Montagne di soldi per la Lobby Trans

Qui i rendiconti delle centinaia di migliaia di dollari erogati dall'ente di beneficenza Arcus ai movimenti LGBTQ per sostenere l'identità di genere. Lettura consigliata soprattutto a quelle-i che credono che si tratti di una battaglia di sinistra
Condividi questo articolo

La Fondazione Arcus è un grande ente di beneficenza che sostiene la causa Lgbtq, le questioni di giustizia sociale e la conservazione dell'ambiente. Arcus è fortemente coinvolta nel sostegno attivo all'ideologia transgender. In questi articoli di Jennifer Bilek potrete saperne di più: vedere qui e qui. Se volete verificare chi sono i beneficiari di Arcus, l'elenco lo trovate qui. Tra il 2016 e l'aprile 2021 Arcus ha investito quasi 74 milioni di dollari in promozione della giustizia sociale. La maggior parte di questi beneficiari avevano a che vedere con l'ideologia dell'identità di genere.

Montagne di soldi per la Lobby Trans

Molti tra i beneficiari di Arcus hanno a loro volta erogato sovvenzioni: se un Paese non figura tra i destinatari diretti dei fondi, potrebbe avere ricevuto denaro indirettamente. In molti casi si apprlica la tattica del teaming forzato -fare forzosamente squadra-. Capita per esempio quando sostenitori dell'ideologia trans fingono un'alleanza e una causa comune con movimenti più affermati, allo scopo di sfruttare la loro reputazione. Il caso più frequente è l'alleanza con gruppi che sostengono i diritti gay. Per esempio Arcus ha donato 142.000 di dollari a Stonewall (ex-ente di beneficenza per i diritti dei gay nel Regno Unito). Questo è accaduto appena prima che Stonewall aggiungesse la T a LGB e ampliasse il suo mandato per coprire le questioni transgender. Sono stati erogati anche altri 42.000 dollari per sostenere un progetto chiamato "Rainbow Laces" finalizzato a portare le persone LGBTQ nello sport.

Montagne di soldi per la Lobby Trans

Arcus ha anche erogato a Stonewall 75.000 di dollari perché partecipasse tavole rotonde per convincere il business a sostenere la causa LGBTQ dipingendola come "una buona strategia commerciale".

Montagne di soldi per la Lobby Trans

Potrebbe sembrare che Stonewall abbia cambiato strada in direzione dell'identità di genere, perché la battaglia per i diritti Lgbt nel Regno Unito era stata vinta. Non sono d'accordo.  L'omofobia che danneggia i giovani gay non è sparita. Forse non era più una causa così vantaggiosa economicamente, ma si sarebbe potuto fare ancora un buon lavoro nel Regno Unito. Su sarebbe potuto anche fare una campagna a favore dei diritti dei gay e delle lesbiche all'estero. Si sarebbe potuto lavorare per fermare gli orrendi abusi contro i gay e le lesbiche in Iran, dove non vengono accettati come omosessuali ma possono ottenere l'intervento chirurgico se accettano l'identità trans. Invece Stonewall ha optato per un percorso più redditizio. Sembra che ai pezzi grossi dell'organizzazione non sia venuto in mente che lottare per difendere l'orientamento omosessuale comporta il riconoscimento che il sesso è una realtà materiale. L'ideologia transgender invece nega la realtà del sesso e quindi l'attrazione basata sul sesso. Questo è uno dei tanti conflitti tra i diritti trans e quelli degli omosessuali.

Ma torniamo alla Fondazione Arcus: guardando nel dettaglio questi progetti è raro trovarne uno che si concentri esclusivamente sull'orientamento sessuale. Al contrario, compaiono somme considerevoli spese esclusivamente per questioni "transgender", oltre 9 milioni di dollari.

Montagne di soldi per la Lobby Trans

È interessante notare che se cercate la menzione di progetti specifici per "transmen" non ne troverete nessuno. Tuttavia, alcuni dei progetti specificano l’attenzione alle "Transwomen", di solito Transwomen di colore. I "transmen" tendono ad essere utilizzatI quando sono incinte o quando rendono facile argomentare contro i diritti basati sul sesso delle donne biologiche. L'omissione di qualsiasi progetto specifico mirato ai bisogni dei "transmen" grida: “buon vecchio sessismo!”. Un'altra tattica è stata unirsi alle donne che lottano per la giustizia riproduttiva. La lotta delle donne per controllare la loro fertilità viene dirottata dalle organizzazioni trans che agganciano il loro vagone a queste campagne di lunga durata.

Montagne di soldi per la Lobby Trans

Un'altra sorpresa è la percentuale che va alle organizzazioni religiose, compresi i cristiani evangelici e le organizzazioni musulmane. La prossima volta che qualcuno vi dice che siete alleate con gruppi religiosi, ecco uno screenshot da condividere! Più di 10 milioni e mezzo di dollari ad organizzazioni religiose.

Montagne di soldi per la Lobby Trans

Organizzazioni da cui non ci si aspetterebbero opinioni liberali e progressiste sull'omosessualità o sull'identità di genere. Piuttosto molte tra queste, negli Stati Uniti, erano organizzazioni cristiane evangeliche profondamente coinvolte nel sostegno a Trump. Un paio di esempi appaiono qui sotto da Atlanta a Georgia e Texas

Montagne di soldi per la Lobby Trans
Montagne di soldi per la Lobby Trans

Troverete altri esempi di "teaming forzato" tra le sovvenzioni incentrate sulla giustizia razziale o per i senza fissa dimora. Ci sono anche molte sovvenzioni a organizzazioni che si occupano di contenziosi strategici nell'area delle organizzazioni LGBTQ o esclusivamente "transgender". Alcuni progetti sono finalizzati a educare/fare lobbying -coinvolgere- i dipendenti delle Nazioni Unite.

Molte delle entrate parlano anche di finanziamenti per creare movimenti dal basso. Qualcuno dovrebbe spiegare che i movimenti dal basso crescono spontaneamente. Quando si investono milioni di dollari per fare crescere un movimento si tratta di un’erba artificiale, non in un movimento di base.

Anche la narrazione dei media è oggetto di un'abile manipolazione. Queste sono le organizzazioni coinvolte nel giornalismo o nella produzione di film documentari che stanno ricevendo denaro da Arcus. Lo scopo esplicito è quello di assicurarsi che la copertura mediatica sia modellata dalla Lobby Trans.

Montagne di soldi per la Lobby Trans

Ecco un esempio di come vengono descritte queste sovvenzioni: Per "assicurare che la copertura sia neutrale o positiva". E per organizzarsi a essere pronti nel rispondere a qualsiasi copertura mediatica negativa. Giornalismo o patrocinio?

Montagne di soldi per la Lobby Trans

Come molte di noi stanno cercando di far notare ai gruppi della sinistra radicale che urlano "le trans sono donne" o altri mantra senza senso, e soprattutto alle femministe di sinistra: siete oggetto di una manipolazione da parte di miliardari. Questo non è un movimento di base, è un progetto di élite, vengono investiti moltissimi soldi per promuovere una condizione corporea dissociativa che ci slega dai nostri corpi sessuati.

tutto l'articolo di Gendercriticalwoman potete leggerlo qui

traduzione di Sara Punzo e Marina Terragni

DIVERSAMENTE DALLA LOBBY TRANS, NOI LOTTIAMO A MANI NUDE E SENZA SOLDI

Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerete altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento. Se pensate che il nostro lavoro possa essere utile per la vostra vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.  

Potete inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
21 Novembre 2022
I "clienti" di prostituzione sanno benissimo di commettere una violenza
Una ricerca sui compratori di sesso dimostra che gli uomini sono perfettamente consapevoli del fatto che la prostituzione è violenza, che le organizzazioni criminali tengono le donne nel terrore e che non c'è "regolamentazione" che tenga. Ma si fermano solo se rischiano una condanna penale, come accade in Svezia, Norvegia, Canada, Francia, Irlanda, Israele e in altri paesi che hanno introdotto il modello abolizionista. Diversamente continuano a considerare lo stupro a pagamento come un loro diritto
di Julie Bindel La Germania è conosciuta come il bordello d’Europa. È un titolo conquistato faticosamente. Con più di 3.000 bordelli in tutto il Paese, e 500 solo a Berlino, il suo commercio sessuale vale più di 11 miliardi di sterline all’anno. La prostituzione, in tutte le sue forme, è legale in Germania, sin dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Recentemente, però, l’atteggiamento sta cambiando. La gente e i politici chiedono al governo di prendere atto del cosiddetto “stato pappone” e […]
Leggi ora
11 Novembre 2022
Iranian Beauty
In Iran la bellezza femminile diventa la leva di una vera rivoluzione: niente di simile alla mortificazione-mercificazione dei corpi che in Occidente viene propagandata come libertà. La lotta per poter essere donne rivela l'ipocrisia del queer
Sono ormai quasi due mesi che è iniziata la rivolta delle ragazze iraniane contro il velo, un'onda incontenibile che ogni giorno produce di nuove immagini, nuovi contenuti, una ventata di aria fresca rispetto a certe narrazioni sulle donne nel mondo islamico, ma anche uno specchio che rivela quanto di artefatto ci sia dietro tante parole d’ordine politicamente corrette del femminismo intersezionale o transfemminismo. Primo: il velo non è una libera scelta né tantomeno quell'empowerment femminista su cui ci bombarda da […]
Leggi ora
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora
6 Ottobre 2022
"Distruggi i diritti delle donne": JK Rowling contro la premier scozzese e la sua legge trans
Come in Spagna anche in Scozia il femminismo combatte contro una legge voluta dalla prima ministra Nicola Sturgeon che introduce l'autodeterminazione di genere senza alcuna diagnosi medica e abbassando a 16 anni l'età per l'accesso. E anche stavolta l'autrice di Harry Potter è al fianco delle donne, delle bambine e dei bambini
JK Rowling si fotografa con una maglietta che dice: "Nicola Sturgeon, distruttrice dei diritti delle donne" per sostenere le donne che protestano davanti al parlamento scozzese contro la controversa legge di riforma del riconoscimento di genere voluta dalla Prima Ministra scozzese. Le attiviste di For Women Scotland (Scozia per le donne) si sono riunite questa mattina davanti al Parlamento scozzese per una manifestazione contro il disegno di legge promosso da Sturgeon, che renderebbe più facile l’autodeterminazione di genere –lo abbiamo […]
Leggi ora
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora
1 Ottobre 2022
Ragazze che si tolgono il seno
La propaganda transattivista invita le bambine a disagio con le proprie forme femminili a comprimere il seno con apposite fasce (binder), primo passo verso la mastectomia finale. La stessa violenza misogina della tradizionale "stiratura del seno" praticata in Africa. In UK l'associazione di beneficienza Mermaids -finanziata con fondi pubblici- sotto accusa per aver inviato fasce ad adolescenti contro il parere dei genitori
La stiratura del seno (breast ironing) è un'orribile pratica tuttora in uso in alcune regioni dell'Africa, in particolare nel Camerun. Si tratta della distruzione della mammelle delle adolescenti prodotta con strumenti arroventati -vecchi ferri da stiro, spatole, sassi o conchiglie- e in genere praticata dalle donne adulte della famiglia. Lo scopo è rendere le ragazze meno attraenti per sottrarle a stupri e gravidanze precoci che potrebbero infangare l'onore del gruppo familiare. La pratica causa gravi danni alla salute delle adolescenti, […]
Leggi ora