Unicorni e altre creature "favolose": come fare odiare alle bambine il proprio corpo femminile

Cavallini alati, arcobaleni, il rosa-azzurro delle bandiere trans: gli stessi simboli condivisi dal mondo Lgbtq e dall'infanzia. Specialmente dalle ragazzine, indotte a credere che libertà sia diventare come quelle creature immaginarie e neutre, sfuggendo a un "destino" femminile rappresentato come sofferenza e impossibilità di scelta
Condividi questo articolo

Da molto tempo vediamo diffondersi fra bambine e bambini simboli e immagini che rinviano in modo inequivocabile alla simbologia comune dei Pride.

Fino a un paio di decenni fa la bandiera Arcobaleno era il simbolo planetario della Pace, la pace fra gli uomini e le divinità tanto nel mondo biblico che in quello classico. Allo stesso modo l’Unicorno, animale fantastico dei bestiari medievali, simbolo di Castità, trova nuova vita grazie ai romanzi e al cinema fantasy, e si diffonde fra le bambine sotto le sembianze di cavallini alati con il celebre marchio “My Little Pony” e in altre sottomarche.

Dapprima sottotraccia, poi in modo sempre più evidente, questi due simboli potenti cominciano a cambiare di significato. Anzi: i due significati, quello originario e quello nuovo sembrano correre in parallelo, finché il secondo scalza il primo, che viene completamente dimenticato.

L’Arcobaleno diventa espressione della “diversità” intesa come pluralità di espressioni, ricchezza di forme e colori, quintessenza di bellezza, gioia di vivere, libertà intese come valori assoluti e in qualche modo “non negoziabili”. Il mondo dei Pride si appropria in modo praticamente esclusivo di questa potente immagine, così come dell’innocente cavallino, raffigurato solitamente bianco e alato. L'Unicorno diventa espressione di “Favolosità”, termine già usato da Mario Mieli per intendere un’idea di fluidità sessuale che oggi diamo per scontata e desiderabile.

Questo stesso Unicorno, ridisegnato e con nuovi colori, lo ritrovavo sempre più diffuso fra gadget, accessori e abbigliamento infantile. Come può lo stesso simbolico stare sulle magliette dei bambini e contemporaneamente sfilare in una manifestazione politica che si riferisce esplicitamente all’erotismo?

Negli ultimi tempi intoltre prevale l'Unicorno bianco, rosa e celeste, gli stessi colori della “flag” trans.

La ricchezza cromatica dell’originario Arcobaleno sembra sempre più ridotta a due colori cangianti, spesso intercambiabili, sfumati e mischiati fra loro. Nel frattempo compaiono altri animaletti “favolosi”, gattini, orsetti, creature alate e fluide. A chi sono indirizzate queste immagini? Sempre più spesso alle bambine. Non c'è più cartoleria o negozio per giocattoli che non abbia quaderni, gomme, astucci, magliette, braccialetti, berretti, cerchietti per capelli, scarpe e oggetti più disparati con le due immagini accoppiate.

Spesso sono figurine glitterate, vistose, coloratissime, con paillettes, lustrini, si direbbe molto “femminili” secondo stereotipi che credevamo ormai superati. Tanto rosa, tanto fucsia, anche se l’unicorno non è femmina, come non lo sono di solito gli altri animaletti che lo accompagnano. Immagini leziose, zuccherose, ciglia finte, pose languide, un immaginario "femminile" artefatto, teatrale, per nulla spontaneo. I bambini invece non sembrano target di questo mercato, il loro immaginario non appare minimamente fluido-arcobaleno.

Perché proprio le bambine?

Unicorni e altre creature "favolose": come fare odiare alle bambine il proprio corpo femminile
Vestito per bambina a fantasia unicorno-arcobaleno

Forse perché sono soprattutto le femmine a dover essere ri-condizionate alla “fluidità”, a un femminile performativo in cui il rosa trascolora e vira al celeste, all’insegna dell’indeterminato. Un universo di riferimenti allusivi, ammiccanti, dove si gioca con simboli forti dall’immagine gentile: il cuore spezzato regalato alla migliore amica diviso nel solito rosa-celeste, l’amicizia che sembra alludere all’eros. Niente di simile per I maschi.

Le bambine sembrano oggetto di un vero e proprio lavaggio del cervello, così come le loro sorelle più grandi paiono ormai dare per scontato che normalità è essere “non binarie”: il corpo cambia, il corpo femminile diventa un destino da cui fuggire per diventare le creature fantastiche che sognate fin da piccole.

Il mondo dell’editoria per ragazzi non sta a guardare, decine e decine di titoli delle più importanti case editrici sfornano libri che esaltano la libera scoperta di sé e della propria identità. Troppo scontato essere femmine, troppo triste e banale: la triste realtà delle proprie madri, tanto detestate nella nostra adolescenza.

Gli Youtuber e vari influencer sui social media fanno il resto, vera Libertà è diventare quelle creature Favolose che ci hanno accompagnato fin dall'infanzia, belle e magiche perché indeterminate, colorate, libere e leggere.

Unicorni e altre creature "favolose": come fare odiare alle bambine il proprio corpo femminile
L'Unicorno di Barbie

Intanto nel giro di pochi anni, da fenomeno statisticamente irrilevante, in Occidente i casi di presunta “disforia sessuale” fra le bambine e le preadolescenti sono lievitati fino a costituire il 70-80 per cento del totale, a cominciare dal Nordeuropa e anglosassone -dove il trend appare in declino. E ora anche in Italia. La narrazione è sempre la stessa, ragazze che si sentono nel “corpo sbagliato”, supportate dal mainstream informativo in direzione di una identità “non binaria”, fatta di alias e a insaputa delle famiglie, fino a scelte estreme di mutilazione (top surgery) che psicologi e psicoterapeuti conniventi presentano come unica risposta a minacciati tentativi di suicidio.

La pressione sulle nostre figlie e sorelle piccole è dunque sempre più massiccia, il condizionamento a uscire da sé, a rifiutare la realtà del proprio corpo e a rifugiarsi in una dimensione di sogno, è ovunque, quotidiano, arriva da ogni parte.

E’importante dunque che chi ha a che fare con I bambini e soprattutto le bambine tenga gli occhi aperti e scelga immagini e riferimenti visivi con maggiore attenzione e oculatezza. La cancellazione delle donne parte proprio da qui, da questa vera e propria propaganda gentile e colorata, dalla proposta di un universo simbolico e visivo neutralizzante e normativo.

Anna Perenna


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
21 Gennaio 2023
Anche in Italia si apre -finalmente!- il dibattito sui bloccanti della pubertà
A rompere il silenzio la Società Psicoanalitica Italiana che chiede una discussione scientifica aperta su questi trattamenti che definisce "sperimentali", non supportati da adeguati studi e a forte rischio etico perché predeterminano il destino di bambine e bambini
In notevole ritardo rispetto al Grande Nord europeo, alla Gran Bretagna all'Australia, ad alcuni stati USA -che hanno bruscamente frenato sull'uso del puberty blocker come "terapia" per bambine e bambini dai comportamenti non conformi al genere, anche in Italia si rompe finalmente il silenzio con una lettera indirizzata al governo da parte della Società Psicoanalitica Italiana, che invita alla prudenza e all'apertura di una discussione scientifica pubblica. A seguire riproduciamo le interviste realizzate da Marina Terragni per Il Foglio e […]
Leggi ora
16 Gennaio 2023
Gli psicoanalisti italiani: stop ai puberty blockers
La Società Psicoanalitica Italiana critica sui bloccanti per la pubertà ai bambini: trattamento pericoloso e sperimentale. E si unisce a femministe gender critical e genitori nel chiedere dati scientifici e un dibattito pubblico sul migliore trattamento per i minori che soffrono disforia di genere
Da anni noi femministe gender critical lottiamo contro lo scandalo della medicalizzazione dei bambini nel nome dell’identità di genere. E da anni veniamo bollate come fasciste, reazionarie, bigotte. Oggi finalmente una società scientifica accreditata italiana, la Società Psicoanalitica Italiana (SPI), prende posizione, unendosi a noi nel lanciare un grido di allarme: l’uso di bloccanti della pubertà è un trattamento sperimentale che non ha una solida base scientifica, e causa gravi effetti collaterali. Soprattutto, nella maggior parte dei casi la disforia […]
Leggi ora
14 Gennaio 2023
UK: il servizio sanitario fa marcia indietro sui servizi per la "maternità transgender" dopo la rivolta delle ostetriche
Lottare serve: in Gran Bretagna levatrici e infermiere si ribellano all’annunciata apertura di corsi e reparti dedicati a gravidanza e parto di persone “trans e non binarie”. E l’NHS stoppa l’iniziativa. Intanto negli USA si parla di trapianto di utero tra viventi: donne donatrici a vantaggio di uomini che desiderano vivere "esperienze fisiologiche femminili". Il vecchio sogno patriarcale di sempre: prendere il posto delle donne. Oggi agito dai neopatriarchi T
Lottare serve. La rivolta di ostetriche e infermiere ha sventato il piano del Servizio Sanitario Nazionale inglese (NHS) di organizzare servizi dedicati alla "maternità transgender". Il 16 dicembre scorso era apparso un annuncio per reclutare personale per gestire la formazione delle "persone trans e non binarie che partoriscono" in 40 servizi di maternità dell'NHS, annuncio che ha provocato l’immediata reazione di addette al settore. Un gruppo di circa 300 infermiere, ostetriche e psicologhe ha scritto una lettera aperta a Lizzie […]
Leggi ora