Vagina? No. Si chiama "buco supplementare"

Il linguaggio woke pretende di essere inclusivo a spese esclusive delle donne, che devono letteralmente scomparire: gravidanza, allattamento, organi sessuali femminili non possono più essere nominati per non offendere le ultraminoranze trans e non-binary. E’ l’ultima ridicola mossa del patriarcato morente che fin dalle origini si è edificato sulla marginalizzazione e sulla cancellazione del femminile. Ci prova ancora, ma non ci riuscirà
Condividi questo articolo

I transattivisti sono ridicoli: per non "offendere" l'ultraesigua minoranza di donne che si dichiarano maschi pur conservando l'organo genitale femminile la vagina non può più essere chiamata in questo modo. Bonus hole, buco supplementare: il termine è questo. Nemmeno front hole basta più: si deve sottolineare meglio la sua inservibilità.

Un lavorio incessante per cancellare le donne dal linguaggio e dal simbolico, mossa in extremis del patriarcato che si è edificato fin dal principio sulla cancellazione e sull'abiezione del femminile, e nella sua fase terminale fa quest'ultimo tentativo per salvarsi.

Finirà ugualmente.

L'articolo sul Telegraph è di Hannah Betts.


Il recente uso da parte di un ente di beneficenza del termine "buco supplementare" per riferirsi alla vagina, è l'ultima aggiunta a un deprimente glossario delle guerre di identità.

Nell'ultimo dibattito pubblico su termini per identificare in qualche modo una donna "femmina" un ente di beneficenza sta consigliando ai medici di riferirsi alla vagina con la bizzarra frase "buco supplementare". Jo's Cervical Cancer Trust in una guida propone "buco supplementare" e "buco davanti " come alternative accettabili a vagina, il cui uso potrebbe "far sentire qualcuno ferito o angosciato". La guida è progettata per rivolgersi a uomini trans (donne di nascita) e individui non binari.

Chi critica queste scelte le legge come un altro esempio della tendenza inquietante per la quale cui la parola "donna" o le parole a essa collegate vengono cancellate da termini che includono individui trans e non binari, pena l'etichetta dell'utente come TERF (trans exclusionary radical feminist).

La scorsa settimana [lunedì 03/07] è stato reso noto che la Banca d'Inghilterra nelle sue politiche di congedo familiare.sta sostituendo il termine "madre" con "genitore di nascita".

Abbiamo "persone che hanno le mestruazioni" (utilizzato dal sito web di sviluppo Devex); "persone incinte" (in un comunicato stampa dell'American Civil Liberties Union sull'aborto); e "allattamento al petto" (sollecitato dal servizio sanitario inglese come sostituto di "allattamento al seno").

Dal 2018, Cancer Research UK esorta "chiunque abbia una cervice" a sottoporsi a screening. Mentre nel 2021 The Lancet si è scusato per una copertina in cui le donne sono state definite "corpi con vagine".

Il mese scorso c'è stato un tumulto per un glossario online di termini LGBTQ apparso su un sito web della John Hopkins University in cui la frase "non-uomo attratto da non-uomini" – piuttosto che "donna omosessuale" – è stata usata per riferirsi alle lesbiche.

Il glossario non era stato ufficialmente autorizzato ed è stato rapidamente rimosso ma solo dopo l'indignazione che una donna lesbica che era stata definita “non uomo”. La star del tennis omosessuale Martina Navratilova ha twittato: "Lesbica era rimasta letteralmente l'unica parola in lingua inglese non legata all'uomo" obiettando che questo costituiva "un altro esempio di cancellazione delle donne". Mentre la scrittrice JK Rowling ha osservato: "Uomo: nessuna definizione necessaria. Non-uomo (precedentemente noto come donna): un essere definibile solo con riferimento al maschio. Un'assenza, un vuoto dove non c'è virilità".

Deborah Cameron, docente di lingua e comunicazione all'Università di Oxford, conferma che questo modo di definire "lesbica" è stato un tema controverso per diversi anni ed è fortemente associato all'attivismo trans. "Non-uomini' è stato anche usato, ad esempio, dal Partito dei Verdi come termine-ombrello per donne, persone trans e non binarie - cioè, tutti coloro che non sono uomini [alla nascita] - e questo ha l'effetto di rendere gli uomini la norma umana di default" dice. "È ironico che nei loro sforzi per affermare la diversità e la non binarietà del genere organizzazioni come i Verdi abbiano optato per una terminologia totalmente binaria e chiaramente gerarchica in cui ognuno è un uomo o un non-uomo".

Eppure mentre la parola "donna" è diventata luogo di ansia culturale, il termine "uomo" sembra essere considerato non problematico." La parola uomo non viene evitata, anche se per logica dovrebbero applicarsi le stesse considerazioni sull'inclusione " dice Cameron. "Perché non veniamo esortati a usare termini come 'inseminatori' o 'chiunque abbia una prostata' sulla base del fatto che alcune donne producono sperma mentre alcuni uomini no?". "È il linguaggio usato da e sulle donne a essere implacabilmente controllato: non abbiamo la stessa tradizione di dettare legge agli uomini e aspettarci che si conformino".

Potrebbe sembrare che le cose siano sempre andate in questo modo, come se la lingua inglese avesse sempre cospirato per attaccare, denigrare, confinare o cancellare le donne. Si pensi al classico saggio di Muriel R. Schulz della metà degli anni Settanta, The Semantic Derogation of Woman, che traccia il modo in cui anche termini apparentemente neutri per indicare "femminile" si sono trasformati in insulti sessuali. Questo processo dispregiativo comprende designazioni come "signora e/o madama", "signorina" e "padrona", una volta titoli di cortesia e in seguito eufemismi per identificare la proprietaria di bordelli, la donna prostituita e "una donna con cui un uomo ha una relazione",.

Idem le definizioni professionali come "monaca" (una volta usato come eufemismo per "cortigiana") e soprannomi come "Dolly", "Kitty", "Biddy", "Gill" e "Polly" - tutti usati a un certo punto per significare troia, amante o prostituta (confrontatele con i contenuti nelle nostre "Tracy" e "Sharon", "Stacey" e "Becky" americane, o in quel luogo comune britannico e americano per disprezzare le donne di mezza età, "Karen").

Eppure ai lettori del meraviglioso nuovo libro della dottoressa Jenni Nuttall, Mother Tongue: The Surprising History of Women's Words, viene presentata l'idea che nel suo primo millennio la lingua inglese sia stata più inclusiva. Secondo Nuttall l'inglese antico e il medio inglese offrivano una gamma più ricca e dinamica di possibilità linguistiche per descrivere l'esperienza delle donne rispetto alla lingua moderna."Le mestruazioni erano chiamati fiori" dice. Più affascinante, forse, di parole come mestruazioni o ciclo mensile che fanno semplicemente riferimento al tempo. Dolori, folle o lanci sono stati utilizzati al posto della più formale "contrazione" nel parto.

"Signora" era fino al 1740 un termine rispettoso che indicava le donne sposate e non sposate di status sociale sufficiente, la parola signorina era riservata alle ragazze. Fu solo intorno al 1800 che i pregiudizi di genere più oppressivi divennero la norma, quando alcune parti della società iniziarono a resistere al cambiamento.

Si scopre che, prima che le mode georgiane e vittoriane sulla morale personale smorzassero la discussione, c'era una grande varietà di parole femminili, non conformi e spesso stupefacenti. Nomi gergali per lesbiche come rubsters, tribades, o coloro che giocavano al gioco delle carte (Il lesbismo venne chiamato The game of Flats nel 18.mo secolo) scomparvero, al punto che nel 1921 il Lord Cancelliere affermò in Parlamento che solo una donna su mille sapeva qualcosa sul sesso lesbico. E quello che una volta era chiamato il tempo di schivata (perché le mestruazioni diventano irregolari) è stato ribattezzato perimenopausa.

La professoressa Deborah Cameron osserva che le parole hanno origini storiche; la terminologia anatomica sessista è stata importata dal latino durante il Rinascimento mentre il vocabolario sessista sulla sessualità femminile (come frigida o ninfomane) si è imposto con l'ascesa della sessuologia alla fine del 19° e all'inizio del 20° secolo.

Indipendentemente da questo, l'analisi digitale – disponibile dal 1990 – ha rivelato che il sessismo linguistico è sistematico.

È un argomento che il prossimo libro di Cameron, Language, Sexism and Misogyny, affronterà entro la fine dell'anno. Lei anticipa: il libro si occupa anche di mansplaining, di "manterruption" e delle "ipotesi maschili predefinite incorporate nella grammatica di molte lingue, come la tradizione di riferirsi a un ipotetico artista o scienziato come 'lui', o il fatto che, in francese, un gruppo di 1.000 donne e un uomo riceveranno ancora il pronome plurale maschile 'ils'".

Si prenderà in considerazione anche il modo in cui ci rivolgiamo e ci riferiamo alle donne, sottolineando il loro status diverso e diseguale attraverso nomi, titoli, termini affettuosi e insulti sessualizzati. Pensiamo a donne come Miriam González Durántez criticate per non aver usato il cognome del marito (Clegg); le donne sono obbligate a specificare se sono signorina o signora, mentre gli uomini sono semplicemente signori; il termine puttane non ha equivalenti maschili.

Alcuni libri, come Wordslut di Amanda Montell (2019) e Hags di Victoria Smith (2023), apprezzano il recupero di quelli che erano stati considerati termini negativi. Smith è autrice di una newsletter intitolata "The OK Karen". Spiega: "Quando ho chiamato il mio libro Hags (Streghe) mi è sembrato un termine incisivo per 'donne di mezza età che vengono diffamate'. E poiché può essere utilizzato in modo ironico, possiamo usarlo tra di noi anche se gli altri lo usano contro di noi.

La consapevolezza è importante per correggere i pregiudizi linguistici. Faccio parte di una generazione che si emoziona nel sentire le nipoti descritte come "con capacità di leadership" mentre una volta ero condannata come "prepotente". Ma la consapevolezza è costruttiva solo quando riflette un cambiamento sociale. La graduale accettazione di "chair" e "chairperson" negli anni Ottanta e Novanta ha avuto un impatto perché le donne hanno effettivamente iniziato a occupare quelle posizioni.

Nuttall è una delle tante che sostengono che l'inclusività trans e non binaria non deve avvenire a spese del genere storicamente emarginato e crede nell'uso di un linguaggio neutro rispetto al genere accanto al linguaggio che rappresenta il femminile (nella frase "donne e persone incinte", per esempio).

Non può essere anti-woke volere che le donne siano incluse.

articolo originale qui, traduzione di Rita Paltrinieri.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
11 Gennaio 2024
Bambini stupratori: rapporto shock in UK
In Gran Bretagna 18 stupri al giorno vengono commessi da minori sui loro coetanei: nel 2022 questi casi sono stati 15 mila quasi sempre a opera di giovanissimi maschi. Un rapporto della polizia britannica dimostra come il libero accesso alla pornografia violenta online sta normalizzando i comportamenti sessuali criminali in Inghilterra e in tutti gli altri Paesi occidentali
Da anni segnaliamo i danni psicologici e materiali prodotti su un'intera generazione dal libero accesso alla pornografia violenta online, consumata da bambini e bambine a partire dai 7 anni ma anche molto prima: gli stupri di gruppo commessi dai minori sono solo la punta dell'iceberg di questo fenomeno drammatico che oggi è stato analizzato e quantificato da uno studio delle polizia britannica. Su questo tema potete trovare articoli precedenti qui, qui, qui, qui, qui e qui. Siamo state quasi solo […]
Leggi ora
19 Dicembre 2023
Quando l'aborto è una violenza
Un grande numero di interruzioni di gravidanza si spiega con l’irresponsabilità e con la “fuga” degli uomini. “Per il piacere di chi sto abortendo?” si chiedeva Carla Lonzi. Ma questa violenza maschile non viene mai nominata e si continuano a colpevolizzare le donne. Come fanno i ProVita con la loro proposta di obbligarle ad ascoltare il battito del feto
Ammesso che ce ne fosse bisogno, all'on. Maria Rachele Ruiu di ProVita ho detto con la massima franchezza che obbligare la donna intenzionata ad abortire di ascoltare il battito del cuore del feto non è una proposta ammissibile. Si tratta di un'idea insensata, sadica, punitiva e probabilmente incostituzionale che avrebbe probabilmente come unico effetto quello di incentivare l'aborto clandestino. Forse la proposta non andrà mai in discussione e resterà mera propaganda. Cattiva propaganda però. Ancora una volta nel mirino ci […]
Leggi ora
15 Dicembre 2023
Processi e stupri
Le domande poste in aula alla presunta vittima di violenza sessuale da parte di Ciro Grillo e compagni ricordano molto i toni dei legali della difesa nel famoso “Processo per stupro” del 1979. La formidabile arringa di Tina Lagostena Bassi, avvocata di parte civile in quel procedimento, spiega perché queste modalità di interrogatorio erano -e restano- inaccettabili. Riascoltiamola
Vale la pena di rileggersi ed eventualmente riascoltare -il pluripremiato film Processo per stupro, 1979*, potete rivederlo qui in versione integrale- la formidabile arringa dell'avvocata Tina Lagostena Bassi, legale di parte civile in difesa di una giovane donna stuprata da 4 uomini che l'avevano attirata in una villa di Nettuno con il pretesto di un'offerta di lavoro. Il processo si concluse con una condanna ma gli imputati beneficiarono della libertà condizionale. Vale la pena di riascoltare quell'arringa perché nelle parole […]
Leggi ora
30 Novembre 2023
Nata da madre in affitto
Olivia Maurel, 32 anni, è nata da una madre surrogata e oggi si batte in prima linea contro la pratica che definisce “atroce” e “mostruosa”. Ha sempre saputo che qualcosa non andava nella sua famiglia. Soffre di depressione, ha avuto problemi di alcolismo e ha tentato più volte il suicidio. Solo recentemente ha scoperto la verità sulle sue origini e di aver subito il trauma dell’abbandono. “A nessun bambino” dice “deve più capitare quello che è successo a me”
Commerciale o "altruistica" la surrogata va abolita. Sono le parole di Olivia Maurel, nata nel dicembre 1991 in Kentucky da surrogata tradizionale (ovvero in cui anche l'ovocita appartiene alla "madre in affitto", ndr) che in una conferenza al parlamento della Repubblica ceca ha raccontato la sua esperienza. Oggi, sposata con due figli a Cannes, "fiera di esser femminista" come si legge sulla sua pagina X, si batte contro la surrogata. La sua testimonianza, molto preziosa in quanto sono ancora pochissimi […]
Leggi ora
12 Novembre 2023
Israele 7 ottobre: appello perché venga riconosciuto come femminicidio di massa
Le donne vittime dell’attacco di Hamas non sono state uccise come tutti gli altri civili: sono state esposte nude, stuprate, brutalizzate, umiliate, decapitate, i loro corpi bruciati e fatti a pezzi. “Volevamo sporcarle” dicono i terroristi. La violenza contro queste donne risponde alla definizione di femminicidio di massa: dalla Francia una petizione alle ONG internazionali
Le donne vittime dell’attacco di Hamas non sono state uccise come tutti gli altri civili: sono state esposte nude, stuprate, brutalizzate, umiliate, decapitate, i loro corpi bruciati e fatti a pezzi. “Volevamo sporcarle” dicono i terroristi. La violenza contro queste donne risponde alla definizione di femminicidio di massa: dalla Francia una petizione alle ONG internazionali
Leggi ora
30 Ottobre 2023
Questa Storia deve finire
La guerra non è un’invenzione delle donne. La guerra ci riduce a prede e ci rende cose mute. Posizionarci -di qua o di là- non ci dà pace. Pace non è l’intervallo tra una guerra e l’altra. Pace non è inermità ma forza attiva che regola le relazioni e dirime i conflitti. Esigiamo che i figli ribelli riconoscano l’autorità della madre e si sottraggano all’obbligo dei gesti di dominio e di sopraffazione
“La guerra è stata da sempre l'attività specifica del maschio e il suo modello di comportamento virile”. Carla Lonzi, Manifesto di Rivolta Femminile, 1970 La guerra non è una nostra invenzione e non è nostra invenzione quella forma disperata di guerra che è il terrorismo. Posizionarci -di qua o di là- non ci dà pace, ci disorienta e ci divide, ma non ci è consentito altro movimento se non cercare rifugio in un’impossibile estraneità. Ci riconosciamo con dolore nelle “nemiche”. […]
Leggi ora