20 March 2021

Paris, if the word 'woman' is scary: exhibition of female portraits vandalised by transfeminists

Please be aware that the translation of contents, although automatic, has a cost to Feminist Post but is provided to you without any charge. Please consider making a contribution via the "Support us" page if you intend to use our translation service intensively.
The contents of this site are translated using automatic translation systems without the intervention of professional translators.
Translations are provided for the sole purpose of facilitating reading by international visitors.
Share this article

"Il tempo è arrivato, per le donne, di riprendere il loro posto nello spazio pubblico. Non dobbiamo più avere paura negli spazi comuni. Dobbiamo vivere senza la paura di uscire, di giorno come di notte. Dobbiamo essere libere di vestirci come vogliamo, frequentare i luoghi che ci piacciono, senza imporci coprifuoco. Lo spazio pubblico deve essere condiviso, tra donne e uomini. Dobbiamo essere libere. Sono gli aggressori a non doverlo essere, sono le loro azioni a dover essere condannate, non la nostra libertà di essere e di esistere. La paura deve cambiare fronte”.

Sguardo dritto verso l’obiettivo. Mani incrociate o appoggiate sui fianchi. Dietro, il buio della notte. In primo piano, la fierezza di essere, di esistere. Senza paura. Si chiama proprio Women are not afraid, la mostra fotografica dell’artista Pauline Makoveitchoux. Circa 150 ritratti di donne che non posano ma si stagliano in quel buio che per molte ha significato aggressione, violenza di strada, paura, stupro. L’artista ne ha scelti sessanta per l’esposizione cominciata l’8 marzo scorso a Vitry-sur-Seine, comune a sud di Parigi.

Non è questo il primo lavoro dedicato alle donne per Makoveitchoux. Intenso e quasi ancestrale il suo lavoro Les Sorcières, le streghe, sul sapere antico e guaritrice delle donne e il valore della sorellanza, o ancora sulla compagnia Les Clameuses, in periferia. Nasce invece dal movimento dei collage (affissioni) contro il femminicidio la serie Les Colleuses.

Parigi, se la parola "donna" fa paura: mostra di ritratti femminili vandalizzata dalle transfemministe

Sono diverse, diversissime le donne di Makoveitchoux, ma nonostante tutto la sola parola “women” è ormai offensiva per l’attivismo transfemminista locale che non ha tardato a reagire, affiancando ai collage di Makoveitchoux altre affissioni, esigendo una maggiore rappresentanza di trans e "sex worker". Un intervento quanto mai inopportuno, semplicemente perché i soli ritratti non identificano le donne né dal punto di vista del genere, né della professione. “Non abbiamo vandalizzato, ma completato” è stata la loro unica spiegazione sull’account instagram di Collage Féministes Vitry.

Intorno al movimento dei collage femministi a Parigi e dintorni si assiste a una vera e propria spaccatura. Pioniera e iniziatrice dei collage contro il femminicidio è stata Marguerite Stern, autrice del volume Héroines de la rue letteralmente "eroine della strada", che ha progressivamente preso le distanze da numerosi collettivi di collage soprattutto dopo la deriva transattivista di questi ultimi e gli atti vandalici presso l’edificio L’Amazone, a Parigi, casa rifugio per donne vittime di violenza, oltraggiato con falli e altri insulti. 

Quella all’esposizione di Makoveitchoux è cronologicamente solo l’ultima ingerenza di un attivismo che anziché costruire e lottare per un proprio spazio distrugge e invade quello degli altri. Il preludio a tale atto di vandalismo è stata l'agguato alla manifestazione del Collettivo abolizionista Anti Prostituzione CAPP a Place de la République del 7 marzo. Un manipolo di adolescenti ha assalito le donne che manifestavano contro la prostituzione con insulti, lanci di uova, minacce, cartelli stracciati e aggressioni fisiche. Le stesse scene sono state viste in Italia, a Firenze. L’episodio ha creato sconcerto sui social e non solo, coinvolgendo numerose associazioni e collettivi femministi.

Parigi, se la parola "donna" fa paura: mostra di ritratti femminili vandalizzata dalle transfemministe

Makoveitchoux ha chiuso le discussioni rilasciando una potente dichiarazione su Instagram:

"Io Pauline Makoveitchoux, residente in periferia, figlia di immigrati poveri, attivista femminista e fotografa autodidatta, rivendico la maternità e il rispetto della mia serie fotografica Women are not afraid. 

Noi, donne, siamo il 52 per cento della popolazione francese e la metà dell’umanità, e subiamo le violenze sistematiche, misogine, universali e millenarie. La mia serie fotografica Women are not afraid mette in prospettiva la legittimità delle donne a essere nello spazio pubblico e denuncia le aggressioni sessuali e sessiste quotidiane, commesse nell’indifferenza generale.

Da un anno e mezzo realizzo gratuitamente questi scatti e diffondo il mio lavoro con l'intenzione di offrire alle donne il potere di riappropriarsi degli spazi e di interpellare gli uomini sui loro comportamenti da aggressori o da testimoni passivi.

Dopo aver posato, tutte le donne hanno manifestato le emozioni forti e potenti che hanno provato durante le sedute fotografiche.

Parigi, se la parola "donna" fa paura: mostra di ritratti femminili vandalizzata dalle transfemministe

Alcune mi scrivono ancora adesso, mesi dopo, per dirmi che quando si sentono male tornano a guardare il loro ritratto per ritrovare forza.

Ho realizzato due mostre gratuite, la prima a Ivry-sur-Seine (periferia sud di Parigi), a ottobre scorso, pagata da me stessa. La seconda a Vitry-sur-Seine, lunedì 8 marzo 2021, con il sostegno economico della municipalità di Vitry, che è anche il mio comune d’origine.

Queste mostre mirano a offrire gratuitamente il mio lavoro a tutte le ragazze e a tutte le donne attraverso spazi accessibili a tutte e lontani dai musei e dalle gallerie d’élite.

Oggi, la mia esposizione a Vitry-sur-Seine è stata vandalizzata. Questo atto di vandalismo è stato rivendicato da un gruppo di donne dissimulate dietro uno pseudonimo.

Durante tutta la mia vita, gli uomini mi hanno spiegato come dovevo agire, in quanto donna, inferiore. Come dovevo parlare, perché venivo dalla periferia, senza educazione né linguaggio appropriato.

Oggi, rifiuto le invasioni sui miei pensieri, le mie azioni, il mio linguaggio.

Queste persone hanno scritto numerose frasi, uscite dalla propoaganda liberale alla moda e lontana dalla realtà:

  • il femminismo deve essere inclusivo: vi sfido a trovare un’altra serie fotografica che rappresenta tante donne differenti quanto la mia
  • le donne trans sono nostre sorelle: le donne trans non sono donne, le mie sorelle non hanno il pene
  • non esiste femminismo senza sex worker: non conosco sex worker, conosco solo la mia storia violenta di prostituzione e quelle delle sopravvissute alla prostituzione, con le quali lotto ogni per esigere diritti e mezzi perché le donne possano uscire da questo inferno.

Un promemoria: le statistiche mostrano che più del 90 per cento delle donne in prostituzione (soprattutto donne) vogliono uscirne. La media delle età d’entrata nelle maglie della prostituzione in Francia è di 14 anni, e questo unico dato è sufficiente a dimostrare che questo non è un “lavoro”, un’attività come le altre. La speranza di vita per le persone in situazione di prostituzione è di 39 anni, e il tasso di suicidio tra le persone che si prostituiscono è 9 volte più alto che nel resto della popolazione”.

Valeria Nicoletti


Much of the news published by Feminist Post you will not read elsewhere. That is why it is important to support us, even with a small contribution: Feminist Post is produced solely by the voluntary work of many people and has no funding.
If you think our work can be useful for your life, we will be grateful for even the smallest contribution.

You can give us your contribution by clicking here: Patreon - Feminist Post
   - or -
You can send to: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Obligatory reason: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
You might also be interested in
5 July 2022
Women attacked from left and right: the ash on the head of the New York Times
As the organ of the liberals and woke culture, the great US newspaper has been undertaking a vigorous change of course for a few months now, admitting its own excesses and the misogyny of the new progressive course committed to wiping out women. While waiting for the self-critical wind to blow in Europe too
by Pamela Paul Perhaps it makes sense that women - complacent and pleasant-looking creatures, selfless and just as pretty - were the ones who finally brought our polarised country together. Because the far right and the far left have found the one thing they can agree on: women don't matter. The position of the right is best known, the movement has been aggressively dedicated for decades to depriving women of basic rights. Thanks also to two judges [...]
Read now
27 June 2022
New England Journal of Medicine: abortion ban is a health catastrophe
The prestigious magazine raises the alarm: it will be mainly poor and black women who will pay the price of the Supreme Court ruling, driven back into abortion with serious health risks. Even the morning-after pill and even the IUD could be banned and prosecuted as abortifacient means
The US Supreme Court's decision in Dobbs v. Jackson Women's Health Organization represents an extraordinary reversal (...) Yet it was not unexpected. In the long and painful prelude to the decision, many states severely restricted access to reproductive health care. The fig leaf covering these restrictions was that induced abortion was a dangerous procedure that required stricter regulation to protect the health of women seeking such care. The facts belie this false rhetoric. The latest data available in the United States [...]
Read now
27 June 2022
How they won the war against Roe
Failure to turn Roe v. Wade into law was the capital mistake of the American left, starting with Barack Obama. Abortion was an entirely secondary issue for trans-politics-absorbed liberals, who have spent years erasing the word 'woman' by renaming it as 'menstruator' and 'uterus carrier', rather than addressing women's rights
How did American pro-lifers win the war against Roe v. Wade? In the article of which we present you with extended excerpts, journalist Sarah Ditum explains how the Democrats' neglect and arrogance unwittingly helped set women's rights in America back 50 years. "When did it become certain that American women's right to abortion would be revoked? The Supreme Court's ruling that "Roe was terribly wrong from the start" leaked almost two months ago, [...]
Read now
25 June 2022
US midterm elections: will women be decisive after the abortion ruling?
What will American women do now? Will they win solidarity among themselves, as they have always won in Italy over abortion? Or will they settle into opposing sides in a quasi-civil war? The November vote will be the first test. Women could form the strong core of that moderate front that cannot find political expression in the US
What will American women do now? Will they win solidarity among themselves, as they have always won in Italy with regard to abortion, holding together Catholics and agnostics, left-wing and right-wing women in defence of law 194/78? Or will they settle into opposing camps, to put it mildly, the quasi-civil war underway in the United States? The midterm elections in November, with the Republicans as favourites, will be the first test: how many female voters, albeit [...].
Read now
20 June 2022
Bye bye 'Lia': world stop to trans swimmers in women's races
Despite the scandalous and opportunistic silence of the sports media, the World Swimming Federation closes to male bodies in women's competitions (something similar has also been decided for cycling). Soon, hopefully, all other categories will follow. The trophy-stealing 'Lia' Thomas cases will not happen again. Honour to the female athletes who fought against this colossal injustice. And to all of us who have resisted the misogynistic violence of gender ideology for years.
Fighting is needed: piece by piece the wall of trans-ideology is crumbling. And while the American Democrats - Hillary Clinton's word - are resoundingly distancing themselves from trans-activism because they realise that they are risking the presidency of the United States on these issues, the Fina (Fédération Internationale de Natation), the world governing body of swimming, has voted in favour of new rules according to which transgender athletes will not be allowed to compete in elite women's competitions if they have crossed any part of the [...]
Read now
19 June 2022
Hillary Clinton: if we keep talking about trans people we will lose the election
Interviewed by the Financial Times she admits that there are other priorities and that if they continue along this path the Democrats will lose the presidency, starting with the midterm in November. A resounding turnaround in the hope of salvaging what can be saved. Will the western democratic parties -starting with the PD- follow the gender critical change of course?
For the first time in years, American Democrats break the taboo: they do so with none other than the authoritative voice of former Secretary of State and presidential candidate Hillary Clinton, according to whom continuing to talk about trans people will risk defeat for progressives. The interview is published in the Financial Times. Question Edward Luce: "The Democrats seem to be doing everything they can to lose the election by holding up activist causes-particularly the transgender debate-that are only relevant to a [...]
Read now
1 2 3 ... 20