Da Gaza alle sale parto occidentali, Judith Butler vede fascisti dappertutto

Fasciste, ovviamente, anche noi femministe gender critical, "alleate della destra e del Vaticano". L'intellettuale californiana, rinunciando a ogni sottigliezza filosofica, compila un'agenda politica che coincide con la piattaforma degli universitari in lotta. E auspica un'alleanza tra trans, antifa, movimento pro-Pal, senza casa, persone nere, migranti e anche donne -intese come una delle tante minoranze- per edificare "una democrazia radicale ispirata agli ideali del socialismo". Un resoconto della tappa bolognese del suo trionfale tour europeo
Condividi questo articolo
Da Gaza alle sale parto occidentali, Judith Butler vede fascisti dappertutto

Forse oggi si potrebbe parlare di "Agenda Butler": la sua piattaforma coincide perfettamente con la piattaforma di lotta delle-degli studenti in tutto l'Occidente, con poche certezze sul fatto se sia nato prima l'uovo o la gallina. Certo Judith Butler è a tutti gli effetti la madre delle Gender Theory a cui queste/i studenti (comunque una minoranza) aderiscono con entusiasmo; a loro volta queste/i studenti con le loro mobilitazioni sono fonte di ispirazione per Butler, le loro piattaforme sono anche una piattaforma di rilancio per la filosofa californiana che sta portando la sua lecture in tour trionfale, da Londra a Barcellona a Bologna: qui il resoconto della sua tappa bolognese pubblicato su Il Foglio. Dopo la lecture Butler ha anche visitato l' "acampada" degli studenti dell'univerità Alma Mater Studiorum che ha organizzato l'affollato incontro.

Non proprio come la coetanea Madonna a Copacabana, ma quasi: il tour europeo di Judith Butler con il suo “Fascist Passions” è trionfale, la data di Bologna, città più butleriana d’Italia -organizzazione università Alma Mater Studiorum- è rapidamente sold out, la sala stracolma di ragazzi, tutto il queer locale in prima fila, qualche kefiah d’ordinanza. Come Madonna Judith fa ballare il mondo da un trentennio: professoressa a Berkeley, costruttivista radicale madre di ogni gender theory, è riconosciuta anche dai suoi detrattori come filosofa tra i più influenti del nostro tempo e a tutti gli effetti lo è. Se perfino il più piccolo amministratore locale oggi si ritrova a fare i conti con il concetto neo-gnostico di identità di genere, anima intrappolata in un corpo-prigione -mentre Judith teneva la sua lezione a Bologna, in Regione Lombardia era in corso un’infuocata assise sulla triptorelina e la transizione dei bambini-, se l’identità transgender si pone come paradigma della libertà umana, grande parte delle responsabilità è in capo a questa donna minuta con regolamentare giubbino butch di pelle nera che da ragazza fece partire il suo fuoco d’artificio con “Gender Trouble” (1990).

“Durante la mia giovinezza negli Stati Uniti”, racconterà in “Fare e disfare il genere” ,“l’autodescrizione più efficace che di me riuscissi a dare era ‘lesbica da bar’ (bar dyke), una ragazza lesbica che trascorreva le sue giornate leggendo Hegel e le sue serate al bar gay, che occasionalmente diventava un bar drag (…) mi resi conto in fretta che alcuni di quegli ‘uomini’ potevano fare le donne molto meglio di quanto sarei riuscita a fare io, e anche di quanto abbia mai desiderato e desideri tuttora”.

Platea bolognese in religioso silenzio, Butler legge dal suo iPad un testo che con poche modifiche ha già declamato anche alla London School of Economics e che richiama i contenuti del suo ultimo “Who’s afraid of gender?”.

Introducendo la prestigiosa ospite la delegata all’inclusività di Alma Mater sgombra subito il campo dalla pietra dello scandalo: “Non si tratta di negare la biologia, ma il determinismo biologico” (a essere precisi Butler da sempre parla del sesso come costruzione del linguaggio, ma tant’è) e con voce rotta dall’emozione anticipa i temi della lecture: catastrofe umanitaria, lotte nelle università, attacco universale ai diritti, nuovi autoritarismi che agitano il fantasma del gender, necessità di costruire alleanze.

Judith, ebrea, parte da Gaza e dal diritto-dovere di parlare di “genocidio” anche se, ammette, “sono state terribili le atrocità di Hamas”. Ma “oggi il fascismo è in Israele, nell’ebbrezza omicida contro donne e bambini”. Con rapido volo transoceanico si sposta negli USA dove, dice, si assiste “a un’escalation di fascist passion: non è forse fascismo”, chiede, “voler eliminare le persone trans e non binarie?”. Anche quello è un genocidio. Il genocida-tipo è Michael Knowles, commentatore politico del Daily Wire secondo il quale “per il bene della società il transgenderismo deve essere eliminato interamente dalla vita pubblica”, cosa ben diversa dal voler eliminare le persone trans. L’espediente retorico è grossolano, ma le sottigliezze filosofiche scarseggeranno per tutta la lecture, frenetico andirivieni tra il Medio Oriente e le sale parto occidentali dove d’autorità ci viene assegnato un sesso alla nascita. “Vita”, dice Lennonianamente Butler, “è il divario tra questa assegnazione e quello che saremo. Che cosa c’entra questo con Gaza?”, anticipa la ragionevole obiezione. “Si tratta dello stesso fascismo”. Fascista Israele, fasciste le politiche anti-migratorie, fascista la mancanza del giusto processo, fascista la difficoltà a trovare casa e anche l’abolizione dei libri gender nelle scuole. Fascista il femminismo gender critical alleato delle destre e del Vaticano che teme la sostituzione etnica delle donne con le persone trans. Fascista è negare i diritti riproduttivi e alla genitorialità e lottare contro la surrogacy. Fascista, ovvio, è Giorgia Meloni.

La voce di Judith si rompe -applauso di incoraggiamento- quando dice che alla base di tutti questi fascismi non c’è che paura. Digressione psicoanalitica a seguire che stigmatizza il moralismo eccitato e sadico di chi pensa di restaurare il vecchio mondo patriarcale agitando il fantasma della lobby gender per distogliere dai veri problemi, dalla crisi climatica alle ingiustizie sociali. “E allora si tratta di essere interconnessi. Di far diventare la libertà e la giustizia nuovi oggetti di desiderio”. Tutte le minoranze, le donne (?), gli Lgbtq+, i migranti, i palestinesi, le persone nere, i senza-casa, gli antifa, gli studenti in lotta and so on devono dare vita ad alleanze transnazionali per edificare “una democrazia radicale ispirata agli ideali del socialismo” contro il capitalismo neoliberista. Che, sia detto per inciso, con il butlerismo reale ci fa grandi affari. Il mercato non mente ed è molto capace di intercettare gli umori circolanti e trasformarli in prodotti da banco: da tempo il queer è decisamente mainstream. Quanto a Gaza -colpo di realpolitik- Judith dice che l’ideale sarebbe un unico stato democratico.

Intercetto Butler nel foyer dopo la standing ovation. Sono emozionata e delusa, vorrei parlarle di tante cose. Riesco a dirle giusto delle manifestazioni pro-Sharia ad Amburgo e in Francia, di un islamismo radicale aggressivo a cui lei non ha dedicato una parola, altro che Queer for Palestine: “A Gaza”, liquida la questione, “c’è un notevole movimento queer che lotta per la libertà e per la giustizia”. Le chiedo anche della Cass Review, di quelle migliaia di bambine e bambini occidentali bombati di ormoni. “Penso”, risponde, “che i bambini non debbano essere spinti in nessun modo. Che bisogna dare loro il tempo di esplorare, di sperimentare”. Ho capito bene?

Almeno questo, Judy.

Marina Terragni

(Pubblicato su Il Foglio del 9 maggio 2024)


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
12 Maggio 2024
La festa della non-mamma
La maternità naturale è di destra, quella biotech è di sinistra perché pensata come un diritto e non subita come destino: la diatriba su questo tema tra femminismo radicale e transfemminismo si potrebbe sintetizzare in questo modo. E' tutt'altro che nuova ma si è radicalizzata. Anche perché il contesto è molto cambiato: un conto è il baby boom, un altro le nascite al minimo storico
L'altro giorno alla ministra Eugenia Roccella è stato impedito di dire quello che aveva da dire, giusto o sbagliato che fosse, agli Stati Generali della Natalità. Gli studenti che la contestavano hanno potuto esprimere le proprie istanze -una loro delegata è salita sul palco, e ha infilato anche Gaza nel suo discorso, giusto o sbagliato che fosse- ma questo evidentemente non è bastato perché alla ministra è stato comunque impedito di intervenire. Forse sbaglio, ma se io fossi convinta del […]
Leggi ora
6 Maggio 2024
La chirurgia trans aumenta il rischio-suicidio
Un recentissimo studio su 90 milioni di pazienti dimostra che le persone trans operate corrono "un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico" e necessitano di un supporto psichiatrico. Quindi il coronamento del lungo e faticoso percorso di transizione con la chirurgia "affermativa" non assicura il raggiungimento del benessere sperato
"La chirurgia per l’affermazione di genere è associata a un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, suicidio/autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico rispetto ai gruppi di controllo in questo database del mondo reale. Poiché il suicidio è una delle cause di morte più comuni tra gli adolescenti e gli individui di mezza età, è chiaro che dobbiamo lavorare per prevenire questi esiti sfortunati. Ciò rafforza ulteriormente la necessità di un’assistenza psichiatrica completa negli anni che seguono la chirurgia per […]
Leggi ora
5 Maggio 2024
Saman: la "loro cultura" come attenuante
Il matrimonio della ragazza era «combinato e non forzato» e nel giudizio «bisogna tenere conto anche della cultura del reo»: le motivazioni della sentenza (firmata da giudici donne) per il brutale assassinio della giovane pakistana lasciano sconcertate. Così come l'autosessismo della madre che sarebbe l'esecutrice materiale del delitto. Di questo passo, secondo le proiezioni Unicef, la bambine continueranno a essere vendute a uomini almeno per i prossimi 300 anni
Nella foto, un manifesto con il volto di Saman composto dalle foto di tante donne vittime della violenza maschile. La storia di Saman Abbas è una ferita aperta. Uccisa dalla sua famiglia tre anni fa, il corpo occultato ritrovato a più di un anno dalla morte. All’inizio di quest’anno il funerale, con grande partecipazione della gente comune. Pochi giorni fa sono arrivate le motivazioni della sentenza del processo in primo grado alla famiglia di Saman del dicembre scorso: ergastolo ai […]
Leggi ora
3 Maggio 2024
Due parole al signor Gennarone (di più non ne merita)
L'essenza del fascismo è impedire a chiunque di parlare. Chi dà della ****** a una donna intende intimidirla, svalorizzarla e soprattutto metterla a tacere. Ergo: un sessista non può definirsi antifascista perché il sessismo è incompatibile con l'antifascismo
Due parole al rapper Gennarone, autore di testi pregevoli (es.:«Stile foggiano, la mia terra la amo, dall’appennino dauno alle terre del Gargano. Prendimi la mano pronti per il viaggio nella terra che viviamo») che nel corso del concertone del 1° maggio a Foggia tra le molte altre cose ha detto che «L’Italia sta vivendo l’ombra del fascismo grazie a quella ***** di Giorgia Meloni». Solo per ricordargli che: a) l'essenza di ogni fascismo e totalitarismo è impedire a chiunque di […]
Leggi ora
25 Aprile 2024
Sull'aborto solo propaganda: "Emendamento fuffa, buono per la campagna elettorale"
Il comma recentemente approvato che autorizza le associazioni pro life a entrare nei consultori in realtà non aggiunge e non cambia quanto già previsto dalla legge 194. Lo spiegano Marina Terragni e Francesca Izzo. E anche i Pro Vita si affrettano a precisare: non entreremo nei consultori. Il tema è buono per lo scontro politico in vista delle Europee. Ma la legge resta tale e quale
E' triste dover parlare di aborto a comando: l'aborto è un'esperienza complessa e dolorosa per la stragrande maggioranza delle donne. "Per il piacere di chi sto abortendo?": Carla Lonzi sintetizzava la questione in questo modo. E' tristissimo che il tema venga agitato in campagna elettorale, da una parte e dall'altra, e che ci si senta obbligate a dire qualcosa. Nei giorni scorsi la destra ha proposto e fatto passare con la fiducia un emendamento al PNRR che autorizzerebbe i pro-life […]
Leggi ora
22 Aprile 2024
Lettera a Rishi Sunak: serve un'inchiesta pubblica sull'influenza dell'ideologia transgender
Centotrenta parlamentari, medici, psichiatri, accademici e detransitioner britannici -tra loro anche JK Rowling- hanno scritto una lettera al primo ministro per invitarlo ad esaminare “l’influenza pervasiva” dell’ideologia transgender nelle scuole e nel servizio sanitario nazionale e ad accertare le responsabilità del danno prodotto a migliaia di bambine e bambini
"Rishi, se leggi questa petizione per favore, fai la cosa giusta e avvia con urgenza un’inchiesta pubblica. Il benessere dei nostri figli dipende da questo”. A scrivere è lo psicoterapeuta James Esses, coordinatore della dichiarazione per la realtà biologica e uno dei firmatari di un appello rivolto al primo ministro britannico dopo il grande scandalo del trattamento dei bambini “confusi e vulnerabili” da parte di professionisti medici, reso evidente del rapporto di Hilary Cass. Tra i primi firmatari anche JK […]
Leggi ora