Trans, femminielli e il corpo della madre

La cultura Lgbtq di derivazione anglosassone snatura l'antichissima sapienza mediterranea della differenza sessuale. E anche i femminielli oggi vogliono essere chiamati donne. Rompendo con l'ordine simbolico della madre per consegnarsi alla legge del padre
Condividi questo articolo

In Italia il transcult è arrivato a sorpresa. Non l'avremmo mai creduto.

Alcune fra noi seguivano da tempo le vicende in UK -a partire dal tentativo, infine archiviato, di riforma del Gender Recognition Act- e oltreoceano, ma sbagliando pensavamo che da noi non sarebbe mai capitato niente del genere.

Nell'Europa del Sud la gender identity si presenta come un sopruso culturale.

Quando provo a raccontare alle sorelle anglosassoni la cultura millenaria delle differenze sessuali nel bacino del Mediterraneo, faccio spesso l’esempio della juta dei femminielli, pellegrinaggio trans ogni 2 febbraio al santuario di Montevergine sul monte Partenio -"della Vergine"- detto anche santuario di Mamma Schiavona, non lontano da Napoli.

Trans, femminielli e il corpo della madre
"Mamma Schiavona" e la Juta dei Femminielli

Il femminiello è una figura molto importante della cultura millenaria napoletana. Si tratta di una persona nata di sesso maschile che non si identifica né come donna né come uomo.

I femminielli stanno con le donne, si potrebbe dire che restano nei pressi della madre, ma NON si dicono donne, non pretendono di essere riconosciute come donne. Esistono anche le masculille -vedere qui- nate di sesso femminile che vivono, si comportano, si abbigliano al maschile, ma sono casi meno frequenti. Come nel caso delle attuali transizioni MtF e FtM -vedere qui- sarebbe sbagliato leggere le due condizioni come perfettamente simmetriche.

La tradizione rappresenta il tentativo di dare ordine e di riconoscere socialmente la rottura degli stereotipi di genere -senza violare i corpi-.

Per questa sua prerogativa, il femminiello è sempre stato una creatura sacra, preposta all'amministrazione di alcuni rituali: quando nasce un bambino glielo si mette in braccio per buon augurio, ci si affida a lui come "celebrante" in giochi di gruppo che conservano le caratteristiche del rito come la Tombolata del Femminiello (da cui gli uomini sono rigorosamente esclusi) che fa riferimento alla Smorfia, il senso segreto dei numeri.

E' discendente diretto dei Coribanti, eunuchi consacrati alla Dea Cibele, maschi che si auto-eviravano nel Dies Sanguinis e vestivano abiti femminili per celebrare la Grande Madre.

Il santuario di Mamma Schiavona sorge proprio sulle rovine del tempio di Cibele. Il mito racconta che fu Cibele a rivelare a Virgilio di una vergine che avrebbe dato alla luce un dio bambino. Quindi che Maria avrebbe dato alla luce Gesù e la dea avrebbe abdicato in favore del figlio. Gesù Cristo è ancora impiastricciato della materia divina della madre, è una figura androgina, un maschio anomalo nel suo tempo. Oggi diremmo che anche Cristo rompe con gli stereotipi di genere del suo tempo, non si allinea del tutto alla cultura del dominio.

La tradizione dei femminielli si iscrive quindi nel culto della madre, è un omaggio alla madre. Un altro rituale, la figliata del femminiello -che mette al mondo una bambola, il letto del parto circondato dai suoi simili- imita e onora la fecondità femminile. E nei quartieri popolari di Napoli sono sempre state le donne a decidere quali femminielli potessero essere ammessi tra loro e quali no.

Trans, femminielli e il corpo della madre
La Figliata del Femminiello

La tradizione dei femminielli si iscrive perfettamente -per dirlo con le parole di Luisa Muraro- nell’ordine simbolico della madre.

Ma questo statuto simbolico e sociale sta cambiando. Si potrebbe parlare di un progressivo passaggio dall’ordine della madre a quello del padre. Oggi i femminielli si chiamano trans, sono trans come tutti gli altri, chiedono di essere riconosciuti e nominati come donne, rivendicano diritti e sostengono le politiche dell'identità di genere. Si tratta di un vero e proprio taglio delle radici.

L’iscrizione nel mondo Lgbtq di importazione anglosassone ha sradicato i femminielli dal loro tessuto. La Juta dei Femminielli è sempre più politicizzata. La tassonomia e la tecnica prendono il posto del sacro.

Trans, femminielli e il corpo della madre

Perdendo la Madre, rivoltandosi alla madre -primo movimento del patriarcato che si rinnova nell'iniziazione di ogni bambino- anche loro si iscrivono a pieno titolo al mondo maschile. Perdono la loro sacralità e la loro radicalità in cambio di un'emancipazione dalla madre per essere iscritti nell’ordine simbolico del padre. Il paradosso è che "diventando" donne, nominandosi come donne e in qualche modo provando a sostituirle, recidono il loro legame con il mondo femminile che non è più luogo del loro nutrimento ed entrano a fare parte del neutro maschile.

Si tratta di un movimento analogo a quello che osserviamo tra i gay sempre più defemminilizzati. Nel tempo i gay hanno perso ogni caratteristica di effeminatezza, accentuando i caratteri stereotipi maschili -barba, muscoli, aggressività sociale-. Si presentano spesso come più machi degli eterosessuali, si emancipano dal femminile rivendicando una perfetta omologazione al mondo dei maschi etero -carriere, casa, bambini e tutto il resto- compreso il diritto di avere donne che facciano figli per loro, in cambio non del matrimonio ma di una liquidazione una tantum. Durante un convegno nell'ambito del Pride uno me l'ha spiegato proprio così, in modo per me sconvolgente: gli etero mantengono le donne in cambio dei figli, io non voglio una donna da mantenere ma la pago ugualmente, in una volta sola. Che cosa non va?

Si può dire dunque che è in atto una neutralizzazione delle differenze in direzione del maschile, perché il neutro è maschile. In questo movimento in direzione del maschile anche i rapporti tra gay e trans MtF appaiono molto migliorati. Sono sempre stati rapporti piuttosto conflittuali: il mondo gay ha sempre disprezzato e ridicolizzato le trans, e a loro volta le trans non hanno mai apprezzato i "froci". Oggi sia i gay sia i trans -quanto meno la loro parte più rumorosa e "politicizzata"-fanno convergere il conflitto contro le donne, le ridicolizzano, le inferiorizzano, ne fanno misoginisticamente il lumpenproletariat della donnità. Molti non si comportano diversamente dai peggiori maschi eterosessuali.

Nel nostro Paese il culto della madre è ancora molto vivo. Quasi tutto fa riferimento alla madre. Il mondo ha sorriso quando i calciatori della nostra nazionale, dopo aver conquistato a Wembley il titolo europeo, per prima cosa hanno chiamato le loro madri per condividere la felicità della vittoria. Qui continuano ad apparire Madonne da tutte le parti, ci sono riti cattolici apocrifi in cui il popolo restituisce a Maria il protagonismo che i canoni della Chiesa le hanno tolto. Ma le condizioni per praticare questo "culto" si sono fatte via via più difficili. Il paradosso della nostra denatalità record può essere letto anche come risposta delle donne reali a una situazione sociale e simbolica di perdita di centralità della figura della madre e di assoluta ingratitudine nei suoi confronti.

Se fai un figlio rischi di perdere il lavoro, mancano servizi e aiuti, le famiglie sempre più piccole e disgregare non sono in grado di supportarti. Restando a Napoli, ha fatto molto clamore il caso di una ragazza cacciata dal bus mentre aveva le doglie di parto perché non aveva fatto in tempo a comprare il biglietto. Ha dovuto raggiungere l’ospedale a piedi, piegata dai dolori. Una storia che dice proprio tutto. Raccontando la vicenda la ragazza ha usato parole precise: non c’è più coscienza, ha detto. Co-scienza nel senso di sapienza condivisa sull’insostituibilità della relazione madre e figlia-o come fondamento di civiltà.

Non è in questione la libertà di ognuna di scegliere di essere madri o di non esserlo. Si sta parlando di ordine simbolico, non di esperienze singolari. Si tratta di riduzione all'insignificanza dell'esperienza dell'essere madre, esperienza che è solo delle donne, fino a forme di franco odio persecutorio, a politiche e a tecnologie antimaterne. E questo ha a che vedere con la libertà di tutte.

Grande parte delle violenze alle quali stiamo resistendo in questi anni ha come oggetto la relazione materna: utero in affitto, vendita di ovociti e riproduzione medicalmente assistita, gravidanze "maschili", ricerche ben finanziate per l'utero artificiale e per il trapianto d'utero; carenza di servizi, ingiustizia retributiva, bassi livelli occupazionali, licenziamenti; padri che nei Tribunali strappano le figlie e i figli alle madri; per arrivare alla riprogettazione maschile dei corpi delle bambine e dei bambini messi al mondo dalle donne, corpi che vengono ormonizzati, chirurgizzati, ridisegnati, smontati e rimontati dagli uomini che in questo processo di rimessa al mondo realizzano importanti profitti.

Si tratta semplicemente dell'ultima e definitiva articolazione di quello che è il movimento del patriarcato da sempre: prendere il posto delle donne, prendere le loro figlie e i loro figli, rimetterle-i al mondo nel mondo degli uomini.

Cancellare il loro essere nati da corpi di donne: il nuovo "spirito" in cui rinascere è la libera identità di genere, sostituto della "vecchia" anima incorporea.

Anche nella resistenza alla gender identity, dunque, la ri-valorizzazione della relazione materna è decisiva.

L'intero progetto transumano di sostituzione del sesso con il genere si fonda sul matricidio simbolico e sulla liquidazione delle donne.

L'alternativa non può che essere una civiltà a radice femminile.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
2 Febbraio 2023
Nascere da "madre surrogata" morta
Docente dell’università di Oslo propone di utilizzare corpi di donne in coma irreversibile, danneggiabili senza complicazioni etiche, per condurre gravidanze per conto terzi. Ma anche uomini in stato vegetativo (così le femministe non si arrabbiano) innestando gli embrioni nel fegato. E i bambini? Tema non considerato
Può essere stato d'ispirazione Habla con ella, film di Pedro Almodovar in cui la giovane danzatrice Alicia, in coma per un incidente, resta incinta a opera di Benigno, l'infermiere che si occupa di lei. Anna Smajdor, docente di Bioetica Medica Università di Oslo, riprende e approfondisce un suggerimento avanzato nel 2000 dalla ricercatrice israeliana Rosalie Ber "per aggirare i problemi morali della maternità surrogata gestazionale" utilizzando come uteri in affitto donne in stato vegetativo persistente (PVS). Alla pratica dà il […]
Leggi ora
1 Febbraio 2023
Olanda: se blocchi lo sviluppo di bambine e bambini li spingi a diventare trans
Il protocollo -mettere in pausa la pubertà per consentire ai minori di “scegliere” il sesso- l’hanno inventato loro. Ma anche gli olandesi ora ammettono che in 9 casi su 10 i blocker non danno più tempo per "decidere" ma sono l’inizio della transizione. Una profezia che si auto-avvera. E che gli effetti di questi farmaci non sono affatto reversibili
La clinica universitaria Amsterdam UMC, pioniera nell'uso dei bloccanti della pubertà, ha ammesso che i bambini che assumono questi farmaci possono trovarsi bloccati in una maggiore medicalizzazione. L’ammissione arriva in seguito alla pubblicazione all'inizio di questo mese di un nuovo studio retrospettivo che esamina 20 anni di interventi ormonali noti come "protocollo olandese", condotto su 1.766 bambini e adolescenti tra il 1972 e il 2018 presso la famosa clinica di Amsterdam e pubblicato su The Journal of Sexual Medicine. Ma […]
Leggi ora
30 Gennaio 2023
Nasce GenerAzioneD, associazione italiana di genitori di minori che si definiscono "trans"
Un sito di orientamento e di informazione per sostenere e accompagnare madri e padri che si trovino a vivere questa complessa esperienza: testimonianze, interviste, e link per contribuire a un dibattito approfondito che oggi non trova spazio sui media mainstream
Si è costituita l’associazione culturale, apolitica, aconfessionale e priva di scopi di lucro GenerAzioneD Scopo primario dell’associazione è quello di informare in merito alle problematiche della disforia/incongruenza di genere in bambini, adolescenti e giovani adulti. Attraverso la divulgazione di testimonianze, notizie, articoli nazionali e internazionali in traduzione e la promozione di occasioni di confronto, GenerAzioneD si propone di favorire la trasparenza necessaria affinché venga garantita la migliore assistenza possibile alle persone coinvolte.  GenerAzioneD nasce infatti dall’incontro di alcuni genitori accumunati dall’esperienza di avere figli […]
Leggi ora
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Il problema non è il rooming-in ma la solitudine delle mamme
Dopo la triste vicenda del neonato morto accanto alla mamma al Pertini di Roma per alcune/i la soluzione è tenere i bambini nei nidi e non in stanza. Ma il rooming-in è stato fortemente voluto dalle donne che un tempo in ospedale venivano separate dai bambini. Si tratta semmai di consentire alle neomamme di avere vicino una congiunta/o che le assista. Specie in tempi di personale carente
A partire dalla dolorosissima vicenda del neonato morto all'ospedale Pertini di Roma -probabilmente per soffocamento accidentale, la magistratura accerterà le cause: potrebbe anche trattarsi di "morte in culla" o di altro- molte e molti concludono che il rooming-in è una pratica pericolosa e sbagliata e che i bambini dovrebbero stare nelle nursery. Ricordo però che in passato le donne hanno molto lottato per ottenere il rooming-in e per ragioni più che evidenti: non separarsi dal neonato dopo la lunga convivenza […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora