Perché lo sport è così importante per le donne

E' un'esperienza di empowerment, di autostima, di liberazione dagli stereotipi. Specialmente in quei posti del mondo in cui il patriarcato è più feroce. Ma nei Paesi "liberal" maschi disonesti vogliono invadere e usurpare gli sport femminili
Condividi questo articolo

Tempo fa abbiamo pubblicato Perché permettere a uomini di competere con le donne?” lettera aperta di Linda Blade al Comitato Olimpico.

Linda ha l'esperienza di una vita nell'atletica, ma anche una grande conoscenza scientifica su come i corpi sono costruiti e su come si muovono. Con il suo dottorato in Kinesiologia e la sua esperienza professionale, è stata una grande attivista per la protezione degli sport femminili con numerose apparizioni nei media al suo attivo, tra cui un dibattito Munk con Joanna Harper, uomo trans-identificato canadese e principale sostenitore dell'auto-identificazione che ha influenzato il Comitato Olimpico ad ammettere gli uomini negli sport femminili.

Linda ha recentemente pubblicato Unsporting: How Trans Activism and Science Denial are Destroying Sport, bestseller in Canada nonostante non abbia avuto alcuna pubblicità su nessun media canadese.

Linda combatte per le atlete canadesi con il gruppo di advocacy monotematico caWsbar (Canadian Women's Sex-Based Rights) e può essere trovata su Twitter, @coachblade.

Linda Blade ha avuto una lunga carriera, prima come atleta e poi come allenatrice sportiva. Le abbiamo chiesto di parlarci un po' di più del suo lavoro finalizzato a educare le ragazze e le donne a fare sport.

"Per le atlete donne" dice Blade "è importante avere una dimensione individuale. Nei momenti di competizione non sono figlie, sorelle, madri o mogli, ma atlete. E naturalmente meritano di essere rispettate per la loro abilità e dedizione.

A volte, poiché hanno esperienze diverse dagli uomini, anche l'incoraggiamento che serve è diverso. Per esempio le donne vengono educate ad essere modeste e schive, e le atlete tendono a mettere in dubbio le proprie capacità fisiche, anche se spesso imparano nuove abilità più velocemente e meglio dei maschi! Hanno bisogno di un maggiore addestramento alla fiducia in se stesse e all'autostima. Lo sport diventa un modo per imparare a gestire meglio sia la vittoria che la sconfitta. Così, quando vincono, hanno bisogno di supporto per sapere che si sono guadagnate la vittoria e che il loro orgoglio è legittimo. Quando perdono, hanno bisogno di imparare a non prenderla sul personale e a rendersi conto che possono usare l’esperienza per migliorare la prossima volta. Sia vincere che perdere insegnano alle donne come sviluppare strategie per gestire un'intensa pressione fisica, come fare una buona performance sotto grande stress, e come tenere le loro emozioni a distanza e non identificarcisi.

Abbiamo chiesto a Linda anche come è stata coinvolta nel problema degli uomini che dicono di “sentirsi donne” e quindi sono stati autorizzati a competere negli sport femminili.

Linda racconta di avere incontrato per la prima volta l'assurdità dell'ideologia di genere nello sport nel 2018, in qualità di presidente di Athletics Alberta (organo governativo per l’atletica leggera dello stato di Alberta, Canada). Faceva anche parte di un comitato nazionale su genere e politica. A quel tempo, l'auto-identificazione non era ampiamente compresa dal pubblico canadese, e Linda fu scioccata nel sentire che gli atleti maschi potevano competere come donne.

“Ho detto agli altri leader sportivi presenti al tavolo - erano tutti uomini: ‘Dite sul serio?! Ma dai! Voi ragazzi sapete che questa politica non funzionerà! Conosciamo tutti la differenza tra maschi e femmine. Sappiamo tutti che i record mondiali degli uomini superano di gran lunga quelli delle donne. Perché ne stiamo parlando?’ Con mio shock e stupore, invece di dichiararsi d'accordo con me, si sono guardati le mani e hanno scrollato le spalle, dicendomi che probabilmente non avremmo avuto altra scelta che accettare questa politica se i gruppi sportivi volevano continuare a ricevere finanziamenti dal governo. Ero arrabbiata. Non solo con il governo, ma anche con questi codardi che si definiscono ‘leader’.”

Naturalmente l'orrore di Linda aumentò quando si rese conto che questa politica scandalosa era approvata dal CIO (Comitato Internazionale Olimpico) e da numerosi altri Paesi e associazioni sportive.

Linda è canadese, ma ha vissuto e lavorato in giro per il mondo. Le abbiamo chiesto di raccontarci delle sue esperienze internazionali.

Nata in Bolivia, è lì che da bambina Linda ha sviluppato la passione per il calcio, giocando nei campi e nelle strade. Da adolescente i ragazzi contro cui aveva giocato non la vollero più in squadra, quindi cercò invano una squadra di calcio femminile. Fortunatamente venne accolta dagli atleti di atletica leggera incontrati in uno stadio vicino, diventando campionessa boliviana a 15 anni. Vinse una borsa di studio negli Stati Uniti, prese altri titoli e diplomi e divenne docente e allenatrice per il Worldwide Development Program della Federazione Internazionale di Atletica Amatoriale (IAAF). È in questa veste, viaggiando per il mondo, che è diventata ancora più consapevole della necessità vitale per le donne di accedere al loro potenziale atletico.

In Guyana ha tagliato bambù per insegnare il salto con l'asta e ha raccolto noci di cocco vuote per i lanci. In Sri Lanka ha allenato sotto sorveglianza armata come protezione contro l'insurrezione civile. A Teheran, ha insegnato nel primo corso per sole donne della IAAF, organizato perché le partecipanti potessero gareggiare senza l'hijab.

Durante il suo periodo a Teheran Linda ha incontrato ripetutamente leggi sulla modestia e norme patriarcali che opprimevano le donne, dall'essere obbligate ad usare gli spazi di allenamento nelle ore più calde della giornata, all'essere limitate dalla presenza degli atleti maschi durante l'allenamento. Le donne con cui Linda ha lavorato hanno mantenuto vivo il loro amore per l'atletica nonostante tutte le avversità. La loro generosità e la loro dedizione contrastano nettamente con gli atteggiamenti di troppe persone che in Paesi apparentemente più liberali cederebbero volentieri ciò che non è loro al servizio dei diritti di maschi disonesti.

Tania Alessandrini

Traduzione di Maria Celeste


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
21 Novembre 2022
I "clienti" di prostituzione sanno benissimo di commettere una violenza
Una ricerca sui compratori di sesso dimostra che gli uomini sono perfettamente consapevoli del fatto che la prostituzione è violenza, che le organizzazioni criminali tengono le donne nel terrore e che non c'è "regolamentazione" che tenga. Ma si fermano solo se rischiano una condanna penale, come accade in Svezia, Norvegia, Canada, Francia, Irlanda, Israele e in altri paesi che hanno introdotto il modello abolizionista. Diversamente continuano a considerare lo stupro a pagamento come un loro diritto
di Julie Bindel La Germania è conosciuta come il bordello d’Europa. È un titolo conquistato faticosamente. Con più di 3.000 bordelli in tutto il Paese, e 500 solo a Berlino, il suo commercio sessuale vale più di 11 miliardi di sterline all’anno. La prostituzione, in tutte le sue forme, è legale in Germania, sin dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Recentemente, però, l’atteggiamento sta cambiando. La gente e i politici chiedono al governo di prendere atto del cosiddetto “stato pappone” e […]
Leggi ora
11 Novembre 2022
Iranian Beauty
In Iran la bellezza femminile diventa la leva di una vera rivoluzione: niente di simile alla mortificazione-mercificazione dei corpi che in Occidente viene propagandata come libertà. La lotta per poter essere donne rivela l'ipocrisia del queer
Sono ormai quasi due mesi che è iniziata la rivolta delle ragazze iraniane contro il velo, un'onda incontenibile che ogni giorno produce di nuove immagini, nuovi contenuti, una ventata di aria fresca rispetto a certe narrazioni sulle donne nel mondo islamico, ma anche uno specchio che rivela quanto di artefatto ci sia dietro tante parole d’ordine politicamente corrette del femminismo intersezionale o transfemminismo. Primo: il velo non è una libera scelta né tantomeno quell'empowerment femminista su cui ci bombarda da […]
Leggi ora
29 Ottobre 2022
Il nome della premier
Giorgia Meloni non è femminista. La sua storia non è questa. Non ha condiviso le lunghe battaglie sulla lingua, sulla declinazione al femminile anziché al neutro-maschile. Ma il linguaggio oggi è un campo di battaglia che struttura le più importanti questioni politiche. E merita da parte sua un supplemento di riflessione
Giorgia Meloni non è femminista. Non è questa la sua storia. Nessuna donna di destra o centrodestra che abbia assunto importanti incarichi politici, da Thatcher a Merkel, si è mai detta femminista. Ne consegue la non-sensibilità alla declinazione femminile del proprio incarico, a cui il femminismo invece dà importanza. Anche se Angela Merkel alla fine del suo lungo cancellierato, nel corso di un incontro con la scrittrice Chimamanda Ngozi Adichie, ha accettato di dirsi femminista. Secondo Alice Schwarzer, fondatrice della […]
Leggi ora
1 Ottobre 2022
Ragazze che si tolgono il seno
La propaganda transattivista invita le bambine a disagio con le proprie forme femminili a comprimere il seno con apposite fasce (binder), primo passo verso la mastectomia finale. La stessa violenza misogina della tradizionale "stiratura del seno" praticata in Africa. In UK l'associazione di beneficienza Mermaids -finanziata con fondi pubblici- sotto accusa per aver inviato fasce ad adolescenti contro il parere dei genitori
La stiratura del seno (breast ironing) è un'orribile pratica tuttora in uso in alcune regioni dell'Africa, in particolare nel Camerun. Si tratta della distruzione della mammelle delle adolescenti prodotta con strumenti arroventati -vecchi ferri da stiro, spatole, sassi o conchiglie- e in genere praticata dalle donne adulte della famiglia. Lo scopo è rendere le ragazze meno attraenti per sottrarle a stupri e gravidanze precoci che potrebbero infangare l'onore del gruppo familiare. La pratica causa gravi danni alla salute delle adolescenti, […]
Leggi ora
27 Settembre 2022
Il femminismo e la destra
In risposta a Julie Bindel, che considera il muro eretto dalla sinistra transattivista ma anche i rischi di un'alleanza con la destra: in Italia la novità storica -una donna di destra premier, Giorgia Meloni- complica ulteriormente il quadro. Che fare allora? Quello che sta capitando in Spagna sull'orribile Ley Trans forse indica una strada buona per tutte
Julie Bindel e Harvey Jeni prendono il toro per le corna: visto che da troppo tempo con la sinistra non c'è possibilità di dialogo, il femminismo radicale e gender critical può guardare a destra senza correre rischi? Tema che in Italia abbiamo ben presente e che ha agitato tutta la campagna elettorale conclusasi con la vittoria schiacciante di una donna di destra, Giorgia Meloni, che non si è mai dichiarata femminista. Il fatto che oggi la destra in Italia sia […]
Leggi ora
21 Settembre 2022
RU486 o pillola abortiva: miti, fraintendimenti e business
L'aborto chimico viene venduto come più libero e autodeterminato, ma non è la soluzione per tutte: è più lungo e doloroso di quello chirurgico, a volte meno sicuro e serve soprattutto a far risparmiare il sistema sanitario come spiega il saggio di tre femministe americane. Alle donne va garantito il diritto di essere informate e di scegliere consapevolmente tra le due opzioni: ecco una proposta di legge per fare funzionare gli ospedali
Qualche giorno fa abbiamo pubblicato “Quando l’aborto interessa agli uomini”. Nella postilla abbiamo accennato ai diversi metodi di interruzione involontaria di gravidanza, tra cui la pillola abortiva RU 486, anche detta “aborto chimico”. Dell'aborto chimico si parla come di un passo avanti nell'autodeterminazione. Soprattutto le più giovani possono fare confusione tra contraccezione "del giorno dopo" (che va assunta entro 72 ore dal rapporto a rischio) e pillola abortiva, con la quale si può interrompere la gravidanza fino alla 9a settimana. […]
Leggi ora