Uteri femminili in corpi maschili

Il sogno invidioso di sempre -poter fare figli senza le donne, cancellare le madri, insomma il Graal- è sempre più vicino a realizzarsi: nel giro di 5-10 anni anche le persone trans MtF, biologicamente uomini, potranno ricevere un trapianto di utero e condurre una gestazione. Desiderio-diritto “inclusivo” che migliorerebbe la qualità della loro vita e attenuerebbe i sintomi della disforia. Mentre la vita e la salute di bambine e bambini nati da queste pratiche non preoccupano i bioetici
Condividi questo articolo

Euronews dà conto dei rapidi progressi della ricerca sul fronte del trapianto di utero, con particolare riferimento alla richiesta delle persone trans MtF il cui corpo resta biologicamente maschile, mentre le persone FtM, se conservano il loro apparto genitale femminile, possono intraprendere una gravidanza come qualunque altra donna: i "padri incinti" di cui la stampa mainstream ama dare notizia non sono altro che donne che si autoidentificano come uomini.

Nell'articolo, che qui traduciamo, le donne vengono definite donne cis-, suffisso che abbiamo volontariamente omesso. Inoltre si ragiona sul desiderio delle persone trans MtF -trasformabile in un diritto "inclusivo"- e sul profilo legislativo della questione. Di più: i bioetici e gli esperti interpellati considerano il trapianto di utero e un'eventuale gravidanza che ne seguirebbe come una sorta di terapia per le persone trans MtF, che consoliderebbe la loro autopercezione di sé come donne e allevierebbe il disagio della loro disforia.

A queste novità vanno aggiunte le promettenti ricerche sui gameti -ovuli e spermatozoi- prodotti da cellule staminali, che renderebbero superflue le "donazioni" (leggete qui).

Non una parola invece sulle bambine e sui bambini che in un futuro non lontano potrebbero nascere da queste pratiche -gravidanze in corpi maschili-, sulla loro salute fisica e psicologica, sul loro diritto a essere preservati da uno stress così grande. Il loro disagio non conta. La loro vita non è meritevole di ragionamenti bioetici. Il destino dell'umanità e la cancellazione della madre non vengono ritenute questioni significative. Si esprime, piuttosto, una certa preoccupazione per il fatto che un'eventuale donatrice potrebbe esprimere la sua preferenza per una donna come lei, "escludendo" di donare il proprio utero a maschi biologici che si percepiscono come donne.

Non si nomina nemmeno il fatto che il sogno maschile di poter gestare e mettere al mondo facendo a meno delle donne -invidia dell'utero che conosce il suo acme nel rovesciamento freudiano in invidia del pene- costituisce l'anima millenaria della costruzione patriarcale, la coppa piena di sangue rappresentata in modo trasparente dal mito del Graal (qui nell'immagine raffrontabile con quella di un utero) e resta tuttora il perno attorno al quale ruota grande parte della ricerca sulla fecondazione assistita.

Uteri femminili in corpi maschili
Uteri femminili in corpi maschili

Un anno fa la notizia che un chirurgo di Nuova Delhi avrebbe presto tentato un trapianto uterino in un uomo che si identifica come donna transgender, operazione finora mai eseguita con successo su un corpo maschile, successo che invece è già stato registrato in donne con problemi di infertilità riconducibili a problemi di utero.

Il primo parto da trapianto di utero ha avuto luogo in Svezia, nel 2014. Oggi sarebbero 90 i trapianti di utero effettuati in tutto il mondo a partire dalla fine del 2021, con la nascita di circa 50 bambini.

Mats Brännström, docente di ostetricia e ginecologia e primario presso l'Università di Göteborg in Svezia, ha fatto nascere il primo bambino nato a seguito di un trapianto uterino e dice ricevere spesso e-mail da persone "assegnate come maschi alla nascita" (ovvero maschi biologici) che gli chiedono informazioni sulla procedura. "Dico loro che non abbiamo fatto abbastanza ricerca" spiega "ma penso che sarà possibile in futuro. Potrebbero volerci cinque o dieci anni, direi". E aggiunge: "Se si tratta di un metodo efficace e privo di rischi, non credo che esistano limiti etici".

Secondo Nicola Williams, docente di bioetica media presso l'Università di Lanaster, "ci sono sicuramente ragioni basate sull'uguaglianza per considerare i trapianti di utero nelle donne transgender. Ma ci sono anche considerazioni ormonali e anatomiche che fanno sì che non sarà possibile trasferire direttamente questa procedura alla popolazione transgender (...) per garantire che la procedura sia sicura ed efficace, saranno necessari molti studi su modelli computerizzati, animali maschi e su cadaveri maschili".

"Eticamente non vedo alcuna obiezione di principio all'offerta di questo intervento alle donne trans" dice Stephen Wilkinson, docente di bioetica presso la stessa università: "Ci sono molte ragioni etiche positive per farlo. Se trattiamo le donne trans come donne e accettiamo la loro identità di genere, e le trattiamo allo stesso modo nella legge e nelle pratiche sociali, la loro richiesta sia vale quanto quella di chiunque altra".

In collaborazione con altri ricercatori, Wilkinson e Williams hanno condotto un sondaggio su 182 donne transgender (vedere lo studio qui): la maggior parte concorda sul fatto che la capacità di gestare e dare alla luce bambini migliorerebbe la percezione della propria femminilità e allevierebbe i sintomi della disforia.

"Sono fermamente convinto che il trapianto di utero consenta un tipo specifico di esperienza", ha affermato Chloe Romanis, docente di biodiritto presso l'Università di Durham e ricercatrice presso l'Università di Harvard, Stati Uniti. "Volere essere un genitore è una cosa, ma voler essere un genitore gestazionale è un'altra; è un'esperienza davvero unica. Quindi penso che sia qualcosa che dobbiamo rispettare".

In cosa differiscono i trapianti di utero dagli altri trapianti?

Per prima cosa sono pensati per essere temporanei: una donna riceve un utero, le viene impiantato un embrione creato tramite fecondazione in vitro (IVF), partorisce con taglio cesareo e infine subisce un'isterectomia per non essere costretta ad assumere immunosoppressori per un periodo più lungo del necessario, il che può aumentare il rischio di sviluppare il cancro. Le cose potrebbero diventare più complicate se la ricevente chiedesse un trapianto di utero permanente, che non potrebbe essere inteso come procedura salvavita.

Inoltre come si deciderebbe chi ha la priorità in une eventuale lista d'attesa? Una donna nata senza utero o che ha subito un'isterectomia dopo il cancro, o una trans?

Dice Laura O'Donovan, ricercatrice associata che lavora con Williams. e Wilkinson alla Lancaster University. "Questi trapianti non vengono eseguiti su donne nate senza utero per consolidare la loro identità femminile e consentire loro di avere le mestruazioni; qui c'è un chiaro scopo riproduttivo (...) Un trapianto di utero in donne transgender migliora la qualità della vita, non è salvavita".

Cosa succederebbe, ad esempio, se una donatrice specificasse che vorrebbe donare il proprio utero solo a una donna e non a una trans? E come si deciderebbe che il bisogno di una destinataria è maggiore di quello di un'altra?

"Personalmente credo che entrambe queste cose siano importanti" dice ancora Romanis "e confrontarle comporta il pericolo di mettere due gruppi di donne l'uno contro l'altro in un modo che... è molto pericoloso. E finisce per emarginare i gruppi minoritari".

Oltre alle considerazioni etiche vi sono questioni legali: ad esempio, negare tali trapianti alle donne transgender violerebbe le leggi antidiscriminatorie?

"Nel Regno Unito, ad esempio, con l'Equality Act sarebbe illegale discriminare sulla base del sesso di qualcuno" dice O'Donovan. "Pertanto, le donne transgender non possono essere soggette a discriminazione sulla base di questa caratteristica e di conseguenza, se i trapianti di utero diventassero mainstream, potrebbe essere illegale rifiutarsi di eseguirne uno su una donna transgender esclusivamente a causa della sua identità di genere".

Romanis ricorda il dibattito tra gli accademici britannici sulla legge nazionale sulla fecondazione umana e l'embriologia del 2008, secondo la quale un embrione deve essere impiantato in una donna: "Si è discusso della posizione di una donna trans. La maggior parte delle persone di mentalità liberale hanno letto la nostra legislazione sull'uguaglianza e hanno detto che in base alla legge una donna trans è una donna. Quindi, purché abbiano superato il processo legale per essere riconosciute come donne, devono poter accedere a fecondazione in vitro se hanno un utero trapiantato". Secondo l’accademica i trapianti di utero sono solo una dell'intero spettro di tecnologie di gestazione assistita, piccola parte di un futuro tecnologico molto più ampio che comprende anche cose come la maternità surrogata e perfino placente artificiali o entità che potrebbero gestare all’esterno. del corpo. "Penso che queste tecnologie abbiano il potenziale per cambiare davvero il modo in cui pensiamo alla gestazione assistita" dice."E penso che potrebbero portare benefici reali ai gruppi emarginati, a patto che vengano applicati in un certo modo".

introduzione e traduzione di Marina Terragni, articolo di Euronews qui.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora
6 Marzo 2024
Scandalo WPATH: le "terapie" per i minori con disforia sono improvvisate e prescritte senza reale consenso
La World Professional Transgender Health è considerata la principale autorità scientifica e medica globale sulla “medicina di genere”: negli ultimi decenni i suoi standard di cura hanno plasmato le linee guida, le politiche e le pratiche di governi, associazioni mediche, sistemi sanitari pubblici e cliniche private in tutto il mondo, compresa l'OMS. Ma alcuni documenti trapelati rivelano la negligenza nei riguardi di bambini -compresi minori con gravi disturbi psichici- sottoposti a trattamenti improvvisati, senza tenere conto delle conseguenze a lungo termine e senza la certezza che avessero chiaro quello che stavano facendo
La notizia riesce a sconvolgere perfino chi lotta da tempo contro la terapia affermativa -bloccanti della pubertà, ormoni e chirurgia- per i minori non conformi al genere, come lo psicoanalista David Bell che ha denunciato lo scandalo alla Tavistock Clinic di Londra: "Anche per me il contenuto di questi file è scioccante e inquietante" ha dichiarato. "I file suggeriscono che alcuni membri del WPATH sono consapevoli che le cure che affermano il genere a volte causano danni molto gravi e […]
Leggi ora