Vendere sesso è pericoloso. E fingere che sia un lavoro come un altro aumenta il rischio

Prostituirsi causa sofferenza, disagio mentale, dipendenza da droghe e malattie. E la "regolamentazione" non fa che alimentare sfruttamento e tratta. Due argomenti forti contro la normalizzazione del cosiddetto "sex work", sostenuta da una sinistra misogina e dirittista e dal femminismo liberale
Condividi questo articolo

Sabato 27 al presidio di Milano contro la violenza sulle donne -vedere immagine d'apertura- fra le molte cose abbiamo detto anche questa: è davvero difficile comprendere come possa esistere un femminismo che lotta per lo smantellamento della legge Merlin e per la decriminalizzazione dello sfruttamento, oltre che per la regolamentazione del cosiddetto "sex work". Perché lo fa? E per chi? E lo sanno, le migliaia di ragazze che partecipano ai cortei di Non Una di Meno, che stanno manifestando anche per questo obiettivo?

Vendere sesso è pericoloso. E fingere che sia un lavoro come un altro aumenta il rischio
Milano, 8 marzo 2019. Non Una di Meno ospita Efe Bal, testimonial del progetto di legge della Lega per la regolamentazione della prostituzione, al presidio per le studentesse delle medie

Fortunatamente la prospettiva abolizionista conquista spazio. Qui un editoriale diSonia Sodha su The Observer.

Lunedì scorso James Martin è stato condannato a quattro anni e mezzo di carcere per aver ucciso Stella Frew. Avevano litigato nel suo furgone, poi lui ha accelerato con lei appesa su un fianco, alla fine investendo Frew e causandole ferite catastrofiche. Martin è scappato via con la sua borsa che ha poi scaricato.

La causa del litigio? Martin si è rifiutato di pagarla per l'atto sessuale che lei aveva appena compiuto su di lui. Come molte donne che vendono sesso, Frew ha lottato con la dipendenza da droghe e alcol ed era sotto la loro influenza quando si è avvicinata a Martin. Sua figlia l'ha descritta di fronte alla corte come la "donna più gentile e cordiale”, abusata e ferita dagli uomini per tutta la sua vita. Il giudice ha osservato che Martin aveva mostrato a malapena empatia per la sua vittima.

Così è sempre stato. La prostituzione è correlata a un pericolo mortale: secondo uno studio, le donne che vendono sesso hanno 18 volte più probabilità di essere uccise rispetto alle donne che non lo fanno. Eppure storicamente queste donne sono sempre state considerate cittadine di seconda classe, non degne della stessa preoccupazione concessa alle altre vittime.

Quale sia il modo migliore per prevenire la violenza contro coloro che vendono sesso, la stragrande maggioranza delle quali sono donne, è una questione che divide da tempo le femministe.

Vendere sesso è pericoloso. E fingere che sia un lavoro come un altro aumenta il rischio

Per alcune, si tratta di depenalizzare la vendita e l'acquisto di sesso, il che per esempio in Inghilterra e Galles significherebbe decriminalizzare reati come andare in macchina in cerca di una prostituta, istigare la prostituzione e gestire un bordello. La prostituzione ci sarà sempre, l'argomento è questo, quindi meglio portarla alla luce. Altri invece concordano sul fatto che la vendita di sesso dovrebbe essere depenalizzata in tutte le circostanze e pensano che alle donne dovrebbe essere fornito un ampio supporto per uscire dalla prostituzione, ma sostengono che l'acquisto di sesso, attività quasi esclusivamente maschile, dovrebbe sempre essere un crimine.

L'argomento della piena depenalizzazione si basa sulla convinzione che sia possibile sostenere coloro che vendono sesso per trasformarlo in "lavoro sessuale", come se fosse un qualunque altro lavoro. Quello che lo rende attraente è alimentato da un archetipo che si è evoluto fino alla narrativa del salvatore maschile di Pretty Woman, o a quella della donna sessualmente disinibita che si beffa di una società conservatrice facendo un sacco di soldi con un lavoro che ama.

Vendere sesso è pericoloso. E fingere che sia un lavoro come un altro aumenta il rischio

Il lavoro sessuale quindi sarebbe una scelta che andrebbe rispettata e destigmatizzata, depenalizzando gli uomini che lo comprano e regolamentandolo per renderlo più sicuro. Le donne che si scagliano contro questa visione sono raffigurate come puritane costrette dalla loro stessa ritrosia nei confronti del sesso.

Ci sono due verifiche di realtà che portano questi argomenti a cadere. La prima è che per ogni donna o uomo che vende sesso e che lo considera una scelta positiva, ce ne sono alcune, anzi molte di più che sono state trafficate o sfruttate e sono di fatto schiave delle reti criminali, lavorando per una miseria, o per la droga che serve a dimenticare il trauma di essere costrette a vendersi per poi essere penetrate ancora e ancora. O anche per niente.

In un'indagine sul traffico sessuale, la polizia del Leicestershire ha riferito che l'86% delle donne nei bordelli erano rumene; in Northumbria, era del 75%. Numerosi studi hanno dimostrato quanto sia pericolosa la prostituzione: la maggior parte delle donne che vendono sesso ha subito violenze gravi e ripetute, con più di due terzi che soffrono di disturbo post-traumatico da stress a livelli paragonabili ai veterani di guerra. Le donne che sono effettivamente costrette a vendere sesso hanno poca voce nei dibattiti politici, sebbene ci siano importanti reti di sopravvissute che sostengono l'abolizione.

“In che modo una donna che vende sesso potrebbe mantenere dei limiti di sicurezza o ritirare il consenso quando un uomo le fa del male?”.

Vendere sesso è pericoloso. E fingere che sia un lavoro come un altro aumenta il rischio
Altra immagine dal presidio antiviolenza di Milano: tra i molti temi, l'abolizione della prostituzione

In secondo luogo, come ha esposto l'attivista femminista Julie Bindel nel suo libro del 2017 The Pimping of Prostitution, la depenalizzazione e la regolamentazione non sono stati il ​​successo che sostengono i loro sostenitori. Bindel ha visitato e intervistato donne che lavorano nei bordelli legali nei Paesi Bassi, in Germania, Nevada, Nuova Zelanda e Australia e ha scoperto che lo sfruttamento è diffuso, con la legalizzazione che agisce per legittimare i proprietari di bordelli. In un bordello di Las Vegas alle donne non era permesso uscire non accompagnate o senza il permesso del loro pappone. In un bordello tedesco, le donne dovevano servire sei uomini al giorno alla tariffa minima solo per pagarsi l'affitto della stanza. In un bordello neozelandese le donne hanno detto che gli uomini potevano lamentarsi con il pappone e avere indietro i loro soldi, lasciando le donne senza compenso.

La depenalizzazione aumenta la portata complessiva della prostituzione senza ridurne i danni o fornire alcuno dei vantaggi promessi dalla regolamentazione. In Nuova Zelanda, Bindel ha rivelato che in 12 anni ci sono state solo 11 ispezioni sulla salute e la sicurezza dei bordelli. E che la depenalizzazione rende ancora più difficile per la polizia combattere la tratta. La polizia spagnola testimonia quanto sia difficile indagare sui bordelli, con le giovani donne spaventate e angosciate che dicono loro che lavorano lì per scelta.

La depenalizzazione non può rendere sicura la prostituzione perché è intrinsecamente pericolosa e sfruttatrice.

Gli uomini che comprano sesso troppo spesso sfuggono al controllo. Il progetto Invisible Men documenta il modo nauseante in cui gli uomini parlano online della loro esperienza con donne che vendono sesso: di questo molto poco è pubblicabile. La ricerca rileva che gli uomini che comprano sesso hanno anche maggiori probabilità di abusare delle loro partner, hanno una preferenza più forte per il sesso a-relazionale e commettono stupri e altri reati sessuali. Qualcuno potrebbe dire che non c'è un rapporto causa-effetto, ma non è difficile immaginare come usare le donne a pagamento anche se a loro fa male non può che inasprire ulteriormente atteggiamenti già tossici nei confronti delle donne.

Questi uomini hanno tutto l'interesse alla normalizzazione dei loro acquisti sessuali. Forse l'esempio più straordinario è l'ex-deputato Keith Vaz, che ha presieduto un'inchiesta del comitato ristretto per gli Affari Interni contro la criminalizzazione di coloro che comprano sesso e che pochi mesi dopo è stato denunciato per essersi offerto di acquistare cocaina per due prostituti .

Chi si prostituisce non dovrebbe essere stigmatizzato, ma aiutato e sostenuto. Ma noi legittimiamo a nostro danno gli uomini che si dedicano alla pratica dannosa di comprare sesso. Nel Regno Unito si stima che circa un uomo su 10 abbia pagato per fare sesso; in Spagna, dove l'accesso alla prostituzione è depenalizzato, il numero è molto più alto.

Accettare che la prostituzione ci sarà sempre, e quindi la cosa migliore che possiamo fare è regolamentarla, non significa solo tollerare gli abusi sulle donne: è essere complici della sua espansione.

Articolo originale qui, traduzione di Laura De Barbieri


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
1 Febbraio 2023
Olanda: se blocchi lo sviluppo di bambine e bambini li spingi a diventare trans
Il protocollo -mettere in pausa la pubertà per consentire ai minori di “scegliere” il sesso- l’hanno inventato loro. Ma anche gli olandesi ora ammettono che in 9 casi su 10 i blocker non danno più tempo per "decidere" ma sono l’inizio della transizione. Una profezia che si auto-avvera. E che gli effetti di questi farmaci non sono affatto reversibili
La clinica universitaria Amsterdam UMC, pioniera nell'uso dei bloccanti della pubertà, ha ammesso che i bambini che assumono questi farmaci possono trovarsi bloccati in una maggiore medicalizzazione. L’ammissione arriva in seguito alla pubblicazione all'inizio di questo mese di un nuovo studio retrospettivo che esamina 20 anni di interventi ormonali noti come "protocollo olandese", condotto su 1.766 bambini e adolescenti tra il 1972 e il 2018 presso la famosa clinica di Amsterdam e pubblicato su The Journal of Sexual Medicine. Ma […]
Leggi ora
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
14 Gennaio 2023
UK: il servizio sanitario fa marcia indietro sui servizi per la "maternità transgender" dopo la rivolta delle ostetriche
Lottare serve: in Gran Bretagna levatrici e infermiere si ribellano all’annunciata apertura di corsi e reparti dedicati a gravidanza e parto di persone “trans e non binarie”. E l’NHS stoppa l’iniziativa. Intanto negli USA si parla di trapianto di utero tra viventi: donne donatrici a vantaggio di uomini che desiderano vivere "esperienze fisiologiche femminili". Il vecchio sogno patriarcale di sempre: prendere il posto delle donne. Oggi agito dai neopatriarchi T
Lottare serve. La rivolta di ostetriche e infermiere ha sventato il piano del Servizio Sanitario Nazionale inglese (NHS) di organizzare servizi dedicati alla "maternità transgender". Il 16 dicembre scorso era apparso un annuncio per reclutare personale per gestire la formazione delle "persone trans e non binarie che partoriscono" in 40 servizi di maternità dell'NHS, annuncio che ha provocato l’immediata reazione di addette al settore. Un gruppo di circa 300 infermiere, ostetriche e psicologhe ha scritto una lettera aperta a Lizzie […]
Leggi ora
8 Gennaio 2023
Anche l’Olanda frena sui "bambini trans"
Lo studio del 2006 su cui si fonda il cosiddetto “protocollo olandese” esportato in tutto il mondo-la somministrazione di bloccanti della pubertà ai minori con comportamento non conforme al sesso di nascita- fu finanziato dall’azienda farmaceutica che produce i blocker, ed è stato più volte screditato. Come in UK, Svezia, Finlandia, anche in quel Paese oggi si chiede uno stop a queste “terapie” che causano seri danni alla salute
Si chiama “protocollo olandese” il trattamento di bambini con disforia di genere con bloccanti della pubertà. E si basa su un unico studio del 2006 che introduce il concetto del “cambio di sesso per bambini transgender” e che sarebbe stato finanziato da Ferring Pharmaceuticals, l'azienda che commercializza la triptorelina, il farmaco con cui viene fermato il naturale sviluppo di bambine e bambini. Lo rivela un reportage del giornalista Jan Kuitenbrouwer e del sociologo Peter Vasterman pubblicato recentemente sul NRC Handelsblad, […]
Leggi ora
29 Dicembre 2022
2022, l'anno in cui l'Occidente ha cancellato le donne
Secondo Ayaan Hirsi Ali, critica radicale dell’Islam, fondamentalisti soggiogatori e progressismo transattivista occidentale sono alleati di fatto: entrambi mettono in pericolo le donne e minacciano gli ideali post-illuministici
Se il 2022 è stato l'anno della "donna", si è trattato di una storia con due capitoli finali diversi: uno di speranza, l'altro meno. Il primo è ambientato in un Paese lontano, dove un regime arcaico e teocratico minaccia di essere rovesciato dalle donne che gettano il loro hijab e chiedono la loro emancipazione. Il secondo si svolge in un ambiente più familiare ma in una lingua sconosciuta: un Occidente in cui la stessa parola "donna" non ha più alcun […]
Leggi ora