Aborto: precisamente che cosa vogliono i pro-life?

Oggi a Roma la Manifestazione per la Vita che tornerà a gridare no all'aborto, in attesa della sentenza della Corte Suprema che potrebbe renderlo illegale negli USA. Ma l'abolizione della legge 194 è impensabile, non esiste una maggioranza che la sosterrebbe. Che cosa si chiede allora? Quali sono i veri obiettivi del movimento?
Condividi questo articolo

Oggi a Roma si svolgerà la Manifestazione per la Vita. Al netto del terremoto che sta scuotendo il mondo dei cosiddetti pro-life (un buon resoconto lo potete trovare qui), la piazza di oggi è fortemente corroborata dal vento USA e dal fatto che nel giro di poche settimane la Corte Suprema americana potrebbe confermare con sentenza definitiva la messa fuori legge dell'interruzione di gravidanza (ne abbiamo parlato qui).

Nel rispetto delle opinioni di tutti, la posizione dei pro-life italiani è piuttosto ambigua: precisamente, che cosa vorrebbero?

Che l'aborto non esistesse più? Impensabile, esiste dalla notte dei tempi. Se una donna non intende portare avanti una gravidanza, l'unica possibilità per impedire che abortisca è il letto di contenzione.

Vorrebbero che la legge 194/78 che regola in Italia l'interruzione di gravidanza venisse abrogata? Anche questo impensabile: come si è già visto, e come i pro-life sanno benissimo, non esiste una maggioranza politica che sosterrebbe l'abrogazione, anche perché la cittadinanza -così come peraltro negli USA- è favorevole al mantenimento della legge. Legge che, vero, è piuttosto "invecchiata" e male applicata: la sanità pubblica tende a scaricarsi dei costi e delle noie del problema, le donne ricorrono sempre più frequentemente alla contraccezione d'emergenza e all'aborto chimico più o meno "autogestito" (che attenzione: non è una passeggiata) e infatti a parità di copertura contraccettiva il numero delle Ivg chirurgiche è in calo costante.

In ogni caso abrogare la 194 non farebbe diminuire il numero degli aborti, ma farebbe senz'altro aumentare il numero di donne che ci lasciano le penne, com'è sempre stato prima che la legge garantisse condizioni di sicurezza. Si pensa che facendo crepare più donne, in una logica punitiva, l'aborto scomparirebbe?

Non potendo realisticamente perseguire l'obiettivo dell'abrogazione, i pro-life intendono riformare la 194? E se sì, in che modo?

Davvero i pro-life pensano che la nostra denatalità record vada ricondotta al fatto che in Italia l'aborto è legale (se praticato in ospedale o strutture convenzionate, diversamente non lo è)? Come possono pensarlo?

Non vedono piuttosto, come vediamo noi, che la maternità è sotto attacco concentrico: svalorizzata, ostacolata dai datori di lavoro, con le donne che devono rinviare sine die perché sono sole, non godono del supporto del "villaggio" che dovrebbe aiutare a crescere ogni creatura che nasce, non sono mai oggetto di gratitudine e di ammirazione per la loro decisione di mettere al mondo? Per non parlare dell'attacco tecnoscientifico e transumano, il processo procreativo parcellizzato, l'invidia maschile che muove con ingenti risorse la ricerca per strappare alla donne il "privilegio" (cis-privilegio) di potere dare la vita, tutte le cose che sappiamo.

Davvero si pensa che se le donne dovessero essere ricacciate ad abortire nella clandestinità nascerebbero più bambini? Che cosa intendono fare, i pro-life, perché chi intende essere madre -non tutte lo vogliono- possa esserlo?

Per finire: che cosa hanno da dire i pro-life dell'irresponsabilità procreativa maschile? Ci sono più uomini che non vogliono diventare padri che donne restie a diventare madri. Un gran numero di aborti si spiega con il rifiuto maschile: quando sentiremo qualche parola su questo?

Aborto: precisamente che cosa vogliono i pro-life?
Il senatore Simone Pillon, tra i protagonisti della Manifestazione per la Vita

Ma c'è di più: la logica della parità e della bigenitorialità ormai prevalente anche nel mondo cattolico rende equivalenti e interscambiabili il ruolo della madre e quello del padre e contribuisce con forza alla svalorizzazione materna e quindi alla denatalità (per fare un esempio, nelle rare enclavi matrilineari che sono sopravvissute nel mondo, com'è il caso dei Moso, dove la figura della madre è collocata al centro della comunità, l'aborto non esiste!).

Il senatore Simone Pillon, che oggi sarà tra i protagonisti della piazza romana, ha recentemente ripresentato il suo ddl in riforma dell'affido condiviso, che propone tempi paritetici con obbligo di collocazione del minore presso entrambi i genitori e il mantenimento diretto con l’abolizione dell’assegno per il figlio.

Davvero si pensa che attaccando ancora più pesantemente le madri e partecipando alla misoginia crescente, contribuendo efficacemente a nutrirla come fa Pillon, nasceranno più bambini? E' questa la cultura della vita? Come mai non si comprende che il "sì" della donna alla creatura non può essere condizionato, surrogato né bypassato, e che i "no" saranno sempre di più, in queste condizioni?

Insomma: che cosa vogliono i pro-life?

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
12 Aprile 2024
Chiuse in un recinto. Come a Kabul
Lettera aperta al Sindaco Gualtieri e alle altre autorità competenti sull’incredibile scena di discriminazione nel quartiere Centocelle a Roma: donne isolate come animali impuri per le celebrazioni di fine Ramadan. Chi ha dato il permesso per l’inaccettabile manifestazione? E che iniziative si intendono intraprendere contro questa barbarie misogina?
Al Sindaco di Roma Roberto Gualtieri Al Presidente del Municipio V Mauro Caliste Alla Commissione Pari Opportunità del Comune di Roma e p.c. Alla Ministra Pari Opportunità e Famiglia Eugenia Roccella Al Ministro dell'Interno Matteo Piantedosi Gentile Sindaco, gentile Presidente, gentili membri della Commissione Pari Opportunità, manifestiamo sgomento e sconcerto a fronte delle modalità con cui nel Municipio V della Capitale -piazza dei Mirti, quartiere Centocelle, a pochi metri dalla scuola intitolata ad Artemisia Gentileschi- si sono svolte le celebrazioni […]
Leggi ora
29 Febbraio 2024
Una nuova AGEDO?
La storica Associazione Genitori di Omosessuali ha molto lavorato per l’accettazione e la non discriminazione di gay e lesbiche e oggi dedica molte delle sue iniziative ai minori con disforia di genere. Con un approccio sostanzialmente affermativo cioè di supporto alla transizione. In un recente webinar è stato detto forse si dovrebbe interrompere la relazione con i familiari che si oppongono e che ragionare sugli effetti dei puberty blocker è fuori tema. Per menzionare solo alcune delle più sorprendenti affermazioni
AGEDO (Associazione Genitori Di Omosessuali) è stata una realtà importante nata nel 1993 per iniziativa di Paola Dall'Orto, fondatrice e presidente fino al 2007 e insignita nel 2009 del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica per la sua attività: "Lo scopo" aveva spiegato "era quello di aiutare quei genitori che si fossero trovati nella nostra stessa situazione: in uno stato di disagio, spesso di disperazione, e quasi sempre nell’ignoranza sull’argomento […] Abbiamo pensato di aiutare questi genitori a conoscere cosa non […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
19 Dicembre 2023
Quando l'aborto è una violenza
Un grande numero di interruzioni di gravidanza si spiega con l’irresponsabilità e con la “fuga” degli uomini. “Per il piacere di chi sto abortendo?” si chiedeva Carla Lonzi. Ma questa violenza maschile non viene mai nominata e si continuano a colpevolizzare le donne. Come fanno i ProVita con la loro proposta di obbligarle ad ascoltare il battito del feto
Ammesso che ce ne fosse bisogno, all'on. Maria Rachele Ruiu di ProVita ho detto con la massima franchezza che obbligare la donna intenzionata ad abortire di ascoltare il battito del cuore del feto non è una proposta ammissibile. Si tratta di un'idea insensata, sadica, punitiva e probabilmente incostituzionale che avrebbe probabilmente come unico effetto quello di incentivare l'aborto clandestino. Forse la proposta non andrà mai in discussione e resterà mera propaganda. Cattiva propaganda però. Ancora una volta nel mirino ci […]
Leggi ora
15 Dicembre 2023
Processi e stupri
Le domande poste in aula alla presunta vittima di violenza sessuale da parte di Ciro Grillo e compagni ricordano molto i toni dei legali della difesa nel famoso “Processo per stupro” del 1979. La formidabile arringa di Tina Lagostena Bassi, avvocata di parte civile in quel procedimento, spiega perché queste modalità di interrogatorio erano -e restano- inaccettabili. Riascoltiamola
Vale la pena di rileggersi ed eventualmente riascoltare -il pluripremiato film Processo per stupro, 1979*, potete rivederlo qui in versione integrale- la formidabile arringa dell'avvocata Tina Lagostena Bassi, legale di parte civile in difesa di una giovane donna stuprata da 4 uomini che l'avevano attirata in una villa di Nettuno con il pretesto di un'offerta di lavoro. Il processo si concluse con una condanna ma gli imputati beneficiarono della libertà condizionale. Vale la pena di riascoltare quell'arringa perché nelle parole […]
Leggi ora
4 Dicembre 2023
Fuori i misogini dal servizio pubblico
L'ingaggio a "Ballando con le stelle" di Teo Mammucari, protagonista di uno degli show più offensivi di sempre contro le donne con una "valletta muta" -Flavia Vento- inscatolata nel plexiglas e metodicamente sbeffeggiata, fa dubitare sull'effettivo impegno della Rai contro la violenza e il maschilismo. E obbliga le cittadine e i cittadini a contribuire al cachet di chi ha offerto delle donne un'immagine tanto degradante
Al CdA RAI alla Presidente MARINELLA SOLDI all'Amministratore Delegato ROBERTO SERGIO alla Commissione Parlamentare di Vigilanza RAI Il femminicidio di Giulia Cecchettin ha segnato un punto di non ritorno nella coscienza collettiva sulla violenza maschile: l’unico precedente possibile è il delitto del Circeo. La RAI ha rappresentato questo momento di dolore e di consapevolezza politica manifestando l’intento a mobilitarsi in modo permanente contro la misoginia e il maschilismo.  Per questa ragione ci sorprende, ci offende e ci addolora l'ingaggio a […]
Leggi ora