Perché lo sport è così importante per le donne

E' un'esperienza di empowerment, di autostima, di liberazione dagli stereotipi. Specialmente in quei posti del mondo in cui il patriarcato è più feroce. Ma nei Paesi "liberal" maschi disonesti vogliono invadere e usurpare gli sport femminili
Condividi questo articolo

Tempo fa abbiamo pubblicato Perché permettere a uomini di competere con le donne?” lettera aperta di Linda Blade al Comitato Olimpico.

Linda ha l'esperienza di una vita nell'atletica, ma anche una grande conoscenza scientifica su come i corpi sono costruiti e su come si muovono. Con il suo dottorato in Kinesiologia e la sua esperienza professionale, è stata una grande attivista per la protezione degli sport femminili con numerose apparizioni nei media al suo attivo, tra cui un dibattito Munk con Joanna Harper, uomo trans-identificato canadese e principale sostenitore dell'auto-identificazione che ha influenzato il Comitato Olimpico ad ammettere gli uomini negli sport femminili.

Linda ha recentemente pubblicato Unsporting: How Trans Activism and Science Denial are Destroying Sport, bestseller in Canada nonostante non abbia avuto alcuna pubblicità su nessun media canadese.

Linda combatte per le atlete canadesi con il gruppo di advocacy monotematico caWsbar (Canadian Women's Sex-Based Rights) e può essere trovata su Twitter, @coachblade.

Linda Blade ha avuto una lunga carriera, prima come atleta e poi come allenatrice sportiva. Le abbiamo chiesto di parlarci un po' di più del suo lavoro finalizzato a educare le ragazze e le donne a fare sport.

"Per le atlete donne" dice Blade "è importante avere una dimensione individuale. Nei momenti di competizione non sono figlie, sorelle, madri o mogli, ma atlete. E naturalmente meritano di essere rispettate per la loro abilità e dedizione.

A volte, poiché hanno esperienze diverse dagli uomini, anche l'incoraggiamento che serve è diverso. Per esempio le donne vengono educate ad essere modeste e schive, e le atlete tendono a mettere in dubbio le proprie capacità fisiche, anche se spesso imparano nuove abilità più velocemente e meglio dei maschi! Hanno bisogno di un maggiore addestramento alla fiducia in se stesse e all'autostima. Lo sport diventa un modo per imparare a gestire meglio sia la vittoria che la sconfitta. Così, quando vincono, hanno bisogno di supporto per sapere che si sono guadagnate la vittoria e che il loro orgoglio è legittimo. Quando perdono, hanno bisogno di imparare a non prenderla sul personale e a rendersi conto che possono usare l’esperienza per migliorare la prossima volta. Sia vincere che perdere insegnano alle donne come sviluppare strategie per gestire un'intensa pressione fisica, come fare una buona performance sotto grande stress, e come tenere le loro emozioni a distanza e non identificarcisi.

Abbiamo chiesto a Linda anche come è stata coinvolta nel problema degli uomini che dicono di “sentirsi donne” e quindi sono stati autorizzati a competere negli sport femminili.

Linda racconta di avere incontrato per la prima volta l'assurdità dell'ideologia di genere nello sport nel 2018, in qualità di presidente di Athletics Alberta (organo governativo per l’atletica leggera dello stato di Alberta, Canada). Faceva anche parte di un comitato nazionale su genere e politica. A quel tempo, l'auto-identificazione non era ampiamente compresa dal pubblico canadese, e Linda fu scioccata nel sentire che gli atleti maschi potevano competere come donne.

“Ho detto agli altri leader sportivi presenti al tavolo - erano tutti uomini: ‘Dite sul serio?! Ma dai! Voi ragazzi sapete che questa politica non funzionerà! Conosciamo tutti la differenza tra maschi e femmine. Sappiamo tutti che i record mondiali degli uomini superano di gran lunga quelli delle donne. Perché ne stiamo parlando?’ Con mio shock e stupore, invece di dichiararsi d'accordo con me, si sono guardati le mani e hanno scrollato le spalle, dicendomi che probabilmente non avremmo avuto altra scelta che accettare questa politica se i gruppi sportivi volevano continuare a ricevere finanziamenti dal governo. Ero arrabbiata. Non solo con il governo, ma anche con questi codardi che si definiscono ‘leader’.”

Naturalmente l'orrore di Linda aumentò quando si rese conto che questa politica scandalosa era approvata dal CIO (Comitato Internazionale Olimpico) e da numerosi altri Paesi e associazioni sportive.

Linda è canadese, ma ha vissuto e lavorato in giro per il mondo. Le abbiamo chiesto di raccontarci delle sue esperienze internazionali.

Nata in Bolivia, è lì che da bambina Linda ha sviluppato la passione per il calcio, giocando nei campi e nelle strade. Da adolescente i ragazzi contro cui aveva giocato non la vollero più in squadra, quindi cercò invano una squadra di calcio femminile. Fortunatamente venne accolta dagli atleti di atletica leggera incontrati in uno stadio vicino, diventando campionessa boliviana a 15 anni. Vinse una borsa di studio negli Stati Uniti, prese altri titoli e diplomi e divenne docente e allenatrice per il Worldwide Development Program della Federazione Internazionale di Atletica Amatoriale (IAAF). È in questa veste, viaggiando per il mondo, che è diventata ancora più consapevole della necessità vitale per le donne di accedere al loro potenziale atletico.

In Guyana ha tagliato bambù per insegnare il salto con l'asta e ha raccolto noci di cocco vuote per i lanci. In Sri Lanka ha allenato sotto sorveglianza armata come protezione contro l'insurrezione civile. A Teheran, ha insegnato nel primo corso per sole donne della IAAF, organizato perché le partecipanti potessero gareggiare senza l'hijab.

Durante il suo periodo a Teheran Linda ha incontrato ripetutamente leggi sulla modestia e norme patriarcali che opprimevano le donne, dall'essere obbligate ad usare gli spazi di allenamento nelle ore più calde della giornata, all'essere limitate dalla presenza degli atleti maschi durante l'allenamento. Le donne con cui Linda ha lavorato hanno mantenuto vivo il loro amore per l'atletica nonostante tutte le avversità. La loro generosità e la loro dedizione contrastano nettamente con gli atteggiamenti di troppe persone che in Paesi apparentemente più liberali cederebbero volentieri ciò che non è loro al servizio dei diritti di maschi disonesti.

Tania Alessandrini

Traduzione di Maria Celeste


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
21 Gennaio 2023
Anche in Italia si apre -finalmente!- il dibattito sui bloccanti della pubertà
A rompere il silenzio la Società Psicoanalitica Italiana che chiede una discussione scientifica aperta su questi trattamenti che definisce "sperimentali", non supportati da adeguati studi e a forte rischio etico perché predeterminano il destino di bambine e bambini
In notevole ritardo rispetto al Grande Nord europeo, alla Gran Bretagna all'Australia, ad alcuni stati USA -che hanno bruscamente frenato sull'uso del puberty blocker come "terapia" per bambine e bambini dai comportamenti non conformi al genere, anche in Italia si rompe finalmente il silenzio con una lettera indirizzata al governo da parte della Società Psicoanalitica Italiana, che invita alla prudenza e all'apertura di una discussione scientifica pubblica. A seguire riproduciamo le interviste realizzate da Marina Terragni per Il Foglio e […]
Leggi ora
9 Gennaio 2023
Credevo che mio figlio -4 anni- fosse trans: mi sbagliavo
Madre lesbica e “vera credente” del culto queer accompagna e autorizza il suo bambino a identificarsi come femmina. Finché non comprende di avere sbagliato a causa dell’ideologia. Piangendo sul suo errore oggi ha intrapreso un percorso di “guarigione” insieme a lui che è tornato a dirsi maschio. Una testimonianza illuminante
Ero una vera credente.Ero un’attivista per la giustizia sociale prima ancora che il movimento per la giustizia sociale prendesse il sopravvento nel mondo. Ero in prima linea ad introdurre il concetto di intersezionalità in organizzazioni progressiste e a convincere la gente a condividere i suoi pronomi. Io e i miei amici ci sentivamo quelli “cool”, l’avanguardia di un’opera rivoluzionaria che avrebbe cambiato il mondo, che avrebbe raggiunto quella che le persone all’interno del movimento per la giustizia sociale chiamano “liberazione […]
Leggi ora
29 Dicembre 2022
2022, l'anno in cui l'Occidente ha cancellato le donne
Secondo Ayaan Hirsi Ali, critica radicale dell’Islam, fondamentalisti soggiogatori e progressismo transattivista occidentale sono alleati di fatto: entrambi mettono in pericolo le donne e minacciano gli ideali post-illuministici
Se il 2022 è stato l'anno della "donna", si è trattato di una storia con due capitoli finali diversi: uno di speranza, l'altro meno. Il primo è ambientato in un Paese lontano, dove un regime arcaico e teocratico minaccia di essere rovesciato dalle donne che gettano il loro hijab e chiedono la loro emancipazione. Il secondo si svolge in un ambiente più familiare ma in una lingua sconosciuta: un Occidente in cui la stessa parola "donna" non ha più alcun […]
Leggi ora
27 Dicembre 2022
L'abolizione globale del sesso
La legge appena approvata in Scozia che sostituisce il sesso con la libera scelta del genere. Quella in via di approvazione in Spagna. E il progetto della Germania. Nel suo articolo su Newsweek Kara Dansky mette in guardia sul self-id anche gli Stati Uniti. Ma da Gran Bretagna, Svezia, Finlandia arrivano segnali in netta controtendenza: la partita è ancora tutta da giocare
Il 22 dicembre è stato un giorno nero per il femminismo gender critical: nonostante le vivaci proteste fuori dal Parlamento la Scozia ha approvato la legge che consente l'autoidentificazione di genere o self-id -senza eccezione per gli autori di reati sessuali che potranno liberamente accedere, identificandosi come donne, agli spazi femminili. Anche in Spagna la Ley Trans che ha un impianto molto simile ha superato il primo step alla Camera Bassa e si avvia nelle prossime settimane verso l'approvazione definitiva […]
Leggi ora