Ragazze che amano Drusilla

La signora chic non esiste davvero. E' solo un personaggio en travesti, anche se con una sua biografia e un suo stile. Ma in quanto "donna per scelta" e non per destino, piace molto alle giovani e viene considerata un modello di femminilità. Anche se è un uomo.
Condividi questo articolo

Ieri sera Drusilla Foer ha affiancato con grande successo Amadeus al festival di Sanremo, con il solito corollario di gossip per stuzzicare la curiosità dei telespettatori. Gianluca Gori, il bravissimo attore che dà vita a Drusilla, non è trans, né non binary e nemmeno una drag queen, ma perpetua la tradizione degli spettacoli en travesti di cui Paolo Poli è stato caposcuola.

Il personaggio pare vivere vita propria rispetto all’attore che lo interpreta, ha una propria biografia da raccontare (nascita, giovinezza, amori, matrimonio) e una sua visione del mondo.

Drusilla è dunque davvero un “personaggio" in senso pirandelliano, un po’ Franca Valeri e un po’, come abbiamo detto, Paolo Poli, e ha moltissime giovani fan. Anche se Drusilla non è affatto giovane. Già il nome tradisce un blasone che sa di antico, nome romano, “figlia di Druso”, quanto di più lontano dall’orizzonte culturale di una ragazzina; bellezza algida e compassata, old-style, buone maniere borghesi e abiti sartoriali, magrezza e classe da mannequin anni 50. Trucco sobrio, capelli bianchi portati con eleganza e raffinatezza, perle di saggezza a piene mani, tutto molto bon-ton.

Eppure piace, e proprio alle giovanissime, a giudicare dai social; le adolescenti sembrano fidarsi di lei, le chiedono consigli su come stare al mondo e come essere chic, in tempi in cui certe parole suonano tanto desuete. Parlano con Drusilla come  parlerebbero con una vecchia zia snob. Magari la mamma no, ma la zia che non ha figli e che la sa lunga della vita può essere un’ottima consigliera.

Ma Drusilla non esiste, la stessa biografia è un copione, non c’è nulla di vero.

Perché le ragazze la seguono?

Perché Drusilla non è una donna, è un uomo. Meglio, non è una donna “per nascita” -il massimo della banalità e dell'indesiderabilità- ma è una “donna per scelta”, quanto di più glamour ci sia. E dunque si sta al gioco, si crede alla finzione dei suoi consigli di stile, anche lei appare avvolta in un’aria di “favolosità”, non è la parente bigotta, ha esperienza e spalle forti, si può permettere persino i capelli bianchi.

Come parlare con un amico immaginario, come scrivere a Babbo Natale, sappiamo che non esiste ma ci piace proprio per questo. Perché la realtà è noiosa. E' fatta di donne vere, di madri e vecchie zie vere, lamentose, banali, superate; donne che ci appaiono deprimenti e per niente glamour, con bassa autostima, che mai le figlie sceglierebbero come modello. Perché quelle donne non hanno scelto di esserlo. Quindi non possono che essere casalinghe sciatte e frustrate, mogli e madri grigie ed incolori, banali e bigotte, nonostante le madri di oggi non corrispondano a certi stereotipi, che invece sopravvivono nella mente delle figlie.

Nel mondo femminista si osservano dinamiche molto simili: spesso il taglio fra generazioni è netto, le giovani donne, non solo le adolescenti, sembrano provare un rancore sordo verso “madri” politiche e simboliche alle quali rimproverano
qualunque errore o svista, animate da una sindrome risarcitoria che è un pozzo senza fondo.

Donne con maggiore esperienza di vita e di attivismo che talvolta realmente non hanno voluto o saputo “farsi madri” delle più giovani, forse loro stesse in una dinamica simile con le proprie madri. Difficile creare il cerchio della fiducia, istituire legami, riconoscere genealogie. Resistono muri di incomprensioni e di non-detti.

Meglio allora cercare altrove. Le stesse cose dette da un uomo appaiono più autorevoli e credibili, di loro ci si può fidare, loro sì che ci amano e ci sanno capire.

Loro, se sono donne, è perché lo hanno scelto, e non l'hanno subito come un amaro e indesiderabile destino.

Anna Perenna

DRUSILLA/2 (THE DAY AFTER)

TEST DI MISOGINIA
 
Quello che stiamo vedendo su RaiUno in questi giorni costituisce un test di misoginia terminale.
Pertanto è buono e interessante, perché dice a che punto siamo.
Un uomo -un bell'uomo ultracinquantenne, elegante, colto e ottimo attore- è la vera donna del momento. Lui sì.
Le altre invece, quelle che hanno avuto la sventura di nascere donne: scialbe, noiose, lagnose, ovviamente omofobe -Iva Zanicchi, ingiustamente accusata- insomma, il lumpenproletariat della donnità.
 
Lui: signora autorevole, chic, con uso di mondo, ecco la vera femminilità.
Loro: imparino da lei come essere donne, quei vestiti, quell'allure!
E' tutta una ola: sentito il discorso sull'unicità?
Una vera regina! Che charme!
Imparate dagli uomini che cos'è una vera donna!
Se proprio le donne a questo mondo servono, ce le faremo da noi.
 
E tutte quelle donne nate donne che si inchinano, schiave radiose.
 
p.s: viene prima la misoginia di ogni omofobia. La matrice è quella. Ricordarsene
 
Marina Terragni 
 

 


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora
6 Marzo 2024
Scandalo WPATH: le "terapie" per i minori con disforia sono improvvisate e prescritte senza reale consenso
La World Professional Transgender Health è considerata la principale autorità scientifica e medica globale sulla “medicina di genere”: negli ultimi decenni i suoi standard di cura hanno plasmato le linee guida, le politiche e le pratiche di governi, associazioni mediche, sistemi sanitari pubblici e cliniche private in tutto il mondo, compresa l'OMS. Ma alcuni documenti trapelati rivelano la negligenza nei riguardi di bambini -compresi minori con gravi disturbi psichici- sottoposti a trattamenti improvvisati, senza tenere conto delle conseguenze a lungo termine e senza la certezza che avessero chiaro quello che stavano facendo
La notizia riesce a sconvolgere perfino chi lotta da tempo contro la terapia affermativa -bloccanti della pubertà, ormoni e chirurgia- per i minori non conformi al genere, come lo psicoanalista David Bell che ha denunciato lo scandalo alla Tavistock Clinic di Londra: "Anche per me il contenuto di questi file è scioccante e inquietante" ha dichiarato. "I file suggeriscono che alcuni membri del WPATH sono consapevoli che le cure che affermano il genere a volte causano danni molto gravi e […]
Leggi ora
2 Marzo 2024
Corpi che non contano: Judith Butler torna alla carica
In un’affollata conferenza alla London School of Economic la filosofa californiana pioniera delle gender theory ribadisce i capisaldi del suo pensiero: la materialità del sesso non esiste, le donne non hanno l’esclusiva di essere donne e devono aprirsi ad altri soggetti a cominciare dai Queer e dai pro-Palestine, il transfemminismo è anticapitalista e antifa per una lotta comune contro le “passioni fasciste”. E attacca il femminismo gender critical “alleato delle destre”
A un certo punto sembrava che Judith Butler avesse cambiato strada. La filosofa californiana, tra le più influenti dell’ultimo trentennio, teorica della performatività di genere, approdata lungo un percorso costruttivista radicale alla negazione della consistenza materiale dei corpi sessuati fino a problematizzare e/o smantellare lo stesso soggetto “donna” , aveva riconosciuto: «la mia definizione diede adito a due interpretazioni contrastanti: per la prima, ciascuno si sceglie il proprio genere; per la seconda, siamo tutti completamente determinati dalle norme di genere […]
Leggi ora