Fare bambini in vitro: speciale di The Economist

Il settimanale riconosce l’alta percentuale di fallimenti della fecondazione assistita e illustra le nuove tecniche -dalla gametogenesi alla sostituzione mitocondriale- augurandosi rapidi progressi. Ma tace sui rischi per la salute dei bambini. E non parla di prevenzione dell’infertilità: impegno che danneggerebbe l’enorme business
Condividi questo articolo

Il settimanale The Economist dedica un lungo speciale al tema della riproduzione assistita, titolo Making Babymaking Better (Migliorare il Fare-Bambini) anzitutto riconoscendo che nonostante le performance siano andate migliorando il numero di fallimenti di queste tecniche è sempre molto alto. In media 7-8 tentativi su 10 non vanno a buon fine, numero dei fallimenti che cresce in parallelo all'età della donna: la menopausa è un processo che si verifica soltanto nelle femmine umane e in alcune specie di balene. Il dossier segnala anche il numero crescente di giovani donne che ricorrono al congelamento (o vetrificazione) di ovociti da utilizzare in età più avanzata. Una persona su 6 oggi soffre problemi di infertilità, il che -secondo il settimanale- rende necessario un impegno nella ricerca per minimizzare i rischi di queste pratiche e massimizzarne i risultati. Nonostante 12 milioni di persone siano state concepite in provetta -in testa alla classifica la Danimarca dove il 9 per cento delle nascite avviene in vitro- restano infatti da comprendere a fondo i meccanismi che avviano una nuova vita, in particolare in che modo l'embrione si impianta in utero.

Studi molto promettenti-in particolare negli USA e in Giappone- sul fronte della cosiddetta gametogenesi, ovvero la creazione di "ovociti" a partire da cellule staminali totipotenti derivate dalla pelle e dal sangue. Al momento la gametogenesi è stata sperimentata con qualche piccolo successo sui topi. La tecnica renderebbe possibile la paternità biologica a entrambi gli uomini di una coppia omosessuale senza il contributo di gameti femminili: uno metterebbe il seme, l'altro lo pseudo-ovocita fabbricato a partire da sue cellule staminali (sarebbe tuttavia necessario ricorrere a una madre surrogata almeno fintanto che non sarà stato messo a punto l'utero artificiale).

Altro campo di ricerca quello della cosiddetta terapia di sostituzione mitocondriale che consentirebbe il "ringiovanimento" di ovociti provenienti da una donna di età avanzata, portatori di eventuali anomalie cromosomiche, con l'innesto di mitocondri prelevati dagli ovociti di una donatrice.

The Economist dà anche conto della rilevanza economica del settore e del crescente interesse degli investitori che spingono la politica in direzione di legislazioni sempre più liberali in fatto di accesso a queste tecniche.

L'auspicio è che "così come la rivoluzione sessuale negli anni '60 e '70 ha dato alle donne la possibilità di non avere bambini se non li volevano, le tecnologie emergenti potrebbero dare avvio a una nuova rivoluzione permettendo alle donne -e agli uomini- di avere tutti i bambini che vogliono quando li vogliono".

Il ricco dossier di The Economist presenta tuttavia due gravi omissis: il primo là dove afferma che "i bambini della provetta godono di buona salute come tutti gli altri". Normalmente la propaganda si spinge ben oltre, arrivando a fare credere che, soprattutto grazie alla preselezione degli embrioni e alle eventuali manipolazioni genetiche, questi bambini siano addirittura più sani degli altri. Ma anche affermare che sono sani come gli altri purtroppo non corrisponde alla realtà: si stanno moltiplicando gli studi a dimostrazione del fatto che i bambini nati da fecondazione assistita -tutte le tecniche- sono a maggior rischio "statisticamente significativo" di numerose patologie, malattie oncologiche comprese, rispetto ai nati da concepimento naturale.

Secondo omissis: lo speciale non prende nemmeno in considerazione l'idea di una politica di prevenzione della crescente infertilità, finalizzata a restituire alle giovani donne e ai giovani uomini il loro naturale potere di riprodursi. Si dà infatti per acquisito il "diritto" di fare figli ben oltre la scadenza dell'età fertile, diritto al quale si fa la massima propaganda. Informazione sui limiti dell'età riproduttiva e sulla salute sessuale, risk disclosure, welfare familiare, rimozione degli ostacoli per lavoro e carriera, rivalorizzazione della maternità: è quanto sarebbe necessario per consentire alle giovani donne di cercare il primo figlio entro il terzo decennio di vita, quando la fecondità è al massimo.

La lotta all'inquinamento ambientale sarebbe invece il fronte principale per preservare la fertilità maschile da anni in caduta libera. L'inquinamento tipo chimico e fisico impatta sulla qualità dello sperma; uno studio recente, pubblicato in preprint sulla rivista internazionale Science of the Total Environment, ha addirittura rilevato la presenza di microplastiche -polipropilene (PP), polietilene (PE), polietilene tereftalato (PET), polistirene (PS), polivinilcloruro (PVC), policarbonato (PC), poliossimetilene (POM) e materiale acrilico- nel liquido seminale umano.

Certo: con la prevenzione non si fa business.

Se si lavorasse a prevenire l'infertilità la naturale capacità riproduttiva non potrebbe più essere venduta come un prodotto sempre più costoso e ricercato.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
19 Dicembre 2023
Quando l'aborto è una violenza
Un grande numero di interruzioni di gravidanza si spiega con l’irresponsabilità e con la “fuga” degli uomini. “Per il piacere di chi sto abortendo?” si chiedeva Carla Lonzi. Ma questa violenza maschile non viene mai nominata e si continuano a colpevolizzare le donne. Come fanno i ProVita con la loro proposta di obbligarle ad ascoltare il battito del feto
Ammesso che ce ne fosse bisogno, all'on. Maria Rachele Ruiu di ProVita ho detto con la massima franchezza che obbligare la donna intenzionata ad abortire di ascoltare il battito del cuore del feto non è una proposta ammissibile. Si tratta di un'idea insensata, sadica, punitiva e probabilmente incostituzionale che avrebbe probabilmente come unico effetto quello di incentivare l'aborto clandestino. Forse la proposta non andrà mai in discussione e resterà mera propaganda. Cattiva propaganda però. Ancora una volta nel mirino ci […]
Leggi ora
30 Novembre 2023
Nata da madre in affitto
Olivia Maurel, 32 anni, è nata da una madre surrogata e oggi si batte in prima linea contro la pratica che definisce “atroce” e “mostruosa”. Ha sempre saputo che qualcosa non andava nella sua famiglia. Soffre di depressione, ha avuto problemi di alcolismo e ha tentato più volte il suicidio. Solo recentemente ha scoperto la verità sulle sue origini e di aver subito il trauma dell’abbandono. “A nessun bambino” dice “deve più capitare quello che è successo a me”
Commerciale o "altruistica" la surrogata va abolita. Sono le parole di Olivia Maurel, nata nel dicembre 1991 in Kentucky da surrogata tradizionale (ovvero in cui anche l'ovocita appartiene alla "madre in affitto", ndr) che in una conferenza al parlamento della Repubblica ceca ha raccontato la sua esperienza. Oggi, sposata con due figli a Cannes, "fiera di esser femminista" come si legge sulla sua pagina X, si batte contro la surrogata. La sua testimonianza, molto preziosa in quanto sono ancora pochissimi […]
Leggi ora
9 Novembre 2023
13 novembre a L'Aja contro l'utero in affitto
La Conferenza di Diritto Internazionale Privato spinge per il riconoscimento transnazionale dei contratti di gestazione per altri con l'intento di forzare le legislazioni nazionali a vantaggio dei profitti del biomercato. La coalizione Icams contro la GPA ha organizzato una manifestazione in difesa della dignità delle donne e contro il mercato di bambine e bambini
La Coalizione internazionale per l’abolizione della maternità surrogata (ICASM) ha organizzato per il 13 novembre una manifestazione internazionale davanti alla Conferenza dell’Aja di diritto internazionale privato (HCCH) per opporsi alla regolamentazione della “maternità surrogata” transfrontaliera.  Si sta infatti cercando di imporre una regolamentazione internazionale per la cosiddetta “maternità surrogata”: dal 13 novembre l’HCCH istituirà un gruppo di lavoro con il compito di redigere una convenzione per consentire il riconoscimento transfrontaliero dei contratti. Questo per  soddisfare la crescente domanda nel biomercato […]
Leggi ora
21 Settembre 2023
Lettera aperta a Schillaci, ministro della Salute: la procreazione medicalmente assistita non aumenta la natalità. Anzi, è tra le cause dell'inverno demografico
Fecondazione omologa gratis e ticket di 1500 euro per l’eterologa: il ministro annuncia nuove misure che contribuirebbero ad arginare la crisi delle nascite. Ma è l’esatto contrario: più si alimenta l’illusione di poter rinviare ad libitum la nascita di un figlio -i risultati della PMA sono scadenti: in più di 8 casi su 10 fallisce- meno bambini nasceranno. La strada è una sola: la prevenzione dell’infertilità. A cominciare da una corretta informazione contro la propaganda del biomercato riproduttivo
Gentile Ministro Schillaci,    apprendiamo da notizie di stampa che dal prossimo 1° gennaio il Servizio Sanitario Nazionale erogherà a titolo gratuito la prestazione di fecondazione omologa e che ha stabilito per la fecondazione eterologa un ticket -di competenza regionale- che dovrebbe attestarsi intorno ai 1500 euro. La disposizione rientrerebbe, a suo dire, nelle misure contro la denatalità nel nostro Paese: meno di 400 mila nati nel 2022, il numero più basso dall’unità d’Italia a oggi. In realtà, come spiega […]
Leggi ora
20 Settembre 2023
UK, non si può più dire "donna" o "madre": le disposizioni woke del General Medical Council
Decisione di inaudita violenza del registro dei medici britannici: la parola donna va cancellata a ogni livello. Non può essere nominata nemmeno quando si parla di maternità, di parto, di allattamento, di menopausa. Perfino il 999, numero delle emergenze, non può più chiedere di che sesso è la persona che chiede aiuto. I woke sanno benissimo che il corpo femminile è il principale ostacolo al progetto transumano. E vogliono cancellarlo perfino nel linguaggio
Continua a succedere: le donne e le madri vanno cancellate anche dal vocabolario, a ogni livello. Non si arrendono perché il simbolico materno è l'ostacolo più resistente al progetto transumano. Non ci arrenderemo neanche noi. Se lo scordino Il General Medical Council -ente pubblico che conserva il registro ufficiale dei medici nel Regno Unito- ha sostituito la parola "madre" con termini neutri nella sua guida alla maternità per il personale. La guida aggiornata per le dipendenti che rimangono incinte omette […]
Leggi ora