2022, l'anno in cui l'Occidente ha cancellato le donne

Secondo Ayaan Hirsi Ali, critica radicale dell’Islam, fondamentalisti soggiogatori e progressismo transattivista occidentale sono alleati di fatto: entrambi mettono in pericolo le donne e minacciano gli ideali post-illuministici
Condividi questo articolo

Se il 2022 è stato l'anno della "donna", si è trattato di una storia con due capitoli finali diversi: uno di speranza, l'altro meno. Il primo è ambientato in un Paese lontano, dove un regime arcaico e teocratico minaccia di essere rovesciato dalle donne che gettano il loro hijab e chiedono la loro emancipazione. Il secondo si svolge in un ambiente più familiare ma in una lingua sconosciuta: un Occidente in cui la stessa parola "donna" non ha più alcun significato, la sua definizione è stata riscritta per includere "un'adulta che vive e si identifica come femmina anche se alla nascita potrebbe essere stata definita di sesso diverso".

Questo è il paradosso degli ultimi 12 mesi: l'esistenza delle donne viene messa in discussione proprio nel luogo in cui l'emancipazione femminile è arrivata più lontano, mentre nei luoghi in cui le donne rimangono incatenate a nozioni medievali di onore e castità, il vero femminismo è più forte.

Perché dovremmo preoccuparci delle definizioni dei dizionari, quando tutti sanno cos'è una donna? Questa può sembrare una domanda giusta. Tuttavia, liquidare la cancellazione di una parola come una "questione di guerra culturale" significa fraintendere le forze che la guidano. Come hanno notato Helen Pluckrose e James Lindsay nel loro libro del 2020 Cynical Theories, il linguaggio è ora visto come uno strumento di oppressione, e quindi deve essere modificato in nome della cosiddetta "liberazione".

Queste discussioni sulla parola "donna" quindi hanno ripercussioni più ampie: sono fronti di una guerra più grande che determinerà l'uso del linguaggio stesso.

Coloro che vorrebbero separare la parola "donna" dalle sue implicazioni biologiche spesso presentano le loro idee come innocue. Ci dicono che sono semplicemente i campioni dell'"inclusione". Ma la loro ideologia non è affatto incontestabile e arrendersi ad essa non è innocuo. L'anno scorso sono stati riportati casi di donne transgender che hanno attaccato donne in spazi per sole donne e che hanno vinto ingiustamente trofei in sport femminili. Lo spirito di questi fallimenti è stato forse meglio descritto nelle parole del giudice della Corte Suprema Ketanji Brown Jackson, che a marzo, durante l'udienza di conferma al Senato, non è stata in grado di definire cosa comportasse essere una donna. "Non sono una biologa", ha detto, come se fosse necessario essere uno scienziato professionista per conoscere i fatti biologici di base.

Una parola di chiarimento. Sono immensamente solidale con la condizione delle persone transgender e credo che debbano avere gli stessi diritti morali e legali di tutti gli altri. Essere contrari all'ideologia di genere degli attivisti trans militanti non significa essere transfobici. Piuttosto, è semplicemente essere d'accordo, come ha detto succintamente Chimamanda Ngozi Adichie, che "le donne trans sono donne trans".

Adichie è stata criticata per questa e altre affermazioni che lasciano trasparire un pensiero sbagliato, ma riconoscere che le donne trans sono diverse dalle donne, che ci sono potenziali conflitti tra i loro diritti e che l'ideologia di genere apre la porta a uomini violenti che si mascherano da donne, non dovrebbe essere controverso. Difendere i diritti delle persone transgender non deve significare far finta che il sesso non esista.

Assecondare questa fantasia può avere ripercussioni perverse e pericolose, sia in patria che all'estero. Qui in Occidente, culmina in una visione miope del mondo secondo la quale un'autrice di bestseller (e sopravvissuta agli abusi domestici) dovrebbe essere trollata per aver finanziato un servizio per sole donne per le vittime di abusi sessuali. In altre parti del mondo, l'erosione della nostra comprensione di ciò che significa essere una "donna" ha conseguenze più immediate.

Consideriamo ciò che è avvenuto in Kenya, Iran e Afghanistan negli ultimi due mesi. In Kenya, mentre le donne americane discutevano su come chiamare una persona nata con la cervice, le mutilazioni genitali femminili hanno assunto una nuova e insidiosa forma.

In Iran, le proteste guidate dalle donne che hanno seguito la morte di Mahsa Amini, una donna curda iraniana di 22 anni arrestata per aver violato le leggi sul codice di abbigliamento obbligatorio, sono state accolte con una risposta altrettanto disumana. I servizi di sicurezza iraniani hanno denunciato lo stupro dei manifestanti e gli spari sui volti e sui genitali delle donne che protestavano. In Afghanistan, il governo talebano ha reintrodotto la Sharia: le donne non possono più uscire senza un parente maschio e devono coprirsi con un burqa o un hijab quando sono fuori casa. All'inizio del mese, una donna è stata fustigata pubblicamente per essere entrata in un negozio senza un tutore maschile. La settimana scorsa, i Talebani hanno vietato alle donne di studiare all'università.

È davvero una coincidenza che, nello stesso anno in cui l'Occidente ha dimenticato cosa significa essere una donna, noi abbiamo deciso che era accettabile voltare le spalle alle donne di quei Paesi? Questo è ciò che accade quando una società smette di preoccuparsi di cosa significhi essere una donna; quando una lotta secolare per l'emancipazione viene relegata alla semantica.

Naturalmente, ciò assume una forma diversa in Kenya, Iran e Afghanistan. Ma mi sembra che ci siano ancora delle somiglianze tra gli attivisti di genere di oggi e i soggiogatori teocratici. Entrambi credono, sulla base di un'ideologia controversa, di avere il monopolio della verità. Ed entrambi, in un certo senso, sono campioni del soggettivo sull'oggettivo: in un caso, si dice che particolari credenze religiose ci dicano come dovrebbe essere gestita la società - e nell'altro, si dice che i semplici sentimenti aboliscano la realtà materiale.

Ecco perché i sostenitori dell'ideologia di genere sono una minaccia non solo per le donne, ma anche per gli ideali occidentali. La cultura occidentale si vanta delle conquiste dell'Illuminismo e della scienza - in altre parole, dell'oggettività. È su una base oggettiva che le precedenti generazioni di femministe hanno fondato le loro rivendicazioni: la loro battaglia si basava su un appello alla ragione. Ora, i cosiddetti "progressisti" - un altro termine che è stato ridefinito in modo insignificante - si basano su sentimenti soggettivi e ignorano o ignorano volentieri i loro effetti materiali.

Gli effetti di ciò stanno lentamente prendendo forma. Negli anni Settanta, gli iraniani anti-Shah si sono uniti agli ayatollah nell'illusoria speranza che questi ultimi avrebbero condiviso il potere dopo la rivoluzione. Hanno imparato molto presto che dei fanatici non ci si può fidare o limitare. Allo stesso modo, molte femministe occidentali hanno finito per allearsi con il progressismo, e ora troppe donne hanno sentito le terribili conseguenze di questa alleanza.

Se vogliamo recuperare lo spirito del vero femminismo, abbiamo bisogno di più JK Rowling e meno Ketanji Brown Jackson.

Non sono in gioco solo il femminismo e i diritti delle donne, ma anche i migliori ideali dell'Occidente stesso. Se il 2022 è l'anno della "donna", speriamo che il 2023 sia l'anno in cui potremo cancellare le virgolette.

Ayaan Hirsi Ali

Editorialista di UnHerd, ricercatrice presso la Hoover Institution dell'Università di Stanford, fondatrice della AHA Foundation, Hirsi Ali è una femminista somalo-olandese celebre per la sua critica radicale all'Islam, ritenuto una religione incompatibile con i diritti delle donne, con i diritti umani e con la democrazia. Autrice di Non sottomessa. Contro la segregazione nella società islamica (2005) e Infedele (2006), nel 2004 aveva scritto la sceneggiatura del film Sottomissione diretto da Theo van Gogh che per questo venne ucciso dal terrorismo islamista. Da allora Hirsi Ali vive sotto scorta armata. Il suo nuovo libro è Prey: Immigration, Islam, and the Erosion of Women's Rights.

articolo originale qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
2 Febbraio 2023
Nascere da "madre surrogata" morta
Docente dell’università di Oslo propone di utilizzare corpi di donne in coma irreversibile, danneggiabili senza complicazioni etiche, per condurre gravidanze per conto terzi. Ma anche uomini in stato vegetativo (così le femministe non si arrabbiano) innestando gli embrioni nel fegato. E i bambini? Tema non considerato
Può essere stato d'ispirazione Habla con ella, film di Pedro Almodovar in cui la giovane danzatrice Alicia, in coma per un incidente, resta incinta a opera di Benigno, l'infermiere che si occupa di lei. Anna Smajdor, docente di Bioetica Medica Università di Oslo, riprende e approfondisce un suggerimento avanzato nel 2000 dalla ricercatrice israeliana Rosalie Ber "per aggirare i problemi morali della maternità surrogata gestazionale" utilizzando come uteri in affitto donne in stato vegetativo persistente (PVS). Alla pratica dà il […]
Leggi ora
1 Febbraio 2023
Olanda: se blocchi lo sviluppo di bambine e bambini li spingi a diventare trans
Il protocollo -mettere in pausa la pubertà per consentire ai minori di “scegliere” il sesso- l’hanno inventato loro. Ma anche gli olandesi ora ammettono che in 9 casi su 10 i blocker non danno più tempo per "decidere" ma sono l’inizio della transizione. Una profezia che si auto-avvera. E che gli effetti di questi farmaci non sono affatto reversibili
La clinica universitaria Amsterdam UMC, pioniera nell'uso dei bloccanti della pubertà, ha ammesso che i bambini che assumono questi farmaci possono trovarsi bloccati in una maggiore medicalizzazione. L’ammissione arriva in seguito alla pubblicazione all'inizio di questo mese di un nuovo studio retrospettivo che esamina 20 anni di interventi ormonali noti come "protocollo olandese", condotto su 1.766 bambini e adolescenti tra il 1972 e il 2018 presso la famosa clinica di Amsterdam e pubblicato su The Journal of Sexual Medicine. Ma […]
Leggi ora
30 Gennaio 2023
Nasce GenerAzioneD, associazione italiana di genitori di minori che si definiscono "trans"
Un sito di orientamento e di informazione per sostenere e accompagnare madri e padri che si trovino a vivere questa complessa esperienza: testimonianze, interviste, e link per contribuire a un dibattito approfondito che oggi non trova spazio sui media mainstream
Si è costituita l’associazione culturale, apolitica, aconfessionale e priva di scopi di lucro GenerAzioneD Scopo primario dell’associazione è quello di informare in merito alle problematiche della disforia/incongruenza di genere in bambini, adolescenti e giovani adulti. Attraverso la divulgazione di testimonianze, notizie, articoli nazionali e internazionali in traduzione e la promozione di occasioni di confronto, GenerAzioneD si propone di favorire la trasparenza necessaria affinché venga garantita la migliore assistenza possibile alle persone coinvolte.  GenerAzioneD nasce infatti dall’incontro di alcuni genitori accumunati dall’esperienza di avere figli […]
Leggi ora
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora