10 Settembre 2021

Adozione Buttigieg? Quasi certamente è utero in affitto

Innanzitutto sono due gemelli: e le nascite gemellari sono rare. Ancora più raro che vi siano gemelli adottabili. Secondo Jennifer Lahl, fondatrice di Stop Surrogacy Now, il politico americano e suo marito hanno fatto ricorso a maternità surrogata, fatto su cui viene mantenuta l'ambiguità. Una scelta dalla quale nascono molte domande
Condividi questo articolo

Pochi giorni ha fatto il giro del mondo la foto che vedete: Pete Buttigieg e suo marito Chasten Glezman Buttigieg che posano con due neonati, con titoli come: “Diamo il benvenuto ai nostri due gemelli” (vedere qui).

Gli articoli riportano con il tono leggero di una feel-good story le dichiarazioni della coppia sui social network. Dichiarazioni che sono intenzionalmente non chiare su come siano “arrivati” i due gemelli, un bambino e una bambina. Nonostante la coppia avesse parlato in precedenza di tentativi falliti di adozione, la voluta ambiguità fa pensare che si siano serviti della GPA o “utero in affitto”.

I media tradizionali non hanno osato scriverlo, ma lo si è potuto leggere abbondantemente sui social network. Riempie il vuoto l’articolo che vi segnaliamo, scritto da Jennifer Lahl, ex-infermiera pediatrica, presidente del Center for Bioethics and Culture e produttrice di film documentari tra cui “Eggsploitation”, “#BigFertility” e il recente “Trans Mission: What's the Rush to Reassign Gender?” (vedere qui).


Finora, i Buttigiegs hanno mantenuto il silenzio su dove e come hanno ottenuto i loro bambini. Chasten ha fatto allusioni per più di un anno a tentativi falliti di adozione come modo per far crescere la loro famiglia.

Io scommetterei invece su un contratto di maternità surrogata, e sarò felice di ritrattare la mia posizione quando verrà fornita prova del contrario. Poiché Pete Buttigieg è il Segretario del Dipartimento dei Trasporti, una nomina di Biden, ho contattato l'ufficio stampa del Dipartimento per informarmi sui gemelli che potrebbero essere nati tramite maternità surrogata.

Perché penso che questi bambini siano il prodotto di un accordo di maternità surrogata? In primo luogo, come ex infermiera di assistenza critica pediatrica, ho familiarità con i dati sulle nascite gemellari.

Le nascite gemellari sono rare, con un tasso di 3 gemelli ogni 100 nascite. Il Centers for Disease Control indica il tasso a 32,1 per 1000 nati vivi all'anno negli Stati Uniti, riportando il numero di nascite gemellari a 120.291 rispetto al numero totale di nascite nel 2019 a 3.747.540.

Da questo sito sulle adozioni apprendiamo che in effetti “una percentuale molto piccola di bambini in attesa di adozione sono gemelli”. E i genitori che vogliono adottare gemelli avranno un tempo di attesa molto lungo.

Dal momento che Chasten ha dichiarato che i loro tentativi di adottare sono falliti, ma ora la coppia posa con gioia con i suoi gemelli, non è così difficile concludere che questi bambini sono nati tramite maternità surrogata.

[…]

Se questo è, infatti, il caso, ho molte altre domande. In primo luogo: chi è la donatrice di ovuli? La maternità surrogata gestazionale prevede che la madre naturale non contribuisca con la sua genetica, è solo letteralmente un utero in affitto. Chi è registrata come madre sui certificati di nascita di questi bambini, oppure entrambe le donne sono state cancellate per contratto legale, elencando solo Pete e Chasten come padri?

I Buttigieg intendono dire ai loro figli chi è la loro madre naturale o genetica? O cresceranno senza mai conoscere la loro madre biologica o la loro madre naturale?

Si è trattato di una gravidanza ad alto rischio, poiché sappiamo che la maternità surrogata è già una gravidanza più rischiosa di quella concepita spontaneamente, e avere una gravidanza gemellare conferisce ancora più rischio alla madre e ai bambini.

I bambini sono stati partoriti con cesareo, come è spesso il caso nelle nascite gemellari surrogate? Per quanto riguarda la donatrice di ovuli, che molto probabilmente è stata pagata e non veramente una “donatrice”, come sono la sua salute e la sua fertilità dopo i noti rischi della donazione di ovuli?

Infine, entrambi gli uomini hanno fornito lo sperma per avere un legame biologico con i gemelli? Questa pratica è comune tra le coppie gay che usano la maternità surrogata, perché fornisce loro un "figlio proprio". Una coppia lo descrive così: “Il nostro ideale era di avere due gemelli, con ognuno di noi come padre”.

Questa pratica non solo dimostra la mercificazione dei corpi riproduttivi delle donne, ma anche l'aspetto di "bambino su misura" delle gravidanze commerciali a contratto. Mi chiedo se Pete e Chasten hanno usato anche lo screening genetico pre-impianto sui loro embrioni per la selezione del sesso, al fine di ottenere un maschio e una femmina?

Dal mio punto di vista, sembra che due donne siano state comprate, acquistate e mercificate per i ricchi Buttigieg per “costruire la loro famiglia” come un progetto, attraverso la tecnologia moderna.

Articolo integrale di Jennifer Lahl qui

Introduzione e traduzione di Maria Celeste



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
21 Maggio 2022
Aborto: precisamente che cosa vogliono i pro-life?
Oggi a Roma la Manifestazione per la Vita che tornerà a gridare no all'aborto, in attesa della sentenza della Corte Suprema che potrebbe renderlo illegale negli USA. Ma l'abolizione della legge 194 è impensabile, non esiste una maggioranza che la sosterrebbe. Che cosa si chiede allora? Quali sono i veri obiettivi del movimento?
Oggi a Roma si svolgerà la Manifestazione per la Vita. Al netto del terremoto che sta scuotendo il mondo dei cosiddetti pro-life (un buon resoconto lo potete trovare qui), la piazza di oggi è fortemente corroborata dal vento USA e dal fatto che nel giro di poche settimane la Corte Suprema americana potrebbe confermare con sentenza definitiva la messa fuori legge dell'interruzione di gravidanza (ne abbiamo parlato qui). Nel rispetto delle opinioni di tutti, la posizione dei pro-life italiani è […]
Leggi ora
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
13 Maggio 2022
Destra, sinistra, umano, transumano
Il tema dei "diritti" -dall'identità di genere all'utero in affitto- non è complementare o a latere, ma delinea l'orizzonte verso il quale ci si muove. Ma la prospettiva post-umana perseguita dai progressisti non è unica e ineluttabile. L'alternativa esiste: una civiltà a radice femminile
Ripresentando il ddl Zan, al Senato con scarsissime possibilità che passi -quando invece altre soluzioni, tipo il ddl Scalfarotto, avrebbero assicurato una legge contro l'omobitransfobia- il segretario PD Letta ha più volte sottolineato che il tema dei diritti è decisivo per il suo partito. Tema dei diritti che tuttavia è sempre posto come complementare, a latere di questioni ritenute ben più rilevanti: la guerra, certo, i temi economici ma anche semplicemente la legge elettorale. In verità il più della partita […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora
28 Aprile 2022
Caso Sargentini: l'assordante silenzio di Saviano
La giornalista femminista Monica Ricci Sargentini minacciata di sanzione -tre giorni di sospensione- dal Corriere della Sera per avere condiviso lo spirito di un'iniziativa di protesta contro un articolo pubblicato sull'allegato Sette in cui lo scrittore napoletano parlava di regolarizzare il "sex work" come lavoro ordinario. Sarebbe importante conoscere il suo punto di vista di difensore della libertà di opinione sulla vicenda. Ma al momento nessun segnale
Conosciamo Roberto Saviano come un difensore della libertà di opinione e di stampa. Così si è sempre presentato. Non soltanto per i rischi corsi personalmente, ma per avere in più occasioni difeso la libertà di pensiero con prese di posizioni pubbliche, spiegando che un giornalista deve “poter fare il proprio lavoro senza essere attaccato sul piano personale, senza un clima di minaccia” e lamentando che “qualsiasi voce critica sa di potersi aspettare ritorsioni”. In questi giorni Monica Ricci Sargentini, giornalista […]
Leggi ora
26 Aprile 2022
Trans-medicina: la nuova lobotomia
Secondo Lisa Michele il trattamento di minori sani con ormoni è "uno dei più grandi scandali medici della storia" e può essere paragonato alla lobotomia di 50 mila americani a metà del secolo scorso: in entrambi i casi, nessuna evidenza scientifica e gravi danni per i pazienti. Intanto nasce in Italia un sito di auto-aiuto per genitori di bambine e bambini con disforia di genere
Parlando di quello che definisce "uno dei più grandi scandali medici della storia americana" (e non solo americana, purtroppo: i trattamenti di cui parla si fanno anche in Italia) la femminista americana Lisa Michele,azzarda un paragone molto forte tra le terapie ormonali per le persone con disforia (specie le-i minori) e la pratica chirurgica della lobotomia, trattamento devastante molto in voga negli USA tra gli anni '40 e gli anni '60. Quella che leggerete è una trascrizione del video di […]
Leggi ora