L'abolizione del genere ci renderà libere-i

Condividi questo articolo

Un testo di Mujeres por l'Aboliciòn

Viviamo in una società patriarcale che si è mantenuta inalterata dalla preistoria ai giorni nostri, in cui è stata stabilita una gerarchia tra gli uomini, coloro che esercitano l'autorità; e le donne, coloro che sono soggette a tale autorità. Questo sistema gerarchico è un costrutto sociale, che è stato riprodotto nel corso della storia assegnando ruoli diversi nella società a donne e uomini: ruoli di genere. Queste convinzioni sono così radicate che abbiamo sostituito il sesso con il genere, nella nostra lingua, quando invece sono realtà diverse.

Il sesso è una realtà biologica. Nel regno animale ci sono due sessi: maschio e femmina. Il sesso è determinato da una coppia di cromosomi sessuali: nei mammiferi, le femmine hanno XX e i maschi hanno XY. Questi cromosomi determinano il sesso con cui nasciamo e le differenze di sesso tra maschi e femmine.

Nel caso della specie umana, le femmine sono chiamate donne e i maschi sono uomini. Poiché il sesso è determinato nella fecondazione, in base alla coppia di cromosomi sessuali che abbiamo ereditato, il sesso non viene scelto. Siamo nati uomini o donne casualmente e per natura.

D'altra parte, il genere non è una realtà biologica verificabile, ma è una costruzione sociale basata su una realtà biologica, il sesso.

Dal momento del concepimento speriamo di conoscere il sesso del feto per decidere di che colore dipingeremo la sua stanza, quali vestiti compreremo o che nome avrà. Quindi, quando nasci bambino, nasci nel mondo blu. Non ti mettono orecchini alla nascita e ti tagliano i capelli. I toni blu e scuri saranno i colori dei tuoi vestiti e dei tuoi giocattoli. Non sei sensibile e delicata come le ragazze, non è permesso piangere perché è un sintomo di debolezza: cose da ragazzina.

Invece, quando nasciamo ragazze, nasciamo nel mondo rosa. Ci lasciano i capelli lunghi, ci mettono gli orecchini, il rosa predomina nei nostri vestiti e giocattoli e siamo emotivamente educate in un modo diverso. Si ritiene che le ragazze siano più dolci e più sensibili.

LABOLIZIONE DEL GENERE CI RENDERALIBERE

Man mano che si cresce le donne adottano questo ruolo passivo nella società, i loro compiti sono riproduttivi, sessuali; e quelli dell'uomo sono di essere dominante e di prendere le decisioni per il controllo della società. Ecco perché siamo cresciuti fin dall'infanzia con questi ruoli di genere distintivi. Bambole per lei, macchine per lui. Impariamo che la maternità e la cura sono i nostri compiti mentre gli uomini imparano a essere i procacciatori da cui dipendiamo e quindi coloro che dirigono e controllano le nostre vite.

Il sesso è una realtà biologica e il genere è l'insieme di norme, credenze e modi di agire che sono nell'immaginario collettivo e vengono assegnati con l'educazione in base al sesso con cui si nasce.

Il sesso non è né buono né cattivo, è naturale ed è la forma di conservazione della specie. Il genere è la creazione del patriarcato al fine di sfruttare le donne in modo sessuale e riproduttivo, relegando il loro ruolo nella società alla sottomissione e all'inferiorità agli uomini. Il genere ha dato inizio al patriarcato ed è ciò che lo ha mantenuto fino ad oggi; ecco perché il genere è ciò che noi femministe vogliamo abolire per creare una società più giusta ed egualitaria in cui le donne siano uguali agli uomini e non subordinate.

E ora dobbiamo analizzare il punto più controverso delle differenze tra sesso e genere. Se non si sceglie il sesso, si può scegliere il genere che è una costruzione sociale? Sebbene sia vero che il genere è culturale, è predeterminato e assegnato al sesso con cui sei nato. Infatti, come abbiamo visto è stato creato proprio per differenziare le donne dagli uomini. Pertanto, non scegli il tuo genere, cioè non scegli l'insieme di ruoli che ti verranno assegnati dal momento in cui nasci. È determinato dal tuo sesso. Il genere ci opprime, costringendoci a vivere in un certo modo che non è sempre quello che vogliamo. Grazie alla lotta femminista, che ci sta rendendo sempre più libere, molte ragazze vogliono il colore blu e giocano a calcio e tanti ragazzi vogliono portare i capelli lunghi, dipingersi le unghie e giocare con le bambole. La società punisce con la discriminazione o addirittura l'esclusione sociale chi osa disobbedire ai ruoli patriarcali, ma che tu preferisca un "colore da ragazza" o abiti simili non ti rende una ragazza. I tuoi cromosomi sono ancora XY, il tuo sesso è ancora maschile, quello che ti ha dato la natura. E non importa quanto ti piacciano il rosa o le fasce per la testa, non cambierai il ruolo che ti è stato assegnato alla nascita in base al tuo sesso, il genere maschile. Il genere è molto più di un colore o di un vestito, è un ampio insieme di norme sociali che impari dal momento in cui nasci e che, sebbene indossi il rosa e glitter, il tuo ruolo sociale è quello del dominio.

Se le donne potessero scegliere il sesso, sceglieremmo tutte quello che è al di sotto dell'altro? Penso di no. Quello che succede è che il patriarcato, per aggrapparsi al suo potere, preferisce espandere le idee di identità di genere e creare ragazze e ragazzi transgender piuttosto che presumere che ragazze e ragazzi, donne e uomini, siano uguali.

(traduzione di Alessia Lento)

https://tribunafeminista.elplural.com/2020/05/la-abolicion-del-genero-nos-hara-libres/

Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
16 Maggio 2024
UK: a scuola non si parlerà più di identità di genere
Nuovo giro di vite del governo Sunak dopo il rapporto Cass che mette in guardia anche sui rischi della transizione sociale dei minori, la cosiddetta "identità alias" che è già stata adottata anche da molte scuole italiane: in classe non si insegnerà più che si può cambiare sesso e l'educazione sessuale sarà calibrata in base all'età. E mai senza il consenso dei genitori
Dopo anni e anni che i transattivisti di associazioni come Stonewall e Mermaids fanno il bello e il cattivo tempo con i loro corsi di educazione sessuale nelle scuole inglesi di ogni ordine e grado, il governo di Rishi Sunak annuncia oggi con la ministra dell’Istruzione Gillian Keegan nuove linee guida obbligatorie per scolari e studenti su questi temi. In classe non si insegnerà più che si può cambiare la propria identità di genere, come è stato fino ad ora […]
Leggi ora
14 Maggio 2024
Da Gaza alle sale parto occidentali, Judith Butler vede fascisti dappertutto
Fasciste, ovviamente, anche noi femministe gender critical, "alleate della destra e del Vaticano". L'intellettuale californiana, rinunciando a ogni sottigliezza filosofica, compila un'agenda politica che coincide con la piattaforma degli universitari in lotta. E auspica un'alleanza tra trans, antifa, movimento pro-Pal, senza casa, persone nere, migranti e anche donne -intese come una delle tante minoranze- per edificare "una democrazia radicale ispirata agli ideali del socialismo". Un resoconto della tappa bolognese del suo trionfale tour europeo
Forse oggi si potrebbe parlare di "Agenda Butler": la sua piattaforma coincide perfettamente con la piattaforma di lotta delle-degli studenti in tutto l'Occidente, con poche certezze sul fatto se sia nato prima l'uovo o la gallina. Certo Judith Butler è a tutti gli effetti la madre delle Gender Theory a cui queste/i studenti (comunque una minoranza) aderiscono con entusiasmo; a loro volta queste/i studenti con le loro mobilitazioni sono fonte di ispirazione per Butler, le loro piattaforme sono anche una […]
Leggi ora
12 Maggio 2024
La festa della non-mamma
La maternità naturale è di destra, quella biotech è di sinistra perché pensata come un diritto e non subita come destino: la diatriba su questo tema tra femminismo radicale e transfemminismo si potrebbe sintetizzare in questo modo. E' tutt'altro che nuova ma si è radicalizzata. Anche perché il contesto è molto cambiato: un conto è il baby boom, un altro le nascite al minimo storico
L'altro giorno alla ministra Eugenia Roccella è stato impedito di dire quello che aveva da dire, giusto o sbagliato che fosse, agli Stati Generali della Natalità. Gli studenti che la contestavano hanno potuto esprimere le proprie istanze -una loro delegata è salita sul palco, e ha infilato anche Gaza nel suo discorso, giusto o sbagliato che fosse- ma questo evidentemente non è bastato perché alla ministra è stato comunque impedito di intervenire. Forse sbaglio, ma se io fossi convinta del […]
Leggi ora
6 Maggio 2024
La chirurgia trans aumenta il rischio-suicidio
Un recentissimo studio su 90 milioni di pazienti dimostra che le persone trans operate corrono "un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico" e necessitano di un supporto psichiatrico. Quindi il coronamento del lungo e faticoso percorso di transizione con la chirurgia "affermativa" non assicura il raggiungimento del benessere sperato
"La chirurgia per l’affermazione di genere è associata a un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, suicidio/autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico rispetto ai gruppi di controllo in questo database del mondo reale. Poiché il suicidio è una delle cause di morte più comuni tra gli adolescenti e gli individui di mezza età, è chiaro che dobbiamo lavorare per prevenire questi esiti sfortunati. Ciò rafforza ulteriormente la necessità di un’assistenza psichiatrica completa negli anni che seguono la chirurgia per […]
Leggi ora
5 Maggio 2024
Saman: la "loro cultura" come attenuante
Il matrimonio della ragazza era «combinato e non forzato» e nel giudizio «bisogna tenere conto anche della cultura del reo»: le motivazioni della sentenza (firmata da giudici donne) per il brutale assassinio della giovane pakistana lasciano sconcertate. Così come l'autosessismo della madre che sarebbe l'esecutrice materiale del delitto. Di questo passo, secondo le proiezioni Unicef, la bambine continueranno a essere vendute a uomini almeno per i prossimi 300 anni
Nella foto, un manifesto con il volto di Saman composto dalle foto di tante donne vittime della violenza maschile. La storia di Saman Abbas è una ferita aperta. Uccisa dalla sua famiglia tre anni fa, il corpo occultato ritrovato a più di un anno dalla morte. All’inizio di quest’anno il funerale, con grande partecipazione della gente comune. Pochi giorni fa sono arrivate le motivazioni della sentenza del processo in primo grado alla famiglia di Saman del dicembre scorso: ergastolo ai […]
Leggi ora
25 Aprile 2024
Sull'aborto solo propaganda: "Emendamento fuffa, buono per la campagna elettorale"
Il comma recentemente approvato che autorizza le associazioni pro life a entrare nei consultori in realtà non aggiunge e non cambia quanto già previsto dalla legge 194. Lo spiegano Marina Terragni e Francesca Izzo. E anche i Pro Vita si affrettano a precisare: non entreremo nei consultori. Il tema è buono per lo scontro politico in vista delle Europee. Ma la legge resta tale e quale
E' triste dover parlare di aborto a comando: l'aborto è un'esperienza complessa e dolorosa per la stragrande maggioranza delle donne. "Per il piacere di chi sto abortendo?": Carla Lonzi sintetizzava la questione in questo modo. E' tristissimo che il tema venga agitato in campagna elettorale, da una parte e dall'altra, e che ci si senta obbligate a dire qualcosa. Nei giorni scorsi la destra ha proposto e fatto passare con la fiducia un emendamento al PNRR che autorizzerebbe i pro-life […]
Leggi ora