Montagne di soldi per la Lobby Trans

Qui i rendiconti delle centinaia di migliaia di dollari erogati dall'ente di beneficenza Arcus ai movimenti LGBTQ per sostenere l'identità di genere. Lettura consigliata soprattutto a quelle-i che credono che si tratti di una battaglia di sinistra
Condividi questo articolo

La Fondazione Arcus è un grande ente di beneficenza che sostiene la causa Lgbtq, le questioni di giustizia sociale e la conservazione dell'ambiente. Arcus è fortemente coinvolta nel sostegno attivo all'ideologia transgender. In questi articoli di Jennifer Bilek potrete saperne di più: vedere qui e qui. Se volete verificare chi sono i beneficiari di Arcus, l'elenco lo trovate qui. Tra il 2016 e l'aprile 2021 Arcus ha investito quasi 74 milioni di dollari in promozione della giustizia sociale. La maggior parte di questi beneficiari avevano a che vedere con l'ideologia dell'identità di genere.

Montagne di soldi per la Lobby Trans

Molti tra i beneficiari di Arcus hanno a loro volta erogato sovvenzioni: se un Paese non figura tra i destinatari diretti dei fondi, potrebbe avere ricevuto denaro indirettamente. In molti casi si apprlica la tattica del teaming forzato -fare forzosamente squadra-. Capita per esempio quando sostenitori dell'ideologia trans fingono un'alleanza e una causa comune con movimenti più affermati, allo scopo di sfruttare la loro reputazione. Il caso più frequente è l'alleanza con gruppi che sostengono i diritti gay. Per esempio Arcus ha donato 142.000 di dollari a Stonewall (ex-ente di beneficenza per i diritti dei gay nel Regno Unito). Questo è accaduto appena prima che Stonewall aggiungesse la T a LGB e ampliasse il suo mandato per coprire le questioni transgender. Sono stati erogati anche altri 42.000 dollari per sostenere un progetto chiamato "Rainbow Laces" finalizzato a portare le persone LGBTQ nello sport.

Montagne di soldi per la Lobby Trans

Arcus ha anche erogato a Stonewall 75.000 di dollari perché partecipasse tavole rotonde per convincere il business a sostenere la causa LGBTQ dipingendola come "una buona strategia commerciale".

Montagne di soldi per la Lobby Trans

Potrebbe sembrare che Stonewall abbia cambiato strada in direzione dell'identità di genere, perché la battaglia per i diritti Lgbt nel Regno Unito era stata vinta. Non sono d'accordo.  L'omofobia che danneggia i giovani gay non è sparita. Forse non era più una causa così vantaggiosa economicamente, ma si sarebbe potuto fare ancora un buon lavoro nel Regno Unito. Su sarebbe potuto anche fare una campagna a favore dei diritti dei gay e delle lesbiche all'estero. Si sarebbe potuto lavorare per fermare gli orrendi abusi contro i gay e le lesbiche in Iran, dove non vengono accettati come omosessuali ma possono ottenere l'intervento chirurgico se accettano l'identità trans. Invece Stonewall ha optato per un percorso più redditizio. Sembra che ai pezzi grossi dell'organizzazione non sia venuto in mente che lottare per difendere l'orientamento omosessuale comporta il riconoscimento che il sesso è una realtà materiale. L'ideologia transgender invece nega la realtà del sesso e quindi l'attrazione basata sul sesso. Questo è uno dei tanti conflitti tra i diritti trans e quelli degli omosessuali.

Ma torniamo alla Fondazione Arcus: guardando nel dettaglio questi progetti è raro trovarne uno che si concentri esclusivamente sull'orientamento sessuale. Al contrario, compaiono somme considerevoli spese esclusivamente per questioni "transgender", oltre 9 milioni di dollari.

Montagne di soldi per la Lobby Trans

È interessante notare che se cercate la menzione di progetti specifici per "transmen" non ne troverete nessuno. Tuttavia, alcuni dei progetti specificano l’attenzione alle "Transwomen", di solito Transwomen di colore. I "transmen" tendono ad essere utilizzatI quando sono incinte o quando rendono facile argomentare contro i diritti basati sul sesso delle donne biologiche. L'omissione di qualsiasi progetto specifico mirato ai bisogni dei "transmen" grida: “buon vecchio sessismo!”. Un'altra tattica è stata unirsi alle donne che lottano per la giustizia riproduttiva. La lotta delle donne per controllare la loro fertilità viene dirottata dalle organizzazioni trans che agganciano il loro vagone a queste campagne di lunga durata.

Montagne di soldi per la Lobby Trans

Un'altra sorpresa è la percentuale che va alle organizzazioni religiose, compresi i cristiani evangelici e le organizzazioni musulmane. La prossima volta che qualcuno vi dice che siete alleate con gruppi religiosi, ecco uno screenshot da condividere! Più di 10 milioni e mezzo di dollari ad organizzazioni religiose.

Montagne di soldi per la Lobby Trans

Organizzazioni da cui non ci si aspetterebbero opinioni liberali e progressiste sull'omosessualità o sull'identità di genere. Piuttosto molte tra queste, negli Stati Uniti, erano organizzazioni cristiane evangeliche profondamente coinvolte nel sostegno a Trump. Un paio di esempi appaiono qui sotto da Atlanta a Georgia e Texas

Montagne di soldi per la Lobby Trans
Montagne di soldi per la Lobby Trans

Troverete altri esempi di "teaming forzato" tra le sovvenzioni incentrate sulla giustizia razziale o per i senza fissa dimora. Ci sono anche molte sovvenzioni a organizzazioni che si occupano di contenziosi strategici nell'area delle organizzazioni LGBTQ o esclusivamente "transgender". Alcuni progetti sono finalizzati a educare/fare lobbying -coinvolgere- i dipendenti delle Nazioni Unite.

Molte delle entrate parlano anche di finanziamenti per creare movimenti dal basso. Qualcuno dovrebbe spiegare che i movimenti dal basso crescono spontaneamente. Quando si investono milioni di dollari per fare crescere un movimento si tratta di un’erba artificiale, non in un movimento di base.

Anche la narrazione dei media è oggetto di un'abile manipolazione. Queste sono le organizzazioni coinvolte nel giornalismo o nella produzione di film documentari che stanno ricevendo denaro da Arcus. Lo scopo esplicito è quello di assicurarsi che la copertura mediatica sia modellata dalla Lobby Trans.

Montagne di soldi per la Lobby Trans

Ecco un esempio di come vengono descritte queste sovvenzioni: Per "assicurare che la copertura sia neutrale o positiva". E per organizzarsi a essere pronti nel rispondere a qualsiasi copertura mediatica negativa. Giornalismo o patrocinio?

Montagne di soldi per la Lobby Trans

Come molte di noi stanno cercando di far notare ai gruppi della sinistra radicale che urlano "le trans sono donne" o altri mantra senza senso, e soprattutto alle femministe di sinistra: siete oggetto di una manipolazione da parte di miliardari. Questo non è un movimento di base, è un progetto di élite, vengono investiti moltissimi soldi per promuovere una condizione corporea dissociativa che ci slega dai nostri corpi sessuati.

tutto l'articolo di Gendercriticalwoman potete leggerlo qui

traduzione di Sara Punzo e Marina Terragni

DIVERSAMENTE DALLA LOBBY TRANS, NOI LOTTIAMO A MANI NUDE E SENZA SOLDI

Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerete altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento. Se pensate che il nostro lavoro possa essere utile per la vostra vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.  

Potete inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
5 Luglio 2022
Donne attaccate da destra e da sinistra: la cenere sul capo del New York Times
Organo dei liberal e della cultura woke, da alcuni mesi il grande quotidiano USA ha intrapreso un vigoroso cambio di rotta, ammettendo i propri eccessi e la misoginia del nuovo corso progressista impegnato a cancellare le donne. Nell'attesa che il vento autocritico arrivi anche in Europa
di Pamela Paul Forse ha senso che le donne - creature dall'apparenza compiacente e gradevole, altruiste e tanto carine - siano state quelle che hanno finalmente riunito il nostro paese polarizzato. Perché l'estrema destra e l'estrema sinistra hanno trovato l'unica cosa su cui possono essere d'accordo: le donne non contano. La posizione della destra è la più nota, il movimento si è dedicato in modo aggressivo per decenni a privare le donne dei diritti fondamentali. Grazie anche a due giudici […]
Leggi ora
23 Giugno 2022
Questione trans: cambio di vento tra i progressisti
Il "la" lo danno i democratici americani, ma anche nel resto d'Occidente la trans-filia dei progressisti comincia a dare segni di cedimento. Opportunismo elettoralistico, certo. Ma il cambiamento va registrato. Tenendo gli occhi bene aperti
Michele Serra è un amico e apprezzo molto che si sia assunto la responsabilità di rompere il silenzio da sinistra -finalmente-sull'insopportabile ingiustizia dei corpi maschili negli sport femminili (L'Amaca su La Repubblica ieri, 22 giugno), ingiustizia contro la quale lottiamo da molto tempo (qui troverete un'infinità di testi su questo tema). Un appunto, se possibile: avrei evitato di usare la definizione woke cisgender, imposta dal transattivismo, e nella quale la stragrande maggioranza delle donne del mondo, atlete e non atlete, […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ma le donne esistono ancora
Il titolo non ci piace troppo, in particolare quel laconico "ancora", ma grazie a La Repubblica per avere ospitato il nostro intervento nel dibattito che si è aperto a partire dal testo di Michela Marzano intitolato "Se non è il sesso a fare la donna". Lo ripubblichiamo qui perché non lo trovate sull'online
Pubblicato su La Repubblica il nostro testo nel dibattito aperto da Michela Marzano con il suo intervento sulle "donne con il pene" e altre meraviglie. Manteniamo il titolo originale che è stato dato al nostro intervento per non fare confusione, anche se non ci piace granché. Ecco il testo integrale a seguire. Che cos’è una donna? È quella che ci ha messi al mondo, tutte e tutti. Su questo non può esserci alcun dubbio. Il che non significa affatto che […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ciao ciao "Lia": stop mondiale ai nuotatori trans nelle gare femminili
Nonostante lo scandaloso e opportunistico silenzio dei media sportivi, La Federazione Mondiale del Nuoto chiude ai corpi maschili nelle gare femminili (qualcosa del genere è stato deciso anche per il ciclismo). Presto, si spera, arriveranno tutte le altre categorie. I casi "Lia" Thomas, trans ruba-trofei, non si ripeteranno più. Onore alle atlete che hanno combattuto contro questa colossale ingiustizia. E a tutte noi che resistiamo da anni alla violenza misogina della gender ideology
Lottare serve: un pezzo dopo l'altro il muro della trans-ideologia sta crollando. E mentre i democratici americani -parola di Hillary Clinton- prendono clamorosamente le distanze dal transattivismo perché si rendono conto che su questi temi rischiano di giocarsi la presidenza degli Stati Uniti, la Fina (Fédération Internationale de Natation), organo di governo mondiale del nuoto, ha votato a favore di nuove regole secondo le quali gli atleti transgender non potranno gareggiare nelle competizioni d'élite femminili se hanno attraversato una qualsiasi parte del […]
Leggi ora
19 Giugno 2022
Hillary Clinton: se continuiamo a parlare di trans perderemo le elezioni
Intervistata dal Financial Times ammette che ci sono ben altre priorità e che se si continuerà su questa strada i democratici perderanno la presidenza, a cominciare dal midterm di novembre. Un clamoroso giro di boa nella speranza di salvare il salvabile. I partiti democratici occidentali -a cominciare dal PD- seguiranno il cambio di rotta gender critical?
Per la prima volta dopo anni i democratici americani rompono il tabù: lo fanno nientemeno con la voce autorevole dell'ex Segretaria di Stato nonché candidata alla presidenza Hillary Clinton, secondo la quale continuare a parlare di trans farà rischiare la sconfitta ai progressisti. L'intervista è pubblicata sul Financial Times. Domanda Edward Luce: "I democratici sembrano fare di tutto per perdere le elezioni tenendo alte le cause degli attivisti -in particolare il dibattito sui transgender- che sono rilevanti solo per una […]
Leggi ora
19 Giugno 2022
Corsi-pubblicità per la transizione nelle scuole medie del New Jersey
Mentre grandi testate come The New York Times e The Times pubblicano articoli sempre più preoccupati sulla transizione dei minori -e in Italia assordante silenzio stampa- nelle scuole dello stato americano si proietta "Ten Years of Testosterone" di Aydian Dowling, influencer FtM che fa propaganda alla vendita online di ormoni, fasce schiaccia-seno e peni di gomma. I trans-spot prendono esplicitamente il posto dell'educazione sessuale
Quasi contemporaneamente al New York Times, anche The Times dedica due lunghi articoli allo scandalo della transizione dei minori (potevano anche svegliarsi prima che migliaia di ragazzine e ragazzini venissero rovinati con farmaci e ormoni, e invece hanno taciuto fino all'ultimo). Titoli Che cosa si è sbagliato alla Tavistock Clinic per teenager trans? e La mia pubertà è stata chimicamente ritardata: sono stato la loro cavia. Attendiamo che si sveglino anche i media italiani, dal Corriere della Sera a La […]
Leggi ora