Unicorni e altre creature "favolose": come fare odiare alle bambine il proprio corpo femminile

Cavallini alati, arcobaleni, il rosa-azzurro delle bandiere trans: gli stessi simboli condivisi dal mondo Lgbtq e dall'infanzia. Specialmente dalle ragazzine, indotte a credere che libertà sia diventare come quelle creature immaginarie e neutre, sfuggendo a un "destino" femminile rappresentato come sofferenza e impossibilità di scelta
Condividi questo articolo

Da molto tempo vediamo diffondersi fra bambine e bambini simboli e immagini che rinviano in modo inequivocabile alla simbologia comune dei Pride.

Fino a un paio di decenni fa la bandiera Arcobaleno era il simbolo planetario della Pace, la pace fra gli uomini e le divinità tanto nel mondo biblico che in quello classico. Allo stesso modo l’Unicorno, animale fantastico dei bestiari medievali, simbolo di Castità, trova nuova vita grazie ai romanzi e al cinema fantasy, e si diffonde fra le bambine sotto le sembianze di cavallini alati con il celebre marchio “My Little Pony” e in altre sottomarche.

Dapprima sottotraccia, poi in modo sempre più evidente, questi due simboli potenti cominciano a cambiare di significato. Anzi: i due significati, quello originario e quello nuovo sembrano correre in parallelo, finché il secondo scalza il primo, che viene completamente dimenticato.

L’Arcobaleno diventa espressione della “diversità” intesa come pluralità di espressioni, ricchezza di forme e colori, quintessenza di bellezza, gioia di vivere, libertà intese come valori assoluti e in qualche modo “non negoziabili”. Il mondo dei Pride si appropria in modo praticamente esclusivo di questa potente immagine, così come dell’innocente cavallino, raffigurato solitamente bianco e alato. L'Unicorno diventa espressione di “Favolosità”, termine già usato da Mario Mieli per intendere un’idea di fluidità sessuale che oggi diamo per scontata e desiderabile.

Questo stesso Unicorno, ridisegnato e con nuovi colori, lo ritrovavo sempre più diffuso fra gadget, accessori e abbigliamento infantile. Come può lo stesso simbolico stare sulle magliette dei bambini e contemporaneamente sfilare in una manifestazione politica che si riferisce esplicitamente all’erotismo?

Negli ultimi tempi intoltre prevale l'Unicorno bianco, rosa e celeste, gli stessi colori della “flag” trans.

La ricchezza cromatica dell’originario Arcobaleno sembra sempre più ridotta a due colori cangianti, spesso intercambiabili, sfumati e mischiati fra loro. Nel frattempo compaiono altri animaletti “favolosi”, gattini, orsetti, creature alate e fluide. A chi sono indirizzate queste immagini? Sempre più spesso alle bambine. Non c'è più cartoleria o negozio per giocattoli che non abbia quaderni, gomme, astucci, magliette, braccialetti, berretti, cerchietti per capelli, scarpe e oggetti più disparati con le due immagini accoppiate.

Spesso sono figurine glitterate, vistose, coloratissime, con paillettes, lustrini, si direbbe molto “femminili” secondo stereotipi che credevamo ormai superati. Tanto rosa, tanto fucsia, anche se l’unicorno non è femmina, come non lo sono di solito gli altri animaletti che lo accompagnano. Immagini leziose, zuccherose, ciglia finte, pose languide, un immaginario "femminile" artefatto, teatrale, per nulla spontaneo. I bambini invece non sembrano target di questo mercato, il loro immaginario non appare minimamente fluido-arcobaleno.

Perché proprio le bambine?

Unicorni e altre creature "favolose": come fare odiare alle bambine il proprio corpo femminile
Vestito per bambina a fantasia unicorno-arcobaleno

Forse perché sono soprattutto le femmine a dover essere ri-condizionate alla “fluidità”, a un femminile performativo in cui il rosa trascolora e vira al celeste, all’insegna dell’indeterminato. Un universo di riferimenti allusivi, ammiccanti, dove si gioca con simboli forti dall’immagine gentile: il cuore spezzato regalato alla migliore amica diviso nel solito rosa-celeste, l’amicizia che sembra alludere all’eros. Niente di simile per I maschi.

Le bambine sembrano oggetto di un vero e proprio lavaggio del cervello, così come le loro sorelle più grandi paiono ormai dare per scontato che normalità è essere “non binarie”: il corpo cambia, il corpo femminile diventa un destino da cui fuggire per diventare le creature fantastiche che sognate fin da piccole.

Il mondo dell’editoria per ragazzi non sta a guardare, decine e decine di titoli delle più importanti case editrici sfornano libri che esaltano la libera scoperta di sé e della propria identità. Troppo scontato essere femmine, troppo triste e banale: la triste realtà delle proprie madri, tanto detestate nella nostra adolescenza.

Gli Youtuber e vari influencer sui social media fanno il resto, vera Libertà è diventare quelle creature Favolose che ci hanno accompagnato fin dall'infanzia, belle e magiche perché indeterminate, colorate, libere e leggere.

Unicorni e altre creature "favolose": come fare odiare alle bambine il proprio corpo femminile
L'Unicorno di Barbie

Intanto nel giro di pochi anni, da fenomeno statisticamente irrilevante, in Occidente i casi di presunta “disforia sessuale” fra le bambine e le preadolescenti sono lievitati fino a costituire il 70-80 per cento del totale, a cominciare dal Nordeuropa e anglosassone -dove il trend appare in declino. E ora anche in Italia. La narrazione è sempre la stessa, ragazze che si sentono nel “corpo sbagliato”, supportate dal mainstream informativo in direzione di una identità “non binaria”, fatta di alias e a insaputa delle famiglie, fino a scelte estreme di mutilazione (top surgery) che psicologi e psicoterapeuti conniventi presentano come unica risposta a minacciati tentativi di suicidio.

La pressione sulle nostre figlie e sorelle piccole è dunque sempre più massiccia, il condizionamento a uscire da sé, a rifiutare la realtà del proprio corpo e a rifugiarsi in una dimensione di sogno, è ovunque, quotidiano, arriva da ogni parte.

E’importante dunque che chi ha a che fare con I bambini e soprattutto le bambine tenga gli occhi aperti e scelga immagini e riferimenti visivi con maggiore attenzione e oculatezza. La cancellazione delle donne parte proprio da qui, da questa vera e propria propaganda gentile e colorata, dalla proposta di un universo simbolico e visivo neutralizzante e normativo.

Anna Perenna


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
11 Gennaio 2024
Bambini stupratori: rapporto shock in UK
In Gran Bretagna 18 stupri al giorno vengono commessi da minori sui loro coetanei: nel 2022 questi casi sono stati 15 mila quasi sempre a opera di giovanissimi maschi. Un rapporto della polizia britannica dimostra come il libero accesso alla pornografia violenta online sta normalizzando i comportamenti sessuali criminali in Inghilterra e in tutti gli altri Paesi occidentali
Da anni segnaliamo i danni psicologici e materiali prodotti su un'intera generazione dal libero accesso alla pornografia violenta online, consumata da bambini e bambine a partire dai 7 anni ma anche molto prima: gli stupri di gruppo commessi dai minori sono solo la punta dell'iceberg di questo fenomeno drammatico che oggi è stato analizzato e quantificato da uno studio delle polizia britannica. Su questo tema potete trovare articoli precedenti qui, qui, qui, qui, qui e qui. Siamo state quasi solo […]
Leggi ora
7 Gennaio 2024
New Hampshire: mai più chirurgia sui minori per il "cambio di sesso"
Lo stato americano ha approvato un disegno di legge che vieta ai chirurghi di effettuare sugli under 18 anni operazioni come la rimozione delle ovaie e del seno per le femmine e del pene e testicoli per i maschi. Il ddl afferma che questi interventi violano il "consenso informato" del paziente e sottolinea che gli studi non hanno dimostrato una diminuzione del rischio suicidio dei minori dopo gli interventi. Anzi: il pericolo aumenta
Il New Hampshire si appresta a vietare ai minori di 18 anni di sottoporsi ad interventi per il cambio di sesso. Giovedì scorso la Camera del New Hampshire ha approvato, anche con l’aiuto di alcuni deputati democratici, un disegno di legge in tal senso. L’House Bill 619 proibisce ai medici di eseguire “qualsiasi intervento chirurgico di riassegnazione del genere genitale”, cioè l’asportazione di utero, ovaie e seno nel caso delle donne; di testicoli e pene per l’uomo, a chiunque nel […]
Leggi ora
31 Dicembre 2023
La pubertà forse andrebbe bloccata a TUTTI: deriva transumana dell'Organizzazione Mondiale della Sanità
Con un vero e proprio blitz natalizio l’OMS annuncia di voler elaborare nuove linee guida gender-affermative e mette in piedi un panel formato per tre quarti da transattivisti favorevoli alla medicalizzazione dei bambini. Preferibilmente tutti, anche quelli che non soffrono di disforia. Perché scegliere di che sesso sei deve diventare un diritto universale. Una petizione internazionale chiede di fermare l’iniziativa
Pochi giorni prima di Natale l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che svilupperà nuove linee guida sulla “salute delle persone trans e di genere diverso”, con particolare attenzione all’accesso agli ormoni e agli interventi chirurgici (quelle che definisce “cure inclusive di genere”). ”) e al riconoscimento giuridico dell’autoidentificazione di genere (self id). L’OMS ha inoltre annunciato di aver formato un gruppo per sviluppare le linee guida. Di questo gruppo di esperti fanno parte molti apparatchik della World Professional Association of Transgender Health (WPATH), tra cui […]
Leggi ora