Aborto: precisamente che cosa vogliono i pro-life?

Oggi a Roma la Manifestazione per la Vita che tornerà a gridare no all'aborto, in attesa della sentenza della Corte Suprema che potrebbe renderlo illegale negli USA. Ma l'abolizione della legge 194 è impensabile, non esiste una maggioranza che la sosterrebbe. Che cosa si chiede allora? Quali sono i veri obiettivi del movimento?
Condividi questo articolo

Oggi a Roma si svolgerà la Manifestazione per la Vita. Al netto del terremoto che sta scuotendo il mondo dei cosiddetti pro-life (un buon resoconto lo potete trovare qui), la piazza di oggi è fortemente corroborata dal vento USA e dal fatto che nel giro di poche settimane la Corte Suprema americana potrebbe confermare con sentenza definitiva la messa fuori legge dell'interruzione di gravidanza (ne abbiamo parlato qui).

Nel rispetto delle opinioni di tutti, la posizione dei pro-life italiani è piuttosto ambigua: precisamente, che cosa vorrebbero?

Che l'aborto non esistesse più? Impensabile, esiste dalla notte dei tempi. Se una donna non intende portare avanti una gravidanza, l'unica possibilità per impedire che abortisca è il letto di contenzione.

Vorrebbero che la legge 194/78 che regola in Italia l'interruzione di gravidanza venisse abrogata? Anche questo impensabile: come si è già visto, e come i pro-life sanno benissimo, non esiste una maggioranza politica che sosterrebbe l'abrogazione, anche perché la cittadinanza -così come peraltro negli USA- è favorevole al mantenimento della legge. Legge che, vero, è piuttosto "invecchiata" e male applicata: la sanità pubblica tende a scaricarsi dei costi e delle noie del problema, le donne ricorrono sempre più frequentemente alla contraccezione d'emergenza e all'aborto chimico più o meno "autogestito" (che attenzione: non è una passeggiata) e infatti a parità di copertura contraccettiva il numero delle Ivg chirurgiche è in calo costante.

In ogni caso abrogare la 194 non farebbe diminuire il numero degli aborti, ma farebbe senz'altro aumentare il numero di donne che ci lasciano le penne, com'è sempre stato prima che la legge garantisse condizioni di sicurezza. Si pensa che facendo crepare più donne, in una logica punitiva, l'aborto scomparirebbe?

Non potendo realisticamente perseguire l'obiettivo dell'abrogazione, i pro-life intendono riformare la 194? E se sì, in che modo?

Davvero i pro-life pensano che la nostra denatalità record vada ricondotta al fatto che in Italia l'aborto è legale (se praticato in ospedale o strutture convenzionate, diversamente non lo è)? Come possono pensarlo?

Non vedono piuttosto, come vediamo noi, che la maternità è sotto attacco concentrico: svalorizzata, ostacolata dai datori di lavoro, con le donne che devono rinviare sine die perché sono sole, non godono del supporto del "villaggio" che dovrebbe aiutare a crescere ogni creatura che nasce, non sono mai oggetto di gratitudine e di ammirazione per la loro decisione di mettere al mondo? Per non parlare dell'attacco tecnoscientifico e transumano, il processo procreativo parcellizzato, l'invidia maschile che muove con ingenti risorse la ricerca per strappare alla donne il "privilegio" (cis-privilegio) di potere dare la vita, tutte le cose che sappiamo.

Davvero si pensa che se le donne dovessero essere ricacciate ad abortire nella clandestinità nascerebbero più bambini? Che cosa intendono fare, i pro-life, perché chi intende essere madre -non tutte lo vogliono- possa esserlo?

Per finire: che cosa hanno da dire i pro-life dell'irresponsabilità procreativa maschile? Ci sono più uomini che non vogliono diventare padri che donne restie a diventare madri. Un gran numero di aborti si spiega con il rifiuto maschile: quando sentiremo qualche parola su questo?

Aborto: precisamente che cosa vogliono i pro-life?
Il senatore Simone Pillon, tra i protagonisti della Manifestazione per la Vita

Ma c'è di più: la logica della parità e della bigenitorialità ormai prevalente anche nel mondo cattolico rende equivalenti e interscambiabili il ruolo della madre e quello del padre e contribuisce con forza alla svalorizzazione materna e quindi alla denatalità (per fare un esempio, nelle rare enclavi matrilineari che sono sopravvissute nel mondo, com'è il caso dei Moso, dove la figura della madre è collocata al centro della comunità, l'aborto non esiste!).

Il senatore Simone Pillon, che oggi sarà tra i protagonisti della piazza romana, ha recentemente ripresentato il suo ddl in riforma dell'affido condiviso, che propone tempi paritetici con obbligo di collocazione del minore presso entrambi i genitori e il mantenimento diretto con l’abolizione dell’assegno per il figlio.

Davvero si pensa che attaccando ancora più pesantemente le madri e partecipando alla misoginia crescente, contribuendo efficacemente a nutrirla come fa Pillon, nasceranno più bambini? E' questa la cultura della vita? Come mai non si comprende che il "sì" della donna alla creatura non può essere condizionato, surrogato né bypassato, e che i "no" saranno sempre di più, in queste condizioni?

Insomma: che cosa vogliono i pro-life?

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
21 Settembre 2022
RU486 o pillola abortiva: miti, fraintendimenti e business
L'aborto chimico viene venduto come più libero e autodeterminato, ma non è la soluzione per tutte: è più lungo e doloroso di quello chirurgico, a volte meno sicuro e serve soprattutto a far risparmiare il sistema sanitario come spiega il saggio di tre femministe americane. Alle donne va garantito il diritto di essere informate e di scegliere consapevolmente tra le due opzioni: ecco una proposta di legge per fare funzionare gli ospedali
Qualche giorno fa abbiamo pubblicato “Quando l’aborto interessa agli uomini”. Nella postilla abbiamo accennato ai diversi metodi di interruzione involontaria di gravidanza, tra cui la pillola abortiva RU 486, anche detta “aborto chimico”. Dell'aborto chimico si parla come di un passo avanti nell'autodeterminazione. Soprattutto le più giovani possono fare confusione tra contraccezione "del giorno dopo" (che va assunta entro 72 ore dal rapporto a rischio) e pillola abortiva, con la quale si può interrompere la gravidanza fino alla 9a settimana. […]
Leggi ora
17 Settembre 2022
Quando l'aborto interessa agli uomini
Totalmente ignorata a destra e a sinistra in tempo di pace, la questione dell'aborto diventa centrale quando gli uomini combattono per il proprio potere. Ma se esiste un "caso Marche" c'è anche un "caso Emilia", regione rossa: stesse percentuali di obiezione e niente pillola abortiva nei consultori. Noi donne non dobbiamo partecipare a questa immonda contesa sulla nostra carne, schierandoci nell'una o nell'altra tifoseria
Le donne -anzi, i cosiddetti "diritti delle donne"- sono state scaraventate strumentalmente al centro di questa orribile campagna elettorale, probabilmente la peggiore di sempre. Non il basso tasso di occupazione femminile, il gender pay gap, la mancanza di servizi che ci costringe nella parte di welfare vivente, la violenza e il femminicidio, il machismo della politica e tutto quello che sappiamo e che viviamo. La questione delle questioni è l'aborto, ripescata dal dimenticatoio in cui è normalmente confinata -nessun partito […]
Leggi ora
29 Agosto 2022
Un video ogni 10 minuti
Il brutale omicidio di Alessandra Matteuzzi uccisa a martellate dal suo ex è la rappresentazione perfetta di ogni femminicidio: l'assassino non è uno che perde il controllo, ma che lo ristabilisce. La morte di lei serve a ritrovare l'equilibrio perduto in seguito all'abbandono. La violenza è una funzione del dominio. E' qui che si deve tenere lo sguardo per riuscire a fermarla
L'uccisione di Alessandra Matteuzzi, la donna bolognese ammazzata dall'ex a martellate e a colpi di panca di ferro, è la rappresentazione plastica e perfetta della dinamica di ogni femminicidio. Giovanni Padovani non è pazzo, non è un drop out, è un giovane uomo in perfetta forma, inserito nel mondo, addirittura testimonial di campagne contro la violenza sulle donne. Insomma non l'avresti mai detto, come quasi sempre. Alessandra è sottoposta a vessazioni continue e inaudite: deve giustificare ogni movimento, ogni respiro, […]
Leggi ora
20 Agosto 2022
UN ORIZZONTE POLITICO COMUNE ALLE DONNE DI TUTTI I PARTITI
Nel segno di Carla Lonzi a quarant'anni dalla scomparsa: elettrici e attiviste di tutti i partiti si uniscono nel dono di un "programma imprevisto" comune, orizzonte per un cambio di civiltà
“Le donne saranno sempre divise le une dalle altre? Non formeranno mai un corpo unico?” (Olympe de Gouges, 1791)  Nel quarantennale della scomparsa di Carla Lonzi. Siamo donne che votano ogni parte politica. Viviamo in ogni parte del Paese. Apparteniamo a ogni condizione sociale. Siamo madri e non madri. Abbiamo una fede, o siamo agnostiche, o atee.  Ci tiene insieme l’essere donne e la consapevolezza che quello che è buono per una donna e per le sue figlie/figli è buono […]
Leggi ora
28 Luglio 2022
I record rubati di Petrillo: “Ma vincevo anche da uomo”. È vero? Ecco i fact-checking
Mentre il Comitato Olimpico annuncia un cambio di rotta nelle linee guida sulla partecipazione di corpi maschili negli sport femminili, Valentina nata Fabrizio Petrillo ambisce a partecipare ai Giochi Paralimpici nella categoria femminile. A chi l’accusa di voler vincere facile risponde che vinceva anche prima della transizione. Ma non è così: ecco un’analisi dei tempi di Petrillo e di come sono valutati rispettivamente nella categoria maschile e in quella femminile
Dopo le federazioni internazionali del nuoto, del ciclismo e di altri sport, anche il Comitato Olimpico fa marcia indietro sullo sport “inclusivo” dei corpi maschili negli sport femminili. Francesco Ricci Bitti alla guida dell’ASOIF, l’associazione che riunisce le federazioni internazionali degli sport olimpici estivi, ha annunciato in una recente conferenza il bisogno di rivedere le attuali regole sulla partecipazione degli atleti transgender, soprattutto MtF, uomini che “si identificano come donne”. Francesco Ricci Bitti ha detto: “Secondo l’approccio dei diritti umani […]
Leggi ora
25 Luglio 2022
Campo aperto, liste chiuse
L'occhio di tigre non vuole vedere che tu puoi riassemblare e ricombinare lo schieramento quanto vuoi, ma se le facce e i nomi restano gli stessi sei molto poco credibile. E se l'unico obiettivo riconoscibile dal più dell'elettorato è sbarrare la strada all'avversaria politica -per una volta una donna, il che rende tutto ancora più surreale- le probabilità di successo non sono molte
Lavori in corso per la costruzione del grande rassemblement o campo aperto (quello largo è stato dismesso). La discussione è solo tra uomini (con la parziale eccezione di Emma Bonino) e il cemento che tiene insieme il progetto di coalizione è "fermare Meloni": di programmi politici si discute poco, e che cosa possano avere in comune Calenda, Fratoianni e Di Maio è tutto da capire. Osservatori e sociologi della politica si sgolano a far notare che costruire un progetto "contro" […]
Leggi ora