Noi donne, le "Privilegiate"

Il transattivismo definisce l'essere nate donne un "privilegio" che deve aprirsi anche a chi non ha avuto questa indicibile fortuna. E' la vecchia storia invidiosa di sempre, o patriarcato. Ma parlare di privilegio è un passo avanti in chiarezza. Se il mondo ha sempre più bisogno delle donne, allora le vere donne saranno "loro"
Condividi questo articolo

C’è qualcosa di buono, qui.

In questi anni stiamo resistendo all’invasione dell’essere-donna da parte degli uomini. In realtà è solo l'ultima figura della vecchia storia invidiosa di sempre, o patriarcato.

Da sempre gli uomini hanno voluto appropriarsi dell’essere-donna e della sua potenza creatrice, sfruttando in ogni modo i corpi femminili e occupando il centro del mondo. La cosa buona è che oggi il linguaggio rivela questo movimento in tutta la sua chiarezza. Oggi un numero significativo di uomini chiede di poter accedere all'essere donna. L’essere nate in un corpo di donna è dichiarato esplicitamente come “privilegio”: si tratta di un bel salto di chiarezza. E’ un tabù che si rompe.

Hanno sempre cercato di convincerci che essere nate in un corpo di donna era una disgrazia, e che l’avremmo pagata cara. Che a causa del nostro corpo sessuato femminile le nostre esistenze sarebbero state meno libere e soggette al dominio. Troppe, per fortuna non tutte, si lasciano ancora convincere da questa lettura.

Ma oggi il transattivismo parla con chiarezza del “privilegio” dell’essere nate in un corpo femminile. Per la precisione dice che se nasci in un corpo di donna godi di un “privilegio” che le non-donne -gli uomini- possono provare a conquistare solo con una dura lotta, assumendo ormoni, sottoponendosi a manipolazioni chirurgiche che tuttavia non raggiungeranno mai l’obiettivo.

E’ tutto così chiaro, finalmente!

Judith Butler insiste sul fatto che la “categoria” donne deve aprirsi ed essere inclusiva per soggettività che non siano esclusivamente le donne nate donne. Non sembra invece esserci la stessa urgenza per quello che riguarda la “categoria” uomini.

Come si spiega questo crescente desiderio umano di essere parte della “categoria” donne, o di potere entrare a farne parte qualora non si goda di questo “privilegio” fin dalla nascita? 

Gli uomini -tutti gli uomini- hanno ben presente la grandezza femminile. Sanno di avere usurpato il posto al centro del mondo, e che quel posto non toccava a loro. E sanno che la cosa è ormai arrivata alle corde.

Ogni uomo lo sa, e nella propria vita privata cerca sempre una donna a cui affidarsi, confida nella capacità femminile di governo delle cose, mentre nello spazio pubblico non intende rinunciare all’esclusiva monosessuata. Sono soprattutto gli uomini -perfino più delle donne, che vengono indotte a dimenticarlo- i detentori del segreto della grandezza femminile, consapevoli dell’ingiustizia dell’esclusione.

Gli uomini non dimenticano la potenza della donna che li ha messi al mondo e non essendo donne a loro volta cercano per la loro vita una donna da poter addomesticare e controllare, a cui si affidano come figli senza tuttavia sentirsene minacciati. Più di tutti hanno memoria della verità del mondo che pretendeva per le donne il centro dell’umano, e della violazione da parte loro di questa naturale disposizione delle cose.

Ma ora questa pretesa del mondo viene riaffermata dalla minaccia dell’estinzione umana: crisi ambientale e climatica e pandemia -qualunque sia stata la sua origine- raccontano che il prometeismo maschile è a fine corsa -in alternativa, a fine corsa siamo noi-. E indicano come strada per la salvezza della specie una civiltà a radice femminile.

Un numero significativo di uomini preme per essere parte di questa necessaria souveraineté femminile, pretende di essere incluso nelle schiera delle « privilegiate». I mezzi principali per farne parte, affermati con violenza, sono la riproduzione artificiale dell’umano -tutte le tecniche-, il trapianto di utero su cui si lavora accanitamente, le gravidanze e l’allattamento maschili, la cancellazione e sostituzione della madre con utero in affitto, le « terapie » farmacologiche e chirurgiche del corpo, la manipolazione genetica, la feticizzazione del corpo femminile e delle sue funzioni.

Sono alcuni dei mezzi che configurano la cosiddetta transizione transumana. Ma il transumanesimo si configura "omeopaticamente" come un super-prometeismo che dovrebbe riparare i danni prodotti dal prometeismo.

Il transumanesimo costituisce l’estremo tentativo di resistenza del patriarcato storico. Ammette la necessità non rinviabile di una souveraineté femminile, ma pretende che gli uomini, restino sovrani anche in questa souveraineté, sostituendosi nuovamente alle donne in quanto donne più vere delle semplici "native". Primedonne, insomma.

La risposta a questo passaggio storico non può che essere una civiltà a radice femminile, civiltà in qualche modo a-storica perché, se una natura esiste, questo era il modo in cui la natura aveva disposto le cose per la specie umana. Disposizione che possiamo ancora osservare nelle rarissime enclave matrilineari dove gli uomini trovano un loro pacifico posto nel mondo.

Qualcuna potrebbe obiettare che se è alla « categoria » donne che si chiede di aprirsi per essere massimamente inclusiva, se è alle donne « native » che si chiede di rinunciare all’esclusiva del nome « donna » per accontentarsi di essere definite « corpi con vagina » (The Lancet), nella realtà osserviamo un’enorme crescita delle transizioni FtM (ormai 8 casi su 10) rarissime fino a una ventina d’anni fa o anche meno. Ragazze che rinunciano al « privilegio » di essere nate donne per identificarsi come uomini. Fenomeno che però non può essere iscritto nella prospettiva transumana.

La stragrande maggioranza delle transizioni FtM non è che la manifestazione più radicale ed estrema della « vecchia » emancipazione (vedere qui). Si tratta di giovani donne ancora soggette all’inganno patriarcale che ingiunge di interpretare il proprio essere nate in un corpo femminile come una disgrazia a cui porre in qualche modo rimedio. Che non hanno ancora incontrato la consapevolezza dell' "indicibile fortuna di nascere donna" (Luisa Muraro). Fortuna a cui, appunto, oggi viene dato il nome di "privilegio". Il fenomeno delle ragazze FtM ricorre in modo imitativo a parte dell’armamentario simbolico transumano, ma non vi partecipa se non utilizzandone il linguaggio, un appiattimento paritario che occulta la realtà della differenza sessuale.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
21 Gennaio 2023
Anche in Italia si apre -finalmente!- il dibattito sui bloccanti della pubertà
A rompere il silenzio la Società Psicoanalitica Italiana che chiede una discussione scientifica aperta su questi trattamenti che definisce "sperimentali", non supportati da adeguati studi e a forte rischio etico perché predeterminano il destino di bambine e bambini
In notevole ritardo rispetto al Grande Nord europeo, alla Gran Bretagna all'Australia, ad alcuni stati USA -che hanno bruscamente frenato sull'uso del puberty blocker come "terapia" per bambine e bambini dai comportamenti non conformi al genere, anche in Italia si rompe finalmente il silenzio con una lettera indirizzata al governo da parte della Società Psicoanalitica Italiana, che invita alla prudenza e all'apertura di una discussione scientifica pubblica. A seguire riproduciamo le interviste realizzate da Marina Terragni per Il Foglio e […]
Leggi ora
16 Gennaio 2023
Gli psicoanalisti italiani: stop ai puberty blockers
La Società Psicoanalitica Italiana critica sui bloccanti per la pubertà ai bambini: trattamento pericoloso e sperimentale. E si unisce a femministe gender critical e genitori nel chiedere dati scientifici e un dibattito pubblico sul migliore trattamento per i minori che soffrono disforia di genere
Da anni noi femministe gender critical lottiamo contro lo scandalo della medicalizzazione dei bambini nel nome dell’identità di genere. E da anni veniamo bollate come fasciste, reazionarie, bigotte. Oggi finalmente una società scientifica accreditata italiana, la Società Psicoanalitica Italiana (SPI), prende posizione, unendosi a noi nel lanciare un grido di allarme: l’uso di bloccanti della pubertà è un trattamento sperimentale che non ha una solida base scientifica, e causa gravi effetti collaterali. Soprattutto, nella maggior parte dei casi la disforia […]
Leggi ora
14 Gennaio 2023
UK: il servizio sanitario fa marcia indietro sui servizi per la "maternità transgender" dopo la rivolta delle ostetriche
Lottare serve: in Gran Bretagna levatrici e infermiere si ribellano all’annunciata apertura di corsi e reparti dedicati a gravidanza e parto di persone “trans e non binarie”. E l’NHS stoppa l’iniziativa. Intanto negli USA si parla di trapianto di utero tra viventi: donne donatrici a vantaggio di uomini che desiderano vivere "esperienze fisiologiche femminili". Il vecchio sogno patriarcale di sempre: prendere il posto delle donne. Oggi agito dai neopatriarchi T
Lottare serve. La rivolta di ostetriche e infermiere ha sventato il piano del Servizio Sanitario Nazionale inglese (NHS) di organizzare servizi dedicati alla "maternità transgender". Il 16 dicembre scorso era apparso un annuncio per reclutare personale per gestire la formazione delle "persone trans e non binarie che partoriscono" in 40 servizi di maternità dell'NHS, annuncio che ha provocato l’immediata reazione di addette al settore. Un gruppo di circa 300 infermiere, ostetriche e psicologhe ha scritto una lettera aperta a Lizzie […]
Leggi ora
9 Gennaio 2023
Credevo che mio figlio -4 anni- fosse trans: mi sbagliavo
Madre lesbica e “vera credente” del culto queer accompagna e autorizza il suo bambino a identificarsi come femmina. Finché non comprende di avere sbagliato a causa dell’ideologia. Piangendo sul suo errore oggi ha intrapreso un percorso di “guarigione” insieme a lui che è tornato a dirsi maschio. Una testimonianza illuminante
Ero una vera credente.Ero un’attivista per la giustizia sociale prima ancora che il movimento per la giustizia sociale prendesse il sopravvento nel mondo. Ero in prima linea ad introdurre il concetto di intersezionalità in organizzazioni progressiste e a convincere la gente a condividere i suoi pronomi. Io e i miei amici ci sentivamo quelli “cool”, l’avanguardia di un’opera rivoluzionaria che avrebbe cambiato il mondo, che avrebbe raggiunto quella che le persone all’interno del movimento per la giustizia sociale chiamano “liberazione […]
Leggi ora