10 Settembre 2021

Adozione Buttigieg? Quasi certamente è utero in affitto

Innanzitutto sono due gemelli: e le nascite gemellari sono rare. Ancora più raro che vi siano gemelli adottabili. Secondo Jennifer Lahl, fondatrice di Stop Surrogacy Now, il politico americano e suo marito hanno fatto ricorso a maternità surrogata, fatto su cui viene mantenuta l'ambiguità. Una scelta dalla quale nascono molte domande
Condividi questo articolo

Pochi giorni ha fatto il giro del mondo la foto che vedete: Pete Buttigieg e suo marito Chasten Glezman Buttigieg che posano con due neonati, con titoli come: “Diamo il benvenuto ai nostri due gemelli” (vedere qui).

Gli articoli riportano con il tono leggero di una feel-good story le dichiarazioni della coppia sui social network. Dichiarazioni che sono intenzionalmente non chiare su come siano “arrivati” i due gemelli, un bambino e una bambina. Nonostante la coppia avesse parlato in precedenza di tentativi falliti di adozione, la voluta ambiguità fa pensare che si siano serviti della GPA o “utero in affitto”.

I media tradizionali non hanno osato scriverlo, ma lo si è potuto leggere abbondantemente sui social network. Riempie il vuoto l’articolo che vi segnaliamo, scritto da Jennifer Lahl, ex-infermiera pediatrica, presidente del Center for Bioethics and Culture e produttrice di film documentari tra cui “Eggsploitation”, “#BigFertility” e il recente “Trans Mission: What's the Rush to Reassign Gender?” (vedere qui).


Finora, i Buttigiegs hanno mantenuto il silenzio su dove e come hanno ottenuto i loro bambini. Chasten ha fatto allusioni per più di un anno a tentativi falliti di adozione come modo per far crescere la loro famiglia.

Io scommetterei invece su un contratto di maternità surrogata, e sarò felice di ritrattare la mia posizione quando verrà fornita prova del contrario. Poiché Pete Buttigieg è il Segretario del Dipartimento dei Trasporti, una nomina di Biden, ho contattato l'ufficio stampa del Dipartimento per informarmi sui gemelli che potrebbero essere nati tramite maternità surrogata.

Perché penso che questi bambini siano il prodotto di un accordo di maternità surrogata? In primo luogo, come ex infermiera di assistenza critica pediatrica, ho familiarità con i dati sulle nascite gemellari.

Le nascite gemellari sono rare, con un tasso di 3 gemelli ogni 100 nascite. Il Centers for Disease Control indica il tasso a 32,1 per 1000 nati vivi all'anno negli Stati Uniti, riportando il numero di nascite gemellari a 120.291 rispetto al numero totale di nascite nel 2019 a 3.747.540.

Da questo sito sulle adozioni apprendiamo che in effetti “una percentuale molto piccola di bambini in attesa di adozione sono gemelli”. E i genitori che vogliono adottare gemelli avranno un tempo di attesa molto lungo.

Dal momento che Chasten ha dichiarato che i loro tentativi di adottare sono falliti, ma ora la coppia posa con gioia con i suoi gemelli, non è così difficile concludere che questi bambini sono nati tramite maternità surrogata.

[…]

Se questo è, infatti, il caso, ho molte altre domande. In primo luogo: chi è la donatrice di ovuli? La maternità surrogata gestazionale prevede che la madre naturale non contribuisca con la sua genetica, è solo letteralmente un utero in affitto. Chi è registrata come madre sui certificati di nascita di questi bambini, oppure entrambe le donne sono state cancellate per contratto legale, elencando solo Pete e Chasten come padri?

I Buttigieg intendono dire ai loro figli chi è la loro madre naturale o genetica? O cresceranno senza mai conoscere la loro madre biologica o la loro madre naturale?

Si è trattato di una gravidanza ad alto rischio, poiché sappiamo che la maternità surrogata è già una gravidanza più rischiosa di quella concepita spontaneamente, e avere una gravidanza gemellare conferisce ancora più rischio alla madre e ai bambini.

I bambini sono stati partoriti con cesareo, come è spesso il caso nelle nascite gemellari surrogate? Per quanto riguarda la donatrice di ovuli, che molto probabilmente è stata pagata e non veramente una “donatrice”, come sono la sua salute e la sua fertilità dopo i noti rischi della donazione di ovuli?

Infine, entrambi gli uomini hanno fornito lo sperma per avere un legame biologico con i gemelli? Questa pratica è comune tra le coppie gay che usano la maternità surrogata, perché fornisce loro un "figlio proprio". Una coppia lo descrive così: “Il nostro ideale era di avere due gemelli, con ognuno di noi come padre”.

Questa pratica non solo dimostra la mercificazione dei corpi riproduttivi delle donne, ma anche l'aspetto di "bambino su misura" delle gravidanze commerciali a contratto. Mi chiedo se Pete e Chasten hanno usato anche lo screening genetico pre-impianto sui loro embrioni per la selezione del sesso, al fine di ottenere un maschio e una femmina?

Dal mio punto di vista, sembra che due donne siano state comprate, acquistate e mercificate per i ricchi Buttigieg per “costruire la loro famiglia” come un progetto, attraverso la tecnologia moderna.

Articolo integrale di Jennifer Lahl qui

Introduzione e traduzione di Maria Celeste



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
6 Febbraio 2023
Mail-bombing a Repubblica: Inaccettabile la disinformazione sui bloccanti della pubertà
In un articolo privo di riscontri scientifici Michela Marzano sostiene che gli effetti dei puberty blocker somministrati a bambine-i “non conformi al genere” sarebbero perfettamente reversibili, dato smentito da studi e dalla pratica clinica. E parla di maggiore rischio suicidio per questi minori, rischi mai comprovati. Qui il testo argomentato scientificamente di una lettera da inviare al direttore Molinari per richiedere un’informazione più accurata e meno ideologica su un tema così delicato
Testo per un Mail-bombing, da inviare al direttore Maurizio Molinari m.molinari@repubblica.it Gentile Direttore Molinari, leggiamo l’articolo di Michela Marzano, titolo “Nessuno tocchi l’identità di genere”, pubblicato sul suo giornale domenica 5 febbraio. E non possiamo non rilevare con sconcerto che l’autrice affronta la delicatissima questione dei minori “disforici” senza alcun riferimento scientifico, sostenendo tra le altre cose che “ la sospensione” indotta dai farmaci che bloccano la pubertà “è temporanea e reversibile”, che il ricorso a detti farmaci “permette di […]
Leggi ora
2 Febbraio 2023
Nascere da "madre surrogata" morta
Docente dell’università di Oslo propone di utilizzare corpi di donne in coma irreversibile, danneggiabili senza complicazioni etiche, per condurre gravidanze per conto terzi. Ma anche uomini in stato vegetativo (così le femministe non si arrabbiano) innestando gli embrioni nel fegato. E i bambini? Tema non considerato
Può essere stato d'ispirazione Habla con ella, film di Pedro Almodovar in cui la giovane danzatrice Alicia, in coma per un incidente, resta incinta a opera di Benigno, l'infermiere che si occupa di lei. Anna Smajdor, docente di Bioetica Medica Università di Oslo, riprende e approfondisce un suggerimento avanzato nel 2000 dalla ricercatrice israeliana Rosalie Ber "per aggirare i problemi morali della maternità surrogata gestazionale" utilizzando come uteri in affitto donne in stato vegetativo persistente (PVS). Alla pratica dà il […]
Leggi ora
30 Gennaio 2023
Nasce GenerAzioneD, associazione italiana di genitori di minori che si definiscono "trans"
Un sito di orientamento e di informazione per sostenere e accompagnare madri e padri che si trovino a vivere questa complessa esperienza: testimonianze, interviste, e link per contribuire a un dibattito approfondito che oggi non trova spazio sui media mainstream
Si è costituita l’associazione culturale, apolitica, aconfessionale e priva di scopi di lucro GenerAzioneD Scopo primario dell’associazione è quello di informare in merito alle problematiche della disforia/incongruenza di genere in bambini, adolescenti e giovani adulti. Attraverso la divulgazione di testimonianze, notizie, articoli nazionali e internazionali in traduzione e la promozione di occasioni di confronto, GenerAzioneD si propone di favorire la trasparenza necessaria affinché venga garantita la migliore assistenza possibile alle persone coinvolte.  GenerAzioneD nasce infatti dall’incontro di alcuni genitori accumunati dall’esperienza di avere figli […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Il problema non è il rooming-in ma la solitudine delle mamme
Dopo la triste vicenda del neonato morto accanto alla mamma al Pertini di Roma per alcune/i la soluzione è tenere i bambini nei nidi e non in stanza. Ma il rooming-in è stato fortemente voluto dalle donne che un tempo in ospedale venivano separate dai bambini. Si tratta semmai di consentire alle neomamme di avere vicino una congiunta/o che le assista. Specie in tempi di personale carente
A partire dalla dolorosissima vicenda del neonato morto all'ospedale Pertini di Roma -probabilmente per soffocamento accidentale, la magistratura accerterà le cause: potrebbe anche trattarsi di "morte in culla" o di altro- molte e molti concludono che il rooming-in è una pratica pericolosa e sbagliata e che i bambini dovrebbero stare nelle nursery. Ricordo però che in passato le donne hanno molto lottato per ottenere il rooming-in e per ragioni più che evidenti: non separarsi dal neonato dopo la lunga convivenza […]
Leggi ora
16 Gennaio 2023
Gli psicoanalisti italiani: stop ai puberty blockers
La Società Psicoanalitica Italiana critica sui bloccanti per la pubertà ai bambini: trattamento pericoloso e sperimentale. E si unisce a femministe gender critical e genitori nel chiedere dati scientifici e un dibattito pubblico sul migliore trattamento per i minori che soffrono disforia di genere
Da anni noi femministe gender critical lottiamo contro lo scandalo della medicalizzazione dei bambini nel nome dell’identità di genere. E da anni veniamo bollate come fasciste, reazionarie, bigotte. Oggi finalmente una società scientifica accreditata italiana, la Società Psicoanalitica Italiana (SPI), prende posizione, unendosi a noi nel lanciare un grido di allarme: l’uso di bloccanti della pubertà è un trattamento sperimentale che non ha una solida base scientifica, e causa gravi effetti collaterali. Soprattutto, nella maggior parte dei casi la disforia […]
Leggi ora
31 Dicembre 2022
Nuovo NO della Cassazione alla registrazione dei "due padri" da utero in affitto
Per la seconda volta la Corte Suprema ribadisce: quegli atti di nascita formati all’estero non possono essere registrati dalle anagrafi italiane. Per il/la partner del padre biologico la strada è solo l’adozione. La maternità surrogata resta un elevato disvalore e viola la dignità della donna. Il sindaco Sala smetta subito di trascriverli, come richiesto nel nostro esposto
Le sentenze vanno lette con attenzione perché il diavolo, per così dire, si nasconde nei dettagli. Ma nessun dubbio sul fatto che la Cassazione a Sezioni Unite con la sentenza 38162 depositata ieri torna a respingere la richiesta di registrazione integrale e automatica degli atti di nascita dei bambini nati all'estero da utero in affitto, consentendo all'anagrafe unicamente l'indicazione del genitore biologico. La domanda era molto semplice. In breve: l'atto di nascita realizzato in Canada di un bambino nato da […]
Leggi ora