Slavoj Žižek: i bloccanti della pubertà sono capitalismo woke

Il filosofo marxista parla di wokeness, culto progressista della consapevolezza e del risveglio, dandone una suggestiva lettura psicoanalitica. E avverte che nonostante oggi appaia sotto attacco dovremo farci i conti ancora a lungo
Condividi questo articolo

In un suggestivo articolo pubblicato da Compact, intitolato Wokeness is here to stay -che qui traduciamo e riproduciamo parzialmente- il filosofo marxista Slavoj Žižek affronta il tema della wokeness, il movimento del "risveglio", analizzandone le criticità ma sottolineando anche le ragioni per le quali dovremo farci i conti ancora a lungo.


Alcuni sostengono che la "wokeness" sia in declino. In realtà viene gradualmente normalizzata e conformata anche da coloro che interiormente ne dubitano, e viene praticata dalla maggior parte delle istituzioni accademiche, aziendali e statali. Per questo merita più che mai la nostra critica – insieme alla critica del suo contrario, l'oscenità del nuovo populismo e del fondamentalismo religioso.

Cominciamo dalla Scozia, dove il governo di Nicola Sturgeon ha spinto (quasi) fino in fondo la causa del "risveglio" e delle questioni LGBT. Nel dicembre 2022 ha salutato una "giornata storica per l'uguaglianza" dopo che i legislatori scozzesi hanno approvato piani per rendere più facile per le persone cambiare legalmente il proprio genere estendendo il nuovo sistema di autoidentificazione ai ragazzi di 16 e 17 anni. Fondamentalmente dichiari ciò che senti di essere e vieni registrato come ciò che vuoi essere. Un problema prevedibile è emerso quando Isla Bryson, maschio biologico condannato per stupro, è stato rinchiuso in una prigione femminile a Stirling.

Bryson ha deciso che non era più un uomo solo dopo essere comparso in tribunale con l'accusa di stupro. Quindi si trattava di una persona che si identifica come una donna che aveva usato il suo pene per violentare due donne. È abbastanza logico: se la mascolinità e la femminilità non hanno nulla a che fare con il proprio corpo e invece hanno totalmente a che vedere con la propria autodefinizione soggettiva, allora si deve mettere in prigione uno stupratore che ha il pene con donne prigioniere. Dopo le proteste, Bryson è stato rinchiuso in una prigione maschile. Ma anche questo è problematico per la legge scozzese, dal momento che ora abbiamo una donna autoidentificata in una prigione maschile.

Sturgeon si è dimessa perché non ha considerato quella parte della popolazione che non è anti-LGBT, ma semplicemente rifiuta tali misure. Il punto è che non c'è una soluzione facile perché l'identità sessuale non è di per sé una semplice forma di identità, ma una dimensione complessa, piena di incoerenze e di ratti inconsci, qualcosa che in nessun modo può essere stabilito da un riferimento diretto a come ci sentiamo.

La recente controversia sull'uso dei cosiddetti bloccanti della pubertà riguarda un altro aspetto di questa stessa complessità: alla clinica Tavistock di Londra è stato ordinato dalle superiori autorità di limitare l'uso dei bloccanti della pubertà che sopprimono gli ormoni e in questo modo sospendono lo sviluppo sessuale di un bambino. Tavistock somministrava questi farmaci a giovani tra i 9 e i 16 anni che sembravano non essere in grado di scegliere la propria identità sessuale. I medici di Tavistock hanno sostenuto che esiste il pericolo che i giovani che non sono in grado di determinare la propria identità sessuale facciano una scelta forzata sotto pressione del loro ambiente, reprimendo così la loro vera inclinazione (per lo più essere trans). I bloccanti della pubertà sarebbero stati necessari per consentire a tali giovani di posticipare il loro ingresso nella pubertà,

I bloccanti della pubertà sono stati somministrati a quasi tutti i bambini inviati per la valutazione a Tavistock, compresi giovani autistici e problematici che potrebbero essere stati diagnosticati erroneamente come incerti sulla loro sessualità. In altre parole, trattamenti che alterano la vita venivano somministrati ai bambini vulnerabili prima che fossero abbastanza grandi per sapere se volevano accedere a cure mediche. Come ha affermato uno dei critici  "un bambino che soffre di disagio di genere ha bisogno di tempo e sostegno, per non essere avviato a un percorso medico di cui in seguito potrebbe pentirsi".

Il paradosso è chiaro: i bloccanti della pubertà sono stati dati per permettere ai giovani di mettere in pausa la maturità e decidere liberamente della propria identità sessuale, ma questi farmaci possono causare anche numerose altre patologie fisiche e psichiche e nessuno ha chiesto ai ragazzi se fossero disposti a ricevere farmaci con tale conseguenze. La dottoressa Hilary Cass, una delle critiche, ha scritto : “Noi … non abbiamo modo di sapere se, piuttosto che guadagnare tempo per prendere una decisione, i bloccanti della pubertà possano interrompere quel processo decisionale. La maturazione del cervello può essere interrotta temporaneamente o permanentemente”.

Si dovrebbe fare un ulteriore passo avanti in questa critica e mettere in discussione l'affermazione secondo cui arrivare all'identità sessuale è una questione di libera scelta matura. Non c'è nulla di "anormale" nella confusione sessuale: ciò che chiamiamo "maturazione sessuale" è un processo lungo, complesso e per lo più inconscio. È pieno di violente tensioni e capovolgimenti, non un processo di scoperta di ciò che si è veramente nel profondo della propria psiche.

In molte cliniche di genere in tutto l'Occidente i medici si sentono obbligati ad adottare un "approccio affermativo indiscutibile", ha osservato un critico, con scarso riguardo per altre problemi di salute mentale sottostanti che affliggono i bambini. La pressione infatti è duplice. Per prima cosa, i medici sono intimiditi dalla lobby trans, che interpreta lo scetticismo nei confronti dei bloccanti della pubertà come un tentativo conservatore di rendere più difficile per le persone trans realizzare la propria identità sessuale. Ciò è aggravato da una costrizione finanziaria: più della metà del reddito di Tavistock, ad esempio, proveniva dal trattamento dei problemi sessuali dei giovani. In breve, quello che abbiamo qui è la peggior combinazione di persecuzione politicamente corretta con il brutale calcolo degli interessi finanziari. L'uso di bloccanti della pubertà è un altro caso di capitalismo woke.

Entrambe queste controversie hanno portato a una vittoria almeno parziale per le forze "anti-risveglio": Sturgeon si è dimessa e la clinica Tavistock è stata chiusa. Ma le forze all'opera hanno uno slancio che supera di gran lunga le opinioni dei singoli politici e le dinamiche di particolari istituzioni. Semmai, gli individui e le istituzioni cercano costantemente di adattarsi alle restrizioni provenienti da altrove, piuttosto che imporle dall'alto verso il basso. È quindi certo che scandali simili continueranno a moltiplicarsi.

Come se l'agitazione dei gruppi di interesse e le costrizioni del capitale non bastassero, il risveglio può attingere anche alle riserve di forza religiosa. Nel nostro spazio ideologico ufficiale il risveglio e il fondamentalismo religioso appaiono come opposti incompatibili, ma lo sono davvero?

Quasi un decennio fa l'ex-attivista musulmana Maryam Namazie è stata invitata dal Goldsmiths College di Londra a tenere una conferenza sul tema "Apostasia, blasfemia e libertà di espressione nell'era dell'ISIS". Il suo discorso, incentrato sull'oppressione islamica delle donne, è stato ripetutamente e bruscamente interrotto da studenti musulmani. Namazie ha trovato alleati nella società femminista del college? No. Le femministe si sono schierate con la Goldsmiths Islamic Society.

Questa solidarietà inaspettata si fonda in ultima analisi sulla somiglianza nella forma dei due discorsi: la wokeness opera come un dogma religioso secolarizzato, con tutte le contraddizioni che ciò comporta (...)

I woke sono una minoranza relativamente privilegiata di una minoranza autorizzata a partecipare a un seminario di alta qualità di un'università d'élite (...)

La psicoanalisi ha una risposta chiara a questo paradosso: la nozione di Super-io. Superego è un'agenzia crudele e insaziabile che mi bombarda con richieste impossibili e deride i miei tentativi falliti di soddisfarle. È l'agenzia agli occhi della quale sono tanto più colpevole, quanto più cerco di sopprimere i miei sforzi "peccaminosi". Il vecchio cinico motto stalinista sugli accusati ai processi farsa che professavano la loro innocenza - "Più sono innocenti, più meritano di essere fucilati" - è superego allo stato puro (...)

Come ha notato Freud, più obbediamo al comandamento del Super-io, più ci sentiamo in colpa. Il paradosso vale anche nella lettura lacaniana del Super-io come ingiunzione a godere: il godimento è un impossibile-reale, non possiamo mai raggiungerlo pienamente, e questo fallimento ci fa sentire in colpa (...)

"Wokeness", risveglio, sta effettivamente per il suo esatto contrario. Nella sua Interpretazione dei sogni Freud riferisce di un sogno sognato da un padre che si addormenta mentre veglia davanti alla bara di suo figlio. In questo sogno gli appare il figlio morto, pronunciando il terribile appello: "Padre, non vedi che sto bruciando?" Quando il padre si sveglia, scopre che il panno sulla bara del figlio ha preso fuoco da una candela caduta. Perché il padre si è svegliato? Forse perché l'odore del fumo era diventato troppo forte, tanto che non era più possibile prolungare il sonno includendolo nel sogno improvvisato? Lacan propone una lettura molto più interessante: se la funzione del sogno è quella di prolungare il sonno, se il sogno in fondo può avvicinarsi così tanto alla realtà che lo provoca, non si può dire che possa corrispondere a questa realtà senza uscire dal sonno? Dopotutto, esiste qualcosa come l'attività sonnambulistica. La domanda che si pone e che tutte le precedenti indicazioni di Freud ci consentono di produrre è: Che cos'è che sveglia il dormiente? Non è, nel sogno, un'altra realtà? — la realtà che Freud descrive così — Dass das Kind an seinem Bette steht , che il bambino è vicino al suo letto, ihn am Arme fasst , lo prende per un braccio e gli sussurra con tono di rimprovero , und ihm vorwurfsvoll zuraunt: Vater, siehst du denn nicht , Padre non vedi dass ich verbrenne, che sto bruciando? Non c'è più realtà in questo messaggio che nel rumore con cui il padre identifica anche la strana realtà di ciò che sta accadendo nella stanza accanto? Non è espressa in queste parole la realtà mancata che ha causato la morte del bambino?

Non è stata quindi l'intrusione del segnale proveniente dalla realtà esterna a risvegliare lo sfortunato padre, ma il carattere insopportabilmente traumatico di ciò che ha incontrato nel sogno. Nella misura in cui “sognare” significa fantasticare per evitare di confrontarsi con il Reale, il padre si è letteralmente risvegliato per poter continuare a sognare. La scena era la seguente: quando il suo sonno è stato disturbato dal fumo il padre ha costruito rapidamente un sogno che incorporava l'elemento disturbante (fumo-fuoco) per prolungare il suo sonno; tuttavia ciò che ha affrontato nel sogno è stato un trauma (della sua responsabilità per la morte del figlio) molto più forte della realtà, quindi si è risvegliato nella realtà per evitare il Reale….

Ed è esattamente lo stesso per gran parte del movimento "risvegliato" in corso: il risveglio ci risveglia - al razzismo e al sessismo - proprio per permetterci di continuare a dormire. Ci mostra certe realtà in modo che possiamo continuare a ignorare le vere radici e la profondità dei nostri traumi razziali e sessuali.

articolo originale qui, traduzione di Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora
12 Aprile 2024
Chiuse in un recinto. Come a Kabul
Lettera aperta al Sindaco Gualtieri e alle altre autorità competenti sull’incredibile scena di discriminazione nel quartiere Centocelle a Roma: donne isolate come animali impuri per le celebrazioni di fine Ramadan. Chi ha dato il permesso per l’inaccettabile manifestazione? E che iniziative si intendono intraprendere contro questa barbarie misogina?
Al Sindaco di Roma Roberto Gualtieri Al Presidente del Municipio V Mauro Caliste Alla Commissione Pari Opportunità del Comune di Roma e p.c. Alla Ministra Pari Opportunità e Famiglia Eugenia Roccella Al Ministro dell'Interno Matteo Piantedosi Gentile Sindaco, gentile Presidente, gentili membri della Commissione Pari Opportunità, manifestiamo sgomento e sconcerto a fronte delle modalità con cui nel Municipio V della Capitale -piazza dei Mirti, quartiere Centocelle, a pochi metri dalla scuola intitolata ad Artemisia Gentileschi- si sono svolte le celebrazioni […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora