Fare montagne di soldi con l'"identità di genere"

Il business tecno-medico fattura nel suo complesso 10 trilioni di dollari l'anno. Per crescere deve conquistare nuovi mercati. L'ideologia che promuove la libera scelta del sesso apre un territorio sterminato. Jennifer Bilek spiega definitivamente e nel dettaglio come -e da chi- l'agenda Lgb è stata messa al servizio della gender industry
Condividi questo articolo

Una delle tattiche più brillanti usate dalla gender industry nella sua lotta allo smantellamento del dimorfismo sessuale umano per il profitto del complesso tecno-medico (TMC) è stata quella di unire la propria agenda di promozione della dissociazione del corpo, al movimento progressista dei diritti umani per le persone LGB.

Questo è particolarmente evidente in un'attuale causa legale intentata dall'American Civil Liberties Union (ACLU) contro lo stato dell'Arkansas. L'ACLU sta utilizzando una donazione di 15 milioni di dollari da parte di due uomini gay, Jon Stryker - erede della fortuna medica della Stryker Corporation che vale 14,7 miliardi di dollari - e suo marito, Slobodan Randjelović, per abolire un divieto statale che proibisce la sperimentazione farmacologica e chirurgica sul sesso dei bambini.

Il profitto del TMC è lo sfondo su cui si sviluppa l'attuale lotta LGBT, che nasconde dietro un'ideologia promossa come progresso le identità mediche relative al sesso umano.

L'industria sanitaria globale è un'industria da 10 trilioni di dollari. Per crescere all'interno di un'economia capitalista, deve creare nuovi mercati. Le identità mediche basate sul sesso alimentano questa industria ed è per questo che il nome di "transessualità" dato a farmaci e interventi chirurgici relativi al sesso è diventato "transgender". Il marchio "transessuale" pet farmaci e interventi chirurgici interessava solo una piccola base di uomini adulti con feticismo sessuale che sceglievano di colonizzare il sesso opposto. Il marchio "transgender" è il repackaging di questo feticismo destinato ai giovani, per rivolgersi a un mercato più ampio attraverso una normalizzazione aziendale.

L'attuale campagna pubblicitaria in corso che utilizza individui affascinanti e mitici che non sono né maschi né femmine è venduta come cura perfetta per una popolazione di adolescenti ansiosi e demotivati. Le giovani possono ricevere testosterone a domicilio, mastectomie per disforia corporea o semplicemente per mascolinizzare il loro aspetto. Le isterectomie possono essere eseguite in tutto o in parte, a seconda di come ci si sente, e le operazioni non binarie danno agli uomini la possibilità di mantenere il loro pene mentre invertono il loro sacco scrotale in un foro improvvisato per la penetrazione.

Il sesso come spettro o il sesso umano decostruito in parti funziona molto bene per il TMC e la Stryker Corporation che vende forniture mediche e dispositivi chirurgici. Come specie, siamo molto più redditizi in pezzi che interi.

Il marchio "transgender" apre anche la strada per sostenere il mercato della fecondazione assistita (AFM) creando nuove adesioni al mercato dei consumatori LGB che useranno anche AFM per creare le loro famiglie. La sterilizzazione dei bambini crea nuovi consumatori sia per AFM che per TMC. Più la gente si affida alle tecnologie riproduttive, più la nostra specie, che è radicata nel sesso, si trasforma in qualcosa che va oltre l'umano, qualcosa che è più intrinsecamente legato a TMC.

La Fondazione Arcus, con la sua base in America e una filiale nel Regno Unito, è usata come facciata filantropica per i profitti di Stryker Medical (e della TMC in generale) di cui, come già detto, il fondatore della Fondazione Arcus è l'erede. Jon Stryker ha usato la Fondazione Arcus, la più grande organizzazione non governativa (ONG) LGBT del mondo, per inviare mezzo miliardo di dollari di denaro della Stryker Corporation in tutto il mondo al fine di sostenere l'"identità di genere".

I massmedia mainstream stanno aiutando a consolidare la produzione di esseri sessuati che non sono maschi né femmine.

La Fondazione Arcus ha invaso la comunità degli psicologi, e le sue enormi macchine di finanziamento hanno portato l'ideologia di genere nelle nostre istituzioni educative, sportive, religiose e mediche, così come nelle organizzazioni per i diritti umani. Il denaro della società medica Stryker, travestito da diritti umani, ha catturato anche l'ACLU, un tempo bastione liberale in difesa dei diritti individuali e delle libertà garantite ad ogni persona dalla costituzione degli Stati Uniti.

L'ACLU si è trasformata in un portavoce dell'ideologia gender della TMC, indicata come nuovo stile di vita progressista. Ha ricevuto 4.705.000 dollari in finanziamenti dalla Fondazione Arcus dal 2007 al 2018. L'anno scorso, Jon Stryker ha deciso di finanziare l'ACLU usando il suo capitale privato anziché la sua ONG LGBT come aveva fatto dal 2007. Sono gli stessi soldi, dato che ha sottolineato che il finanziamento della Fondazione Arcus proviene dalle azioni della Stryker Corporation e che la sua donazione è condizionata all'adesione dei destinatari all'ideologia di genere. Questa particolare donazione all'ACLU è la più grande mai finalizzata ai diritti LGBTQ+ e, come spiega l'articolo di Forbes, è espressamente destinata alla battaglia in Arkansas. Il cambiamento nella presentazione delle fonti di finanziamento è per rendere chiaro che la fetta della torta da 4,6 miliardi di dollari di Jon Stryker Corporation sta sostenendo il perseguimento della medicalizzazione dei corpi sani dei bambini e per dissuadere gli studi legali dal prendere ulteriori azioni contro la TMC? Sembra che Stryker stia proteggendo il brand "transgender" inviando un chiaro messaggio sul potere dei suoi miliardi di plasmare la legge.

Ci sono altri diciassette stati schierati a sostegno del divieto dell'Arkansas, ognuno con la propria legislazione per proteggere i giovani da manipolazioni mediche sperimentali sul loro sesso, quindi non c'è da meravigliarsi che Stryker sia in ansia. Le perizie affermano chiaramente che le procedure sperimentali di "transizione di genere" vietate dall'Arkansas sono insicure dal punto di vista medico e scientifico, che le ricerche sulla "transizione di genere" pediatrica sono insufficienti, e che queste procedure sperimentali comportano gravi rischi per il resto della vita, rischi che i bambini non possono comprendere totalmente.

Ma 15 milioni di dollari da un colosso medico come la Stryker Corporation possono andare molto lontano nel dissuadere gli studi legali ad intraprendere cause contro la TMC in futuro, se il divieto in Arkansas non reggerà.

L'Arkansas è un'importante fonte di reddito per la Stryker Corporation, poiché lì è localizzato uno dei suoi 57 uffici presenti in 36 Paesi. Il dipartimento di scienze mediche dell'Università dell'Arkansas ha speso cinque milioni e mezzo di dollari in forniture mediche Stryker dal 2019-2020 (Pdf.).

Chase Strangio, una donna che si qualifica uomo, è vicedirettore per la giustizia transgender per il Progetto LGBT e HIV dell'ACLU, il progetto finanziato da Stryker e Slobodan Randjelovic, e firmatario legale della denuncia presentata contro l'Arkansas. Strangio è stata nominata una delle 100 persone più influenti del 2020 dal TIME Magazine. È uscita allo scoperto e ha dichiarato che "non esiste una cosa binaria e coerente chiamata "sesso biologico"". Jon Stryker e Slobodan Randjelović mostrano questo stesso disprezzo per i corpi sani dei bambini mentre agiscono impunemente per danneggiare il loro sesso. Strangio è anche la principale sostenitrice della lotta di ACLU per porre fine allo sport femminile.

L'infiltrazione nelle nostre istituzioni da parte dell'ideologia dell'identità di genere guidata dalla filantropia miliardaria proveniente dalla TMC è anche promossa dalla Human Rights Campaign (HRC) e dalla Human Rights Campaign Foundation. La HRC è l'organizzazione per i diritti creata per promuovere i diritti delle persone LGB che ora include una sottocategoria di individui che si identificano in base all'autopercezione e non al sesso. Ha 3 milioni di membri. Chad Griffin, nato a Hope Arkansas, è uno stratega politico che ha fatto volontariato con l'ex presidente Clinton ed è diventato presidente della HRC dal 2012-2019.

L'HRCF, secondo Influence Watch, fa leva sulla posizione dell'HRC come "rappresentante" de-facto della comunità LGBT (simile ma molto più ampia di Stonewall del Regno Unito) per fare pressione su grandi aziende, studi legali, ospedali e governi locali per implementare ed espandere le politiche pro-LGBT, sostenendo finanziariamente HRC e ritirando il sostegno dalle organizzazioni conservatrici e basate sulla fede, minacciandole subdolamente di conferire loro punteggi bassi sul suo Corporate Equality Index, Healthcare Equality Index, che valuta più di 1.700 strutture sanitarie a livello nazionale, e il Municipal Equality Index "scorecards". Nel 2015 e 2016 l'ospedale pediatrico dell'Arkansas è stato elencato come leader nell'uguaglianza sanitaria LGBT dalla HRC. Nel 2020, la sua clinica pediatrica di genere ha ricevuto lo status di top performer.

Considerando che il mercato globale dei consumatori LGBT è ora di 3,7 trilioni di dollari, le aziende, le organizzazioni e le istituzioni hanno poche alternative al sostegno di questa realtà e alla sua spinta a smantellare il sesso, per non essere considerati come discriminatori dai consumatori e dalle aziende.

È la propaganda di TMC a guidare la narrazione che la dissociazione dalla propria realtà sessuata è una scelta progressista. E' l'industria che guida l'ideologia di genere nelle nostre scuole (k-12 così come le università), nelle nostre istituzioni mediche e civili, nelle nostre organizzazioni per i diritti umani e nelle nostre case. TMC è il beneficiario delle nuove identità illusorie che si manifestano sradicando l'uomo dal suo sesso. Se vogliamo avere qualche successo nel fermarli, vanno smascherati insieme alla loro grandiosa menzogna.

Non c'è nessun "transgender". Non c'è "un'identità di genere". Si tratta di una finzione aziendale coltivata per vendere modifiche del corpo che ci sradicano dalla nostra realtà sessuata.

Jennifer Bilek

articolo originale qui


Articolo originale qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
20 Maggio 2024
Perché l'Italia non ha firmato la dichiarazione UE sui diritti LGBTIQ (ne ha firmato un'altra però)
Passata sotto silenzio la dichiarazione contro l’omolesbobitransfobia sottoscritta in Europa da tutti gli stati membri. Grande clamore mediatico invece su una seconda dichiarazione non firmata dall’Italia perché fortemente sbilanciata sull’identità di genere sul modello del fu-ddl Zan: ecco tutti i punti critici
Qualche giorno fa in occasione della Giornata Internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia (IDAHOT) in Europa è passata all'unanimità -Italia compresa, quindi- la seguente risoluzione: 1498th Meeting of the Committee of Ministers (7 May 2024) - EU Statement ahead of the International Day Against Homophobia, Biphobia and Transphobia on 17 May07.05.2024 Press and information team of the Delegation to the COUNCIL OF EUROPE in StrasbourgI have the honour to speak on behalf of the European Union and its […]
Leggi ora
16 Maggio 2024
UK: a scuola non si parlerà più di identità di genere
Nuovo giro di vite del governo Sunak dopo il rapporto Cass che mette in guardia anche sui rischi della transizione sociale dei minori, la cosiddetta "identità alias" che è già stata adottata anche da molte scuole italiane: in classe non si insegnerà più che si può cambiare sesso e l'educazione sessuale sarà calibrata in base all'età. E mai senza il consenso dei genitori
Dopo anni e anni che i transattivisti di associazioni come Stonewall e Mermaids fanno il bello e il cattivo tempo con i loro corsi di educazione sessuale nelle scuole inglesi di ogni ordine e grado, il governo di Rishi Sunak annuncia oggi con la ministra dell’Istruzione Gillian Keegan nuove linee guida obbligatorie per scolari e studenti su questi temi. In classe non si insegnerà più che si può cambiare la propria identità di genere, come è stato fino ad ora […]
Leggi ora
14 Maggio 2024
Da Gaza alle sale parto occidentali, Judith Butler vede fascisti dappertutto
Fasciste, ovviamente, anche noi femministe gender critical, "alleate della destra e del Vaticano". L'intellettuale californiana, rinunciando a ogni sottigliezza filosofica, compila un'agenda politica che coincide con la piattaforma degli universitari in lotta. E auspica un'alleanza tra trans, antifa, movimento pro-Pal, senza casa, persone nere, migranti e anche donne -intese come una delle tante minoranze- per edificare "una democrazia radicale ispirata agli ideali del socialismo". Un resoconto della tappa bolognese del suo trionfale tour europeo
Forse oggi si potrebbe parlare di "Agenda Butler": la sua piattaforma coincide perfettamente con la piattaforma di lotta delle-degli studenti in tutto l'Occidente, con poche certezze sul fatto se sia nato prima l'uovo o la gallina. Certo Judith Butler è a tutti gli effetti la madre delle Gender Theory a cui queste/i studenti (comunque una minoranza) aderiscono con entusiasmo; a loro volta queste/i studenti con le loro mobilitazioni sono fonte di ispirazione per Butler, le loro piattaforme sono anche una […]
Leggi ora
12 Maggio 2024
La festa della non-mamma
La maternità naturale è di destra, quella biotech è di sinistra perché pensata come un diritto e non subita come destino: la diatriba su questo tema tra femminismo radicale e transfemminismo si potrebbe sintetizzare in questo modo. E' tutt'altro che nuova ma si è radicalizzata. Anche perché il contesto è molto cambiato: un conto è il baby boom, un altro le nascite al minimo storico
L'altro giorno alla ministra Eugenia Roccella è stato impedito di dire quello che aveva da dire, giusto o sbagliato che fosse, agli Stati Generali della Natalità. Gli studenti che la contestavano hanno potuto esprimere le proprie istanze -una loro delegata è salita sul palco, e ha infilato anche Gaza nel suo discorso, giusto o sbagliato che fosse- ma questo evidentemente non è bastato perché alla ministra è stato comunque impedito di intervenire. Forse sbaglio, ma se io fossi convinta del […]
Leggi ora
6 Maggio 2024
La chirurgia trans aumenta il rischio-suicidio
Un recentissimo studio su 90 milioni di pazienti dimostra che le persone trans operate corrono "un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico" e necessitano di un supporto psichiatrico. Quindi il coronamento del lungo e faticoso percorso di transizione con la chirurgia "affermativa" non assicura il raggiungimento del benessere sperato
"La chirurgia per l’affermazione di genere è associata a un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, suicidio/autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico rispetto ai gruppi di controllo in questo database del mondo reale. Poiché il suicidio è una delle cause di morte più comuni tra gli adolescenti e gli individui di mezza età, è chiaro che dobbiamo lavorare per prevenire questi esiti sfortunati. Ciò rafforza ulteriormente la necessità di un’assistenza psichiatrica completa negli anni che seguono la chirurgia per […]
Leggi ora
5 Maggio 2024
Saman: la "loro cultura" come attenuante
Il matrimonio della ragazza era «combinato e non forzato» e nel giudizio «bisogna tenere conto anche della cultura del reo»: le motivazioni della sentenza (firmata da giudici donne) per il brutale assassinio della giovane pakistana lasciano sconcertate. Così come l'autosessismo della madre che sarebbe l'esecutrice materiale del delitto. Di questo passo, secondo le proiezioni Unicef, la bambine continueranno a essere vendute a uomini almeno per i prossimi 300 anni
Nella foto, un manifesto con il volto di Saman composto dalle foto di tante donne vittime della violenza maschile. La storia di Saman Abbas è una ferita aperta. Uccisa dalla sua famiglia tre anni fa, il corpo occultato ritrovato a più di un anno dalla morte. All’inizio di quest’anno il funerale, con grande partecipazione della gente comune. Pochi giorni fa sono arrivate le motivazioni della sentenza del processo in primo grado alla famiglia di Saman del dicembre scorso: ergastolo ai […]
Leggi ora