Iranian Beauty

In Iran la bellezza femminile diventa la leva di una vera rivoluzione: niente di simile alla mortificazione-mercificazione dei corpi che in Occidente viene propagandata come libertà. La lotta per poter essere donne rivela l'ipocrisia del queer
Condividi questo articolo

Sono ormai quasi due mesi che è iniziata la rivolta delle ragazze iraniane contro il velo, un'onda incontenibile che ogni giorno produce di nuove immagini, nuovi contenuti, una ventata di aria fresca rispetto a certe narrazioni sulle donne nel mondo islamico, ma anche uno specchio che rivela quanto di artefatto ci sia dietro tante parole d’ordine politicamente corrette del femminismo intersezionale o transfemminismo.

Primo: il velo non è una libera scelta né tantomeno quell'empowerment femminista su cui ci bombarda da anni la sinistra occidentale e liberale, che da troppi anni ormai sostiene e promuove la diffusione e la glamourizzazione di questo "indumento" (sempre più diffuso nelle giovanissime nelle scuole, tanto qui da noi quanto in Francia, dove la partita identitaria ha raggiunto picchi drammatici), con il sostegno più o meno esplicito a gruppi dell’Islam radicale.

Fino a un paio di anni fa le nostre politiche in visita in Iran o che ricevevano a Roma membri autorevoli di quel regime teocratico, ostentavano un devotissimo e modestissimo velo nonostante le dure proteste anti-velo delle prime martiri (il nome è questo) di una causa che oggi scuote alle fondamenta l’Iran. Da qualche giorno ecco la nuova e creativa forma di protesta di quelle straordinarie ragazze che vengono riprese e fotografate mentre colpiscono alle spalle i mullah facendo cadere nella polvere il turbante e scappando via: un gesto geniale, irriverente, genuino, anarchico, scorrettissimo che di sicuro rimarrà nella storia

Niente chiacchiere, niente proclami, un gesto semplice, spontaneo, quasi infantile, davvero iconico. Molto più di tante inutili parole.

Secondo: le iraniane chiedono diritti “normali”, vivere, studiare, lavorare, muoversi, niente sex work is work, uteri in affitto, ormoni ai bambini, pornografia femminista ed altre amenità sulle quali da noi ci si dilania. Figuriamoci se le scalfisce la paura di sembrare politicamente scorrette, fatto che da noi paralizza perfino il pensiero: hanno capito benissimo che i patriarchi, con o senza barba, sunniti o sciiti, laici o religiosi, conservatori o progressisti, sono tutti uguali nell’opprimere, picchiare e uccidere le donne. Niente occhi bassi, “modest fashion” o moda halal tanto cara agli stilisti occidentali che si fregano le mani per un mercato colossale, niente influencer “autodeterminate” che insegnano alle proprie followers come acconciare il proprio strumento di oppressione in modo vezzoso e cool: loro lo strappano via, gli danno fuoco.

Terzo: i capelli. Nei primi giorni della protesta tutte incantate dal gesto trasgressivo delle sorelle che si tagliavano i capelli in piazza, subito imitate da attrici, cantanti e giornaliste occidentali che in realtà hanno spuntato le proprie chiome solo di pochi centimetri. Foto e video ci mostrano trecce, boccoli, acconciature che non vedevamo da quasi un secolo, dai tempi delle “maschiette” che rivendicavano testine moderne e pratiche, caschetto e frangia corta. Qui al contrario la libertà si avvale dell’esibizione di chiome degne di Dee antiche, pazientemente curate di nascosto e ora ostentate come orgoglio, sfida ad un potere maschile che le vede con desiderio da temere per la sua distruttività, potentissimo strumento di seduzione e dunque perdizione per gli occhi dei pii difensori della morale e del buoncostume.

Quarto: la bellezza. Nei video e nelle immagini e iraniane sono bellissime, e questo squaderna tante nostre convinzioni e pregiudizi sul fatto che il femminismo spesso chieda la rinuncia alla bellezza intesa come cedimento al desiderio maschile. Una storia che viene da lontano, che ci lacera nel profondo e ci divide: Gloria Steinem ricordava quanto la sua avvenenza sia stata per lei un vero handicap, che diminuiva la sua credibilità. Per liberarci dalla morsa patriarcale dovremmo rinunciare alla bellezza che leggiamo come stereotipo e subordinazione.

Il movimento delle donne iraniane, radicalmente antipatriarcale, non ha bisogno di questo, né di matrioske baffute o mutilazioni. E nemmeno di tagliarsi i capelli. Quel gesto non significa rinunciare alla bellezza in cambio di libertà.

Le iraniane non parlano di corpi non conformi, il loro corpo è quanto di più conforme e dunque quanto di più pericoloso ci sia . Loro sanno benissimo di essere oppresse proprio a causa di quel corpo sessuato, tanto desiderato, tanto invidiato, tanto temuto dai maschi degli ultimi 5000 anni a ogni latitudine. E hanno capito che questa guerra non la vinceranno nascondendosi, mutilandosi e mortificandosi.

Vanno a testa alta e libera, i loro corpi sono in piazza e nelle strade, corpi diversissimi da come li pensa l'Occidente liberale, corpi sani, non denudati, non esibiti, non mercificati, non pornificati, non mutilati, non ormonizzati. Sguardi limpidi e fieri, visi di una bellezza antica. Vedi queste ragazze e si rivela l'ipocrisia del queer (qui la splendida risposta della scrittrice pakistana Bina Shah a Judith Butler): loro sfidano il carcere e la morte proprio per essere donne.

Anna Perenna


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
29 Febbraio 2024
Una nuova AGEDO?
La storica Associazione Genitori di Omosessuali ha molto lavorato per l’accettazione e la non discriminazione di gay e lesbiche e oggi dedica molte delle sue iniziative ai minori con disforia di genere. Con un approccio sostanzialmente affermativo cioè di supporto alla transizione. In un recente webinar è stato detto forse si dovrebbe interrompere la relazione con i familiari che si oppongono e che ragionare sugli effetti dei puberty blocker è fuori tema. Per menzionare solo alcune delle più sorprendenti affermazioni
AGEDO (Associazione Genitori Di Omosessuali) è stata una realtà importante nata nel 1993 per iniziativa di Paola Dall'Orto, fondatrice e presidente fino al 2007 e insignita nel 2009 del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica per la sua attività: "Lo scopo" aveva spiegato "era quello di aiutare quei genitori che si fossero trovati nella nostra stessa situazione: in uno stato di disagio, spesso di disperazione, e quasi sempre nell’ignoranza sull’argomento […] Abbiamo pensato di aiutare questi genitori a conoscere cosa non […]
Leggi ora
25 Febbraio 2024
Il "latte" degli uomini
Il Servizio Sanitario Nazionale inglese assicura che il latte prodotto da un corpo maschile -stimolato con terapia farmacologica ad hoc- è buono per il neonato come quello di sua madre, che viene cancellata. Minimizzando i rischi per la salute del bambino ampiamente compensati dai benefici ideologici e simbolici. È il transumano, bellezze!
Il "latte" degli uomini è un esempio perfetto di quello che chiamiamo transumano. Il latte delle donne invece è umano, troppo umano, è il modello perfetto dell'umano che resiste e perciò l'allattamento naturale va degradato, sbeffeggiato, stigmatizzato come qualcosa di cui vergognarsi e da tenere nascosto. Anzi, è un atto perfino inutile e poco etico. Viceversa promuovere e magnificare l'"allattamento" maschile indica plasticamente la strada da percorrere. Secondo la prestigiosa rivista Pediatrics, organo dell’American Academy of Pediatrics, è «rischioso» definire […]
Leggi ora
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
11 Gennaio 2024
Bambini stupratori: rapporto shock in UK
In Gran Bretagna 18 stupri al giorno vengono commessi da minori sui loro coetanei: nel 2022 questi casi sono stati 15 mila quasi sempre a opera di giovanissimi maschi. Un rapporto della polizia britannica dimostra come il libero accesso alla pornografia violenta online sta normalizzando i comportamenti sessuali criminali in Inghilterra e in tutti gli altri Paesi occidentali
Da anni segnaliamo i danni psicologici e materiali prodotti su un'intera generazione dal libero accesso alla pornografia violenta online, consumata da bambini e bambine a partire dai 7 anni ma anche molto prima: gli stupri di gruppo commessi dai minori sono solo la punta dell'iceberg di questo fenomeno drammatico che oggi è stato analizzato e quantificato da uno studio delle polizia britannica. Su questo tema potete trovare articoli precedenti qui, qui, qui, qui, qui e qui. Siamo state quasi solo […]
Leggi ora