Perché lo sport è così importante per le donne

E' un'esperienza di empowerment, di autostima, di liberazione dagli stereotipi. Specialmente in quei posti del mondo in cui il patriarcato è più feroce. Ma nei Paesi "liberal" maschi disonesti vogliono invadere e usurpare gli sport femminili
Condividi questo articolo

Tempo fa abbiamo pubblicato Perché permettere a uomini di competere con le donne?” lettera aperta di Linda Blade al Comitato Olimpico.

Linda ha l'esperienza di una vita nell'atletica, ma anche una grande conoscenza scientifica su come i corpi sono costruiti e su come si muovono. Con il suo dottorato in Kinesiologia e la sua esperienza professionale, è stata una grande attivista per la protezione degli sport femminili con numerose apparizioni nei media al suo attivo, tra cui un dibattito Munk con Joanna Harper, uomo trans-identificato canadese e principale sostenitore dell'auto-identificazione che ha influenzato il Comitato Olimpico ad ammettere gli uomini negli sport femminili.

Linda ha recentemente pubblicato Unsporting: How Trans Activism and Science Denial are Destroying Sport, bestseller in Canada nonostante non abbia avuto alcuna pubblicità su nessun media canadese.

Linda combatte per le atlete canadesi con il gruppo di advocacy monotematico caWsbar (Canadian Women's Sex-Based Rights) e può essere trovata su Twitter, @coachblade.

Linda Blade ha avuto una lunga carriera, prima come atleta e poi come allenatrice sportiva. Le abbiamo chiesto di parlarci un po' di più del suo lavoro finalizzato a educare le ragazze e le donne a fare sport.

"Per le atlete donne" dice Blade "è importante avere una dimensione individuale. Nei momenti di competizione non sono figlie, sorelle, madri o mogli, ma atlete. E naturalmente meritano di essere rispettate per la loro abilità e dedizione.

A volte, poiché hanno esperienze diverse dagli uomini, anche l'incoraggiamento che serve è diverso. Per esempio le donne vengono educate ad essere modeste e schive, e le atlete tendono a mettere in dubbio le proprie capacità fisiche, anche se spesso imparano nuove abilità più velocemente e meglio dei maschi! Hanno bisogno di un maggiore addestramento alla fiducia in se stesse e all'autostima. Lo sport diventa un modo per imparare a gestire meglio sia la vittoria che la sconfitta. Così, quando vincono, hanno bisogno di supporto per sapere che si sono guadagnate la vittoria e che il loro orgoglio è legittimo. Quando perdono, hanno bisogno di imparare a non prenderla sul personale e a rendersi conto che possono usare l’esperienza per migliorare la prossima volta. Sia vincere che perdere insegnano alle donne come sviluppare strategie per gestire un'intensa pressione fisica, come fare una buona performance sotto grande stress, e come tenere le loro emozioni a distanza e non identificarcisi.

Abbiamo chiesto a Linda anche come è stata coinvolta nel problema degli uomini che dicono di “sentirsi donne” e quindi sono stati autorizzati a competere negli sport femminili.

Linda racconta di avere incontrato per la prima volta l'assurdità dell'ideologia di genere nello sport nel 2018, in qualità di presidente di Athletics Alberta (organo governativo per l’atletica leggera dello stato di Alberta, Canada). Faceva anche parte di un comitato nazionale su genere e politica. A quel tempo, l'auto-identificazione non era ampiamente compresa dal pubblico canadese, e Linda fu scioccata nel sentire che gli atleti maschi potevano competere come donne.

“Ho detto agli altri leader sportivi presenti al tavolo - erano tutti uomini: ‘Dite sul serio?! Ma dai! Voi ragazzi sapete che questa politica non funzionerà! Conosciamo tutti la differenza tra maschi e femmine. Sappiamo tutti che i record mondiali degli uomini superano di gran lunga quelli delle donne. Perché ne stiamo parlando?’ Con mio shock e stupore, invece di dichiararsi d'accordo con me, si sono guardati le mani e hanno scrollato le spalle, dicendomi che probabilmente non avremmo avuto altra scelta che accettare questa politica se i gruppi sportivi volevano continuare a ricevere finanziamenti dal governo. Ero arrabbiata. Non solo con il governo, ma anche con questi codardi che si definiscono ‘leader’.”

Naturalmente l'orrore di Linda aumentò quando si rese conto che questa politica scandalosa era approvata dal CIO (Comitato Internazionale Olimpico) e da numerosi altri Paesi e associazioni sportive.

Linda è canadese, ma ha vissuto e lavorato in giro per il mondo. Le abbiamo chiesto di raccontarci delle sue esperienze internazionali.

Nata in Bolivia, è lì che da bambina Linda ha sviluppato la passione per il calcio, giocando nei campi e nelle strade. Da adolescente i ragazzi contro cui aveva giocato non la vollero più in squadra, quindi cercò invano una squadra di calcio femminile. Fortunatamente venne accolta dagli atleti di atletica leggera incontrati in uno stadio vicino, diventando campionessa boliviana a 15 anni. Vinse una borsa di studio negli Stati Uniti, prese altri titoli e diplomi e divenne docente e allenatrice per il Worldwide Development Program della Federazione Internazionale di Atletica Amatoriale (IAAF). È in questa veste, viaggiando per il mondo, che è diventata ancora più consapevole della necessità vitale per le donne di accedere al loro potenziale atletico.

In Guyana ha tagliato bambù per insegnare il salto con l'asta e ha raccolto noci di cocco vuote per i lanci. In Sri Lanka ha allenato sotto sorveglianza armata come protezione contro l'insurrezione civile. A Teheran, ha insegnato nel primo corso per sole donne della IAAF, organizato perché le partecipanti potessero gareggiare senza l'hijab.

Durante il suo periodo a Teheran Linda ha incontrato ripetutamente leggi sulla modestia e norme patriarcali che opprimevano le donne, dall'essere obbligate ad usare gli spazi di allenamento nelle ore più calde della giornata, all'essere limitate dalla presenza degli atleti maschi durante l'allenamento. Le donne con cui Linda ha lavorato hanno mantenuto vivo il loro amore per l'atletica nonostante tutte le avversità. La loro generosità e la loro dedizione contrastano nettamente con gli atteggiamenti di troppe persone che in Paesi apparentemente più liberali cederebbero volentieri ciò che non è loro al servizio dei diritti di maschi disonesti.

Tania Alessandrini

Traduzione di Maria Celeste


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora
3 Agosto 2022
Operaia sì. Ministra no. Donna nemmeno
Se c’è una cosa su cui i politici italiani sono tutti d’accordo è la cancellazione delle donne, a partire dal linguaggio. Mentre la sinistra "progressista" ci cancella con asterischi e schwa -lingua finto-inclusiva che riporta tutto al maschile- la destra rifiuta di usare il femminile per le donne di autorità nelle istituzioni. Ma la parole sono importanti perché fanno realtà
Incredibilmente -e con voto segreto, scelleratamente concesso dalla presidente Casellati- qualche giorno fa il Senato ha respinto l'emendamento Maiorino che autorizzava a chiamare le donne delle istituzioni con il loro nome. Questione che ha una profonda rilevanza politica. Sono molti i poeti che nel corso dei secoli si sono avvalsi di licenze poetiche, ovvero intenzionali errori grammaticali, metrici e sintattici con l'intenzione di sottolineare un concetto o alterare la sonorità del componimento. Il 27 luglio 2022 a palazzo Madama è […]
Leggi ora
29 Luglio 2022
UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical
L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro […]
Leggi ora
28 Luglio 2022
I record rubati di Petrillo: “Ma vincevo anche da uomo”. È vero? Ecco i fact-checking
Mentre il Comitato Olimpico annuncia un cambio di rotta nelle linee guida sulla partecipazione di corpi maschili negli sport femminili, Valentina nata Fabrizio Petrillo ambisce a partecipare ai Giochi Paralimpici nella categoria femminile. A chi l’accusa di voler vincere facile risponde che vinceva anche prima della transizione. Ma non è così: ecco un’analisi dei tempi di Petrillo e di come sono valutati rispettivamente nella categoria maschile e in quella femminile
Dopo le federazioni internazionali del nuoto, del ciclismo e di altri sport, anche il Comitato Olimpico fa marcia indietro sullo sport “inclusivo” dei corpi maschili negli sport femminili. Francesco Ricci Bitti alla guida dell’ASOIF, l’associazione che riunisce le federazioni internazionali degli sport olimpici estivi, ha annunciato in una recente conferenza il bisogno di rivedere le attuali regole sulla partecipazione degli atleti transgender, soprattutto MtF, uomini che “si identificano come donne”. Francesco Ricci Bitti ha detto: “Secondo l’approccio dei diritti umani […]
Leggi ora
20 Luglio 2022
Dove sta andando la Casa delle Donne di Roma?
"La Casa siamo tutte" recita il bello slogan dello storico enclave di Trastevere. Ma in quello spazio, che è pubblico e dovrebbe essere aperto, l'agibilità è solo transfemminista. E dopo il sostegno acritico al ddl Zan -per fermare i femminicidi!-, il sì all'utero in affitto e al "sex work", ora anche l'inno agli ultracorpi maschili negli sport femminili: forse è il momento che si apra una riflessione
La Casa Internazionale delle Donne di Roma condivide la proposta dell'università della Pennsylvania di nominare Lia Thomas "atleta donna dell'anno". Lia Thomas, di cui abbiamo parlato più volte qui, è la celebre nuotatore che ha sbaragliato più volte le avversarie gareggiando nelle categorie femminili, ma che ha avuto quanto meno il merito di far finalmente esplodere la questione degli ultracorpi maschili negli sport delle donne. Il post condiviso dalla Casa Internazionale delle Donne, un piccolo confusionario trattato di femminismo Intersezionale, […]
Leggi ora
6 Luglio 2022
Maya Forstater, licenziata per aver detto che il sesso non si può cambiare, vince in tribunale: fu discriminazione
Decisiva per il femminismo gender critical in tutto il mondo la vittoria di Maya, ricercatrice che perse il suo lavoro per un tweet in cui scriveva che il sesso biologico è immutabile e che le donne hanno diritti basati sul sesso. La Gran Bretagna ribadisce il diritto a criticare l'identità di genere: minacce e accuse di transfobia sono illegittime. "Un'ulteriore prova" dice Forstater "che il vento sta cambiando". La sentenza definitiva del tribunale del lavoro ha anche condannato a un risarcimento la società che non ha rinnovato il contratto alla ricercatrice, cofondatrice di Sex Matters. Un trionfo su tutta la linea
Un anno fa, giugno 2021, Feminist Post ha pubblicato un articolo sul caso di Maya Forstater, la ricercatrice britannica il cui contratto di lavoro non fu rinnovato dal suo datore di lavoro per aver espresso delle opinioni critiche sul concetto di identità di genere ed aver riaffermato l’importanza dei diritti delle donne fondati sul sesso. L’articolo si chiudeva ricordando ai lettori e alle lettrici che il caso di Maya non era ancora concluso e, anche se la sentenza d'appello del […]
Leggi ora