10 Settembre 2021

Adozione Buttigieg? Quasi certamente è utero in affitto

Innanzitutto sono due gemelli: e le nascite gemellari sono rare. Ancora più raro che vi siano gemelli adottabili. Secondo Jennifer Lahl, fondatrice di Stop Surrogacy Now, il politico americano e suo marito hanno fatto ricorso a maternità surrogata, fatto su cui viene mantenuta l'ambiguità. Una scelta dalla quale nascono molte domande
Condividi questo articolo

Pochi giorni ha fatto il giro del mondo la foto che vedete: Pete Buttigieg e suo marito Chasten Glezman Buttigieg che posano con due neonati, con titoli come: “Diamo il benvenuto ai nostri due gemelli” (vedere qui).

Gli articoli riportano con il tono leggero di una feel-good story le dichiarazioni della coppia sui social network. Dichiarazioni che sono intenzionalmente non chiare su come siano “arrivati” i due gemelli, un bambino e una bambina. Nonostante la coppia avesse parlato in precedenza di tentativi falliti di adozione, la voluta ambiguità fa pensare che si siano serviti della GPA o “utero in affitto”.

I media tradizionali non hanno osato scriverlo, ma lo si è potuto leggere abbondantemente sui social network. Riempie il vuoto l’articolo che vi segnaliamo, scritto da Jennifer Lahl, ex-infermiera pediatrica, presidente del Center for Bioethics and Culture e produttrice di film documentari tra cui “Eggsploitation”, “#BigFertility” e il recente “Trans Mission: What's the Rush to Reassign Gender?” (vedere qui).


Finora, i Buttigiegs hanno mantenuto il silenzio su dove e come hanno ottenuto i loro bambini. Chasten ha fatto allusioni per più di un anno a tentativi falliti di adozione come modo per far crescere la loro famiglia.

Io scommetterei invece su un contratto di maternità surrogata, e sarò felice di ritrattare la mia posizione quando verrà fornita prova del contrario. Poiché Pete Buttigieg è il Segretario del Dipartimento dei Trasporti, una nomina di Biden, ho contattato l'ufficio stampa del Dipartimento per informarmi sui gemelli che potrebbero essere nati tramite maternità surrogata.

Perché penso che questi bambini siano il prodotto di un accordo di maternità surrogata? In primo luogo, come ex infermiera di assistenza critica pediatrica, ho familiarità con i dati sulle nascite gemellari.

Le nascite gemellari sono rare, con un tasso di 3 gemelli ogni 100 nascite. Il Centers for Disease Control indica il tasso a 32,1 per 1000 nati vivi all'anno negli Stati Uniti, riportando il numero di nascite gemellari a 120.291 rispetto al numero totale di nascite nel 2019 a 3.747.540.

Da questo sito sulle adozioni apprendiamo che in effetti “una percentuale molto piccola di bambini in attesa di adozione sono gemelli”. E i genitori che vogliono adottare gemelli avranno un tempo di attesa molto lungo.

Dal momento che Chasten ha dichiarato che i loro tentativi di adottare sono falliti, ma ora la coppia posa con gioia con i suoi gemelli, non è così difficile concludere che questi bambini sono nati tramite maternità surrogata.

[…]

Se questo è, infatti, il caso, ho molte altre domande. In primo luogo: chi è la donatrice di ovuli? La maternità surrogata gestazionale prevede che la madre naturale non contribuisca con la sua genetica, è solo letteralmente un utero in affitto. Chi è registrata come madre sui certificati di nascita di questi bambini, oppure entrambe le donne sono state cancellate per contratto legale, elencando solo Pete e Chasten come padri?

I Buttigieg intendono dire ai loro figli chi è la loro madre naturale o genetica? O cresceranno senza mai conoscere la loro madre biologica o la loro madre naturale?

Si è trattato di una gravidanza ad alto rischio, poiché sappiamo che la maternità surrogata è già una gravidanza più rischiosa di quella concepita spontaneamente, e avere una gravidanza gemellare conferisce ancora più rischio alla madre e ai bambini.

I bambini sono stati partoriti con cesareo, come è spesso il caso nelle nascite gemellari surrogate? Per quanto riguarda la donatrice di ovuli, che molto probabilmente è stata pagata e non veramente una “donatrice”, come sono la sua salute e la sua fertilità dopo i noti rischi della donazione di ovuli?

Infine, entrambi gli uomini hanno fornito lo sperma per avere un legame biologico con i gemelli? Questa pratica è comune tra le coppie gay che usano la maternità surrogata, perché fornisce loro un "figlio proprio". Una coppia lo descrive così: “Il nostro ideale era di avere due gemelli, con ognuno di noi come padre”.

Questa pratica non solo dimostra la mercificazione dei corpi riproduttivi delle donne, ma anche l'aspetto di "bambino su misura" delle gravidanze commerciali a contratto. Mi chiedo se Pete e Chasten hanno usato anche lo screening genetico pre-impianto sui loro embrioni per la selezione del sesso, al fine di ottenere un maschio e una femmina?

Dal mio punto di vista, sembra che due donne siano state comprate, acquistate e mercificate per i ricchi Buttigieg per “costruire la loro famiglia” come un progetto, attraverso la tecnologia moderna.

Articolo integrale di Jennifer Lahl qui

Introduzione e traduzione di Maria Celeste



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
28 Luglio 2022
I record rubati di Petrillo: “Ma vincevo anche da uomo”. È vero? Ecco i fact-checking
Mentre il Comitato Olimpico annuncia un cambio di rotta nelle linee guida sulla partecipazione di corpi maschili negli sport femminili, Valentina nata Fabrizio Petrillo ambisce a partecipare ai Giochi Paralimpici nella categoria femminile. A chi l’accusa di voler vincere facile risponde che vinceva anche prima della transizione. Ma non è così: ecco un’analisi dei tempi di Petrillo e di come sono valutati rispettivamente nella categoria maschile e in quella femminile
Dopo le federazioni internazionali del nuoto, del ciclismo e di altri sport, anche il Comitato Olimpico fa marcia indietro sullo sport “inclusivo” dei corpi maschili negli sport femminili. Francesco Ricci Bitti alla guida dell’ASOIF, l’associazione che riunisce le federazioni internazionali degli sport olimpici estivi, ha annunciato in una recente conferenza il bisogno di rivedere le attuali regole sulla partecipazione degli atleti transgender, soprattutto MtF, uomini che “si identificano come donne”. Francesco Ricci Bitti ha detto: “Secondo l’approccio dei diritti umani […]
Leggi ora
25 Luglio 2022
Campo aperto, liste chiuse
L'occhio di tigre non vuole vedere che tu puoi riassemblare e ricombinare lo schieramento quanto vuoi, ma se le facce e i nomi restano gli stessi sei molto poco credibile. E se l'unico obiettivo riconoscibile dal più dell'elettorato è sbarrare la strada all'avversaria politica -per una volta una donna, il che rende tutto ancora più surreale- le probabilità di successo non sono molte
Lavori in corso per la costruzione del grande rassemblement o campo aperto (quello largo è stato dismesso). La discussione è solo tra uomini (con la parziale eccezione di Emma Bonino) e il cemento che tiene insieme il progetto di coalizione è "fermare Meloni": di programmi politici si discute poco, e che cosa possano avere in comune Calenda, Fratoianni e Di Maio è tutto da capire. Osservatori e sociologi della politica si sgolano a far notare che costruire un progetto "contro" […]
Leggi ora
20 Luglio 2022
Dove sta andando la Casa delle Donne di Roma?
"La Casa siamo tutte" recita il bello slogan dello storico enclave di Trastevere. Ma in quello spazio, che è pubblico e dovrebbe essere aperto, l'agibilità è solo transfemminista. E dopo il sostegno acritico al ddl Zan -per fermare i femminicidi!-, il sì all'utero in affitto e al "sex work", ora anche l'inno agli ultracorpi maschili negli sport femminili: forse è il momento che si apra una riflessione
La Casa Internazionale delle Donne di Roma condivide la proposta dell'università della Pennsylvania di nominare Lia Thomas "atleta donna dell'anno". Lia Thomas, di cui abbiamo parlato più volte qui, è la celebre nuotatore che ha sbaragliato più volte le avversarie gareggiando nelle categorie femminili, ma che ha avuto quanto meno il merito di far finalmente esplodere la questione degli ultracorpi maschili negli sport delle donne. Il post condiviso dalla Casa Internazionale delle Donne, un piccolo confusionario trattato di femminismo Intersezionale, […]
Leggi ora
5 Luglio 2022
Il "regalo" del sindaco Beppe Sala al Pride
D'ora in poi a Milano verranno registrati in automatico gli atti di nascita dei figli di "coppie omogenitoriali", compresi quelli nati da utero in affitto. Anche se la legge e successive sentenze condannano fermamente la pratica e indicano la strada dell'adozione per il genitore "intenzionale". Ma l'anagrafe è di competenza dello Stato, e non delle amministrazioni locali. E i milanesi non sono mai stati interpellati a riguardo: tutte le criticità di una decisione unilaterale e molto glam che potrebbe presentare anche profili di incostituzionalità
“Abbiamo riavviato il riconoscimento dei figli nati in Italia da coppie omogenitoriali”: le parole con cui il sindaco Beppe Sala ha annunciato il suo personale “regalo” al Pride hanno inizialmente ingenerato qualche confusione. Infatti i figli nati “in Italia” per iniziativa -e giocoforza non “da”- coppie omogenitoriali sono solo i figli di donne unite con altre donne. I figli delle coppie di uomini nascono in Canada, in California o in altre nazioni mete di turismo procreativo, ma in Italia no […]
Leggi ora
29 Giugno 2022
Finiscono le scuole, ricominciano i prelievi coatti dei bambini
Nonostante una recente sentenza della Cassazione abbia definito "fuori dallo stato di diritto" il prelievo coatto dei minori, questa mattina in provincia di Lodi un bambino di 11 anni è stato strappato a sua madre, trattenuta con la forza e con l'inganno mentre il figlio veniva prelevato. Ecco come sono andati i fatti nel racconto di una testimone
Questa mattina in provincia di Lodi, a Casalmaiocco, un bambino di 11 anni, Gioele, è stato strappato con la forza ed allontanato in modo improvviso e traumatico dalla madre con cui viveva. Ecco i fatti come vengono raccontati da un'attivista di MaternaMente presente in quel momento: "Deborah e suo figlio erano stati convocati per un incontro dai servizi sociali stamattina. L'incontro si è  svolto online e i ss hanno usato toni rassicuranti. La mamma si è poi recata in comune per […]
Leggi ora
11 Giugno 2022
Una lettera al direttore di Repubblica. Per spiegargli che cos'è una donna
Si moltiplicano le reazioni di lettrici -e anche lettori - all'inaccettabile testo di Michela Marzano secondo la quale chiunque è titolato a dirsi donna, e se una donna ha qualcosa da obiettare è una TERF. Qui la lettera aperta di Alessia Teani a Maurizio Molinari
Gentilissimo Direttore Maurizio Molinari mi permetto di scriverle direttamente perché Lei si è permesso di darmi della TERF dalle pagine del suo giornale. L'ha detto a me, a mia madre, alle mie nonne buonanima. Lei ha dato della TERF alle mie nipoti, alle mie alunne, alle mie amiche. Lei, signor Molinari, sta dando della TERF  a tutte le donne che entrando nello spogliatoio femminile non si aspettano di vedere un uomo nudo, con tutta l'arroganza che il Suo beneplacito gli […]
Leggi ora