Madri di bambine-i trattati con ormoni: la loro solitudine, il loro dolore

Quando resistono alle "terapie" chimiche e chirurgiche e chiedono un approccio più cauto per le figlie e i figli con disforia, questi genitori si ritrovano contro tutti: amici, scuole, medici, terapisti, politici, media e cultura. Su quanti fronti si può combattere da soli? Il racconto della psichiatra americana Miriam Grossman, che cura la disperazione di queste famiglie
Condividi questo articolo

Keira Bell, con la sua battaglia  contro la grande gender clinic londinese Tavistock, è diventata il simbolo delle migliaia di giovani donne mutilate e danneggiate a vita perchè non conformi agli stereotipi della femminilità. Oggi vi raccontiamo che cosa succede ai genitori di bambine come è stata Keira Bell attraverso le parole di una psichiatra che ha una di queste madri in cura.

Miriam Grossman è una psichiatra infantile che lavora da decenni sul problema della sessualizzazione dei bambini -di cui la « transizione di genere » è una forma- ed esprime pubblicamente le sue posizioni critiche su identità di genere e sul resto della « trans umbrella » (« sex work », pornografia, utero in affitto, etc.). Pur essendo specializzata in bambini e adolescenti, in un recente articolo scrive che viene contattata sempre più spesso da un nuovo tipo di pazienti : i genitori di cosiddetti «bambini trans».

Grossman racconta “dall’interno”che cosa succede quando tuo figlio -o, sempre più spesso, tua figlia- comincia a dire di essere «trans», e quali sono state le conseguenze psicologiche per una delle sue pazienti, madre di una adolescente FtM. Ecco un estratto dell’articolo.


I miei pazienti [...] sono scioccati, sopraffatti, confusi e ansiosi. Non dormono e non mangiano. Molti hanno un disturbo da stress post-traumatico.
[...]
Dopo l'annuncio bomba del loro adolescente, la maggior parte dei genitori si rivolge inizialmente a terapisti o cliniche di genere. La stragrande maggioranza di questi dice loro che devono accettare incondizionatamente l'identità scelta dalla figlio o dal figlio, usare un nuovo nome e «aiutare Sara a legarsi il seno e Michael a nascondere i genitali».

I genitori obiettano, suggerendo un processo più lento e un'esplorazione più profonda. Insistono: « Conosciamo nostra figlia (nostro figlio)! » Gli ideologi respingono l’istinto dei genitori. Vedono il loro disagio, ma lo spazzano via.

Per questi terapeuti i genitori sono il problema. Non l'ansia sociale del bambino, l'autismo, il pensiero irrazionale o la dipendenza dai social media. No, il problema è il rifiuto di mamma e papà di abbracciare l'identità che l'adolescente dichiara da due settimane e di permettere al bambino di condurre i giochi.

Il terapeuta comunica questa valutazione ai genitori, a volte di fronte alla bambina-o. Così facendo, lo « specialista » dell’identità di genere infierisce pesantemente su una famiglia in crisi che si è rivolta a lui con speranza e fiducia: mina l'autorità dei genitori e indebolisce il legame genitori-figli.

Come se non bastasse, li rinvia, dopo una valutazione frettolosa e incompleta, a un endocrinologo per dei farmaci bloccanti della pubertà. « Sono sicuri e reversibili» il terapeuta rassicura i genitori. «Il vostro bambino ne ha bisogno ora. Anzi, è già tardi».

Parla con autorità e sicurezza: «Questi farmaci hanno ormai il consenso dei professionisti», spiega. «Se li rifiutate, il rischio di perdere vostro figlio per suicidio aumenta».

Il terapeuta prospetta questo rischio per la loro bambina, o il loro bambino - il centro della loro vita, la cosa più cara! Il « professionista » ha passato solo un breve periodo con lui o lei, ma sa cosa è meglio.

I genitori tornano a casa, con le emozioni in subbuglio. Alcuni decidono di fidarsi dell'esperto e si precipitano nello studio dell'endocrinologo, firmando il consenso per i farmaci che impediranno lo sviluppo fisico, emotivo, sessuale e cognitivo della (del) loro adolescente. La loro bambina sembra felice, pregano che duri.

Altri si immergono nella ricerca. Prima o poi rimangono sorpresi nell'apprendere la verità: se gli adolescenti passano attraverso la pubertà naturale c'è un 60-90 per cento di possibilità di «desistenza» (superare l’idea di «essere nati in un corpo sbagliato», ovvero di «essere trans», NdT). Cambiare nomi, pronomi e presentazione sociale può portare a una veloce deriva e diminuire la [percentuale di] desistenza. Una volta che il minore comincia a prendere i bloccanti della pubertà, la desistenza è molto rara.

I bloccanti sono controversi, sono già stati oggetto di cause legali, e il loro uso off-label in bambini sani è sperimentale (uso off-label, ovvero un uso diverso da quello per cui il farmaco e` stato approvato: nel caso dei bloccanti della pubertà, per esempio la castrazione chimica di condannati per reati sessuali in alcuni paesi, NdT). C'è un rischio di suicidio negli adolescenti che mettono in discussione il genere, ma non ci sono prove che questo rischio si abbassi con la transizione.

I genitori apprendono che il Regno Unito, la Svezia e la Finlandia hanno esaminato attentamente i pericoli del trattamento ormonale dei minori e la loro capacità di dare il consenso informato per tali trattamenti. Come risultato, questi paesi hanno fatto un'inversione a U nelle loro politiche: i giovanissimi pazienti devono aspettare fino ai 18 anni per l'intervento medico. Preoccupazioni simili vengono dalla Nuova Zelanda e dall'Australia.

In conclusione: i genitori che guardano oltre i terapisti e le cliniche di genere scoprono che c’è un acceso dibattito su come aiutare bambine e bambini come i loro. «C'è consenso tra gli esperti, ci è stato detto. State scherzando? Non c'è nessun tipo di consenso ! »

Così i genitori cercano un terapeuta che non affermi immediatamente la nuova identità, ma che invece la prenda lentamente, che conosca la loro bambina e che capisca perché l’idea di avere una nuova identità la attragga così tanto. Un terapeuta con un approccio più cauto e sfumato: i genitori vogliono non vogliono che questo. Un altro shock: non ce n’è quasi nessuno.

Tra psichiatri, psicologi, assistenti sociali e consulenti, ci sono più di un milione di terapeuti in questo paese. Ho trovato un gruppo di terapeuti che praticano la terapia esplorativa a lungo termine per i giovani che si interrogano sul genere, e ci sono solo 60 membri, molti dei quali fuori dagli Stati Uniti.

L’esperienza della mia paziente "Cheryl", un esempio di madre traumatizzata. La sua figlia autistica di 18 anni, l'unica figlia, si identifica come uomo e prende testosterone da sei mesi. Cheryl è convinta che lei e suo marito siano stati ingannati da una clinica di genere e che "Eva" non abbia avuto valutazioni e terapie adeguate. Per la prima volta nella sua vita, Cheryl sta prendendo degli psicofarmaci per l’insonnia, per l’ansia e per il costante pianto.

Cheryl sente di avere tutti contro: Eva, i membri della famiglia, gli amici, le scuole, i medici, i terapisti, i politici, i media e la cultura. Su quanti fronti alla volta si può combattere da soli?

I medici dell’ospedale Johns Hopkins dicono a Cheryl di abbracciare il "senso di sé in evoluzione" di sua figlia. Ma quando ha sentito per la prima volta la voce di Eva resa più bassa dal testosterone, Cheryl ha vomitato. Eva farà una doppia mastectomia, la data è già fissata: il pensiero la inonda di panico e orrore. Teme per la salute fisica ed emotiva di sua figlia, compresa la sua salute sessuale.

Cheryl soffre anche per i nipoti che non avrà mai. Ma non c'è niente da fare. Orrore, paura, impotenza e dolore sono i compagni costanti di Cheryl, tranne nei giorni in cui si sente semplicemente stordita dai farmaci.

Articolo integrale qui

Traduzione di Maria Celeste


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
13 Maggio 2022
Destra, sinistra, umano, transumano
Il tema dei "diritti" -dall'identità di genere all'utero in affitto- non è complementare o a latere, ma delinea l'orizzonte verso il quale ci si muove. Ma la prospettiva post-umana perseguita dai progressisti non è unica e ineluttabile. L'alternativa esiste: una civiltà a radice femminile
Ripresentando il ddl Zan, al Senato con scarsissime possibilità che passi -quando invece altre soluzioni, tipo il ddl Scalfarotto, avrebbero assicurato una legge contro l'omobitransfobia- il segretario PD Letta ha più volte sottolineato che il tema dei diritti è decisivo per il suo partito. Tema dei diritti che tuttavia è sempre posto come complementare, a latere di questioni ritenute ben più rilevanti: la guerra, certo, i temi economici ma anche semplicemente la legge elettorale. In verità il più della partita […]
Leggi ora
10 Maggio 2022
Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane
La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui). Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical. Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen […]
Leggi ora
4 Maggio 2022
Aborto in USA: qualcosa non torna
Una "manina" fa uscire in largo anticipo una sentenza della Corte Suprema che renderebbe illegale l'interruzione di gravidanza. A vantaggio di chi, e perché? Con quali conseguenze sulle elezioni di midterm, in cui Biden era dato perdente? E che cosa c'entra con tutto questo il femminismo gender critical, a cui alcuni osservatori liberal intendono dare la colpa?
Una vera bomba politica scagliata a pochi mesi dalle elezioni di midterm la bozza della sentenza della Corte Suprema americana, fortunosamente fuoruscita, che renderebbe l'aborto illegale negli Stati Uniti, rovesciando la storica sentenza Roe v. Wade che lo rese legale nel 1973. Intanto è una bozza, la sentenza definitiva è attesa per giugno. Si tratta inoltre di capire di chi sia la "manina" che l'ha fatta uscire, e perché. Potrebbe essere stato qualcuno dei giudici conservatori (Clarence Thomas, Samuel Alito che avrebbe […]
Leggi ora
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora