguaggio e i toni della propaganda a favore delle teorie queer, trans e sull'identità di genere

Non vi sono tracce delle critiche o delle proteste sollevate in tutto il mondo dalle donne e dalle femministe sull’attacco agli spazi femminili messo in atto da attivisti queer/trans/gender negli ultimi anni, che impongono una visione che nega le differenze sessuali e che definisce gli spazi delle donne “escludenti”.

Bagni "neutri" a scuola: la nuova battaglia dei sessopiattisti

Dei bagni dell’Università di Pisa parla il professor Arturo Marzano, delegato per “Gender studies and equal opportunities” affermando che “per i singoli la scelta può essere quella di eliminare qualsiasi etichetta mantenendo solo quella generica che indichi la presenza del wc. Per quelli collettivi l’opzione e togliere ogni simbolo oppure lasciare tra le varie cabine almeno una porta “neutra”. Continua “rappresenterebbe un modo per riconoscere immondo evidente che un terzo genere esiste. Viene chiamata una “scelta inclusiva” in continuità con la scelta di introdurre la “carriera alias” (la possibilità per gli studenti di avere un libretto universitario con un nome e un sesso diverso da quello di nascita), con diciotto richieste già andate in porto dal 2007.

Bagni "neutri" a scuola: la nuova battaglia dei sessopiattisti

Non stupisce questa presa di posizione: ormai da tempo le “pari opportunità” e i “gender studies” sono colonizzati da teorici e attivisti queer, trans e LGBT, lasciando sempre meno spazio alle donne e alle femministe, nel silenzio totale di critica e politica.

Le opinioni delle donne e delle ragazze, sui bagni neutri così come sul dibattito su sesso e genere - non a caso ricco di ambiguità e manipolazione comunicativa - non sono pervenute. Negli ambienti universitari la pressione sulle studentesse e' fortissima: le studentesse sono strette tra la spinta a sostenere le teorie pseudo progressiste votate al sessopiattismo e la possibilita di esprimersi, con il rischio di essere accusate di essere bigotte, escludenti o discriminanti. Nelle scuole e nelle università le ragazze hanno molta paura di essere escluse e isolate dai pari e autocensurano dubbi e posizioni critiche.

Bagni "neutri" a scuola: la nuova battaglia dei sessopiattisti
La "diversity" in un libro per l'infanzia

Al di la della propaganda, sta aumentando l’insofferenza delle donne, ma il clima di intimidazione e' ancora troppo forte nei luoghi di formazione e di lavoro, ancora saldamente in mani maschili, che ancora non permettono alla maggior parte delle donne di esprimersi in autorità e libertà. 

V.T:

Vedere articoli di stampa qui ,qui e qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
13 Maggio 2022
Destra, sinistra, umano, transumano
Il tema dei "diritti" -dall'identità di genere all'utero in affitto- non è complementare o a latere, ma delinea l'orizzonte verso il quale ci si muove. Ma la prospettiva post-umana perseguita dai progressisti non è unica e ineluttabile. L'alternativa esiste: una civiltà a radice femminile
Ripresentando il ddl Zan, al Senato con scarsissime possibilità che passi -quando invece altre soluzioni, tipo il ddl Scalfarotto, avrebbero assicurato una legge contro l'omobitransfobia- il segretario PD Letta ha più volte sottolineato che il tema dei diritti è decisivo per il suo partito. Tema dei diritti che tuttavia è sempre posto come complementare, a latere di questioni ritenute ben più rilevanti: la guerra, certo, i temi economici ma anche semplicemente la legge elettorale. In verità il più della partita […]
Leggi ora
10 Maggio 2022
Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane
La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui). Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical. Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen […]
Leggi ora
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora
28 Aprile 2022
Caso Sargentini: l'assordante silenzio di Saviano
La giornalista femminista Monica Ricci Sargentini minacciata di sanzione -tre giorni di sospensione- dal Corriere della Sera per avere condiviso lo spirito di un'iniziativa di protesta contro un articolo pubblicato sull'allegato Sette in cui lo scrittore napoletano parlava di regolarizzare il "sex work" come lavoro ordinario. Sarebbe importante conoscere il suo punto di vista di difensore della libertà di opinione sulla vicenda. Ma al momento nessun segnale
Conosciamo Roberto Saviano come un difensore della libertà di opinione e di stampa. Così si è sempre presentato. Non soltanto per i rischi corsi personalmente, ma per avere in più occasioni difeso la libertà di pensiero con prese di posizioni pubbliche, spiegando che un giornalista deve “poter fare il proprio lavoro senza essere attaccato sul piano personale, senza un clima di minaccia” e lamentando che “qualsiasi voce critica sa di potersi aspettare ritorsioni”. In questi giorni Monica Ricci Sargentini, giornalista […]
Leggi ora
26 Aprile 2022
Trans-medicina: la nuova lobotomia
Secondo Lisa Michele il trattamento di minori sani con ormoni è "uno dei più grandi scandali medici della storia" e può essere paragonato alla lobotomia di 50 mila americani a metà del secolo scorso: in entrambi i casi, nessuna evidenza scientifica e gravi danni per i pazienti. Intanto nasce in Italia un sito di auto-aiuto per genitori di bambine e bambini con disforia di genere
Parlando di quello che definisce "uno dei più grandi scandali medici della storia americana" (e non solo americana, purtroppo: i trattamenti di cui parla si fanno anche in Italia) la femminista americana Lisa Michele,azzarda un paragone molto forte tra le terapie ormonali per le persone con disforia (specie le-i minori) e la pratica chirurgica della lobotomia, trattamento devastante molto in voga negli USA tra gli anni '40 e gli anni '60. Quella che leggerete è una trascrizione del video di […]
Leggi ora