Parafilie, l'erotizzazione della morte

La normalizzazione delle perversioni sessuali e dell'identità di genere, vendute come difesa dei diritti umani, in realtà ci porta lontane-i dalla nostra umanità, dalle relazioni, dalla connessione con gli altri. E' una distopia tecnologica che fa morire la nostra specie. Dobbiamo lottare per scegliere la vita
Condividi questo articolo

di Jennifer Bilek

L'equiparazione delle parafilie con una sana sessualità è molto pericolosa, ed è una equiparazione che avviene sotto l'ombrello dell'"identità di genere". Si spaccia per un movimento per i diritti umani, ma in realtà è disumanizzazione. Questo non è un caso.

L'"identità di genere", promossa da élite coinvolte nella normalizzazione del transessualismo e del transumanesimo, fa parte di un complesso tecno-medico che si serve della rete per promuovere la propria ideologia.

I principali fattori che normalizzano le parafilie sono internet, la biofobia e, per estensione, l'odio verso le donne. Internet, il cuore pulsante della tecno-distopia nella quale stiamo sprofondando, sta cambiando la nostra cultura, i nostri pensieri, il nostro mondo e anche il significato dell'essere umani, e molto più velocemente di quanto si possa immaginare. Questo apparato è legato alle industrie che si sono sviluppate attorno all'oggettificazione sessuale delle donne a scopo di lucro: pornografia, prostituzione, maternità surrogata, ed ora "identità di genere". Queste industrie ci stanno pilotando molto più rapidamente del tempo che ci servirebbe per opporci e resistere.

Internet non è uno strumento elaborato per permetterci di ritrovarci tutti in un unico coffee shop mondiale a conversare. Internet veniva utilizzato dai militari come strumento di spionaggio e ora è un veicolo per portare la propaganda dello stato nelle nostre case, nelle nostre aziende e nelle nostre coscienze. È usato per controllarci.

Più ci allontaniamo da ciò che siamo - organicamente, come parti di un sistema vivente - più ci trinceriamo nella tecnologia, più rinunciamo alla nostra vita. Questo è un processo che consiste, ad esempio, nell'abbracciare la necrofilia, la prima e ultima parafilia, quella che eroticizza la morte anziché la vita, e di cui tutte le altre parafilie sono propaggini. Sempre più spesso optiamo per una oggettificazione sessuale in luogo del desiderio di relazioni e legami, scegliamo macchinari morti al posto di entità viventi, intelligenze artificiali al posto di una coscienza vivente e robot sessuali al posto di donne in carne ed ossa. Celebriamo la nostra progressiva dissociazione. Siamo diventati compulsivamente dipendenti da ciò che non è umano, da ciò che non ci restituisce nulla.

Sessualità è un termine che indica l'attrazione sessuale e l'orientamento sessuale verso un'altra persona, sia dello stesso sesso sia del sesso opposto o di entrambi i sessi. Si basa sulla connessione, l'attrazione, il desiderio, la reciprocità e la carnalità.

Le parafilie sono qualcosa di completamente diverso: sono spesso definite perversioni o disturbi psicosessuali, in cui la gratificazione sessuale è ottenuta attraverso pratiche o fantasie che coinvolgono una fonte di eccitazione sessuale bizzarra, deviante o molto insolita (come un animale o un oggetto) e che può impedire o compromettere la capacità di ricevere amore o affetto reciproco.

Ciò che rende le parafilie anomale e devianti non è la resistenza o la cautela da parte della maggioranza della società, bensì le loro qualità ossessive, dissocianti, compulsive e oggettivanti che riguardano l'eccitazione erotica di una persona. Questi elementi caratteristici delle parafilie sono proprio ciò che impedisce l'intimità e la connessione con il prossimo. Le compulsioni sessuali, così come le dipendenze, conducono le persone con parafilie alla disperazione, una disperazione che infliggono agli altri, in quanto quest'ultimi non riusciranno mai a soddisfare il desiderio di connessione di cui le parafilie e le dipendenze hanno bisogno ma che contemporaneamente respingono.

Più ci allontaniamo dall'attrazione sessuale fondata sulla connessione con gli altri, fondata sull'incarnazione, più insistiamo sul fatto che le parafilie dovrebbero essere socialmente normalizzate, come infatti avviene nell'attuale "identità di genere" - o movimento anti-realtà - che costituisce una manifestazione sessualmente dissociativa e oggettivante.

Il sesso e l'attrazione sessuale vengono decostruiti per il profitto, l'eugenetica e l'ingegneria sociale, tutti mezzi creati per allontanare la nostra evoluzione dalla vita e integrarci alle macchine. Queste pratiche sono alimentate da tecnologie che si sviluppano molto più velocemente della nostra capacità di gestirle e che sono controllate da élite che, nutrite da ciò che il capitale può offrire e spinte dalla dipendenza, prosperano sulla capacità di controllare le persone per soddisfare la loro disperazione.

La vita è connessione. Il sesso è connessione. Le parafilie sono dipendenza, ossessività, ruminazione, controllo, oggettivazione. Distruggono le connessioni. Sono contro la vita.

Mentre il lucro sulla pelle delle donne e gli sviluppi tecnologici avanzano, intensificati da un mercato totalitario che si nutre della sofferenza umana, della tortura degli animali e della devastazione del nostro pianeta, noi perdiamo il controllo come dei tossicodipendenti, dirigendoci verso una notte molto lunga e buia. Siamo posseduti e non riusciamo a vedere la foresta attraverso gli alberi, e dove tutta questa dissociazione ci sta portando.

L'"identità di genere", la decostruzione del sesso, la violazione del confine tra maschio e femmina con interventi chirurgici e prodotti chimici; considerare tutto questo come trattamento per le persone con disforia legata al sesso o come espressione di sè significa investire nel completo indebolimento della realtà. Investire, cioè, nella spirale di morte in cui ci troviamo come specie. È l'espressione massima della necrofilia, l'erotizzazione della morte. È la religione di coloro che ci stanno portando nella distopia tecnologica alla quale assistiamo.

Dobbiamo guardare più in profondità a ciò che sta accadendo. Dobbiamo lottare per scegliere la vita. Dobbiamo considerare le parafilie per che sono, dipendenze nate dalla disconnessione, se vogliamo uscire da questa spirale di morte.

Articolo originale qui
Traduzione di Angela Tacchini


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
23 Giugno 2022
Questione trans: cambio di vento tra i progressisti
Il "la" lo danno i democratici americani, ma anche nel resto d'Occidente la trans-filia dei progressisti comincia a dare segni di cedimento. Opportunismo elettoralistico, certo. Ma il cambiamento va registrato. Tenendo gli occhi bene aperti
Michele Serra è un amico e apprezzo molto che si sia assunto la responsabilità di rompere il silenzio da sinistra -finalmente-sull'insopportabile ingiustizia dei corpi maschili negli sport femminili (L'Amaca su La Repubblica ieri, 22 giugno), ingiustizia contro la quale lottiamo da molto tempo (qui troverete un'infinità di testi su questo tema). Un appunto, se possibile: avrei evitato di usare la definizione woke cisgender, imposta dal transattivismo, e nella quale la stragrande maggioranza delle donne del mondo, atlete e non atlete, […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ma le donne esistono ancora
Il titolo non ci piace troppo, in particolare quel laconico "ancora", ma grazie a La Repubblica per avere ospitato il nostro intervento nel dibattito che si è aperto a partire dal testo di Michela Marzano intitolato "Se non è il sesso a fare la donna". Lo ripubblichiamo qui perché non lo trovate sull'online
Pubblicato su La Repubblica il nostro testo nel dibattito aperto da Michela Marzano con il suo intervento sulle "donne con il pene" e altre meraviglie. Manteniamo il titolo originale che è stato dato al nostro intervento per non fare confusione, anche se non ci piace granché. Ecco il testo integrale a seguire. Che cos’è una donna? È quella che ci ha messi al mondo, tutte e tutti. Su questo non può esserci alcun dubbio. Il che non significa affatto che […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ciao ciao "Lia": stop mondiale ai nuotatori trans nelle gare femminili
Nonostante lo scandaloso e opportunistico silenzio dei media sportivi, La Federazione Mondiale del Nuoto chiude ai corpi maschili nelle gare femminili (qualcosa del genere è stato deciso anche per il ciclismo). Presto, si spera, arriveranno tutte le altre categorie. I casi "Lia" Thomas, trans ruba-trofei, non si ripeteranno più. Onore alle atlete che hanno combattuto contro questa colossale ingiustizia. E a tutte noi che resistiamo da anni alla violenza misogina della gender ideology
Lottare serve: un pezzo dopo l'altro il muro della trans-ideologia sta crollando. E mentre i democratici americani -parola di Hillary Clinton- prendono clamorosamente le distanze dal transattivismo perché si rendono conto che su questi temi rischiano di giocarsi la presidenza degli Stati Uniti, la Fina (Fédération Internationale de Natation), organo di governo mondiale del nuoto, ha votato a favore di nuove regole secondo le quali gli atleti transgender non potranno gareggiare nelle competizioni d'élite femminili se hanno attraversato una qualsiasi parte del […]
Leggi ora
19 Giugno 2022
Hillary Clinton: se continuiamo a parlare di trans perderemo le elezioni
Intervistata dal Financial Times ammette che ci sono ben altre priorità e che se si continuerà su questa strada i democratici perderanno la presidenza, a cominciare dal midterm di novembre. Un clamoroso giro di boa nella speranza di salvare il salvabile. I partiti democratici occidentali -a cominciare dal PD- seguiranno il cambio di rotta gender critical?
Per la prima volta dopo anni i democratici americani rompono il tabù: lo fanno nientemeno con la voce autorevole dell'ex Segretaria di Stato nonché candidata alla presidenza Hillary Clinton, secondo la quale continuare a parlare di trans farà rischiare la sconfitta ai progressisti. L'intervista è pubblicata sul Financial Times. Domanda Edward Luce: "I democratici sembrano fare di tutto per perdere le elezioni tenendo alte le cause degli attivisti -in particolare il dibattito sui transgender- che sono rilevanti solo per una […]
Leggi ora
19 Giugno 2022
Corsi-pubblicità per la transizione nelle scuole medie del New Jersey
Mentre grandi testate come The New York Times e The Times pubblicano articoli sempre più preoccupati sulla transizione dei minori -e in Italia assordante silenzio stampa- nelle scuole dello stato americano si proietta "Ten Years of Testosterone" di Aydian Dowling, influencer FtM che fa propaganda alla vendita online di ormoni, fasce schiaccia-seno e peni di gomma. I trans-spot prendono esplicitamente il posto dell'educazione sessuale
Quasi contemporaneamente al New York Times, anche The Times dedica due lunghi articoli allo scandalo della transizione dei minori (potevano anche svegliarsi prima che migliaia di ragazzine e ragazzini venissero rovinati con farmaci e ormoni, e invece hanno taciuto fino all'ultimo). Titoli Che cosa si è sbagliato alla Tavistock Clinic per teenager trans? e La mia pubertà è stata chimicamente ritardata: sono stato la loro cavia. Attendiamo che si sveglino anche i media italiani, dal Corriere della Sera a La […]
Leggi ora
17 Giugno 2022
Dalla Donna Clitoridea alla Donna Anale
Se ti sottrai a quel tipo di sesso allora sei vecchia, repressa e perfino escludente. Perché come insegna il transfemminismo le donne sono solo una minoranza del mondo Lgbtq e devono adeguarsi a pratiche sessuali "paritarie", rinunciando al "privilegio" delle proprie modalità di piacere. E cancellando la verità del proprio corpo e del proprio desiderio. Dunque, cancellando se stesse
Gli uomini italiani sono sempre stati così fissati con il sesso anale? Per la generazione dai 40 in giù il sesso anale, onnipresente nella pornografia, oggi viene imposto alle donne sempre di più anche nella vita reale. Nonostante il gran parlare di sesso e sessualità, il corpo e la sessualità femminile sono più tabù che mai. Le ragazze non si confrontano tra di loro, ognuna è isolata ed è spinta a credere di doversi “sforzare”, perché lo fanno tutte. Anche […]
Leggi ora