Recording those who criticize trans people is a violation of human rights
An important ruling from the English Court of Appeal: those who criticize trans activism or trans people will no longer be able to be registered for "non-illegal acts of hatred", a category completely invented by the police which, according to the Court, violates the European Convention on Human Rights of the Man. Starting with freedom of speech

Share this article

da un post di Giovanni Dall’Orto

La Corte d’Appello inglese ha stabilito questa mattina che la prassi di schedare come “atti d’odio non illegali” (non-crime hate incidents) le critiche al transattivismo o alle persone trans, infrange la Convenzione Europea sui diritti dell’uomo (see here)

Il caso è nato dopo che un’attivista trans ha denunciato alla polizia diversi tweet (fra cui un limerick -una filastrocca- sboccato) che lei giudicava “transfobici”.

There categoria dei “reati non illegali” era stata inventata dalla polizia per schedare questi casi, e comportava la schedatura delle persone accusate, senza un processo formale o la possibilità di difendersi, e in alcuni casi di sapere di cosa e da chi si fosse stati accusati.

Una delle persone denunciate e schedate, un ex-poliziotto, ha inaugurato una campagna durata due anni per porre fine a questo abuso, non previsto e nemmeno autorizzato da nessuna legge.

Data la caratteristica del sistema inglese di Common Law, in cui le sentenze di tribunale hanno parziale valore di legge, da oggi queste pratiche sono formalmente proibite.


Share this article
Scroll to Top