Noi donne, le "Privilegiate"

Il transattivismo definisce l'essere nate donne un "privilegio" che deve aprirsi anche a chi non ha avuto questa indicibile fortuna. E' la vecchia storia invidiosa di sempre, o patriarcato. Ma parlare di privilegio è un passo avanti in chiarezza. Se il mondo ha sempre più bisogno delle donne, allora le vere donne saranno "loro"
Condividi questo articolo

C’è qualcosa di buono, qui.

In questi anni stiamo resistendo all’invasione dell’essere-donna da parte degli uomini. In realtà è solo l'ultima figura della vecchia storia invidiosa di sempre, o patriarcato.

Da sempre gli uomini hanno voluto appropriarsi dell’essere-donna e della sua potenza creatrice, sfruttando in ogni modo i corpi femminili e occupando il centro del mondo. La cosa buona è che oggi il linguaggio rivela questo movimento in tutta la sua chiarezza. Oggi un numero significativo di uomini chiede di poter accedere all'essere donna. L’essere nate in un corpo di donna è dichiarato esplicitamente come “privilegio”: si tratta di un bel salto di chiarezza. E’ un tabù che si rompe.

Hanno sempre cercato di convincerci che essere nate in un corpo di donna era una disgrazia, e che l’avremmo pagata cara. Che a causa del nostro corpo sessuato femminile le nostre esistenze sarebbero state meno libere e soggette al dominio. Troppe, per fortuna non tutte, si lasciano ancora convincere da questa lettura.

Ma oggi il transattivismo parla con chiarezza del “privilegio” dell’essere nate in un corpo femminile. Per la precisione dice che se nasci in un corpo di donna godi di un “privilegio” che le non-donne -gli uomini- possono provare a conquistare solo con una dura lotta, assumendo ormoni, sottoponendosi a manipolazioni chirurgiche che tuttavia non raggiungeranno mai l’obiettivo.

E’ tutto così chiaro, finalmente!

Judith Butler insiste sul fatto che la “categoria” donne deve aprirsi ed essere inclusiva per soggettività che non siano esclusivamente le donne nate donne. Non sembra invece esserci la stessa urgenza per quello che riguarda la “categoria” uomini.

Come si spiega questo crescente desiderio umano di essere parte della “categoria” donne, o di potere entrare a farne parte qualora non si goda di questo “privilegio” fin dalla nascita? 

Gli uomini -tutti gli uomini- hanno ben presente la grandezza femminile. Sanno di avere usurpato il posto al centro del mondo, e che quel posto non toccava a loro. E sanno che la cosa è ormai arrivata alle corde.

Ogni uomo lo sa, e nella propria vita privata cerca sempre una donna a cui affidarsi, confida nella capacità femminile di governo delle cose, mentre nello spazio pubblico non intende rinunciare all’esclusiva monosessuata. Sono soprattutto gli uomini -perfino più delle donne, che vengono indotte a dimenticarlo- i detentori del segreto della grandezza femminile, consapevoli dell’ingiustizia dell’esclusione.

Gli uomini non dimenticano la potenza della donna che li ha messi al mondo e non essendo donne a loro volta cercano per la loro vita una donna da poter addomesticare e controllare, a cui si affidano come figli senza tuttavia sentirsene minacciati. Più di tutti hanno memoria della verità del mondo che pretendeva per le donne il centro dell’umano, e della violazione da parte loro di questa naturale disposizione delle cose.

Ma ora questa pretesa del mondo viene riaffermata dalla minaccia dell’estinzione umana: crisi ambientale e climatica e pandemia -qualunque sia stata la sua origine- raccontano che il prometeismo maschile è a fine corsa -in alternativa, a fine corsa siamo noi-. E indicano come strada per la salvezza della specie una civiltà a radice femminile.

Un numero significativo di uomini preme per essere parte di questa necessaria souveraineté femminile, pretende di essere incluso nelle schiera delle « privilegiate». I mezzi principali per farne parte, affermati con violenza, sono la riproduzione artificiale dell’umano -tutte le tecniche-, il trapianto di utero su cui si lavora accanitamente, le gravidanze e l’allattamento maschili, la cancellazione e sostituzione della madre con utero in affitto, le « terapie » farmacologiche e chirurgiche del corpo, la manipolazione genetica, la feticizzazione del corpo femminile e delle sue funzioni.

Sono alcuni dei mezzi che configurano la cosiddetta transizione transumana. Ma il transumanesimo si configura "omeopaticamente" come un super-prometeismo che dovrebbe riparare i danni prodotti dal prometeismo.

Il transumanesimo costituisce l’estremo tentativo di resistenza del patriarcato storico. Ammette la necessità non rinviabile di una souveraineté femminile, ma pretende che gli uomini, restino sovrani anche in questa souveraineté, sostituendosi nuovamente alle donne in quanto donne più vere delle semplici "native". Primedonne, insomma.

La risposta a questo passaggio storico non può che essere una civiltà a radice femminile, civiltà in qualche modo a-storica perché, se una natura esiste, questo era il modo in cui la natura aveva disposto le cose per la specie umana. Disposizione che possiamo ancora osservare nelle rarissime enclave matrilineari dove gli uomini trovano un loro pacifico posto nel mondo.

Qualcuna potrebbe obiettare che se è alla « categoria » donne che si chiede di aprirsi per essere massimamente inclusiva, se è alle donne « native » che si chiede di rinunciare all’esclusiva del nome « donna » per accontentarsi di essere definite « corpi con vagina » (The Lancet), nella realtà osserviamo un’enorme crescita delle transizioni FtM (ormai 8 casi su 10) rarissime fino a una ventina d’anni fa o anche meno. Ragazze che rinunciano al « privilegio » di essere nate donne per identificarsi come uomini. Fenomeno che però non può essere iscritto nella prospettiva transumana.

La stragrande maggioranza delle transizioni FtM non è che la manifestazione più radicale ed estrema della « vecchia » emancipazione (vedere qui). Si tratta di giovani donne ancora soggette all’inganno patriarcale che ingiunge di interpretare il proprio essere nate in un corpo femminile come una disgrazia a cui porre in qualche modo rimedio. Che non hanno ancora incontrato la consapevolezza dell' "indicibile fortuna di nascere donna" (Luisa Muraro). Fortuna a cui, appunto, oggi viene dato il nome di "privilegio". Il fenomeno delle ragazze FtM ricorre in modo imitativo a parte dell’armamentario simbolico transumano, ma non vi partecipa se non utilizzandone il linguaggio, un appiattimento paritario che occulta la realtà della differenza sessuale.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
7 Gennaio 2024
New Hampshire: mai più chirurgia sui minori per il "cambio di sesso"
Lo stato americano ha approvato un disegno di legge che vieta ai chirurghi di effettuare sugli under 18 anni operazioni come la rimozione delle ovaie e del seno per le femmine e del pene e testicoli per i maschi. Il ddl afferma che questi interventi violano il "consenso informato" del paziente e sottolinea che gli studi non hanno dimostrato una diminuzione del rischio suicidio dei minori dopo gli interventi. Anzi: il pericolo aumenta
Il New Hampshire si appresta a vietare ai minori di 18 anni di sottoporsi ad interventi per il cambio di sesso. Giovedì scorso la Camera del New Hampshire ha approvato, anche con l’aiuto di alcuni deputati democratici, un disegno di legge in tal senso. L’House Bill 619 proibisce ai medici di eseguire “qualsiasi intervento chirurgico di riassegnazione del genere genitale”, cioè l’asportazione di utero, ovaie e seno nel caso delle donne; di testicoli e pene per l’uomo, a chiunque nel […]
Leggi ora
31 Dicembre 2023
La pubertà forse andrebbe bloccata a TUTTI: deriva transumana dell'Organizzazione Mondiale della Sanità
Con un vero e proprio blitz natalizio l’OMS annuncia di voler elaborare nuove linee guida gender-affermative e mette in piedi un panel formato per tre quarti da transattivisti favorevoli alla medicalizzazione dei bambini. Preferibilmente tutti, anche quelli che non soffrono di disforia. Perché scegliere di che sesso sei deve diventare un diritto universale. Una petizione internazionale chiede di fermare l’iniziativa
Pochi giorni prima di Natale l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che svilupperà nuove linee guida sulla “salute delle persone trans e di genere diverso”, con particolare attenzione all’accesso agli ormoni e agli interventi chirurgici (quelle che definisce “cure inclusive di genere”). ”) e al riconoscimento giuridico dell’autoidentificazione di genere (self id). L’OMS ha inoltre annunciato di aver formato un gruppo per sviluppare le linee guida. Di questo gruppo di esperti fanno parte molti apparatchik della World Professional Association of Transgender Health (WPATH), tra cui […]
Leggi ora
23 Dicembre 2023
Anche la Germania valuta uno stop agli ormoni per bambine/i con "disforia di genere"
Mentre ci si accinge ad approvare una delle leggi più permissive in materia di transizione dei minori un documento del Bundestag frena e invita alla cautela. Perché non ci sono prove scientifiche sufficienti sul fatto che la terapia affermativa farmacologica aumenti il benessere delle/gli adolescenti e che i suoi effetti siano reversibili. Serve un serio e approfondito dibattito finora impedito dall'attivismo transaggressivo e dalla pressione delle lobby Lgbtq+ sulla politica e sui media
Dopo anni di resistenza e di battaglia del femminismo radicale in tutto il mondo -oltre che di genitori auto-organizzati per resistere alla transpropaganda, come l'associazione GenerAzione D- la questione dei minori avviati alla transizione con bloccanti della pubertà, ormoni cross-sex e chirurgia è arrivata finalmente all'attenzione del Parlamento italiano. Da tempo il tema è oggetto di un aspro dibattito critico che dalla Svezia e dall'UK si è allargato a tutto il Grande Nord, fino ad Australia, Nuova Zelanda e Stati […]
Leggi ora