Aborto: precisamente che cosa vogliono i pro-life?

Oggi a Roma la Manifestazione per la Vita che tornerà a gridare no all'aborto, in attesa della sentenza della Corte Suprema che potrebbe renderlo illegale negli USA. Ma l'abolizione della legge 194 è impensabile, non esiste una maggioranza che la sosterrebbe. Che cosa si chiede allora? Quali sono i veri obiettivi del movimento?
Condividi questo articolo

Oggi a Roma si svolgerà la Manifestazione per la Vita. Al netto del terremoto che sta scuotendo il mondo dei cosiddetti pro-life (un buon resoconto lo potete trovare qui), la piazza di oggi è fortemente corroborata dal vento USA e dal fatto che nel giro di poche settimane la Corte Suprema americana potrebbe confermare con sentenza definitiva la messa fuori legge dell'interruzione di gravidanza (ne abbiamo parlato qui).

Nel rispetto delle opinioni di tutti, la posizione dei pro-life italiani è piuttosto ambigua: precisamente, che cosa vorrebbero?

Che l'aborto non esistesse più? Impensabile, esiste dalla notte dei tempi. Se una donna non intende portare avanti una gravidanza, l'unica possibilità per impedire che abortisca è il letto di contenzione.

Vorrebbero che la legge 194/78 che regola in Italia l'interruzione di gravidanza venisse abrogata? Anche questo impensabile: come si è già visto, e come i pro-life sanno benissimo, non esiste una maggioranza politica che sosterrebbe l'abrogazione, anche perché la cittadinanza -così come peraltro negli USA- è favorevole al mantenimento della legge. Legge che, vero, è piuttosto "invecchiata" e male applicata: la sanità pubblica tende a scaricarsi dei costi e delle noie del problema, le donne ricorrono sempre più frequentemente alla contraccezione d'emergenza e all'aborto chimico più o meno "autogestito" (che attenzione: non è una passeggiata) e infatti a parità di copertura contraccettiva il numero delle Ivg chirurgiche è in calo costante.

In ogni caso abrogare la 194 non farebbe diminuire il numero degli aborti, ma farebbe senz'altro aumentare il numero di donne che ci lasciano le penne, com'è sempre stato prima che la legge garantisse condizioni di sicurezza. Si pensa che facendo crepare più donne, in una logica punitiva, l'aborto scomparirebbe?

Non potendo realisticamente perseguire l'obiettivo dell'abrogazione, i pro-life intendono riformare la 194? E se sì, in che modo?

Davvero i pro-life pensano che la nostra denatalità record vada ricondotta al fatto che in Italia l'aborto è legale (se praticato in ospedale o strutture convenzionate, diversamente non lo è)? Come possono pensarlo?

Non vedono piuttosto, come vediamo noi, che la maternità è sotto attacco concentrico: svalorizzata, ostacolata dai datori di lavoro, con le donne che devono rinviare sine die perché sono sole, non godono del supporto del "villaggio" che dovrebbe aiutare a crescere ogni creatura che nasce, non sono mai oggetto di gratitudine e di ammirazione per la loro decisione di mettere al mondo? Per non parlare dell'attacco tecnoscientifico e transumano, il processo procreativo parcellizzato, l'invidia maschile che muove con ingenti risorse la ricerca per strappare alla donne il "privilegio" (cis-privilegio) di potere dare la vita, tutte le cose che sappiamo.

Davvero si pensa che se le donne dovessero essere ricacciate ad abortire nella clandestinità nascerebbero più bambini? Che cosa intendono fare, i pro-life, perché chi intende essere madre -non tutte lo vogliono- possa esserlo?

Per finire: che cosa hanno da dire i pro-life dell'irresponsabilità procreativa maschile? Ci sono più uomini che non vogliono diventare padri che donne restie a diventare madri. Un gran numero di aborti si spiega con il rifiuto maschile: quando sentiremo qualche parola su questo?

Aborto: precisamente che cosa vogliono i pro-life?
Il senatore Simone Pillon, tra i protagonisti della Manifestazione per la Vita

Ma c'è di più: la logica della parità e della bigenitorialità ormai prevalente anche nel mondo cattolico rende equivalenti e interscambiabili il ruolo della madre e quello del padre e contribuisce con forza alla svalorizzazione materna e quindi alla denatalità (per fare un esempio, nelle rare enclavi matrilineari che sono sopravvissute nel mondo, com'è il caso dei Moso, dove la figura della madre è collocata al centro della comunità, l'aborto non esiste!).

Il senatore Simone Pillon, che oggi sarà tra i protagonisti della piazza romana, ha recentemente ripresentato il suo ddl in riforma dell'affido condiviso, che propone tempi paritetici con obbligo di collocazione del minore presso entrambi i genitori e il mantenimento diretto con l’abolizione dell’assegno per il figlio.

Davvero si pensa che attaccando ancora più pesantemente le madri e partecipando alla misoginia crescente, contribuendo efficacemente a nutrirla come fa Pillon, nasceranno più bambini? E' questa la cultura della vita? Come mai non si comprende che il "sì" della donna alla creatura non può essere condizionato, surrogato né bypassato, e che i "no" saranno sempre di più, in queste condizioni?

Insomma: che cosa vogliono i pro-life?

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
6 Febbraio 2023
Mail-bombing a Repubblica: Inaccettabile la disinformazione sui bloccanti della pubertà
In un inaccettabile articolo -senza alcun riferimento a dati scientifici- Michela Marzano dice che i puberty blockers sarebbero “temporanei e reversibili” e proteggerebbero dal suicidio, ma tutto questo è smentito da numerose ricerche.
Testo per un Mail-bombing, da inviare al direttore Maurizio Molinari m.molinari@repubblica.it Gentile Direttore Molinari, leggiamo l’articolo di Michela Marzano, titolo “Nessuno tocchi l’identità di genere”, pubblicato sul suo giornale domenica 5 febbraio. E non possiamo non rilevare con sconcerto che l’autrice affronta la delicatissima questione dei minori “disforici” senza alcun riferimento scientifico, sostenendo tra le altre cose che “ la sospensione” indotta dai farmaci che bloccano la pubertà “è temporanea e reversibile”, che il ricorso a detti farmaci “permette di […]
Leggi ora
2 Febbraio 2023
Nascere da "madre surrogata" morta
Docente dell’università di Oslo propone di utilizzare corpi di donne in coma irreversibile, danneggiabili senza complicazioni etiche, per condurre gravidanze per conto terzi. Ma anche uomini in stato vegetativo (così le femministe non si arrabbiano) innestando gli embrioni nel fegato. E i bambini? Tema non considerato
Può essere stato d'ispirazione Habla con ella, film di Pedro Almodovar in cui la giovane danzatrice Alicia, in coma per un incidente, resta incinta a opera di Benigno, l'infermiere che si occupa di lei. Anna Smajdor, docente di Bioetica Medica Università di Oslo, riprende e approfondisce un suggerimento avanzato nel 2000 dalla ricercatrice israeliana Rosalie Ber "per aggirare i problemi morali della maternità surrogata gestazionale" utilizzando come uteri in affitto donne in stato vegetativo persistente (PVS). Alla pratica dà il […]
Leggi ora
30 Gennaio 2023
Nasce GenerAzioneD, associazione italiana di genitori di minori che si definiscono "trans"
Un sito di orientamento e di informazione per sostenere e accompagnare madri e padri che si trovino a vivere questa complessa esperienza: testimonianze, interviste, e link per contribuire a un dibattito approfondito che oggi non trova spazio sui media mainstream
Si è costituita l’associazione culturale, apolitica, aconfessionale e priva di scopi di lucro GenerAzioneD Scopo primario dell’associazione è quello di informare in merito alle problematiche della disforia/incongruenza di genere in bambini, adolescenti e giovani adulti. Attraverso la divulgazione di testimonianze, notizie, articoli nazionali e internazionali in traduzione e la promozione di occasioni di confronto, GenerAzioneD si propone di favorire la trasparenza necessaria affinché venga garantita la migliore assistenza possibile alle persone coinvolte.  GenerAzioneD nasce infatti dall’incontro di alcuni genitori accumunati dall’esperienza di avere figli […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Il problema non è il rooming-in ma la solitudine delle mamme
Dopo la triste vicenda del neonato morto accanto alla mamma al Pertini di Roma per alcune/i la soluzione è tenere i bambini nei nidi e non in stanza. Ma il rooming-in è stato fortemente voluto dalle donne che un tempo in ospedale venivano separate dai bambini. Si tratta semmai di consentire alle neomamme di avere vicino una congiunta/o che le assista. Specie in tempi di personale carente
A partire dalla dolorosissima vicenda del neonato morto all'ospedale Pertini di Roma -probabilmente per soffocamento accidentale, la magistratura accerterà le cause: potrebbe anche trattarsi di "morte in culla" o di altro- molte e molti concludono che il rooming-in è una pratica pericolosa e sbagliata e che i bambini dovrebbero stare nelle nursery. Ricordo però che in passato le donne hanno molto lottato per ottenere il rooming-in e per ragioni più che evidenti: non separarsi dal neonato dopo la lunga convivenza […]
Leggi ora
16 Gennaio 2023
Gli psicoanalisti italiani: stop ai puberty blockers
La Società Psicoanalitica Italiana critica sui bloccanti per la pubertà ai bambini: trattamento pericoloso e sperimentale. E si unisce a femministe gender critical e genitori nel chiedere dati scientifici e un dibattito pubblico sul migliore trattamento per i minori che soffrono disforia di genere
Da anni noi femministe gender critical lottiamo contro lo scandalo della medicalizzazione dei bambini nel nome dell’identità di genere. E da anni veniamo bollate come fasciste, reazionarie, bigotte. Oggi finalmente una società scientifica accreditata italiana, la Società Psicoanalitica Italiana (SPI), prende posizione, unendosi a noi nel lanciare un grido di allarme: l’uso di bloccanti della pubertà è un trattamento sperimentale che non ha una solida base scientifica, e causa gravi effetti collaterali. Soprattutto, nella maggior parte dei casi la disforia […]
Leggi ora
14 Gennaio 2023
UK: il servizio sanitario fa marcia indietro sui servizi per la "maternità transgender" dopo la rivolta delle ostetriche
Lottare serve: in Gran Bretagna levatrici e infermiere si ribellano all’annunciata apertura di corsi e reparti dedicati a gravidanza e parto di persone “trans e non binarie”. E l’NHS stoppa l’iniziativa. Intanto negli USA si parla di trapianto di utero tra viventi: donne donatrici a vantaggio di uomini che desiderano vivere "esperienze fisiologiche femminili". Il vecchio sogno patriarcale di sempre: prendere il posto delle donne. Oggi agito dai neopatriarchi T
Lottare serve. La rivolta di ostetriche e infermiere ha sventato il piano del Servizio Sanitario Nazionale inglese (NHS) di organizzare servizi dedicati alla "maternità transgender". Il 16 dicembre scorso era apparso un annuncio per reclutare personale per gestire la formazione delle "persone trans e non binarie che partoriscono" in 40 servizi di maternità dell'NHS, annuncio che ha provocato l’immediata reazione di addette al settore. Un gruppo di circa 300 infermiere, ostetriche e psicologhe ha scritto una lettera aperta a Lizzie […]
Leggi ora