Ladri di bambini

7 anni, seriamente malato, un altro minore sottratto con la forza alla mamma e portato in casa-famiglia. In nome della “bigenitorialità" paritaria e della legge 54 sull'affido condiviso, che fa soffrire i bambini e sminuisce il ruolo materno. Ma madre e padre non si equivalgono. Quella norma va cambiata
Condividi questo articolo

Nella notte tra il 26 ed il 27 luglio, appena dopo il giorno di Sant'Anna protettrice delle madri e delle gravide, a VIterbo un altro bambino è stato preso da sua madre e portato con la forza in casa famiglia. Lui ha 7 anni ed è un bambino speciale -soffre di una grave malattia neurologica- e sua madre se ne è presa cura. Ma le madri protettive sono giudicate simbiotiche, "accusate" della sindrome da alienazione parentale, strumento misogino e  ascientifico per eseguire gli allontanamenti disposti per tutelare il diritto alla bigenitorialità dei padri.

Si è fatta una gran fatica a convincere le donne che dal 2006 una legge sciagurata stava creando danni irreversibili ai bambini. La legge 54, in particolare al primo comma del primo articolo riguardante la bigenitorialità e l'affido condiviso, è stata la causa della reintroduzione e legittimazione del principio potestativo del padre.

Nata da un malinteso innesto ideologico paritario in un quadro di grandi disuguaglianze uomo-donna, la legge è stata voluta soprattutto dai padri separati che miravano al mantenimento diretto dei figli. Il successivo progetto Pillon non era che il rafforzamento della legge 54 per ottenere in ogni caso l'esautorazione della madre dalla crescita e dalla gestione anche economica dei bambini.

La legge 54  ha introdotto il principio astratto della parità dell'affido ignorando le relazioni naturali dei bambini. La bigenitorialità è stata perseguita anche contro la loro volontà e messa in atto attraverso l’uso della forza pubblica persino nei casi in cui la madre ha denunciato violenza familiare.

 È un fenomeno che si è diffuso in tutta Europa. Le madri sono forzatamente messe dai padri in un percorso giudiziario con l'accusa di ostacolare la “bigenitorialità”. Subiscono la valutazione della loro capacità genitoriale, sono sottoposte alla osservazione di educatori, sono indagate dagli psicologi in merito alla loro adeguatezza. La loro responsabilità ed il timore per la sicurezza dei figli vengono medicalizzati e criminalizzati. Ma le madri continuano a resistere perché sanno che si può spartire la responsabilità genitoriale, ma non le relazioni.

Le figure della madre e e del padre non sono equivalenti. 

Conosciamo la comunità di professionisti che hanno avvelenato i pozzi con l'invenzione della madre malevola. Hanno costruito un potere professionale al servizio della decostruzione del materno, sono stati il braccio armato della legge al punto che alcune professioniste hanno dovuto avanzare conflitti con la comunità scientifica attraverso protocolli garantisti per le donne ed i bambini. Ma sono solo cure palliative.

I vincoli imposti dalla legge 54 sono ineludibili. La legge 54 non ci dice quali sono gli elementi che identificano la genitorialità in contesti segnati dalle differenze; non prevede l'ascolto del minore, rende oggetti i bambini, campo di esercizi potestativi senza considerazione dei loro bisogni di crescita, di continuità dei legami e dei contesti di vita, senza attribuire alcun valore alla specificità del legame materno. Non dispone eccezioni per i contesti segnati dalla violenza. La legge ha presidiato l'idea che un "comunque padre", con tanto di processo penale in corso per maltrattamenti, avesse  diritto alla sua quota di proprietà dei figli. E così la spirale avvolge i nuclei fragili fino a distruggerli.

Accanto ai costi umani ci sono quelli economici della difesa: consulenze, avvocati, ricorsi, viaggi, contrasto dell'impoverimento perché se non hai reddito non sei adeguata per crescere un figlio. Ascoltare le madri vittime è una discesa in un girone dell'inferno. La dimensione tragica spazza via tutti i distinguo sulle cornici normative europee o le astratte legittimazioni paritarie.

Ladri di bambini
La porta forzata per prelevare il bambino di Viterbo

Come criminali latitanti, come animali braccati, madri e figli sono  trascinati e separati. Le porte divelte, i bambini afferrati tra le urla, uomini costretti a imporre con la forza una legittimità inumana.

Le donne non si arrenderanno fino a che la politica non avvierà un processo di revisione della legge 54. Lo abbiamo appena chiesto ai Prefetti e lo chiediamo a tutte  quelle che inorridiscono nel vedere bambini prelevati persino in ospedale.

Ci sono donne che non vedono i figli da 10 anni, che ne hanno 4 in case famiglia o in affidi temporanei, donne che resistono da otto anni, donne che sanno che il figlio è affidato a un violento. Chiedono ispettori nei tribunali, la revisione della legge, l'intervento degli ordini professionali.

La lotta delle madri è l'imprevisto tragico che ci ha aperto gli occhi sulle attuali forme di segregazione e discriminazione femminile. Un filo rosso collega l'attacco identitario al corpo sessuato, la propaganda dell'utero in affitto, la prostituzione, la precarietà professionale, la fine del sistema assistenziale. Le giovani madri sono le figlie di un tentativo di riscatto fondato su una partita paritaria truccata: hanno dovuto rinunciare materialmente e simbolicamente al corpo generativo. Se riaprissimo questa partita, saremmo un bel pezzo avanti per i bambini e anche per la domanda di coesione saltata con la pandemia.

I prelievi devono cessare ed i bambini tornare a casa.

Nessuna commissione: i tempi rarefatti  della politica non saranno mai compatibili con lo strazio attuale inflitto ai bambini.

Maria Esposito Siotto


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
3 Dicembre 2022
Uk: le Sirene non sguazzano più
Sotto inchiesta Mermaids, ente di "beneficenza" britannico che si occupa di transizione dei minori, allo scopo di appurare i criteri della sua attività che secondo i detrattori incoraggia bambine e bambini sulla strada della "libera identità di genere". Intanto la presidente Susie Green si è improvvisamente dimessa e molte organizzazioni ed enti governativi, a partire dal Dipartimento dell'Educazione, hanno interrotto la collaborazione con l'ente e sospeso i finanziamenti pubblici
Qualche settimana fa Susie Green, leader di Mermaids, associazione di "beneficenza" britannica che si occupa di transizione dei minori, si è improvvisamente dimessa dal suo incarico senza dare alcuna spiegazione. Segnale che tra le Sirene qualcosa non sta funzionando. Mermaids è stata fondata nel 1995 e composta esclusivamente da volontari fino al 2016, quando Green è diventata presidente. Ha sede a Leeds, ufficio a Londra, e conta 44 membri dello staff e 110 volontari. La Charity Commission del governo ha avviato […]
Leggi ora
21 Novembre 2022
I "clienti" di prostituzione sanno benissimo di commettere una violenza
Una ricerca sui compratori di sesso dimostra che gli uomini sono perfettamente consapevoli del fatto che la prostituzione è violenza, che le organizzazioni criminali tengono le donne nel terrore e che non c'è "regolamentazione" che tenga. Ma si fermano solo se rischiano una condanna penale, come accade in Svezia, Norvegia, Canada, Francia, Irlanda, Israele e in altri paesi che hanno introdotto il modello abolizionista. Diversamente continuano a considerare lo stupro a pagamento come un loro diritto
di Julie Bindel La Germania è conosciuta come il bordello d’Europa. È un titolo conquistato faticosamente. Con più di 3.000 bordelli in tutto il Paese, e 500 solo a Berlino, il suo commercio sessuale vale più di 11 miliardi di sterline all’anno. La prostituzione, in tutte le sue forme, è legale in Germania, sin dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Recentemente, però, l’atteggiamento sta cambiando. La gente e i politici chiedono al governo di prendere atto del cosiddetto “stato pappone” e […]
Leggi ora
11 Novembre 2022
Iranian Beauty
In Iran la bellezza femminile diventa la leva di una vera rivoluzione: niente di simile alla mortificazione-mercificazione dei corpi che in Occidente viene propagandata come libertà. La lotta per poter essere donne rivela l'ipocrisia del queer
Sono ormai quasi due mesi che è iniziata la rivolta delle ragazze iraniane contro il velo, un'onda incontenibile che ogni giorno produce di nuove immagini, nuovi contenuti, una ventata di aria fresca rispetto a certe narrazioni sulle donne nel mondo islamico, ma anche uno specchio che rivela quanto di artefatto ci sia dietro tante parole d’ordine politicamente corrette del femminismo intersezionale o transfemminismo. Primo: il velo non è una libera scelta né tantomeno quell'empowerment femminista su cui ci bombarda da […]
Leggi ora
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora
21 Ottobre 2022
Donne-contenitori: prolife e pro-utero in affitto la vedono allo stesso modo
Per gli uni e per gli altri il corpo femminile deve mettersi a disposizione per "produrre" il nascituro rinunciando alla possibilità di scelta una volta che la gravidanza è avviata. Ma una nuova vita inizia davvero solo quando c'è il sì materno: fatto inaggirabile e irraggiungibile dal diritto. Diversamente l'unica possibilità è la coazione
Sul ddl depositato da Maurizio Gasparri per modificare l’articolo 1 del Codice civile e introdurre nel nostro ordinamento il riconoscimento della capacità giuridica al concepito "con l’intento di prevenire l’aborto volontario, in qualsiasi forma, legale o clandestino che sia” si possono dire almeno tre cose. La prima: è altamente improbabile che il ddl arrivi nelle aule parlamentari. L'immediata conseguenza della sua approvazione sarebbe la sostanziale inapplicabilità della legge 194 perché l'aborto equivarrebbe di fatto a un omicidio. Nessuna delle forze di maggioranza […]
Leggi ora
13 Ottobre 2022
Boldrini sbaglia
In nome della bigenitorialità e di un paritarismo ideologico la parlamentare PD propone una modifica dell'art. 37 della Costituzione che parla della relazione tra la madre e il figlio come meritevole di "speciale protezione". Sarebbe un gran regalo "costituzionale" alla lobby dei padri separati sostenuta in particolare dalla Lega. E accrescerebbe i rischi per madri e bambini
Laura Boldrini annuncia la sua intenzione di depositare immediatamente in Parlamento una serie di proposte che chiama "pacchetto diritti". Tra queste, l'idea di una modifica dell'art. 37 della Costituzione in cui si afferma che "La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro devono consentire l'adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione". L'intento di Boldrini è […]
Leggi ora