Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane

La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
Condividi questo articolo

La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui).

Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical.

Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen Stock usa una delle armi più potenti contro ogni autoritarismo: l’ironia.

Dalla sua esperienza Kathleen Stock trae 5 consigli su come parlare con i “transattivisti piantagrane” che potremmo trovare sul nostro cammino. In poche parole: come una mamma alle prese con un bambino che fa i capricci o un teenager ribelle.


Non sarà sfuggito a coloro che osservano con attenzione che qualcosa del transattivismo moderno sembra far sì che certi adulti, per altri versi funzionali in base alla competenza Gillick*, tendano ad avere comportamenti infantili. Dal recente intervento della Commissione per l'Uguaglianza e i Diritti Umani (EHRC) per chiarire la legalità degli spazi monosessuali ai sensi dell'Equality Act, fino all'annuncio del governo di non criminalizzare quella che viene tendenziosamente chiamata "terapia di conversione" per persone con identità di genere "discordanti", sembra che ogni volta che viene posto un ostacolo sul percorso dei transattivisti scoppi una disperazione generale, con dichiarazioni drammatiche e il respiro trattenuto fino alla nausea.

Considerata la natura estrema delle ambizioni degli attivisti - essenzialmente, rifondare la lingua inglese in modo che nessuno possa più riferirsi in maniera specifica a maschi e femmine in qualsiasi contesto - si potrebbe supporre che essi siano un po' più pronti a un'eventuale sfida ardua. Ma non è così - ogni nuova sfida viene percepita come un incomprensibile e devastante attacco che, inevitabilmente, provoca molto melodramma.

Cosa genera una tale regressione infantile negli adepti alla nuova "religione di genere"? In parte la risposta sembra avere a che fare con l'esempio dato da Stonewall. Per anni l'associazione ha agito come un maestro di scuola elementare forsennato che improvvisamente diventa una canaglia, incitando qualsiasi tipo di comportamento scorretto in coloro che si trovano nella sua sfera d'influenza. Tramite l'uso di un elaborato grafico di "gratificazione" - altrimenti noto come UK Workplace Equality Index - ha seminato un fraintendimento generale all'interno di centinaia di istituzioni sull'effettivo stato della legge sull'uguaglianza. Ha spaventato la gente con storie raccapriccianti di omicidi, minacce di suicidio e crimini d'odio come il "misgendering" (usare pronomi di un genere diverso da quello "preferito", NdT). Non c'è da meravigliarsi che i più suscettibili si stiano preoccupando così tanto.

L'ultimo esempio di leadership morale di Stonewall è stato un paio di settimane fa, quando è stato rivelato che l'astensione dell'organizzazione dalla conferenza sui diritti LGBT Safe To Be Me, programmata dal governo, costerà ai contribuenti almeno 650.000 sterline, e probabilmente di più. Essendo stata precedentemente pagata per co-organizzare la conferenza, la dichiarazione di ritiro di Stonewall è stata condita con la solita propaganda: cuori infranti per l'inversione a U del governo sulla terapia di conversione, fiducia in frantumi, e così via. Verrebbe da pensare che il governo ha appena annunciato l'eterosessualità obbligatoria per tutti, e non semplicemente una pausa nella legislazione che minaccia di criminalizzare le terapie della parola per le persone che si interrogano sul proprio genere, inclusi gli adolescenti omosessuali che rischiano di iniziare un percorso medicalizzato di cui potrebbero poi pentirsi.

Molte tra coloro che combattono l'agenda di Stonewall sono madri - o, come direbbe l'ospedale di maternità dove ho partorito due volte, "persone incinte". Come molte mamme sanno, è importante avere qualche strategia pronta quando le cose si fanno difficili. Quindi - con solidarietà per gli adulti assediati ovunque che hanno a che fare con il dramma transattivista nelle loro organizzazioni, nelle case e nei gruppi di amici - ecco cinque regole in stile supernanny, da parte mia.

1 - INCORAGGIATELI A USARE LE PROPRIE PAROLE

Come per i bambini, nel transattivismo ci sono un sacco di urla e schiamazzi e pavoneggiamenti, ma non c'è molto pensiero. La prossima volta che un transattivista vi intona un mantra o uno slogan approvato da Stonewall, incoraggiatelo gentilmente ad usare le sue parole e a spiegare quel che dice. Per esempio, potreste chiedere: se ogni maschio che si sente donna è una trans, e le trans sono donne, cos'è allora una donna? Non fatevi scoraggiare da lamentele furiose secondo le quali sareste dei bigotti per aver posto una domanda simile - questa è solo una diversione per non rispondervi.

Allo stesso modo, si potrebbe chiedere loro: se, come ci dice Stonewall, "essere 'non binario' è esistere al di fuori dei confini e delle aspettative della società", che cosa significa questo per le innumerevoli persone gay che hanno trascorso la loro vita affrontando la discriminazione e talvolta la violenza perché non corrispondenti alle norme eterosessuali? In che modo avere un taglio di capelli particolare può essere paragonato a questo?

O se, come ci dice la nuova campagna di Stonewall a favore degli "asessuali", un "grigio-asessuale" è qualcuno che "può provare attrazione sessuale molto raramente o solo in circostanze specifiche", mentre "le persone 'demisessuali' provano attrazione sessuale solo dopo aver sviluppato un forte legame emotivo con qualcuno", allora in effetti, la maggior parte di noi non è "grigio-asessuale" o "demisessuale"? E più precisamente, come mai tutto questo comporta una campagna politica pagata profumatamente da parte dei contribuenti?

2 - LODARE IL BENE

Quando si educa la progenie, è importante rinforzare positivamente i comportamenti corretti. Questa può essere una strategia efficace, in generale, per le persone di carattere difficile. I transattivisti spesso affermano di voler abbattere gli stereotipi retrogradi su come i maschi e le femmine dovrebbero comportarsi e apparire. Se le cose stanno così, dite loro che si tratta di una cosa davvero eccezionale! Lodateli molto per questo - anche se potreste anche chiedere loro come pensano di abbattere gli stereotipi, visto che sembrano ritenere che giocare con le bambole e indossare abiti femminili possa trasformare un bambino maschio in una femmina.

3 - PORRE DEI LIMITI

Questo sembra essere particolarmente difficile da accettare per i transattivisti, dal momento che tendono a pensare che tutti coloro che pongono dei limiti o dei paletti siano dei fascisti. Iniziate con il dire casualmente cose come "le mele non possono essere arance" e "i tavoli non possono essere sedie". (Nel caso dovessero arrabbiarsi e cominciare a chiamarvi "polizia della frutta" o "polizia dei mobili", ignorateli e procedete con calma.) Alla fine, fatevi strada fino al parlare di maschi e femmine nelle specie non umane sulla terra: "i cervi non sono cerve", "i tori non sono giovenche", e così via.

Una volta che queste informazioni sono ben tollerate, introducete delicatamente l'idea che anche gli umani sono una specie sessualmente dimorfica; e che, come per le altre specie, abbiamo bisogno di nomi reciprocamente esclusivi per i due sessi umani per poter parlare chiaramente di loro. E dopo che questa idea radicale ha messo le radici, magari potreste iniziare a parlare anche di altri tipi di limiti e paletti.

Per esempio, si potrebbe parlare dei confini fisici degli spogliatoi e dei dormitori e dei rifugi delle donne, e di ciò che questi confini dovrebbero effettivamente fare per proteggere le proprie occupanti dalla predazione maschile. Oppure si potrebbe parlare dei confini personali delle donne che dicono di non volere uomini negli spazi pubblici dove si spogliano. In ogni momento durante questo processo, utilizzate esempi. Un "no" fermo e coerente potrebbe esservi utile.

4 - IGNORARE I TENTATIVI DI DERAGLIAMENTO

Ai bambini piace copiare quello che hai appena detto e ripetertelo ("no, TU lo sei!"). A volte lo fanno solo per infastidirvi. Altre volte, è perché vogliono argomentare un ragionamento ma non sanno come, quindi ripetono a pappagallo una versione di quello che avete appena detto nella speranza che funzioni. In modo simile, alcuni transattivisti amano prendere i temi lanciati dalle femministe critiche del genere (gender critical) e rilanciarli, solo leggermente cambiati.

Per esempio, le femministe gender critical spesso esprimono preoccupazioni sulla mancanza di protezione nelle politiche di auto-identificazione (Self-ID), e sugli effetti negativi di tali politiche sulle donne sopravvissute alla violenza sessuale maschile. Per non essere da meno, la settimana scorsa la mia ex-collega e fervente transattivista professoressa Alison Phipps ha scritto su Twitter: "Quando vado in un bagno pubblico sono incredibilmente vigile - scruto ogni donna che incontro e mi chiedo se è una 'femminista critica del genere'. La loro ossessione per quello che c'è nei pantaloni di tutti è spaventosa e come donna cis e sopravvissuta, mi fa sentire molto insicura". Ora, o questo mostra un livello di paranoia alla pari con le preoccupazioni di Q-Anon per i "rettiliani" alla Casa Bianca, o è un tentativo non sottile di provocare le femministe gender critical.

Oppure prendete la "professoressa" Grace Lavery dell'Università di Berkeley, attualmente nel Regno Unito per promuovere su Woman's Hour un nuovo libro sul suo pene, e sul quale ha tenuto alla University College di Londra una conferenza intitolata "Il movimento critico del genere è la più grande minaccia alla libertà accademica nell'ultima generazione". Mi è stato detto che nel discorso, il mio nome è venuto fuori - sapete, quella ex- professoressa che è stata molestata per aver detto che il sesso biologico conta - come qualcuno che si suppone sia personalmente responsabile delle recenti gravi perdite di libertà di pensiero nelle accademie.

Come per la versione più infantile, gli insensati rovesciamenti ("no TU lo sei") tipo quelli di Phipps e Lavery rischiano di trascinarti in inutili botta e risposta, il che presumibilmente, è la loro vera intenzione. Cercate di non farvi coinvolgere. Fate quello che le mamme fanno da tempo immemorabile e versatevi un bel gin. Bevete un sorso e leggete questo pezzo meravigliosamente caldo, perspicace e spiritoso degli studiosi inglesi Christopher Castiglia e Christopher Reed, scritto in risposta al tentativo di Grace Lavery - sapete, quella "professoressa" che è molto propensa a proteggere la libertà accademica - di cancellarli nel 2018 per aver presumibilmente permesso il "fascismo transfobico" nei loro scritti. (Il loro presunto crimine, secondo Lavery, era quello di difendere l'uso in alcuni casi dei nomi di nascita e dei pronomi sessuali reali. E il tentativo di cancellazione alla fine ha avuto successo.

In particolare, mentre leggete il pezzo di Castiglia e Reed, soffermatevi su queste parole premonitrici: "Ciò che troppo spesso affrontiamo oggi nelle accademie universitarie è qualcosa che assomiglia sempre di meno all'attivismo o all'erudizione e molto di più ad un acting-out adolescenziale. Ora che gli scienziati hanno deciso che l'adolescenza - un'identità inventata di recente e strettamente legata al capitalismo avanzato - persiste nella terza decade della vita umana, forse non dovremmo essere sorpresi di vedere i comportamenti associati agli adolescenti proliferare, essere tollerati e, talvolta, persino incoraggiati all'interno delle istituzioni educative. Per essere specifici, si definisce "adolescenziale" la risposta furibonda di fronte alla scoperta che gli altri non ti percepiscono esattamente come vorresti immaginare te stesso".

5 - FATELI USCIRE ALL'ARIA APERTA

Quest'ultima regola è abbastanza semplice. Portate il vostro transattivista piantagrane lontano dallo schermo o dal telefono e all'aria aperta. Inibite il flusso di dichiarazioni folli che arrivano nelle menti innocenti da parte delle organizzazioni LGBT e gli account con spunta blu su Twitter. Incoraggiateli invece a correre in giro, a togliersi le scarpe, a sguazzare, a sporcarsi di fango e di sudore, e in generale a riconnettersi con il loro corpo fisico e con il mondo naturale.

E se c'è un membro del sesso opposto, perché non incoraggiarli a fare a braccio di ferro o a fare una gara di lancio? Entrambi potrebbero imparare qualcosa di interessante. Forse questo insegnamento potrebbe anche alimentare le successive conversazioni sulla presenza delle "donne trans" (biologicamente uomini) nello sport femminile.

* La competenza Gillick è un termine usato nel diritto medico inglese per decidere se un minore sotto i 16 anni è capace di acconsentire al proprio trattamento medico, senza il bisogno del permesso o della conoscenza dei genitori.

Traduzione di Angela Tacchini

Articolo originale qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
26 Maggio 2022
Femminista norvegese rischia 3 anni di carcere per avere detto che un uomo non può essere madre
Christine Ellington, referente per la Norvegia di WDI, indagata dalla polizia per crimine d'odio nei confronti di tale Jentoft che si dice "lesbica". E che ha denunciato, con il sostegno di Amnesty International. Oggi dirsi donna è possibile per tutti. Tranne che per le donne
Mentre Netflix è sotto attacco transattivista per avere trasmesso lo stand-up dell’attore Ricky Gervais, che ha osato ironizzare sulle “donne con il pene”, in Norvegia si scherza molto meno. Christina Ellington, rappresentante di WDI (Women’s Declaration International) è indagata dalla polizia e rischia 3 anni di galera per avere twittato che i maschi non possono essere lesbiche e per avere detto in tv a  tale Jentoft, maschio che si identifica come una donna lesbica: "Tu sei un uomo. Non puoi essere […]
Leggi ora
24 Maggio 2022
Il Congresso USA promuove una Carta dei Diritti delle Donne ispirata dai testi del femminismo
Potersi dire donne, non essere ridotte a "mestruatori" o "buchi davanti", avere i propri spazi riservati: i repubblicani americani assumono la resistenza del femminismo contro il progressismo woke e propongono una legge di portata storica. Le associazioni delle donne, da WoLF a WDI, approvano. Ma a dividere resta la questione dell'aborto, con la sentenza della Corte suprema in dirittura d'arrivo
Mentre ACLU (American Civil Liberties Union), la più grande associazione americana per i diritti civili, sta conducendo una campagna per sostenere che escludere dalle carceri femminili maschi incriminati per reati sessuali è un fatto discriminatorio e incostituzionale, il 19 maggio scorso un gruppo di rappresentanti repubblicani al Congresso USA, americani, prima firmataria Debbie Lesko, ha presentato una risoluzione per introdurre una Carta dei Diritti delle Donne, allo scopo di definire legalmente cosa sia una "donna", riconoscere che le donne e […]
Leggi ora
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
13 Maggio 2022
Destra, sinistra, umano, transumano
Il tema dei "diritti" -dall'identità di genere all'utero in affitto- non è complementare o a latere, ma delinea l'orizzonte verso il quale ci si muove. Ma la prospettiva post-umana perseguita dai progressisti non è unica e ineluttabile. L'alternativa esiste: una civiltà a radice femminile
Ripresentando il ddl Zan, al Senato con scarsissime possibilità che passi -quando invece altre soluzioni, tipo il ddl Scalfarotto, avrebbero assicurato una legge contro l'omobitransfobia- il segretario PD Letta ha più volte sottolineato che il tema dei diritti è decisivo per il suo partito. Tema dei diritti che tuttavia è sempre posto come complementare, a latere di questioni ritenute ben più rilevanti: la guerra, certo, i temi economici ma anche semplicemente la legge elettorale. In verità il più della partita […]
Leggi ora
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora