Slavoj Žižek: i bloccanti della pubertà sono capitalismo woke

Il filosofo marxista parla di wokeness, culto progressista della consapevolezza e del risveglio, dandone una suggestiva lettura psicoanalitica. E avverte che nonostante oggi appaia sotto attacco dovremo farci i conti ancora a lungo
Condividi questo articolo

In un suggestivo articolo pubblicato da Compact, intitolato Wokeness is here to stay -che qui traduciamo e riproduciamo parzialmente- il filosofo marxista Slavoj Žižek affronta il tema della wokeness, il movimento del "risveglio", analizzandone le criticità ma sottolineando anche le ragioni per le quali dovremo farci i conti ancora a lungo.


Alcuni sostengono che la "wokeness" sia in declino. In realtà viene gradualmente normalizzata e conformata anche da coloro che interiormente ne dubitano, e viene praticata dalla maggior parte delle istituzioni accademiche, aziendali e statali. Per questo merita più che mai la nostra critica – insieme alla critica del suo contrario, l'oscenità del nuovo populismo e del fondamentalismo religioso.

Cominciamo dalla Scozia, dove il governo di Nicola Sturgeon ha spinto (quasi) fino in fondo la causa del "risveglio" e delle questioni LGBT. Nel dicembre 2022 ha salutato una "giornata storica per l'uguaglianza" dopo che i legislatori scozzesi hanno approvato piani per rendere più facile per le persone cambiare legalmente il proprio genere estendendo il nuovo sistema di autoidentificazione ai ragazzi di 16 e 17 anni. Fondamentalmente dichiari ciò che senti di essere e vieni registrato come ciò che vuoi essere. Un problema prevedibile è emerso quando Isla Bryson, maschio biologico condannato per stupro, è stato rinchiuso in una prigione femminile a Stirling.

Bryson ha deciso che non era più un uomo solo dopo essere comparso in tribunale con l'accusa di stupro. Quindi si trattava di una persona che si identifica come una donna che aveva usato il suo pene per violentare due donne. È abbastanza logico: se la mascolinità e la femminilità non hanno nulla a che fare con il proprio corpo e invece hanno totalmente a che vedere con la propria autodefinizione soggettiva, allora si deve mettere in prigione uno stupratore che ha il pene con donne prigioniere. Dopo le proteste, Bryson è stato rinchiuso in una prigione maschile. Ma anche questo è problematico per la legge scozzese, dal momento che ora abbiamo una donna autoidentificata in una prigione maschile.

Sturgeon si è dimessa perché non ha considerato quella parte della popolazione che non è anti-LGBT, ma semplicemente rifiuta tali misure. Il punto è che non c'è una soluzione facile perché l'identità sessuale non è di per sé una semplice forma di identità, ma una dimensione complessa, piena di incoerenze e di ratti inconsci, qualcosa che in nessun modo può essere stabilito da un riferimento diretto a come ci sentiamo.

La recente controversia sull'uso dei cosiddetti bloccanti della pubertà riguarda un altro aspetto di questa stessa complessità: alla clinica Tavistock di Londra è stato ordinato dalle superiori autorità di limitare l'uso dei bloccanti della pubertà che sopprimono gli ormoni e in questo modo sospendono lo sviluppo sessuale di un bambino. Tavistock somministrava questi farmaci a giovani tra i 9 e i 16 anni che sembravano non essere in grado di scegliere la propria identità sessuale. I medici di Tavistock hanno sostenuto che esiste il pericolo che i giovani che non sono in grado di determinare la propria identità sessuale facciano una scelta forzata sotto pressione del loro ambiente, reprimendo così la loro vera inclinazione (per lo più essere trans). I bloccanti della pubertà sarebbero stati necessari per consentire a tali giovani di posticipare il loro ingresso nella pubertà,

I bloccanti della pubertà sono stati somministrati a quasi tutti i bambini inviati per la valutazione a Tavistock, compresi giovani autistici e problematici che potrebbero essere stati diagnosticati erroneamente come incerti sulla loro sessualità. In altre parole, trattamenti che alterano la vita venivano somministrati ai bambini vulnerabili prima che fossero abbastanza grandi per sapere se volevano accedere a cure mediche. Come ha affermato uno dei critici  "un bambino che soffre di disagio di genere ha bisogno di tempo e sostegno, per non essere avviato a un percorso medico di cui in seguito potrebbe pentirsi".

Il paradosso è chiaro: i bloccanti della pubertà sono stati dati per permettere ai giovani di mettere in pausa la maturità e decidere liberamente della propria identità sessuale, ma questi farmaci possono causare anche numerose altre patologie fisiche e psichiche e nessuno ha chiesto ai ragazzi se fossero disposti a ricevere farmaci con tale conseguenze. La dottoressa Hilary Cass, una delle critiche, ha scritto : “Noi … non abbiamo modo di sapere se, piuttosto che guadagnare tempo per prendere una decisione, i bloccanti della pubertà possano interrompere quel processo decisionale. La maturazione del cervello può essere interrotta temporaneamente o permanentemente”.

Si dovrebbe fare un ulteriore passo avanti in questa critica e mettere in discussione l'affermazione secondo cui arrivare all'identità sessuale è una questione di libera scelta matura. Non c'è nulla di "anormale" nella confusione sessuale: ciò che chiamiamo "maturazione sessuale" è un processo lungo, complesso e per lo più inconscio. È pieno di violente tensioni e capovolgimenti, non un processo di scoperta di ciò che si è veramente nel profondo della propria psiche.

In molte cliniche di genere in tutto l'Occidente i medici si sentono obbligati ad adottare un "approccio affermativo indiscutibile", ha osservato un critico, con scarso riguardo per altre problemi di salute mentale sottostanti che affliggono i bambini. La pressione infatti è duplice. Per prima cosa, i medici sono intimiditi dalla lobby trans, che interpreta lo scetticismo nei confronti dei bloccanti della pubertà come un tentativo conservatore di rendere più difficile per le persone trans realizzare la propria identità sessuale. Ciò è aggravato da una costrizione finanziaria: più della metà del reddito di Tavistock, ad esempio, proveniva dal trattamento dei problemi sessuali dei giovani. In breve, quello che abbiamo qui è la peggior combinazione di persecuzione politicamente corretta con il brutale calcolo degli interessi finanziari. L'uso di bloccanti della pubertà è un altro caso di capitalismo woke.

Entrambe queste controversie hanno portato a una vittoria almeno parziale per le forze "anti-risveglio": Sturgeon si è dimessa e la clinica Tavistock è stata chiusa. Ma le forze all'opera hanno uno slancio che supera di gran lunga le opinioni dei singoli politici e le dinamiche di particolari istituzioni. Semmai, gli individui e le istituzioni cercano costantemente di adattarsi alle restrizioni provenienti da altrove, piuttosto che imporle dall'alto verso il basso. È quindi certo che scandali simili continueranno a moltiplicarsi.

Come se l'agitazione dei gruppi di interesse e le costrizioni del capitale non bastassero, il risveglio può attingere anche alle riserve di forza religiosa. Nel nostro spazio ideologico ufficiale il risveglio e il fondamentalismo religioso appaiono come opposti incompatibili, ma lo sono davvero?

Quasi un decennio fa l'ex-attivista musulmana Maryam Namazie è stata invitata dal Goldsmiths College di Londra a tenere una conferenza sul tema "Apostasia, blasfemia e libertà di espressione nell'era dell'ISIS". Il suo discorso, incentrato sull'oppressione islamica delle donne, è stato ripetutamente e bruscamente interrotto da studenti musulmani. Namazie ha trovato alleati nella società femminista del college? No. Le femministe si sono schierate con la Goldsmiths Islamic Society.

Questa solidarietà inaspettata si fonda in ultima analisi sulla somiglianza nella forma dei due discorsi: la wokeness opera come un dogma religioso secolarizzato, con tutte le contraddizioni che ciò comporta (...)

I woke sono una minoranza relativamente privilegiata di una minoranza autorizzata a partecipare a un seminario di alta qualità di un'università d'élite (...)

La psicoanalisi ha una risposta chiara a questo paradosso: la nozione di Super-io. Superego è un'agenzia crudele e insaziabile che mi bombarda con richieste impossibili e deride i miei tentativi falliti di soddisfarle. È l'agenzia agli occhi della quale sono tanto più colpevole, quanto più cerco di sopprimere i miei sforzi "peccaminosi". Il vecchio cinico motto stalinista sugli accusati ai processi farsa che professavano la loro innocenza - "Più sono innocenti, più meritano di essere fucilati" - è superego allo stato puro (...)

Come ha notato Freud, più obbediamo al comandamento del Super-io, più ci sentiamo in colpa. Il paradosso vale anche nella lettura lacaniana del Super-io come ingiunzione a godere: il godimento è un impossibile-reale, non possiamo mai raggiungerlo pienamente, e questo fallimento ci fa sentire in colpa (...)

"Wokeness", risveglio, sta effettivamente per il suo esatto contrario. Nella sua Interpretazione dei sogni Freud riferisce di un sogno sognato da un padre che si addormenta mentre veglia davanti alla bara di suo figlio. In questo sogno gli appare il figlio morto, pronunciando il terribile appello: "Padre, non vedi che sto bruciando?" Quando il padre si sveglia, scopre che il panno sulla bara del figlio ha preso fuoco da una candela caduta. Perché il padre si è svegliato? Forse perché l'odore del fumo era diventato troppo forte, tanto che non era più possibile prolungare il sonno includendolo nel sogno improvvisato? Lacan propone una lettura molto più interessante: se la funzione del sogno è quella di prolungare il sonno, se il sogno in fondo può avvicinarsi così tanto alla realtà che lo provoca, non si può dire che possa corrispondere a questa realtà senza uscire dal sonno? Dopotutto, esiste qualcosa come l'attività sonnambulistica. La domanda che si pone e che tutte le precedenti indicazioni di Freud ci consentono di produrre è: Che cos'è che sveglia il dormiente? Non è, nel sogno, un'altra realtà? — la realtà che Freud descrive così — Dass das Kind an seinem Bette steht , che il bambino è vicino al suo letto, ihn am Arme fasst , lo prende per un braccio e gli sussurra con tono di rimprovero , und ihm vorwurfsvoll zuraunt: Vater, siehst du denn nicht , Padre non vedi dass ich verbrenne, che sto bruciando? Non c'è più realtà in questo messaggio che nel rumore con cui il padre identifica anche la strana realtà di ciò che sta accadendo nella stanza accanto? Non è espressa in queste parole la realtà mancata che ha causato la morte del bambino?

Non è stata quindi l'intrusione del segnale proveniente dalla realtà esterna a risvegliare lo sfortunato padre, ma il carattere insopportabilmente traumatico di ciò che ha incontrato nel sogno. Nella misura in cui “sognare” significa fantasticare per evitare di confrontarsi con il Reale, il padre si è letteralmente risvegliato per poter continuare a sognare. La scena era la seguente: quando il suo sonno è stato disturbato dal fumo il padre ha costruito rapidamente un sogno che incorporava l'elemento disturbante (fumo-fuoco) per prolungare il suo sonno; tuttavia ciò che ha affrontato nel sogno è stato un trauma (della sua responsabilità per la morte del figlio) molto più forte della realtà, quindi si è risvegliato nella realtà per evitare il Reale….

Ed è esattamente lo stesso per gran parte del movimento "risvegliato" in corso: il risveglio ci risveglia - al razzismo e al sessismo - proprio per permetterci di continuare a dormire. Ci mostra certe realtà in modo che possiamo continuare a ignorare le vere radici e la profondità dei nostri traumi razziali e sessuali.

articolo originale qui, traduzione di Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
7 Gennaio 2024
New Hampshire: mai più chirurgia sui minori per il "cambio di sesso"
Lo stato americano ha approvato un disegno di legge che vieta ai chirurghi di effettuare sugli under 18 anni operazioni come la rimozione delle ovaie e del seno per le femmine e del pene e testicoli per i maschi. Il ddl afferma che questi interventi violano il "consenso informato" del paziente e sottolinea che gli studi non hanno dimostrato una diminuzione del rischio suicidio dei minori dopo gli interventi. Anzi: il pericolo aumenta
Il New Hampshire si appresta a vietare ai minori di 18 anni di sottoporsi ad interventi per il cambio di sesso. Giovedì scorso la Camera del New Hampshire ha approvato, anche con l’aiuto di alcuni deputati democratici, un disegno di legge in tal senso. L’House Bill 619 proibisce ai medici di eseguire “qualsiasi intervento chirurgico di riassegnazione del genere genitale”, cioè l’asportazione di utero, ovaie e seno nel caso delle donne; di testicoli e pene per l’uomo, a chiunque nel […]
Leggi ora
31 Dicembre 2023
La pubertà forse andrebbe bloccata a TUTTI: deriva transumana dell'Organizzazione Mondiale della Sanità
Con un vero e proprio blitz natalizio l’OMS annuncia di voler elaborare nuove linee guida gender-affermative e mette in piedi un panel formato per tre quarti da transattivisti favorevoli alla medicalizzazione dei bambini. Preferibilmente tutti, anche quelli che non soffrono di disforia. Perché scegliere di che sesso sei deve diventare un diritto universale. Una petizione internazionale chiede di fermare l’iniziativa
Pochi giorni prima di Natale l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che svilupperà nuove linee guida sulla “salute delle persone trans e di genere diverso”, con particolare attenzione all’accesso agli ormoni e agli interventi chirurgici (quelle che definisce “cure inclusive di genere”). ”) e al riconoscimento giuridico dell’autoidentificazione di genere (self id). L’OMS ha inoltre annunciato di aver formato un gruppo per sviluppare le linee guida. Di questo gruppo di esperti fanno parte molti apparatchik della World Professional Association of Transgender Health (WPATH), tra cui […]
Leggi ora
23 Dicembre 2023
Anche la Germania valuta uno stop agli ormoni per bambine/i con "disforia di genere"
Mentre ci si accinge ad approvare una delle leggi più permissive in materia di transizione dei minori un documento del Bundestag frena e invita alla cautela. Perché non ci sono prove scientifiche sufficienti sul fatto che la terapia affermativa farmacologica aumenti il benessere delle/gli adolescenti e che i suoi effetti siano reversibili. Serve un serio e approfondito dibattito finora impedito dall'attivismo transaggressivo e dalla pressione delle lobby Lgbtq+ sulla politica e sui media
Dopo anni di resistenza e di battaglia del femminismo radicale in tutto il mondo -oltre che di genitori auto-organizzati per resistere alla transpropaganda, come l'associazione GenerAzione D- la questione dei minori avviati alla transizione con bloccanti della pubertà, ormoni cross-sex e chirurgia è arrivata finalmente all'attenzione del Parlamento italiano. Da tempo il tema è oggetto di un aspro dibattito critico che dalla Svezia e dall'UK si è allargato a tutto il Grande Nord, fino ad Australia, Nuova Zelanda e Stati […]
Leggi ora