Parafilie, l'erotizzazione della morte

La normalizzazione delle perversioni sessuali e dell'identità di genere, vendute come difesa dei diritti umani, in realtà ci porta lontane-i dalla nostra umanità, dalle relazioni, dalla connessione con gli altri. E' una distopia tecnologica che fa morire la nostra specie. Dobbiamo lottare per scegliere la vita
Condividi questo articolo

di Jennifer Bilek

L'equiparazione delle parafilie con una sana sessualità è molto pericolosa, ed è una equiparazione che avviene sotto l'ombrello dell'"identità di genere". Si spaccia per un movimento per i diritti umani, ma in realtà è disumanizzazione. Questo non è un caso.

L'"identità di genere", promossa da élite coinvolte nella normalizzazione del transessualismo e del transumanesimo, fa parte di un complesso tecno-medico che si serve della rete per promuovere la propria ideologia.

I principali fattori che normalizzano le parafilie sono internet, la biofobia e, per estensione, l'odio verso le donne. Internet, il cuore pulsante della tecno-distopia nella quale stiamo sprofondando, sta cambiando la nostra cultura, i nostri pensieri, il nostro mondo e anche il significato dell'essere umani, e molto più velocemente di quanto si possa immaginare. Questo apparato è legato alle industrie che si sono sviluppate attorno all'oggettificazione sessuale delle donne a scopo di lucro: pornografia, prostituzione, maternità surrogata, ed ora "identità di genere". Queste industrie ci stanno pilotando molto più rapidamente del tempo che ci servirebbe per opporci e resistere.

Internet non è uno strumento elaborato per permetterci di ritrovarci tutti in un unico coffee shop mondiale a conversare. Internet veniva utilizzato dai militari come strumento di spionaggio e ora è un veicolo per portare la propaganda dello stato nelle nostre case, nelle nostre aziende e nelle nostre coscienze. È usato per controllarci.

Più ci allontaniamo da ciò che siamo - organicamente, come parti di un sistema vivente - più ci trinceriamo nella tecnologia, più rinunciamo alla nostra vita. Questo è un processo che consiste, ad esempio, nell'abbracciare la necrofilia, la prima e ultima parafilia, quella che eroticizza la morte anziché la vita, e di cui tutte le altre parafilie sono propaggini. Sempre più spesso optiamo per una oggettificazione sessuale in luogo del desiderio di relazioni e legami, scegliamo macchinari morti al posto di entità viventi, intelligenze artificiali al posto di una coscienza vivente e robot sessuali al posto di donne in carne ed ossa. Celebriamo la nostra progressiva dissociazione. Siamo diventati compulsivamente dipendenti da ciò che non è umano, da ciò che non ci restituisce nulla.

Sessualità è un termine che indica l'attrazione sessuale e l'orientamento sessuale verso un'altra persona, sia dello stesso sesso sia del sesso opposto o di entrambi i sessi. Si basa sulla connessione, l'attrazione, il desiderio, la reciprocità e la carnalità.

Le parafilie sono qualcosa di completamente diverso: sono spesso definite perversioni o disturbi psicosessuali, in cui la gratificazione sessuale è ottenuta attraverso pratiche o fantasie che coinvolgono una fonte di eccitazione sessuale bizzarra, deviante o molto insolita (come un animale o un oggetto) e che può impedire o compromettere la capacità di ricevere amore o affetto reciproco.

Ciò che rende le parafilie anomale e devianti non è la resistenza o la cautela da parte della maggioranza della società, bensì le loro qualità ossessive, dissocianti, compulsive e oggettivanti che riguardano l'eccitazione erotica di una persona. Questi elementi caratteristici delle parafilie sono proprio ciò che impedisce l'intimità e la connessione con il prossimo. Le compulsioni sessuali, così come le dipendenze, conducono le persone con parafilie alla disperazione, una disperazione che infliggono agli altri, in quanto quest'ultimi non riusciranno mai a soddisfare il desiderio di connessione di cui le parafilie e le dipendenze hanno bisogno ma che contemporaneamente respingono.

Più ci allontaniamo dall'attrazione sessuale fondata sulla connessione con gli altri, fondata sull'incarnazione, più insistiamo sul fatto che le parafilie dovrebbero essere socialmente normalizzate, come infatti avviene nell'attuale "identità di genere" - o movimento anti-realtà - che costituisce una manifestazione sessualmente dissociativa e oggettivante.

Il sesso e l'attrazione sessuale vengono decostruiti per il profitto, l'eugenetica e l'ingegneria sociale, tutti mezzi creati per allontanare la nostra evoluzione dalla vita e integrarci alle macchine. Queste pratiche sono alimentate da tecnologie che si sviluppano molto più velocemente della nostra capacità di gestirle e che sono controllate da élite che, nutrite da ciò che il capitale può offrire e spinte dalla dipendenza, prosperano sulla capacità di controllare le persone per soddisfare la loro disperazione.

La vita è connessione. Il sesso è connessione. Le parafilie sono dipendenza, ossessività, ruminazione, controllo, oggettivazione. Distruggono le connessioni. Sono contro la vita.

Mentre il lucro sulla pelle delle donne e gli sviluppi tecnologici avanzano, intensificati da un mercato totalitario che si nutre della sofferenza umana, della tortura degli animali e della devastazione del nostro pianeta, noi perdiamo il controllo come dei tossicodipendenti, dirigendoci verso una notte molto lunga e buia. Siamo posseduti e non riusciamo a vedere la foresta attraverso gli alberi, e dove tutta questa dissociazione ci sta portando.

L'"identità di genere", la decostruzione del sesso, la violazione del confine tra maschio e femmina con interventi chirurgici e prodotti chimici; considerare tutto questo come trattamento per le persone con disforia legata al sesso o come espressione di sè significa investire nel completo indebolimento della realtà. Investire, cioè, nella spirale di morte in cui ci troviamo come specie. È l'espressione massima della necrofilia, l'erotizzazione della morte. È la religione di coloro che ci stanno portando nella distopia tecnologica alla quale assistiamo.

Dobbiamo guardare più in profondità a ciò che sta accadendo. Dobbiamo lottare per scegliere la vita. Dobbiamo considerare le parafilie per che sono, dipendenze nate dalla disconnessione, se vogliamo uscire da questa spirale di morte.

Articolo originale qui
Traduzione di Angela Tacchini


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
21 Novembre 2022
I "clienti" di prostituzione sanno benissimo di commettere una violenza
Una ricerca sui compratori di sesso dimostra che gli uomini sono perfettamente consapevoli del fatto che la prostituzione è violenza, che le organizzazioni criminali tengono le donne nel terrore e che non c'è "regolamentazione" che tenga. Ma si fermano solo se rischiano una condanna penale, come accade in Svezia, Norvegia, Canada, Francia, Irlanda, Israele e in altri paesi che hanno introdotto il modello abolizionista. Diversamente continuano a considerare lo stupro a pagamento come un loro diritto
di Julie Bindel La Germania è conosciuta come il bordello d’Europa. È un titolo conquistato faticosamente. Con più di 3.000 bordelli in tutto il Paese, e 500 solo a Berlino, il suo commercio sessuale vale più di 11 miliardi di sterline all’anno. La prostituzione, in tutte le sue forme, è legale in Germania, sin dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Recentemente, però, l’atteggiamento sta cambiando. La gente e i politici chiedono al governo di prendere atto del cosiddetto “stato pappone” e […]
Leggi ora
11 Novembre 2022
Iranian Beauty
In Iran la bellezza femminile diventa la leva di una vera rivoluzione: niente di simile alla mortificazione-mercificazione dei corpi che in Occidente viene propagandata come libertà. La lotta per poter essere donne rivela l'ipocrisia del queer
Sono ormai quasi due mesi che è iniziata la rivolta delle ragazze iraniane contro il velo, un'onda incontenibile che ogni giorno produce di nuove immagini, nuovi contenuti, una ventata di aria fresca rispetto a certe narrazioni sulle donne nel mondo islamico, ma anche uno specchio che rivela quanto di artefatto ci sia dietro tante parole d’ordine politicamente corrette del femminismo intersezionale o transfemminismo. Primo: il velo non è una libera scelta né tantomeno quell'empowerment femminista su cui ci bombarda da […]
Leggi ora
29 Ottobre 2022
Il nome della premier
Giorgia Meloni non è femminista. La sua storia non è questa. Non ha condiviso le lunghe battaglie sulla lingua, sulla declinazione al femminile anziché al neutro-maschile. Ma il linguaggio oggi è un campo di battaglia che struttura le più importanti questioni politiche. E merita da parte sua un supplemento di riflessione
Giorgia Meloni non è femminista. Non è questa la sua storia. Nessuna donna di destra o centrodestra che abbia assunto importanti incarichi politici, da Thatcher a Merkel, si è mai detta femminista. Ne consegue la non-sensibilità alla declinazione femminile del proprio incarico, a cui il femminismo invece dà importanza. Anche se Angela Merkel alla fine del suo lungo cancellierato, nel corso di un incontro con la scrittrice Chimamanda Ngozi Adichie, ha accettato di dirsi femminista. Secondo Alice Schwarzer, fondatrice della […]
Leggi ora
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora
6 Ottobre 2022
"Distruggi i diritti delle donne": JK Rowling contro la premier scozzese e la sua legge trans
Come in Spagna anche in Scozia il femminismo combatte contro una legge voluta dalla prima ministra Nicola Sturgeon che introduce l'autodeterminazione di genere senza alcuna diagnosi medica e abbassando a 16 anni l'età per l'accesso. E anche stavolta l'autrice di Harry Potter è al fianco delle donne, delle bambine e dei bambini
JK Rowling si fotografa con una maglietta che dice: "Nicola Sturgeon, distruttrice dei diritti delle donne" per sostenere le donne che protestano davanti al parlamento scozzese contro la controversa legge di riforma del riconoscimento di genere voluta dalla Prima Ministra scozzese. Le attiviste di For Women Scotland (Scozia per le donne) si sono riunite questa mattina davanti al Parlamento scozzese per una manifestazione contro il disegno di legge promosso da Sturgeon, che renderebbe più facile l’autodeterminazione di genere –lo abbiamo […]
Leggi ora
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora