L'abolizione del genere ci renderà libere-i

Condividi questo articolo

Un testo di Mujeres por l'Aboliciòn

Viviamo in una società patriarcale che si è mantenuta inalterata dalla preistoria ai giorni nostri, in cui è stata stabilita una gerarchia tra gli uomini, coloro che esercitano l'autorità; e le donne, coloro che sono soggette a tale autorità. Questo sistema gerarchico è un costrutto sociale, che è stato riprodotto nel corso della storia assegnando ruoli diversi nella società a donne e uomini: ruoli di genere. Queste convinzioni sono così radicate che abbiamo sostituito il sesso con il genere, nella nostra lingua, quando invece sono realtà diverse.

Il sesso è una realtà biologica. Nel regno animale ci sono due sessi: maschio e femmina. Il sesso è determinato da una coppia di cromosomi sessuali: nei mammiferi, le femmine hanno XX e i maschi hanno XY. Questi cromosomi determinano il sesso con cui nasciamo e le differenze di sesso tra maschi e femmine.

Nel caso della specie umana, le femmine sono chiamate donne e i maschi sono uomini. Poiché il sesso è determinato nella fecondazione, in base alla coppia di cromosomi sessuali che abbiamo ereditato, il sesso non viene scelto. Siamo nati uomini o donne casualmente e per natura.

D'altra parte, il genere non è una realtà biologica verificabile, ma è una costruzione sociale basata su una realtà biologica, il sesso.

Dal momento del concepimento speriamo di conoscere il sesso del feto per decidere di che colore dipingeremo la sua stanza, quali vestiti compreremo o che nome avrà. Quindi, quando nasci bambino, nasci nel mondo blu. Non ti mettono orecchini alla nascita e ti tagliano i capelli. I toni blu e scuri saranno i colori dei tuoi vestiti e dei tuoi giocattoli. Non sei sensibile e delicata come le ragazze, non è permesso piangere perché è un sintomo di debolezza: cose da ragazzina.

Invece, quando nasciamo ragazze, nasciamo nel mondo rosa. Ci lasciano i capelli lunghi, ci mettono gli orecchini, il rosa predomina nei nostri vestiti e giocattoli e siamo emotivamente educate in un modo diverso. Si ritiene che le ragazze siano più dolci e più sensibili.

LABOLIZIONE DEL GENERE CI RENDERALIBERE

Man mano che si cresce le donne adottano questo ruolo passivo nella società, i loro compiti sono riproduttivi, sessuali; e quelli dell'uomo sono di essere dominante e di prendere le decisioni per il controllo della società. Ecco perché siamo cresciuti fin dall'infanzia con questi ruoli di genere distintivi. Bambole per lei, macchine per lui. Impariamo che la maternità e la cura sono i nostri compiti mentre gli uomini imparano a essere i procacciatori da cui dipendiamo e quindi coloro che dirigono e controllano le nostre vite.

Il sesso è una realtà biologica e il genere è l'insieme di norme, credenze e modi di agire che sono nell'immaginario collettivo e vengono assegnati con l'educazione in base al sesso con cui si nasce.

Il sesso non è né buono né cattivo, è naturale ed è la forma di conservazione della specie. Il genere è la creazione del patriarcato al fine di sfruttare le donne in modo sessuale e riproduttivo, relegando il loro ruolo nella società alla sottomissione e all'inferiorità agli uomini. Il genere ha dato inizio al patriarcato ed è ciò che lo ha mantenuto fino ad oggi; ecco perché il genere è ciò che noi femministe vogliamo abolire per creare una società più giusta ed egualitaria in cui le donne siano uguali agli uomini e non subordinate.

E ora dobbiamo analizzare il punto più controverso delle differenze tra sesso e genere. Se non si sceglie il sesso, si può scegliere il genere che è una costruzione sociale? Sebbene sia vero che il genere è culturale, è predeterminato e assegnato al sesso con cui sei nato. Infatti, come abbiamo visto è stato creato proprio per differenziare le donne dagli uomini. Pertanto, non scegli il tuo genere, cioè non scegli l'insieme di ruoli che ti verranno assegnati dal momento in cui nasci. È determinato dal tuo sesso. Il genere ci opprime, costringendoci a vivere in un certo modo che non è sempre quello che vogliamo. Grazie alla lotta femminista, che ci sta rendendo sempre più libere, molte ragazze vogliono il colore blu e giocano a calcio e tanti ragazzi vogliono portare i capelli lunghi, dipingersi le unghie e giocare con le bambole. La società punisce con la discriminazione o addirittura l'esclusione sociale chi osa disobbedire ai ruoli patriarcali, ma che tu preferisca un "colore da ragazza" o abiti simili non ti rende una ragazza. I tuoi cromosomi sono ancora XY, il tuo sesso è ancora maschile, quello che ti ha dato la natura. E non importa quanto ti piacciano il rosa o le fasce per la testa, non cambierai il ruolo che ti è stato assegnato alla nascita in base al tuo sesso, il genere maschile. Il genere è molto più di un colore o di un vestito, è un ampio insieme di norme sociali che impari dal momento in cui nasci e che, sebbene indossi il rosa e glitter, il tuo ruolo sociale è quello del dominio.

Se le donne potessero scegliere il sesso, sceglieremmo tutte quello che è al di sotto dell'altro? Penso di no. Quello che succede è che il patriarcato, per aggrapparsi al suo potere, preferisce espandere le idee di identità di genere e creare ragazze e ragazzi transgender piuttosto che presumere che ragazze e ragazzi, donne e uomini, siano uguali.

(traduzione di Alessia Lento)


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
30 Maggio 2023
Spagna: anche il sesso woke tra le ragioni della fine di Podemos
Ley Trans. Legge “solo sì è sì” che ha ridotto le pene ai criminali sessuali. E ora anche un Manifesto per l’educazione sessuale per tutt* che mette a rischio la sicurezza di bambine e bambini. Lo spirito è sempre lo stesso: una sessualità queer promossa dalla ministra uscente Irene Montero. Che però a quanto pare elettrici ed elettori non gradiscono. Un’analisi della docente Juana Gallego, femminista colpita dalla cancel culture
Alle elezioni amministrative di ieri in Spagna la sinistra ha rovinosamente perso -come in Italia, del resto. In particolare si è registrata la bruciante sconfitta di Podemos che in molte regioni arriva quasi a estinguersi. Nelle analisi sul voto spagnolo forse non si dà sufficiente rilievo a due leggi-manifesto di Podemos, e in particolare della ministra transfemminista Irene Montero: la legge “Solo sì è sì”, che ha ridotto le pene per i crimini sessuali, e la Ley Trans, che ha […]
Leggi ora
22 Maggio 2023
Transgender: la vittoria del Puer Aeternus
Evoluzione dell’unisex che lottava contro gli stereotipi di genere, il fenomeno “gender” tra le/gli adolescenti esprime il tentativo di sottrarsi al debito-onere biologico e il bisogno di sentirsi disimpegnati rispetto alla natura matrigna. Ma il transgender non è affatto artefice di sé stesso: semmai è succube di uno “spirito” totipotente che schiavizza mente e psiche. E il movimento gay che sostiene la simulazione puerile non vede che è proprio l’identità omosessuale a far la fine peggiore
L’ideologia transgender va oltre la rivendicazione transessuale della costruzione del sesso mediante sottrazione o addizione di qualcosa a partire da una matrice, perché contesta l’esistenza stessa del maschio e della femmina, e soprattutto della seconda, rendendo il genere femminile un prodotto di norme educative, bricolage o artigianato fai da te, negozio di estetica, laboratorio chimico, tavolo chirurgico. Entrambe si appellano alla “verità” della creazione onnipotente dei sessi, destituiti di effettiva realtà. Le giovani donne in particolare sono purtroppo terreno fertile […]
Leggi ora
15 Maggio 2023
Jama: quando gli uomini partoriscono
In un incredibile studio di recente pubblicazione la rivista dell’American Medical Association, tra le più importanti del settore, prova a dare fondamento scientifico all’idea che il parto non sia un’esperienza solo femminile. Perché se fosse esclusiva sarebbe anche escludente. Un’operazione sul linguaggio in colluttazione con la realtà
Come si sa ci sono parole che non si possono più utilizzare soprattutto nei documenti e negli studi scientifici internazionali. In cima all'elenco delle parole tabuizzate tutti i termini che hanno a che vedere con la differenza femminile intesa come possibilità esclusiva di mettere al mondo esseri umani, e dunque: "donna" -se biologicamente intesa e non aperta a definire persone non nate donne-, "madre" e "materno", "seno", con riferimento all'allattamento e così via. L'operazione sul linguaggio ha l'obiettivo di qualificare […]
Leggi ora
13 Maggio 2023
Nelle norme contro la violenza sulle donne si parli di sesso e non di "identità di genere": lettera aperta al Parlamento Europeo
La violenza contro le donne non si potrà contrastare se i testi di leggi e trattati non faranno chiaramente riferimento al sesso e non al “genere”. Ci uniamo a gruppi femministi e gender critical in un appello ai parlamentari europei che si esprimeranno sulla proposta antiviolenza della Commissione: scrivete chiaramente nel testo che le donne e le ragazze sono le persone di sesso femminile e non lasciate alcuno spiraglio alla gender ideology
Anche noi abbiamo sottoscritto la lettera alla Commissione europea sulla lotta alla violenza contro le donne e agli abusi domestici redatta da WORIADS, coalizione di cittadine-i gender critical che ha l’obbiettivo di informare e sensibilizzare le istituzioni europee sui pericoli dell’identità di genere. La lettera chiede che le norme europee sulla violenza contro le donne riconoscano chiaramente la categoria del sesso biologico. Riportiamo a seguire il testo completo che sarà inviato ai membri del Parlamento Europeo che si esprimeranno sulla […]
Leggi ora
8 Maggio 2023
ANCHE LA GERMANIA AVRA' LA SUA LEY TRANS
Il Bundestag si prepara a votare una proposta sul modello dell’orribile legge spagnola che consente la libera scelta del genere anche ai minori con una semplice autodichiarazione all’anagrafe (oltre alla possibilità di cambiare più volte idea). Anche qui in prima linea una donna di sinistra omologa di Irene Montero: la ministra Verde per gli Affari Femminili Lisa Paus. Ma servirà il parere della Corte Costituzionale Federale che esprime molti dubbi sulla cancellazione della categoria “sesso”
Che cos'è una donna? La risposta che il ministro della Giustizia Buschmann (FDP, Partito Liberale Democratico) e la ministra per gli Affari Femminili Lisa Paus (Verdi, nella foto) danno a questa domanda è: una donna è chi dichiara di essere una donna. Questo è il fulcro del "progetto di legge sull'autodeterminazione in materia di registrazione di genere" che entrambi i ministeri hanno ora presentato. Con una semplice dichiarazione all'anagrafe, in futuro tutti potranno cambiare il proprio sesso: da maschio a […]
Leggi ora
1 Maggio 2023
UK: "I nostri figli indottrinati a scuola". Genitori di bambini "trans" fanno causa al governo
“Avete rovinato i nostri figli”: famiglie di minori che si dichiarano “dell’altro sesso” chiamano in giudizio il Dipartimento dell’Istruzione britannico per avere consentito il trans-indottrinamento nelle scuole a opera di Stonewall e di altre potenti organizzazioni Lgbtq -la stessa propaganda che da noi si sarebbe voluta introdurre con il ddl Zan-. E per non essere state informate per tempo sui disagi dei ragazzi. L’iniziativa potrebbe travolgere come una valanga il governo inglese che corre ai ripari ordinando un’inchiesta indipendente ed elaborando nuove linee guida
Un gruppo di genitori di cosiddetti “bambini trans” farà causa al Ministero dell'Istruzione inglese (Department of Education) per aver instradato i loro figli verso la devastante transizione medica. In particolare, i genitori accusano il ministero di non aver fornito indicazioni agli insegnanti e di non aver fatto nulla per impedire che un'ideologia di genere "dannosa", spinta dai gruppi di pressione LGBT, prendesse piede in migliaia di scuole. Della transpropaganda nelle scuole abbiamo parlato molte volte: per approfondire vedere qui, e […]
Leggi ora