Nascere da "madre surrogata" morta

Docente dell’università di Oslo propone di utilizzare corpi di donne in coma irreversibile, danneggiabili senza complicazioni etiche, per condurre gravidanze per conto terzi. Ma anche uomini in stato vegetativo (così le femministe non si arrabbiano) innestando gli embrioni nel fegato. E i bambini? Tema non considerato
Condividi questo articolo

Può essere stato d'ispirazione Habla con ella, film di Pedro Almodovar in cui la giovane danzatrice Alicia, in coma per un incidente, resta incinta a opera di Benigno, l'infermiere che si occupa di lei.

Anna Smajdor, docente di Bioetica Medica Università di Oslo, riprende e approfondisce un suggerimento avanzato nel 2000 dalla ricercatrice israeliana Rosalie Ber "per aggirare i problemi morali della maternità surrogata gestazionale" utilizzando come uteri in affitto donne in stato vegetativo persistente (PVS). Alla pratica dà il nome di "donazione gestazionale di tutto il corpo" (WBGD, whole-body gestational donation).

Secondo Smajdor la WGBD "offre un mezzo alternativo di gestazione per i futuri genitori che desiderano avere figli ma non possono o preferiscono non gestare". Si tratterebbe di considerare "la possibilità di donare tutto il proprio corpo per scopi gestazionali proprio come alcune persone donano parti del proprio corpo per la donazione di organi. Sappiamo già che le gravidanze possono essere portate a termine con successo nelle donne in morte cerebrale. Non c'è alcuna ragione medica evidente per cui l'inizio di tali gravidanze non sarebbe possibile".

Gli embrioni della coppia verrebbero innestati nell'utero della donna cerebralmente morta che perciò dovrebbe essere opportunamente ventilata e supportata fino al loro sviluppo.

Smajdor suggerisce "di utilizzare il quadro per la donazione di organi: "ovunque la donazione di organi sia legale, il WBGD con morte cerebrale sarebbe una modifica relativamente semplice".

Diversamente da Habla con ella "la gravidanza non deve sorgere attraverso il concepimento "naturale", insomma in seguito a stupro. "I genitori committenti potrebbero preferire creare un embrione per l'impianto utilizzando i propri gameti o quelli di donatori. Quindi l'impregnazione potrebbe essere una questione chirurgica, preceduta e seguita da un'appropriata terapia ormonale per garantire la massima possibilità di successo". 

Il vantaggio è che "la gestante è già morta e non può essere danneggiata. I genitori committenti possono decidere l'aborto o la riduzione selettiva secondo i propri desideri, senza doversi preoccupare degli effetti sulla gestante". Di solito "non osiamo trasferire troppi embrioni in donne vive, perché la riduzione selettiva è traumatica e dannosa per la gestante. Non ci sono problemi di questo tipo in relazione alla donatrice WBGD. Se ha bisogno di più o meno di un particolare farmaco o se sono necessari interventi fetali, non avremo nessuno dei potenziali conflitti che possono porsi per le gravidanze ordinarie. I genitori possono trasferire tutti gli embrioni che possono generare, massimizzando le possibilità di almeno un parto vitale e, se necessario, scartando in anticipo quelli danneggiati o malati".

Ma c'è di più e di meglio: le madri WGBD possono essere anche uomini. In questo modo "le preoccupazioni femministe potrebbero essere mitigate... La prospettiva di una gravidanza maschile non è, come molti immaginerebbero, fantasiosa o fantascientifica. Nel 1999, Robert Winston disse ai giornalisti che non c'erano problemi medici intrinseci con l'inizio di una gravidanza maschile: il pericolo sarebbe stato nel parto. Sappiamo già che le gravidanze possono giungere a termine fuori dall'utero. Il fegato è un promettente sito di impianto, grazie al suo eccellente apporto di sangue. Tuttavia, come ha notato Winston, questo potrebbe essere rischioso, anche fatale, per la persona che porta la gravidanza. Ma per i donatori in morte cerebrale, il concetto di "fatale" non ha senso: il gestante è già morto. Pertanto, anche se il fegato è danneggiato irreparabilmente dopo la gestazione, ciò non porrebbe un problema se non nella misura in cui potrebbe significare che i gestanti maschi potrebbero portare a termine una sola gravidanza".

"La prospettiva del gestante maschio potrebbe quindi placare alcune femministe che potrebbero altrimenti ritenere che la gestazione in morte cerebrale sia un passo troppo avanti nell'oggettivazione delle funzioni riproduttive delle donne".

Che cosa ne potrebbero pensare le nate e i nati da madri cerebralmente morte -perché prima o poi glielo dovrai pur dire, il diritto alle verità sulle proprie origini è sancito da convenzioni internazionali-; che cosa ne è di quel complesso rapporto di tipo epigenetico tra la gestante e il feto, un vero e proprio dialogo biochimico e sensoriale tra il corpo della madre e quello del bambino; insomma di tutte queste altre facezie la prof. Smajdor non si occupa.

traduzione e adattamento di Marina Terragni, articolo originale pubblicato qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
14 Marzo 2023
Il prefetto al sindaco Sala: stop alle registrazioni dei figli di coppie dello stesso sesso
La decisione rende quelle bambine e quei bambini più uguali e non diseguali come si legge oggi in molti commenti ideologici. A cominciare dall’uguale diritto alle verità sulle proprie origini sancito da tutte le convenzioni internazionali. E all’attribuzione degli stessi diritti di cittadinanza riconosciuti a ogni nuovo nato: ecco perché
Il prefetto di Milano ha ingiunto al sindaco Beppe Sala di bloccare le trascrizioni degli atti di nascita di bambini nati per iniziativa di coppie dello stesso sesso. Per esempio, non potranno più essere trascritti integralmente gli atti di nascita realizzati all'estero -in Ucraina, Canada, California etc- da utero in affitto, fatto che vale anche per le coppie eterosessuali che abbiano intrapreso questa pratica. Noi femministe radicali ci eravamo rivolte al prefetto perché ingiungesse al sindaco Sala di rispettare la […]
Leggi ora
8 Marzo 2023
Slavoj Žižek: i bloccanti della pubertà sono capitalismo woke
Il filosofo marxista parla di wokeness, culto progressista della consapevolezza e del risveglio, dandone una suggestiva lettura psicoanalitica. E avverte che nonostante oggi appaia sotto attacco dovremo farci i conti ancora a lungo
In un suggestivo articolo pubblicato da Compact, intitolato Wokeness is here to stay -che qui traduciamo e riproduciamo parzialmente- il filosofo marxista Slavoj Žižek affronta il tema della wokeness, il movimento del "risveglio", analizzandone le criticità ma sottolineando anche le ragioni per le quali dovremo farci i conti ancora a lungo. Alcuni sostengono che la "wokeness" sia in declino. In realtà viene gradualmente normalizzata e conformata anche da coloro che interiormente ne dubitano, e viene praticata dalla maggior parte delle istituzioni accademiche, […]
Leggi ora
3 Marzo 2023
La transessualità non è un pranzo per genderqueer
Essere transessuali non è transgenderismo ma un’esperienza profondamente drammatica e dall’esito incerto. Che nulla ha a che vedere con gli stereotipi stantii con cui si esprime l’identità di genere. Le riflessioni di Neviana Calzolari
Ripubblichiamo per gentile concessione di Dol's Magazine. Articolo originale qui Neviana Calzolari, sociologa, attivista, scrittrice e volto tv. Eppure ben poco mainstream, anzi, fra le osservatrici più acute (e critiche) del panorama politico-sociale dei nostri tempi (...) Il gruppo I-Dee di Milano e l’associazione Ipazia di Catania l’hanno incontrata. – Il ddl Zan era stato pensato per combattere l’omotransfobia, quindi con buone intenzioni – esordisce Neviana –, ciò nonostante rimango scettica su certa terminologia, in particolare sull’”identità di genere” che allarma buona parte del mondo […]
Leggi ora
23 Febbraio 2023
Disturbi mentali nei bambini: è un'epidemia. In parallelo con il boom della "disforia di genere"
Uno studio americano rivela che il disagio psichico negli adolescenti è in un picco di crescita dal 2012 con sintomi diversi tra maschi e femmine. E che quasi sempre l’idea di voler “cambiare sesso” si accompagna ad altri problemi. Solitudine, social network, pornografia: come il marketing selvaggio sta distruggendo una generazione
Si è finalmente rotto anche in Italia il silenzio sui bloccanti della pubertà prescritti a bambine e bambini con comportamenti non conformi al genere. Si è rotto soprattutto grazie agli sforzi delle femministe radicali, dei gruppi di genitori e degli psicanalisti italiani che hanno scritto al governo (vedere qui). Il dibattito è arrivato anche in TV, con due recenti puntate di Quarta Repubblica con interventi di esperti italiani e stranieri, dalle femministe Marina Terragni (qui, da 1'46'') e Monica Ricci […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Il problema non è il rooming-in ma la solitudine delle mamme
Dopo la triste vicenda del neonato morto accanto alla mamma al Pertini di Roma per alcune/i la soluzione è tenere i bambini nei nidi e non in stanza. Ma il rooming-in è stato fortemente voluto dalle donne che un tempo in ospedale venivano separate dai bambini. Si tratta semmai di consentire alle neomamme di avere vicino una congiunta/o che le assista. Specie in tempi di personale carente
A partire dalla dolorosissima vicenda del neonato morto all'ospedale Pertini di Roma -probabilmente per soffocamento accidentale, la magistratura accerterà le cause: potrebbe anche trattarsi di "morte in culla" o di altro- molte e molti concludono che il rooming-in è una pratica pericolosa e sbagliata e che i bambini dovrebbero stare nelle nursery. Ricordo però che in passato le donne hanno molto lottato per ottenere il rooming-in e per ragioni più che evidenti: non separarsi dal neonato dopo la lunga convivenza […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora