Fare montagne di soldi con l'"identità di genere"

Il business tecno-medico fattura nel suo complesso 10 trilioni di dollari l'anno. Per crescere deve conquistare nuovi mercati. L'ideologia che promuove la libera scelta del sesso apre un territorio sterminato. Jennifer Bilek spiega definitivamente e nel dettaglio come -e da chi- l'agenda Lgb è stata messa al servizio della gender industry
Condividi questo articolo

Una delle tattiche più brillanti usate dalla gender industry nella sua lotta allo smantellamento del dimorfismo sessuale umano per il profitto del complesso tecno-medico (TMC) è stata quella di unire la propria agenda di promozione della dissociazione del corpo, al movimento progressista dei diritti umani per le persone LGB.

Questo è particolarmente evidente in un'attuale causa legale intentata dall'American Civil Liberties Union (ACLU) contro lo stato dell'Arkansas. L'ACLU sta utilizzando una donazione di 15 milioni di dollari da parte di due uomini gay, Jon Stryker - erede della fortuna medica della Stryker Corporation che vale 14,7 miliardi di dollari - e suo marito, Slobodan Randjelović, per abolire un divieto statale che proibisce la sperimentazione farmacologica e chirurgica sul sesso dei bambini.

Il profitto del TMC è lo sfondo su cui si sviluppa l'attuale lotta LGBT, che nasconde dietro un'ideologia promossa come progresso le identità mediche relative al sesso umano.

L'industria sanitaria globale è un'industria da 10 trilioni di dollari. Per crescere all'interno di un'economia capitalista, deve creare nuovi mercati. Le identità mediche basate sul sesso alimentano questa industria ed è per questo che il nome di "transessualità" dato a farmaci e interventi chirurgici relativi al sesso è diventato "transgender". Il marchio "transessuale" pet farmaci e interventi chirurgici interessava solo una piccola base di uomini adulti con feticismo sessuale che sceglievano di colonizzare il sesso opposto. Il marchio "transgender" è il repackaging di questo feticismo destinato ai giovani, per rivolgersi a un mercato più ampio attraverso una normalizzazione aziendale.

L'attuale campagna pubblicitaria in corso che utilizza individui affascinanti e mitici che non sono né maschi né femmine è venduta come cura perfetta per una popolazione di adolescenti ansiosi e demotivati. Le giovani possono ricevere testosterone a domicilio, mastectomie per disforia corporea o semplicemente per mascolinizzare il loro aspetto. Le isterectomie possono essere eseguite in tutto o in parte, a seconda di come ci si sente, e le operazioni non binarie danno agli uomini la possibilità di mantenere il loro pene mentre invertono il loro sacco scrotale in un foro improvvisato per la penetrazione.

Il sesso come spettro o il sesso umano decostruito in parti funziona molto bene per il TMC e la Stryker Corporation che vende forniture mediche e dispositivi chirurgici. Come specie, siamo molto più redditizi in pezzi che interi.

Il marchio "transgender" apre anche la strada per sostenere il mercato della fecondazione assistita (AFM) creando nuove adesioni al mercato dei consumatori LGB che useranno anche AFM per creare le loro famiglie. La sterilizzazione dei bambini crea nuovi consumatori sia per AFM che per TMC. Più la gente si affida alle tecnologie riproduttive, più la nostra specie, che è radicata nel sesso, si trasforma in qualcosa che va oltre l'umano, qualcosa che è più intrinsecamente legato a TMC.

La Fondazione Arcus, con la sua base in America e una filiale nel Regno Unito, è usata come facciata filantropica per i profitti di Stryker Medical (e della TMC in generale) di cui, come già detto, il fondatore della Fondazione Arcus è l'erede. Jon Stryker ha usato la Fondazione Arcus, la più grande organizzazione non governativa (ONG) LGBT del mondo, per inviare mezzo miliardo di dollari di denaro della Stryker Corporation in tutto il mondo al fine di sostenere l'"identità di genere".

I massmedia mainstream stanno aiutando a consolidare la produzione di esseri sessuati che non sono maschi né femmine.

La Fondazione Arcus ha invaso la comunità degli psicologi, e le sue enormi macchine di finanziamento hanno portato l'ideologia di genere nelle nostre istituzioni educative, sportive, religiose e mediche, così come nelle organizzazioni per i diritti umani. Il denaro della società medica Stryker, travestito da diritti umani, ha catturato anche l'ACLU, un tempo bastione liberale in difesa dei diritti individuali e delle libertà garantite ad ogni persona dalla costituzione degli Stati Uniti.

L'ACLU si è trasformata in un portavoce dell'ideologia gender della TMC, indicata come nuovo stile di vita progressista. Ha ricevuto 4.705.000 dollari in finanziamenti dalla Fondazione Arcus dal 2007 al 2018. L'anno scorso, Jon Stryker ha deciso di finanziare l'ACLU usando il suo capitale privato anziché la sua ONG LGBT come aveva fatto dal 2007. Sono gli stessi soldi, dato che ha sottolineato che il finanziamento della Fondazione Arcus proviene dalle azioni della Stryker Corporation e che la sua donazione è condizionata all'adesione dei destinatari all'ideologia di genere. Questa particolare donazione all'ACLU è la più grande mai finalizzata ai diritti LGBTQ+ e, come spiega l'articolo di Forbes, è espressamente destinata alla battaglia in Arkansas. Il cambiamento nella presentazione delle fonti di finanziamento è per rendere chiaro che la fetta della torta da 4,6 miliardi di dollari di Jon Stryker Corporation sta sostenendo il perseguimento della medicalizzazione dei corpi sani dei bambini e per dissuadere gli studi legali dal prendere ulteriori azioni contro la TMC? Sembra che Stryker stia proteggendo il brand "transgender" inviando un chiaro messaggio sul potere dei suoi miliardi di plasmare la legge.

Ci sono altri diciassette stati schierati a sostegno del divieto dell'Arkansas, ognuno con la propria legislazione per proteggere i giovani da manipolazioni mediche sperimentali sul loro sesso, quindi non c'è da meravigliarsi che Stryker sia in ansia. Le perizie affermano chiaramente che le procedure sperimentali di "transizione di genere" vietate dall'Arkansas sono insicure dal punto di vista medico e scientifico, che le ricerche sulla "transizione di genere" pediatrica sono insufficienti, e che queste procedure sperimentali comportano gravi rischi per il resto della vita, rischi che i bambini non possono comprendere totalmente.

Ma 15 milioni di dollari da un colosso medico come la Stryker Corporation possono andare molto lontano nel dissuadere gli studi legali ad intraprendere cause contro la TMC in futuro, se il divieto in Arkansas non reggerà.

L'Arkansas è un'importante fonte di reddito per la Stryker Corporation, poiché lì è localizzato uno dei suoi 57 uffici presenti in 36 Paesi. Il dipartimento di scienze mediche dell'Università dell'Arkansas ha speso cinque milioni e mezzo di dollari in forniture mediche Stryker dal 2019-2020 (Pdf.).

Chase Strangio, una donna che si qualifica uomo, è vicedirettore per la giustizia transgender per il Progetto LGBT e HIV dell'ACLU, il progetto finanziato da Stryker e Slobodan Randjelovic, e firmatario legale della denuncia presentata contro l'Arkansas. Strangio è stata nominata una delle 100 persone più influenti del 2020 dal TIME Magazine. È uscita allo scoperto e ha dichiarato che "non esiste una cosa binaria e coerente chiamata "sesso biologico"". Jon Stryker e Slobodan Randjelović mostrano questo stesso disprezzo per i corpi sani dei bambini mentre agiscono impunemente per danneggiare il loro sesso. Strangio è anche la principale sostenitrice della lotta di ACLU per porre fine allo sport femminile.

L'infiltrazione nelle nostre istituzioni da parte dell'ideologia dell'identità di genere guidata dalla filantropia miliardaria proveniente dalla TMC è anche promossa dalla Human Rights Campaign (HRC) e dalla Human Rights Campaign Foundation. La HRC è l'organizzazione per i diritti creata per promuovere i diritti delle persone LGB che ora include una sottocategoria di individui che si identificano in base all'autopercezione e non al sesso. Ha 3 milioni di membri. Chad Griffin, nato a Hope Arkansas, è uno stratega politico che ha fatto volontariato con l'ex presidente Clinton ed è diventato presidente della HRC dal 2012-2019.

L'HRCF, secondo Influence Watch, fa leva sulla posizione dell'HRC come "rappresentante" de-facto della comunità LGBT (simile ma molto più ampia di Stonewall del Regno Unito) per fare pressione su grandi aziende, studi legali, ospedali e governi locali per implementare ed espandere le politiche pro-LGBT, sostenendo finanziariamente HRC e ritirando il sostegno dalle organizzazioni conservatrici e basate sulla fede, minacciandole subdolamente di conferire loro punteggi bassi sul suo Corporate Equality Index, Healthcare Equality Index, che valuta più di 1.700 strutture sanitarie a livello nazionale, e il Municipal Equality Index "scorecards". Nel 2015 e 2016 l'ospedale pediatrico dell'Arkansas è stato elencato come leader nell'uguaglianza sanitaria LGBT dalla HRC. Nel 2020, la sua clinica pediatrica di genere ha ricevuto lo status di top performer.

Considerando che il mercato globale dei consumatori LGBT è ora di 3,7 trilioni di dollari, le aziende, le organizzazioni e le istituzioni hanno poche alternative al sostegno di questa realtà e alla sua spinta a smantellare il sesso, per non essere considerati come discriminatori dai consumatori e dalle aziende.

È la propaganda di TMC a guidare la narrazione che la dissociazione dalla propria realtà sessuata è una scelta progressista. E' l'industria che guida l'ideologia di genere nelle nostre scuole (k-12 così come le università), nelle nostre istituzioni mediche e civili, nelle nostre organizzazioni per i diritti umani e nelle nostre case. TMC è il beneficiario delle nuove identità illusorie che si manifestano sradicando l'uomo dal suo sesso. Se vogliamo avere qualche successo nel fermarli, vanno smascherati insieme alla loro grandiosa menzogna.

Non c'è nessun "transgender". Non c'è "un'identità di genere". Si tratta di una finzione aziendale coltivata per vendere modifiche del corpo che ci sradicano dalla nostra realtà sessuata.

Jennifer Bilek

articolo originale qui


Articolo originale qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
7 Gennaio 2024
New Hampshire: mai più chirurgia sui minori per il "cambio di sesso"
Lo stato americano ha approvato un disegno di legge che vieta ai chirurghi di effettuare sugli under 18 anni operazioni come la rimozione delle ovaie e del seno per le femmine e del pene e testicoli per i maschi. Il ddl afferma che questi interventi violano il "consenso informato" del paziente e sottolinea che gli studi non hanno dimostrato una diminuzione del rischio suicidio dei minori dopo gli interventi. Anzi: il pericolo aumenta
Il New Hampshire si appresta a vietare ai minori di 18 anni di sottoporsi ad interventi per il cambio di sesso. Giovedì scorso la Camera del New Hampshire ha approvato, anche con l’aiuto di alcuni deputati democratici, un disegno di legge in tal senso. L’House Bill 619 proibisce ai medici di eseguire “qualsiasi intervento chirurgico di riassegnazione del genere genitale”, cioè l’asportazione di utero, ovaie e seno nel caso delle donne; di testicoli e pene per l’uomo, a chiunque nel […]
Leggi ora
31 Dicembre 2023
La pubertà forse andrebbe bloccata a TUTTI: deriva transumana dell'Organizzazione Mondiale della Sanità
Con un vero e proprio blitz natalizio l’OMS annuncia di voler elaborare nuove linee guida gender-affermative e mette in piedi un panel formato per tre quarti da transattivisti favorevoli alla medicalizzazione dei bambini. Preferibilmente tutti, anche quelli che non soffrono di disforia. Perché scegliere di che sesso sei deve diventare un diritto universale. Una petizione internazionale chiede di fermare l’iniziativa
Pochi giorni prima di Natale l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che svilupperà nuove linee guida sulla “salute delle persone trans e di genere diverso”, con particolare attenzione all’accesso agli ormoni e agli interventi chirurgici (quelle che definisce “cure inclusive di genere”). ”) e al riconoscimento giuridico dell’autoidentificazione di genere (self id). L’OMS ha inoltre annunciato di aver formato un gruppo per sviluppare le linee guida. Di questo gruppo di esperti fanno parte molti apparatchik della World Professional Association of Transgender Health (WPATH), tra cui […]
Leggi ora
23 Dicembre 2023
Anche la Germania valuta uno stop agli ormoni per bambine/i con "disforia di genere"
Mentre ci si accinge ad approvare una delle leggi più permissive in materia di transizione dei minori un documento del Bundestag frena e invita alla cautela. Perché non ci sono prove scientifiche sufficienti sul fatto che la terapia affermativa farmacologica aumenti il benessere delle/gli adolescenti e che i suoi effetti siano reversibili. Serve un serio e approfondito dibattito finora impedito dall'attivismo transaggressivo e dalla pressione delle lobby Lgbtq+ sulla politica e sui media
Dopo anni di resistenza e di battaglia del femminismo radicale in tutto il mondo -oltre che di genitori auto-organizzati per resistere alla transpropaganda, come l'associazione GenerAzione D- la questione dei minori avviati alla transizione con bloccanti della pubertà, ormoni cross-sex e chirurgia è arrivata finalmente all'attenzione del Parlamento italiano. Da tempo il tema è oggetto di un aspro dibattito critico che dalla Svezia e dall'UK si è allargato a tutto il Grande Nord, fino ad Australia, Nuova Zelanda e Stati […]
Leggi ora