Ddl Zan: l'odio misogino di chi vuole la legge anti-odio

Un sentimento potentissimo, feroce, atavico, dice la femminista Anna Bonforte Papale. Che solo per avere menzionato in un dibattito una sentenza della Corte Costituzionale contro l'autocertificazione di genere da giorni è oggetto di bullying e insulti. Esperienza che abbiamo fatto tutte. Lo Zan non è ancora legge -se mai lo sarà- ma la censura è già in atto. E sono soprattutto le donne che devono tacere
Condividi questo articolo

Quello che sta capitando alla femminista Anna Bonforte Papale (di cui ripubblichiamo quasi integralmente il post FB), è capitato più volte a molte di noi.

Nella fattispecie, Bonforte da giorni è oggetto di bullying misogino semplicemente per avere riferito nel corso di un dibattito sul ddl Zan (nella foto, Bonforte a destra) il passaggio di una sentenza della Corte Costituzionale, la 180/2017, in cui si afferma: "va escluso che il solo elemento volontaristico possa rivestire prioritario o esclusivo rilievo ai fini dell’accertamento della transizione". In parole semplici, non basta percepirsi di un sesso diverso da quello di nascita per poter pretendere essere riconosciuti del sesso "prescelto". Il percorso di transizione è regolato dalla legge 164/82 e successive sentenze, e non può essere surrettiziamente modificato con l'introduzione dell'identità di genere nel testo di una legge penale.

Questo passaggio della sentenza 180/2017 viene sempre e significativamente omesso dalle argomentazioni dei pro-ddl Zan per la semplice ma ottima ragione che costituisce un ostacolo al progetto di autocertificazione o self-id, il vero goal del ddl Zan come di molti altri tentativi di legislazione, a cominciare dalla Ley Trans di cui si sta discutendo in Spagna. Giustamente, osserva Bonforte, se si intende introdurre il self-id è necessario proporre una riforma della legge 164/82, e non riformarla de facto approvando una legge contro le discriminazioni omotransfobiche, che sono tutt'altra questione.

Bonforte fa notare altre due cose: nel corso del dibattito anche un avvocato ha riferito quel passaggio della sentenza 180/2017, ma nessuno ha osato contestarlo. Il bullying è stato riservato a lei che ha detto le stesse cose, ma lei è una donna ed è una femminista gender critical, in quanto tale oggetto di violenta misoginia.

L'altra questione -la principale, secondo Bonforte- riguarda l'art. 4 del ddl Zan, il cosiddetto salva-idee. Più volte, anche intervenendo al Senato, abbiamo sottolineato che questo articolo va letto come una specie di excusatio non petita. Una testimonianza storica del fatto che in tutta la discussione su questa materia l’art. 21 della Costituzione che garantisce la libertà di pensiero è stato ignorato e continua a essere ignorato, come da testimonianza di Bonforte. Parlare è già impossibile, lo è sempre stato. L’art 4 ci affida all’arbitrio del giudice, il quale dovrà valutare se qualcosa che abbiamo detto sarà idoneo o meno a "de­terminare il concreto pericolo del compi­mento di atti discriminatori o violenti".


Da giovedì mattina, dopo l'evento Stonewall a Palazzolo Acreide organizzato dall'Associazione Dahlia, una meravigliosa occasione di approfondimento pubblico dove persone con opinioni e punti di vista diversi si sono confrontate con civiltà, ragionevolezza, rispetto reciproco, ho cambiato idea sul Ddl Zan: va affossato così com'è!

Subito dopo l'evento in presenza sono stata oggetto di uno shitstorm organizzato da Dario Accolla, che in presenza non ha avuto voglia ed argomenti per confrontarsi però ha usato tutte le tecniche denigratorie e mistificatrici via social, essendo un maestro esperto nei discorsi d'odio che solo simbolicamente condanna mentre vi si esercita ogni giorno, ogni eroico giorno. 

Da giovedì mattina penso che l'articolo più pericoloso del Ddl Zan non sia l'articolo 1 lettera d (definizione  di identità di genere) e neanche l'art.7 (la giornata dedicata a scuola contro la omolesbobitransfobia e disabilità), ma solo l'articolo 4, un vero articolo liberticida che ho colpevolmente sottovalutato fino a che non vi sono incappata personalmente, badate in assenza di legge approvata!

Mi si chiede da 4 giorni di "scusarmi" delle mie opinioni espresse civilmente, educatamente, senza disprezzo o irrisione nei confronti di una persona in transizione presente all'iniziativa che si è sentita turbata ed offesa dalla mia opinione giuridica e politica argomentata e suffragata dall'avvocato Raffaele Randazzo presente e relatore, come me, nell'ottima iniziativa. 

Non ci sono c...i che tengono, da 4 giorni a questa parte io dovrei "vergognarmi" di aver parlato in pubblico esprimendo l'opinione "civile" che esprimo da mesi, sempre argomentando in punta di diritto e pure di politica e ve lo voglio dire che io sia femminista o non femminista, di un certo femminismo o dell'altro non ha alcun peso, per le persone che "non c'erano all'iniziativa" e che hanno espresso solidarietà ad Accolla invece che alla sottoscritta (paradossale ma rivelatore, quando si dice FB utile!), conta solo che io l'abbia espressa, questo solo fatto viene considerato "violento" in sé, a prescindere da toni, espressioni, empatia o non empatia, e me ne si chiede conto con pubbliche scuse perché le mie opinioni hanno fatto piangere una persona in transizione presente mercoledì, pianto di cui mi sono più volte dichiarata dispiaciuta senza che questo umano dispiacere possa essere considerato l'equivalente di scuse indirette verso la persona coinvolta che considera "violente ed aggressive" le mie parole, le mie opinioni senza  distinzioni tra atti violenti o discriminatori, tra parole d'odio, crimini d'odio, perché è tutto un indistinto atto omolesbobitransfobico. Tutto.

Non ci sarebbero distinzioni tra le mie argomentazioni e quelle di una picchiatrice o di un aggressore, anzi, è chiaro che sarei una "cattiva maestra" perché le mie parole potrebbero essere "idonee a determinare il concreto pericolo del compimento di atti discriminatori e violenti." ( art. 4) tanto che dovrei scusarmi di averle pronunciate (...)


Io "non ho cancellato" alcuna persona trans soprattutto in un discorso pubblico e manco in un discorso privato. La giovane persona trans che ha pianto si sente ferita dal mio discorso a prescindere da toni, empatia, comprensione, civiltà dell'espressione: si sente offeso dalla mia opinione che considera omolesbobitransfobica e violenta semplicemente perché ripeto quello lui già sa e che dice una sentenza della Corte Costituzionale (180/2017) "va escluso che il solo elemento volontaristico possa rivestire prioritario o esclusivo rilievo ai fini dell’accertamento della transizione". 

Significa 2 cose: la transizione deve essere almeno avviata anche se non conclusa, la transizione va accertata da terzi (lo Stato), non può essere autocertificata; perché stiamo discutendo di questo dentro una legge che punisce con un aggravante chi usa violenza o discriminazione accompagnata con un espressione di disprezzo (crimine d'odio)? Perché è stato introdotto impropriamente il self-id in una legge penale in cui l'auto-percezione della vittima non serve a nulla per chiarire la fattispecie del reato che viene introdotto con l'estensione della legge Mancino. 

Di questa delicatissima materia dovrebbe parlarsi altrove (nella legge che integri e modifichi la 164/82) non nell'introduzione di una legge penale, però quando lo dice l'avvocato Randazzo è un tecnico, quindi nessuno lo considera offensivo, quando lo ripeto io ed aggiungo argomentazioni giuridiche sono transfobica, ho cancellato la vita della persona trans che ha pianto e di tutti/e i/le trans: veramente la parola di una donna, qui non ha alcun senso specificare se femminista o non femminista, per tutti i commentatori che "non c'erano mercoledì" vale meno di niente!

I sostenitori e le sostenitrici del Ddl Zan hanno cercato di negare questo punto, cercato e voluto nel disegno di legge come da indicazioni del MIT, e hanno continuato a negarlo contro ogni evidenza letterale e interpretativa: questa evidenza mercoledì sera posta all'inizio della serata dall'avvocato Randazzo ha spiazzato i/le presenti, non si aspettavano di dover antagonizzare l'avvocato ed infatti non ci hanno neanche provato, era più facile antagonizzare la "femminista gender critical" che non ripete a pappagallo nulla (a proposito di rappresentazione denigratoria e misogina) ed infatti la femminista diventa terf e transfobica e poco empatica. 

Queste argomentazioni qui, sui social, non creduta e irrisa dalle sostenitrici e dai sostenitori del Ddl Zan io le ho scritte, argomentate, dimostrate da mesi ed è proprio in virtù di questo posizionamento che sono stata invitata all'iniziativa Stonewall (a proposito perché mi avete invitata se queste opinioni vi offendono?).

Mercoledì sera a Palazzolo Acreide c'era un avvocato che non conoscevo e di cui neanche sono amica su fb, invitato dall'Associazione Dahlia, che ha detto autonomamente, dall'alto del suo titolo accademico, quello che io ripeto da mesi "pappagallescamente". Però per Rino, per Alessandro, per Simona io avrei dovuto cambiare la mia opinione politica e non avrei neanche dovuto pronunciarla perché il solo pronunciarla ferisce la persona in transizione. Anzi, secondo voi 3 (ma non siete i soli) dovrei scusarmi per la mia opinione espressa civilmente ed educatamente perché questa opinione cancella la vita della persona in transizione. Secondo i sostenitori e le sostenitrici del DdL Zan io, dopo la sua approvazione così com'è, neanche dovrei più parlare (art. 4) perché dovrei temere che continuare ad argomentare in tal senso possa indurre in manifestazioni e "condotte idonee a determinare il concreto pericolo  del compimento di atti discriminatori e violenti", secondo voi 3 (ma non siete i soli) io sono già violenta e transfobica e dovrei già oggi tacere, per non offendere la persona in transizione che ha pianto, e naturalmente a maggior ragione dovrei tacere domani ai sensi di legge. 

Siete pericolosi e neanche ve ne rendete conto, siete liberticidi non contro il patriarcato o il femminismo, siete liberticidi verso chiunque non la pensi come voi e da domani, per voi 3 (ma non siete i soli) nessuno/a potrebbe argomentare legittimamente nulla di contrario alla vostra opinione, perché solo la vostra opinione sarebbe legittimata, mentre la mia è considerata violenta e transfobica già oggi in assenza di una legge. 

Certo che ho paura, una fottuta paura.

Siete pericolosi per la libertà di tutte e tutti. In Italia serve solo una legge che punisca gli atti violenti e discriminatori accompagnati da un'espressione di disprezzo (l'estensione della legge Mancino) e siete voi 3 ( ma non siete i soli) che la state affossando solo per consentire a Cirinnà e Zan di piantare una bandierina inutile che non cambierà la vita della persona in transizione che ha pianto a causa della mia opinione espressa civilmente.

Da giovedì mattina non mi basta più la modifica del Ddl Zan: va riscritto di sana pianta perché così com'è è una legge pericolosa, liberticida, irricevibile. #BeddaMatrix 

E questo quando le iniziative in presenza vanno bene e sono civili....figurarsi se fossero partiti gli insulti, quelli veri, ma forse se ci fossimo date botte da orbi era meglio?Non parlatemi più di discorsi d'odio, perché l'odio è un sentimento potente, che può istigare alla ribellione, all'indignazione, alla rabbia salvifica contro gli indifferenti, gli oppressori, i nazisti, i colonizzatori, gli estrattori ed appropriatori del sangue delle lotte altrui di cui si fregiano impunemente.

Purtroppo circola solo l'odio contro le donne, potentissimo, feroce, atavico, di cui se ne fottono tutti.

Anna Bonforte Papale


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
7 Gennaio 2024
New Hampshire: mai più chirurgia sui minori per il "cambio di sesso"
Lo stato americano ha approvato un disegno di legge che vieta ai chirurghi di effettuare sugli under 18 anni operazioni come la rimozione delle ovaie e del seno per le femmine e del pene e testicoli per i maschi. Il ddl afferma che questi interventi violano il "consenso informato" del paziente e sottolinea che gli studi non hanno dimostrato una diminuzione del rischio suicidio dei minori dopo gli interventi. Anzi: il pericolo aumenta
Il New Hampshire si appresta a vietare ai minori di 18 anni di sottoporsi ad interventi per il cambio di sesso. Giovedì scorso la Camera del New Hampshire ha approvato, anche con l’aiuto di alcuni deputati democratici, un disegno di legge in tal senso. L’House Bill 619 proibisce ai medici di eseguire “qualsiasi intervento chirurgico di riassegnazione del genere genitale”, cioè l’asportazione di utero, ovaie e seno nel caso delle donne; di testicoli e pene per l’uomo, a chiunque nel […]
Leggi ora
31 Dicembre 2023
La pubertà forse andrebbe bloccata a TUTTI: deriva transumana dell'Organizzazione Mondiale della Sanità
Con un vero e proprio blitz natalizio l’OMS annuncia di voler elaborare nuove linee guida gender-affermative e mette in piedi un panel formato per tre quarti da transattivisti favorevoli alla medicalizzazione dei bambini. Preferibilmente tutti, anche quelli che non soffrono di disforia. Perché scegliere di che sesso sei deve diventare un diritto universale. Una petizione internazionale chiede di fermare l’iniziativa
Pochi giorni prima di Natale l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che svilupperà nuove linee guida sulla “salute delle persone trans e di genere diverso”, con particolare attenzione all’accesso agli ormoni e agli interventi chirurgici (quelle che definisce “cure inclusive di genere”). ”) e al riconoscimento giuridico dell’autoidentificazione di genere (self id). L’OMS ha inoltre annunciato di aver formato un gruppo per sviluppare le linee guida. Di questo gruppo di esperti fanno parte molti apparatchik della World Professional Association of Transgender Health (WPATH), tra cui […]
Leggi ora
23 Dicembre 2023
Anche la Germania valuta uno stop agli ormoni per bambine/i con "disforia di genere"
Mentre ci si accinge ad approvare una delle leggi più permissive in materia di transizione dei minori un documento del Bundestag frena e invita alla cautela. Perché non ci sono prove scientifiche sufficienti sul fatto che la terapia affermativa farmacologica aumenti il benessere delle/gli adolescenti e che i suoi effetti siano reversibili. Serve un serio e approfondito dibattito finora impedito dall'attivismo transaggressivo e dalla pressione delle lobby Lgbtq+ sulla politica e sui media
Dopo anni di resistenza e di battaglia del femminismo radicale in tutto il mondo -oltre che di genitori auto-organizzati per resistere alla transpropaganda, come l'associazione GenerAzione D- la questione dei minori avviati alla transizione con bloccanti della pubertà, ormoni cross-sex e chirurgia è arrivata finalmente all'attenzione del Parlamento italiano. Da tempo il tema è oggetto di un aspro dibattito critico che dalla Svezia e dall'UK si è allargato a tutto il Grande Nord, fino ad Australia, Nuova Zelanda e Stati […]
Leggi ora