Avremmo voluto salvarti, Saman

Nessun relativismo culturale può giustificare l'accettazione di religioni o culture in cui le donne siano sottomesse agli uomini per legge, in una cittadinanza dispari. Su questo il femminismo deve essere inequivoco
Condividi questo articolo

(in memory of Nadia Riva)

Saman è stata uccisa dalla sua famiglia per avere rifiutato un matrimonio forzato e per il fatto di voler vivere come una ragazza italiana non musulmana.

Sarebbe stato bello se anche per te, come per Malika, si fosse iniziata una raccolta fondi prima che ti facessero sparire. Purtroppo però, la tua storia e la tua richiesta d’aiuto non sono arrivate alle orecchie giuste e forse non ci avrebbero neanche fatto caso.

Sarebbe stato bello se fossi stata libera di scappare da casa per lasciare la tua famiglia alle spalle e scegliere il tuo futuro.

Devi perdonarci Saman, ogni giorno vediamo come tante di noi vengono abusate, stuprate, rapite, minacciate, ricattate, umiliate, azzittite, maltrattate, censurate e uccise e ci sentiamo impotenti davanti a questa società egoista e cieca che continua ad usare i nostri corpi e il nostro nome per mantenere una disparità e per strappare da noi donne anche l’ultimo briciolo di dignità.

Neanche ti hanno dato il tempo di vivere da donna maggiorenne che hanno deciso di privarti della tua autonomia di donna adulta. L’unica cosa che ormai possiamo fare è raccontare la tua storia, a modo nostro, per renderti giustizia.


Saman Abbas, 18 anni è “sparita” da più di un mese da Novellara, Reggio Emilia, dove viveva con la sua famiglia. Nel suo ultimo messaggio aveva avvisato il suo ragazzo: “Se non mi senti per 48 ore avverti le forze dell’ordine”. Grazie anche alla testimonianza del fratello sedicenne, le forze dell’ordine hanno ricostruito quella che purtroppo si considera la versione definitiva dell’accaduto -si continua a cercare il corpo della ragazza-, la fuga in Pakistan dei genitori, la scomparsa dei cugini e dello zio di Saman.

I media parlano delle origini pakistane di Saman e della sua famiglia. Si esita invece a riferirsi alla religione musulmana, così come era accaduto anche nel caso di Malika: si era preferito attribuire la responsabilità dell’intolleranza dei genitori nei riguardi dell’omosessualità della figlia a un'omofobia tutta italiana, senza considerare il peso delle radici culturali e religiose della famiglia.

Dopo essersi opposta al matrimonio forzato programmato dai suoi genitori in Pakistan, Saman era fuggita già a dicembre ed era residente in un centro protetto a Bologna. Era tornata a casa l’11 aprile solo per riavere i suoi documenti. Saman aveva già denunciato ai Carabinieri le pressioni dei genitori e il loro rifiuto a consegnarle il passaporto. Nonostante le estreme difficoltà, Saman aveva provato a mettersi al sicuro.

Non è bastato a salvarle la vita. Rientrata a casa per un paio di settimane, la sua determinazione a essere libera è stata definitivamente punita. Il fratello testimonia lo stretto controllo dalla madre continuamente per evitare un suo nuovo allontanamento. Di Saman dice che era “una musulmana che non si comportava come tale”.

Avremmo voluto salvarti, Saman

Danish Hasnain, zio di Saman, 33 anni, è accusato di averla uccisa. Era conosciuto come un violento, al quale si faceva riferimento per “portare ordine” nella comunità pakistana della zona. Danish Hasnain è ora ricercato in tutta Europa, mentre altri due uomini, Nomanulhaq Nomanulhaq di 34 anni e Ikram Ijaz, 29 anni, cugini di Saman, sono già stati arrestati.

Una faccenda sbrigata in famiglia, un problema risolto con velocità e freddezza, un femminicidio eseguito come se fosse una normale pratica quotidiana, con un’organizzazione efficace e senza ripensamenti. Un femminicidio commissionato dai genitori di Saman che, secondo lla testimonianza del fratello, hanno agito “a malincuore”, come se “dovesse essere fatto”.

Alcuni accusano “le attuali leggi su cittadinanza e permesso di soggiorno di costituire una difficoltà ulteriore nei già complessi percorsi di fuoriuscita dai contesti di violenza patriarcale.” “Per l’ottenimento della cittadinanza viene richiesto il consenso, scritto e firmato, del marito o padre, anche nei casi denunciati di violenza di genere”.

La Ministra degli Interni Lamorgese annuncia: “Con Islam più percorsi per l'integrazione”. Il tono resta conciliatorio. Ma l’esperienza insegna che esitare nella ferma condanna mette in pericolo le donne. Ogni femminicidio avviene per mano di un uomo in relazione con la vittima, ma non si può accettare per ragioni di tolleranza una religione che inferiorizza la donna e limita la sua libertà.

Non si può restare indifferenti di fronte al fatto che si affermino leggi diverse per uomini e donne. Che tra noi vivano molte donne costrette a rispondere a un codice comportamentale che le sottomette agli uomini, nell'indifferenza delle istituzioni. La Sharia non può essere tollerata come legge parallela.

NUDM mette sullo stesso livello il caso di Saman con quelli delle altre 45 donne uccise in Italia per mano di uomini. Ma non si può non considerare il contesto nel caso di Saman. Significherebbe cancellare la realtà che lei ha vissuto, la sua fatica quotidiana con due mondi paralleli, la legge italiana fuori casa e quella islamica dentro casa. Nudm menziona Tiziana Dal Pra - Fondatrice dell’associazione di donne native e migranti Trama di Terre, che ha aperto a Bologna nel 2011 la prima casa rifugio per ragazze che rifiutano i matrimoni forzati-: “Le ragazze che fuggono dai matrimoni forzati vogliono scegliere come vivere, autodeterminarsi, amare. Dire che il loro obiettivo è seguire il “modello occidentale” non aiuta a comprendere la realtà. Il problema non è la cultura, ma la negazione dei diritti”.

Ma in questo modo si rischia di perdere il contatto con la realtà delle vittime di queste violenze.

Come aveva affermato Maryan Ismail in un recente incontro con RadFem Italia, le donne che provengono da un “modello orientale” hanno a disposizione la legge, nel caso vogliano denunciare. Ma come si è visto le leggi dello Stato non costituiscono un argine sufficiente alla violenza del patriarcato islamico. Non bastasse il relativismo culturale, NUDM ha anche usato la vicenda di Saman per sponsorizzare il ddl Zan contro l’omobitransfobia.

Il femminismo deve denunciare e condannare qualsiasi sistema, religione, credo o usanza che veda le donne sottoposte a maltrattamento fisico, psicologico, economico, istituzionale ed emotivo e che le posizioni in una condizione di disparità rispetto all’uomo.

Quando legge e fede sono un'unica cosa e danno vita a codici inaggirabili, la convivenza con la legislazione dei Paesi ospiti diventa molto problematica, e la libertà femminile è messa a rischio in molti Paesi europei.

Negare l’esistenza di usanze e tradizioni che mantengono la donna in una posizione di subalternità, o perfino accoglierle e celebrarle come si fa con l’hijab o altri tipi di indumenti che nascondono il corpo femminile come impuro significa contribuire a mantenere queste donne in stato di sottomissione.

Non è più possibile conciliare la libertà delle donne con sistemi che considerano le donne proprietà degli uomini, non solo nell’immaginario ma anche per legge.

Sara Punzo

Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerete altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento. Se pensate che il nostro lavoro possa essere utile per la vostra vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.  

Potete inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
27 Settembre 2022
Il femminismo e la destra
In risposta a Julie Bindel, che considera il muro eretto dalla sinistra transattivista ma anche i rischi di un'alleanza con la destra: in Italia la novità storica -una donna di destra premier, Giorgia Meloni- complica ulteriormente il quadro. Che fare allora? Quello che sta capitando in Spagna sull'orribile Ley Trans forse indica una strada buona per tutte
Julie Bindel e Harvey Jeni prendono il toro per le corna: visto che da troppo tempo con la sinistra non c'è possibilità di dialogo, il femminismo radicale e gender critical può guardare a destra senza correre rischi? Tema che in Italia abbiamo ben presente e che ha agitato tutta la campagna elettorale conclusasi con la vittoria schiacciante di una donna di destra, Giorgia Meloni, che non si è mai dichiarata femminista. Il fatto che oggi la destra in Italia sia […]
Leggi ora
21 Settembre 2022
RU486 o pillola abortiva: miti, fraintendimenti e business
L'aborto chimico viene venduto come più libero e autodeterminato, ma non è la soluzione per tutte: è più lungo e doloroso di quello chirurgico, a volte meno sicuro e serve soprattutto a far risparmiare il sistema sanitario come spiega il saggio di tre femministe americane. Alle donne va garantito il diritto di essere informate e di scegliere consapevolmente tra le due opzioni: ecco una proposta di legge per fare funzionare gli ospedali
Qualche giorno fa abbiamo pubblicato “Quando l’aborto interessa agli uomini”. Nella postilla abbiamo accennato ai diversi metodi di interruzione involontaria di gravidanza, tra cui la pillola abortiva RU 486, anche detta “aborto chimico”. Dell'aborto chimico si parla come di un passo avanti nell'autodeterminazione. Soprattutto le più giovani possono fare confusione tra contraccezione "del giorno dopo" (che va assunta entro 72 ore dal rapporto a rischio) e pillola abortiva, con la quale si può interrompere la gravidanza fino alla 9a settimana. […]
Leggi ora
20 Agosto 2022
UN ORIZZONTE POLITICO COMUNE ALLE DONNE DI TUTTI I PARTITI
Nel segno di Carla Lonzi a quarant'anni dalla scomparsa: elettrici e attiviste di tutti i partiti si uniscono nel dono di un "programma imprevisto" comune, orizzonte per un cambio di civiltà
“Le donne saranno sempre divise le une dalle altre? Non formeranno mai un corpo unico?” (Olympe de Gouges, 1791)  Nel quarantennale della scomparsa di Carla Lonzi. Siamo donne che votano ogni parte politica. Viviamo in ogni parte del Paese. Apparteniamo a ogni condizione sociale. Siamo madri e non madri. Abbiamo una fede, o siamo agnostiche, o atee.  Ci tiene insieme l’essere donne e la consapevolezza che quello che è buono per una donna e per le sue figlie/figli è buono […]
Leggi ora
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora
3 Agosto 2022
Operaia sì. Ministra no. Donna nemmeno
Se c’è una cosa su cui i politici italiani sono tutti d’accordo è la cancellazione delle donne, a partire dal linguaggio. Mentre la sinistra "progressista" ci cancella con asterischi e schwa -lingua finto-inclusiva che riporta tutto al maschile- la destra rifiuta di usare il femminile per le donne di autorità nelle istituzioni. Ma la parole sono importanti perché fanno realtà
Incredibilmente -e con voto segreto, scelleratamente concesso dalla presidente Casellati- qualche giorno fa il Senato ha respinto l'emendamento Maiorino che autorizzava a chiamare le donne delle istituzioni con il loro nome. Questione che ha una profonda rilevanza politica. Sono molti i poeti che nel corso dei secoli si sono avvalsi di licenze poetiche, ovvero intenzionali errori grammaticali, metrici e sintattici con l'intenzione di sottolineare un concetto o alterare la sonorità del componimento. Il 27 luglio 2022 a palazzo Madama è […]
Leggi ora
29 Luglio 2022
UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical
L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro […]
Leggi ora