Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario

UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Condividi questo articolo

Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute.

Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario

Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati studi. Stupisce quindi che i pediatri italiani non vengano messi a conoscenza di queste evidenze scientifiche.

Ecco uno degli studi, pubblicato dal British Medical Journal, in cui si sostiene che i blocker non alleviano la sofferenza psichica delle/dei giovani sottoposti a queste “terapia” (had no significant effect on their psychological function, thoughts of self-harm, or body image) ma anche che i bambini hanno sperimentato una crescita ridotta dell'altezza e della forza ossea quando hanno terminato il trattamento all'età di 16 anni ("the children experienced reduced growth in height and bone strength by the time they finished their treatment at age 16").

Sulla base di questo studio -che è del 2021- l'NHS Greater Glasgow e Clyde (Scozia) hanno dovuto ritirare il loro opuscolo sulla disforia di genere, opuscolo in cui si sosteneva la perfetta reversibilità degli effetti dei blocker, e si sono scusati dopo una protesta secondo la quale i potenziali effetti a lungo termine non erano stati chiariti.

La Tavistock di Londra ha trattato farmacologicamente migliaia di minori con problemi di disforia di genere, e ora è stata chiusa. Così ne ha dato notizia il quotidiano The Times: "Il danno fatto è incommensurabile. Nessuno sa quanti anni di dogma ideologico, trattamento inappropriato e una colpevole incapacità di considerare il benessere mentale generale dei bambini curati dalla Tavistock Clinic influenzeranno le migliaia di persone che si sono rivolte al Servizio per lo sviluppo dell'identità di genere. Ieri il governo ha messo un doveroso stop. Dopo il rapporto devastante di marzo sulla prescrizione senza criterio di bloccanti della pubertà da parte della clinica, il governo ha deciso di chiuderla. Il trattamento dei bambini che mettono in discussione la loro identità di genere sarà ora gestito da ospedali pediatrici regionali che hanno una reputazione consolidata e rispettata".

Ma secondo la Società Italiana di Pediatria, le motivazioni della chiusura sono altre, e non si fa menzione del "danno incommensurabile" di cui parla The Times.

Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario

Oggi, sempre secondo The Times, mille famiglie sarebbero pronte a fare causa alla clinica per aver rovinato la salute dei loro figli. Tom Goodhead, chief executive of Pogust Goodhead law firm, ha dichiarato al quotidiano:

"Children and young adolescents were rushed into treatment without the appropriate therapy and involvement of the right clinicians, meaning that they were misdiagnosed and started on a treatment pathway that was not right for them". (Bambini e giovani adolescenti sono stati trattati frettolosamente senza la terapia appropriata e il coinvolgimento di medici giusti, il che significa che sono stati diagnosticati erroneamente e hanno iniziato un percorso terapeutico che non era adatto a loro).

"These children have suffered lifechanging and, in some cases, irreversible effects of the treatment they received ... We anticipate that at least 1,000 clients will join this action" (Questi bambini hanno subito effetti che gli hanno cambiato la vita e, in alcuni casi, conseguenze irreversibili del trattamento che è stato loro somministrato ... Prevediamo che almeno 1.000 persone si uniranno a questa azione).

Continua l'articolo di The Times:

"The allegations of medical negligence are based on the findings of an interim report by Dr Hilary Cass, a former president of the Royal College of Paediatrics and Child Health, who is leading a review of the service. Cass found the clinic overlooked other mental health issues in children distressed about their gender, and failed to collect data on the use or side effects of puberty blockers, which she said may "temporarily or permanently" disrupt the development of children's brains". (Le accuse di negligenza medica si basano sui risultati di un rapporto provvisorio della dott.ssa Hilary Cass, ex presidente del Royal College of Pediatrics and Child Health, che sta conducendo una revisione del servizio. Cass ha scoperto che la clinica ha trascurato altri problemi di salute mentale nei bambini in difficoltà per il loro genere e non ha raccolto dati sull'uso o sugli effetti collaterali dei bloccanti della pubertà, che secondo lei potrebbero "temporaneamente o permanentemente" interrompere lo sviluppo del cervello dei bambini).

Anche il Karolinska Institute, che erogava un analogo servizio per l'"identità di genere" dei minori in Svezia, ha ammesso di avere rovinato la salute di numerosi bambini -soprattutto bambine- prescrivendo bloccanti della pubertà.

E' davvero preoccupante che la Società Italiana di Pediatria insista nel considerare "reversibili" gli effetti di questi farmaci che continuano a essere somministrati nel nostro Paese.

Intanto negli USA molti pediatri sono in rivolta contro la loro associazione di categoria, l'American Academy of Pediatrics, accusata di "spingere" per la terapia affermativa, ovvero per la somministrazione di farmaci dannosi (harmful) a bambine e bambini gender variant. I pediatri denunciano l'impossibilità di cambiare questi protocolli.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora
6 Marzo 2024
Scandalo WPATH: le "terapie" per i minori con disforia sono improvvisate e prescritte senza reale consenso
La World Professional Transgender Health è considerata la principale autorità scientifica e medica globale sulla “medicina di genere”: negli ultimi decenni i suoi standard di cura hanno plasmato le linee guida, le politiche e le pratiche di governi, associazioni mediche, sistemi sanitari pubblici e cliniche private in tutto il mondo, compresa l'OMS. Ma alcuni documenti trapelati rivelano la negligenza nei riguardi di bambini -compresi minori con gravi disturbi psichici- sottoposti a trattamenti improvvisati, senza tenere conto delle conseguenze a lungo termine e senza la certezza che avessero chiaro quello che stavano facendo
La notizia riesce a sconvolgere perfino chi lotta da tempo contro la terapia affermativa -bloccanti della pubertà, ormoni e chirurgia- per i minori non conformi al genere, come lo psicoanalista David Bell che ha denunciato lo scandalo alla Tavistock Clinic di Londra: "Anche per me il contenuto di questi file è scioccante e inquietante" ha dichiarato. "I file suggeriscono che alcuni membri del WPATH sono consapevoli che le cure che affermano il genere a volte causano danni molto gravi e […]
Leggi ora
2 Marzo 2024
Corpi che non contano: Judith Butler torna alla carica
In un’affollata conferenza alla London School of Economic la filosofa californiana pioniera delle gender theory ribadisce i capisaldi del suo pensiero: la materialità del sesso non esiste, le donne non hanno l’esclusiva di essere donne e devono aprirsi ad altri soggetti a cominciare dai Queer e dai pro-Palestine, il transfemminismo è anticapitalista e antifa per una lotta comune contro le “passioni fasciste”. E attacca il femminismo gender critical “alleato delle destre”
A un certo punto sembrava che Judith Butler avesse cambiato strada. La filosofa californiana, tra le più influenti dell’ultimo trentennio, teorica della performatività di genere, approdata lungo un percorso costruttivista radicale alla negazione della consistenza materiale dei corpi sessuati fino a problematizzare e/o smantellare lo stesso soggetto “donna” , aveva riconosciuto: «la mia definizione diede adito a due interpretazioni contrastanti: per la prima, ciascuno si sceglie il proprio genere; per la seconda, siamo tutti completamente determinati dalle norme di genere […]
Leggi ora