Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario

UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Condividi questo articolo

Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute.

Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario

Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati studi. Stupisce quindi che i pediatri italiani non vengano messi a conoscenza di queste evidenze scientifiche.

Ecco uno degli studi, pubblicato dal British Medical Journal, in cui si sostiene che i blocker non alleviano la sofferenza psichica delle/dei giovani sottoposti a queste “terapia” (had no significant effect on their psychological function, thoughts of self-harm, or body image) ma anche che i bambini hanno sperimentato una crescita ridotta dell'altezza e della forza ossea quando hanno terminato il trattamento all'età di 16 anni ("the children experienced reduced growth in height and bone strength by the time they finished their treatment at age 16").

Sulla base di questo studio -che è del 2021- l'NHS Greater Glasgow e Clyde (Scozia) hanno dovuto ritirare il loro opuscolo sulla disforia di genere, opuscolo in cui si sosteneva la perfetta reversibilità degli effetti dei blocker, e si sono scusati dopo una protesta secondo la quale i potenziali effetti a lungo termine non erano stati chiariti.

La Tavistock di Londra ha trattato farmacologicamente migliaia di minori con problemi di disforia di genere, e ora è stata chiusa. Così ne ha dato notizia il quotidiano The Times: "Il danno fatto è incommensurabile. Nessuno sa quanti anni di dogma ideologico, trattamento inappropriato e una colpevole incapacità di considerare il benessere mentale generale dei bambini curati dalla Tavistock Clinic influenzeranno le migliaia di persone che si sono rivolte al Servizio per lo sviluppo dell'identità di genere. Ieri il governo ha messo un doveroso stop. Dopo il rapporto devastante di marzo sulla prescrizione senza criterio di bloccanti della pubertà da parte della clinica, il governo ha deciso di chiuderla. Il trattamento dei bambini che mettono in discussione la loro identità di genere sarà ora gestito da ospedali pediatrici regionali che hanno una reputazione consolidata e rispettata".

Ma secondo la Società Italiana di Pediatria, le motivazioni della chiusura sono altre, e non si fa menzione del "danno incommensurabile" di cui parla The Times.

Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario

Oggi, sempre secondo The Times, mille famiglie sarebbero pronte a fare causa alla clinica per aver rovinato la salute dei loro figli. Tom Goodhead, chief executive of Pogust Goodhead law firm, ha dichiarato al quotidiano:

"Children and young adolescents were rushed into treatment without the appropriate therapy and involvement of the right clinicians, meaning that they were misdiagnosed and started on a treatment pathway that was not right for them". (Bambini e giovani adolescenti sono stati trattati frettolosamente senza la terapia appropriata e il coinvolgimento di medici giusti, il che significa che sono stati diagnosticati erroneamente e hanno iniziato un percorso terapeutico che non era adatto a loro).

"These children have suffered lifechanging and, in some cases, irreversible effects of the treatment they received ... We anticipate that at least 1,000 clients will join this action" (Questi bambini hanno subito effetti che gli hanno cambiato la vita e, in alcuni casi, conseguenze irreversibili del trattamento che è stato loro somministrato ... Prevediamo che almeno 1.000 persone si uniranno a questa azione).

Continua l'articolo di The Times:

"The allegations of medical negligence are based on the findings of an interim report by Dr Hilary Cass, a former president of the Royal College of Paediatrics and Child Health, who is leading a review of the service. Cass found the clinic overlooked other mental health issues in children distressed about their gender, and failed to collect data on the use or side effects of puberty blockers, which she said may "temporarily or permanently" disrupt the development of children's brains". (Le accuse di negligenza medica si basano sui risultati di un rapporto provvisorio della dott.ssa Hilary Cass, ex presidente del Royal College of Pediatrics and Child Health, che sta conducendo una revisione del servizio. Cass ha scoperto che la clinica ha trascurato altri problemi di salute mentale nei bambini in difficoltà per il loro genere e non ha raccolto dati sull'uso o sugli effetti collaterali dei bloccanti della pubertà, che secondo lei potrebbero "temporaneamente o permanentemente" interrompere lo sviluppo del cervello dei bambini).

Anche il Karolinska Institute, che erogava un analogo servizio per l'"identità di genere" dei minori in Svezia, ha ammesso di avere rovinato la salute di numerosi bambini -soprattutto bambine- prescrivendo bloccanti della pubertà.

E' davvero preoccupante che la Società Italiana di Pediatria insista nel considerare "reversibili" gli effetti di questi farmaci che continuano a essere somministrati nel nostro Paese.

Intanto negli USA molti pediatri sono in rivolta contro la loro associazione di categoria, l'American Academy of Pediatrics, accusata di "spingere" per la terapia affermativa, ovvero per la somministrazione di farmaci dannosi (harmful) a bambine e bambini gender variant. I pediatri denunciano l'impossibilità di cambiare questi protocolli.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
6 Febbraio 2023
Mail-bombing a Repubblica: Inaccettabile la disinformazione sui bloccanti della pubertà
In un articolo privo di riscontri scientifici Michela Marzano sostiene che gli effetti dei puberty blocker somministrati a bambine-i “non conformi al genere” sarebbero perfettamente reversibili, dato smentito da studi e dalla pratica clinica. E parla di maggiore rischio suicidio per questi minori, rischi mai comprovati. Qui il testo argomentato scientificamente di una lettera da inviare al direttore Molinari per richiedere un’informazione più accurata e meno ideologica su un tema così delicato
Testo per un Mail-bombing, da inviare al direttore Maurizio Molinari m.molinari@repubblica.it Gentile Direttore Molinari, leggiamo l’articolo di Michela Marzano, titolo “Nessuno tocchi l’identità di genere”, pubblicato sul suo giornale domenica 5 febbraio. E non possiamo non rilevare con sconcerto che l’autrice affronta la delicatissima questione dei minori “disforici” senza alcun riferimento scientifico, sostenendo tra le altre cose che “ la sospensione” indotta dai farmaci che bloccano la pubertà “è temporanea e reversibile”, che il ricorso a detti farmaci “permette di […]
Leggi ora
2 Febbraio 2023
Nascere da "madre surrogata" morta
Docente dell’università di Oslo propone di utilizzare corpi di donne in coma irreversibile, danneggiabili senza complicazioni etiche, per condurre gravidanze per conto terzi. Ma anche uomini in stato vegetativo (così le femministe non si arrabbiano) innestando gli embrioni nel fegato. E i bambini? Tema non considerato
Può essere stato d'ispirazione Habla con ella, film di Pedro Almodovar in cui la giovane danzatrice Alicia, in coma per un incidente, resta incinta a opera di Benigno, l'infermiere che si occupa di lei. Anna Smajdor, docente di Bioetica Medica Università di Oslo, riprende e approfondisce un suggerimento avanzato nel 2000 dalla ricercatrice israeliana Rosalie Ber "per aggirare i problemi morali della maternità surrogata gestazionale" utilizzando come uteri in affitto donne in stato vegetativo persistente (PVS). Alla pratica dà il […]
Leggi ora
1 Febbraio 2023
Olanda: se blocchi lo sviluppo di bambine e bambini li spingi a diventare trans
Il protocollo -mettere in pausa la pubertà per consentire ai minori di “scegliere” il sesso- l’hanno inventato loro. Ma anche gli olandesi ora ammettono che in 9 casi su 10 i blocker non danno più tempo per "decidere" ma sono l’inizio della transizione. Una profezia che si auto-avvera. E che gli effetti di questi farmaci non sono affatto reversibili
La clinica universitaria Amsterdam UMC, pioniera nell'uso dei bloccanti della pubertà, ha ammesso che i bambini che assumono questi farmaci possono trovarsi bloccati in una maggiore medicalizzazione. L’ammissione arriva in seguito alla pubblicazione all'inizio di questo mese di un nuovo studio retrospettivo che esamina 20 anni di interventi ormonali noti come "protocollo olandese", condotto su 1.766 bambini e adolescenti tra il 1972 e il 2018 presso la famosa clinica di Amsterdam e pubblicato su The Journal of Sexual Medicine. Ma […]
Leggi ora
30 Gennaio 2023
Nasce GenerAzioneD, associazione italiana di genitori di minori che si definiscono "trans"
Un sito di orientamento e di informazione per sostenere e accompagnare madri e padri che si trovino a vivere questa complessa esperienza: testimonianze, interviste, e link per contribuire a un dibattito approfondito che oggi non trova spazio sui media mainstream
Si è costituita l’associazione culturale, apolitica, aconfessionale e priva di scopi di lucro GenerAzioneD Scopo primario dell’associazione è quello di informare in merito alle problematiche della disforia/incongruenza di genere in bambini, adolescenti e giovani adulti. Attraverso la divulgazione di testimonianze, notizie, articoli nazionali e internazionali in traduzione e la promozione di occasioni di confronto, GenerAzioneD si propone di favorire la trasparenza necessaria affinché venga garantita la migliore assistenza possibile alle persone coinvolte.  GenerAzioneD nasce infatti dall’incontro di alcuni genitori accumunati dall’esperienza di avere figli […]
Leggi ora
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora