Come Stonewall sta sacrificando i diritti dei gay. Per fare affari

Perché Stonewall, la più grande organizzazione per i diritti di gay e lesbiche, si è fatta colonizzare dalla lobby transgender, arrivando a perseguitare quelle-i per cui era nata? Perché è un ottimo business. Follow the money!
Condividi questo articolo

Tumultuoso cambio di vento in UK, culla dell'arcobaleno Lgbtq+. Dopo il duro attacco a Stonewall da parte di uno dei suoi fondatori, Matthew Parris, un'altra voce fortemente critica, quella del giornalista e saggista gay Douglas Murray. Che denuncia la campagna persecutoria della storica associazione proprio contro i gay e le lesbiche, per tutelare i cui diritti era nata nel 1989. Oggi, dice Murray, Stonewall è un comitato d'affari al servizio della lobby trans per intercettare fiumi di soldi e giustificare la propria esistenza. Stonewall, secondo Murray, non dovrebbe più ricevere finanziamenti pubblici.

C'è una legge di natura che vale per i gruppi e gli enti di beneficenza che conducono campagne, secondo la quale un'organizzazione nata per affrontare un particolare problema troverà sempre un modo per esistere anche dopo che il problema è stato risolto.

Il motivo è semplice: quando un problema è stato risolto, o quasi, il business è al suo apice. Sono in gioco gli stipendi e le pensioni dei dipendenti, la reputazione è stata costruita e l'influenza assicurata. Ed è così che la grande intuizione di Eric Hoffer si realizza: ogni grande causa inizia come un movimento, diventa un business e alla fine degenera in un racket.

Pochissime cause sono degenerate in un racket assoluto come l'ex-gruppo per i diritti dei gay noto come Stonewall. Quando è stata fondata nel 1989 i diritti dei gay in Gran Bretagna, come in tutta Europa, avevano una strada da percorrere per raggiungere l'uguaglianza. A quel tempo c'era una diversa età del consenso per omosessuali ed eterosessuali, gli omosessuali non avevano il diritto di sposarsi o di far riconoscere legalmente le loro unioni e, cosa più importante, il governo conservatore impediva ai giovani gay di essere informati nelle scuole sulla loro sessualità.

La strada da percorrere era sicuramente lunga e Ian McKellen, Matthew Parris, Simon Fanshawe e il resto dei fondatori del gruppo hanno affrontato una dura battaglia per molti anni. Ma la battaglia è stata vinta.

Una volta che la maggior parte dei suoi obiettivi erano stati raggiunti, però, cosa avrebbe dovuto fare Stonewall? C'erano diverse opzioni. La più ovvia sarebbe stata ridimensionarsi e restare in carica per affrontare i problemi che rimanevano, come l'omofobia nelle scuole e in altre aree della società.

Invece Stonewall ha preso un'altra strada ha deciso di incassare la sua vittoria. Questo, ovviamente, non sorprende. Perché è nel momento in cui vinci che sei più popolare, e quelli che una volta non erano al tuo fianco diventano rapidamente tuoi alleati.

Così è stato con il mondo aziendale e la macchina del governo. Sia il settore privato sia quello pubblico hanno improvvisamente fornito a Stonewall grandi riserve di denaro per mantenere piene le casse dell'organizzazione. Entrambi erano interessati a invitare Stonewall per avere consulenze.

Ad esempio, Stonewall ha prodotto per alcuni anni un elenco dei migliori datori di lavoro per le persone gay nel Regno Unito. Anche se la battaglia per l'uguaglianza era quasi finita negli anni di Blair e Cameron, le grandi compagnie decisero che volevano disperatamente essere sulla lista; avere il timbro di approvazione gay di Stonewall divenne essenziale. Con il tempo, è diventata una procedura standard per un'azienda invitare Stonewall a valutare le proprie operazioni commerciali. Così è nato un rapporto che è stato compromissorio fin dall'inizio e pieno di interessi acquisiti.

Nel frattempo, il governo è stato sempre più ossessionato dal fatto di ottenere la stella d'oro da Stonewall, chiedendo al gruppo di istruire i dipartimenti su cosa fare nei propri luoghi di lavoro, nonché sulle proprie politiche nel resto del mondo.

In particolare, uno dei programmi più influenti per fare soldi di Stonewall degli ultimi anni è stato il suo "Diversity Champions scheme", in cui i membri sono invitati a pagare una quota a Stonewall per consentire al gruppo di controllare le loro politiche interne. Tra gli 850 gruppi che si sono iscritti ci sono GCHQ, MI5, Ministero della Difesa, Gabinetto, Dipartimento dell'Istruzione e Ministero della Giustizia.

Eppure la degenerazione di Stonewall è evidente da anni; anzi, puoi vederlo nel calibro delle persone coinvolte al vertice. Quando Stonewall iniziò, i suoi leader erano prominenti nei media britannici e nella vita pubblica. Erano conosciuti da persone eterosessuali, e certamente conosciuti dai gay.

Si può dire lo stesso oggi? Ne dubito. In effetti, sospetto che se dovessi visitare tutti i locali gay, scopriresti che meno di una persona su cento sarebbe in grado di nominare Nancy Kelley come l'attuale capo di Stonewall. Non saprebbero chi è o cosa fa. Questo perché Stonewall non è né in prima linea né in nessuna barricata. È piuttosto un'azienda che funziona in gran parte per il comfort dei suoi dipendenti.

Sarebbe sbagliato, tuttavia, presumere che Stonewall sia semplicemente ricca. Perché è proprio in questo momento, quando le casse sono piene e i beneficiari sono contenti, che un'organizzazione può prendere una svolta sbagliata. Ed è quello che Stonewall ha fatto negli ultimi anni. Sostiene che il suo compito è difendere i diritti LGBTQ +, ma in realtà le prime tre lettere di quell'acronimo sono sfuggite al radar di Stonewall almeno sei anni fa. Fu allora che Stonewall decise di sostenere con slancio una nuova campagna. Nessun gay sarà libero finché tuttI i T e Q + -trans, queer e +- non avranno gli stessi diritti di tutti gli altri.

Qui nascono molti problemi. In primo luogo, non è chiaro se i diritti transessuali abbiano alcuna intersezione (per prendere in prestito un termine popolare) con i diritti dei gay. In effetti è decisamente l'opposto. Ad esempio è perfettamente possibile che ragazzi e ragazze che non si conformano agli stereotipi di genere possano crescere felicemente eterosessuali o gay.

Un gruppo che protegge le persone gay non dovrebbe riconoscere la necessità di sfumature? Di sicuro non salterebbe su quel carro sempre più dogmatico che afferma - contro tutti i progressi compiuti dal movimento per i diritti degli omosessuali - che quei bambini sono molto probabilmente del sesso opposto.

Quel che è peggio, invece di aprirsi a una discussione con i gay che la vedono diversamente, Stonewall ha deciso di indebolirli, e in alcuni casi addirittura perseguitarli.

Il recente caso di Allison Bailey è istruttivo. Bailey è un'avvocata penalista, una femminista e una lesbica che, in risposta al " programma trans " di Stonewall , ha contribuito a creare l'Alleanza LGB. Stonewall, di conseguenza, ha tentato di creare a Bailey gravi problemi sul lavoro, contribuendo a farla mettere sotto inchiesta a causa delle sue opinioni su sesso e genere. Questo e molto altro rivela le spregevoli tattiche di bullismo utilizzate da Stonewall. Per dirla semplicemente, è diventata un'organizzazione che perseguita gay e lesbiche che osino non essere d'accordo.

Questa settimana l'associazione celebra il suo 32° anniversario, appuntamento che nessuno, tranne i suoi dipendenti, avrebbe ragione di festeggiare. Eppure loro stessi probabilmente lo faranno con un senso di profondo disagio; nei giorni scorsi uno dei suoi fondatori, Matthew Parris, ha pubblicamente esortato Stonewall a rimanere fuori dalle guerre trans -vedere qui- mentre la Commissione per l'uguaglianza e i diritti umani ha annunciato che non rinnoverà la convenzione.

E' giusto. Nessuna entità finanziata dai contribuenti dovrebbe sostenere finanziariamente Stonewall. E le aziende private che continuano a farlo dovrebbero essere informate che stanno sostenendo un gruppo che ha smesso di prendersi cura degli omosessuali e ha iniziato invece a perseguitarli nei loro luoghi di lavoro.

Felice 32 ° compleanno, Stonewall. E, senza offesa, spero che tu non arrivi a 33 anni.

Douglas Murray, giornalista, saggista, gay.

traduzione di Marina Terragni, articolo originale qui

Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerete altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento. Se pensate che il nostro lavoro possa essere utile per la vostra vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.  

Potete inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
27 Settembre 2022
Il femminismo e la destra
In risposta a Julie Bindel, che considera il muro eretto dalla sinistra transattivista ma anche i rischi di un'alleanza con la destra: in Italia la novità storica -una donna di destra premier, Giorgia Meloni- complica ulteriormente il quadro. Che fare allora? Quello che sta capitando in Spagna sull'orribile Ley Trans forse indica una strada buona per tutte
Julie Bindel e Harvey Jeni prendono il toro per le corna: visto che da troppo tempo con la sinistra non c'è possibilità di dialogo, il femminismo radicale e gender critical può guardare a destra senza correre rischi? Tema che in Italia abbiamo ben presente e che ha agitato tutta la campagna elettorale conclusasi con la vittoria schiacciante di una donna di destra, Giorgia Meloni, che non si è mai dichiarata femminista. Il fatto che oggi la destra in Italia sia […]
Leggi ora
24 Settembre 2022
SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS
A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- […]
Leggi ora
21 Settembre 2022
RU486 o pillola abortiva: miti, fraintendimenti e business
L'aborto chimico viene venduto come più libero e autodeterminato, ma non è la soluzione per tutte: è più lungo e doloroso di quello chirurgico, a volte meno sicuro e serve soprattutto a far risparmiare il sistema sanitario come spiega il saggio di tre femministe americane. Alle donne va garantito il diritto di essere informate e di scegliere consapevolmente tra le due opzioni: ecco una proposta di legge per fare funzionare gli ospedali
Qualche giorno fa abbiamo pubblicato “Quando l’aborto interessa agli uomini”. Nella postilla abbiamo accennato ai diversi metodi di interruzione involontaria di gravidanza, tra cui la pillola abortiva RU 486, anche detta “aborto chimico”. Dell'aborto chimico si parla come di un passo avanti nell'autodeterminazione. Soprattutto le più giovani possono fare confusione tra contraccezione "del giorno dopo" (che va assunta entro 72 ore dal rapporto a rischio) e pillola abortiva, con la quale si può interrompere la gravidanza fino alla 9a settimana. […]
Leggi ora
14 Settembre 2022
Forse l'identità di genere non esiste
Se a dubitare è la biologa Anna Fausto-Sterling, la prima a parlarne negli anni Novanta, ispiratrice di Judith Butler e fondatrice delle gender theory, allora forse siamo a un clamorosissimo e definitivo giro di boa. Fermate le leggi trans prima che sia troppo tardi!
Se Judith Butler è The Queen of Gender, Anna Fausto-Sterling è la sua dea: zoologa, biologa e docente di gender study -oggi alla Brown University- partendo dalla rara condizione genetica dell'intersessualità nei primi anni Novanta è stata la prima ad attaccare il concetto di binarietà sessuale, sostenendo che la sessualità è uno spettro e che si possono individuare almeno 5 sessi ("ma dai, non era mica una teoria, ero ironica, era solo una provocazione" ha detto in seguito. Ma invano). […]
Leggi ora
11 Settembre 2022
Trans-Europa: Irlanda, UK, Spagna, le leggi-gender ai primi posti nelle agende politiche
Mentre la nuova premier britannica Liz Truss lavora per bloccare l'autocertificazione di genere in Scozia, il governo iberico impedisce il dibattito parlamentare sulla Ley Trans, che consente il cambio di sesso perfino ai bambini di 12 anni, per andare ad approvare in fretta e furia: per questo le femministe spagnole rompono con la sinistra e aprono il dialogo con il Partito Popolare. Intanto in Irlanda un professore viene arrestato per aver rifiutato di usare il linguaggio fluido
Un professore di una scuola cristiana irlandese, Enoch Burke, è stato sospeso e quindi arrestato per aver rifiutato di appellare uno studente transgender con un pronome neutro. Intanto la nuova premier britannica Liz Truss starebbe cercando di bloccare i piani della Scozia per consentire l'autoidentificazione per le persone transgender (self-id) e avrebbe chiesto agli avvocati consigli su come "mettere in pausa o prevenire" le riforme. Truss, responsabile del brief sulle uguaglianze oltre che ex-ministro degli esteri, è stata determinante nell'escludere […]
Leggi ora
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora