Valanga viola a Madrid

No alla Ley Trans. Stop a pornografia, prostituzione, utero in affitto. Il femminismo spagnolo unito si è mobilitato in una grandissima manifestazione per imporre un'agenda politica libera dall'invadenza transfemminista e queer, lanciando un segnale alle donne di tutta Europa
Condividi questo articolo

2000 donne secondo le fonti del Governo, secondo le partecipanti 6000, si sono riunite a Madrid da tutti gli angoli della penisola e dalle isole spagnole.

Un incontro che ha sorpreso le stesse femministe che hanno voluto dare un segno forte: LE FEMMINISTE CI SONO.

Non siamo la minoranza.

Un'unione che ha avuto come obiettivo la rivendicazione delle principali forme di oppressione delle donne che il femminismo vuole eradicare dalla società spagnola:

-Prostituzione e pornografia

-Utero in affitto

-Genere come ideologia e diktat e medio d'oppressione internazionale basato su teorie ascientifiche e narcisiste

-Imposizione della cosiddetta “legge trans”

Valanga viola a Madrid

Anche stavolta, cosí come in molte altre dimostrazioni, manifestazioni e dichiarazioni ai media, le femministe di Spagna hanno espresso il loro dissenso nei riguardi di Irene Montero, ministra delle Pari Opportunità che spinge ormai da anni per l’approvazione della “legge trans” a livello governo centrale e per la sua validità in tutte le comunità autonome spagnole. Una spinta che ha l'aspetto di un’imposizione. Montero non solo rifiuta il confronto, ma da sempre si mostra indisponibile perfino ad ascoltare o a leggere la posizione e le ragioni che femministe storiche spagnole stanno esprimendo da un paio di anni attraverso le reti e i mezzi di comunicazione.

Giusto la settimana scorsa al congresso del PSOE il capo dell'esecutivo Pedro Sanchez ha promesso una legge per abolire la prostituzione. Le manifestanti gli rimproverano di non aver mantenuto la promessa in altre occasioni. Nel 2018 aveva già annunciato una legge contro lo sfruttamento e il traffico sessuale, ma l'annuncio non ha avuto alcun seguito.

Una parte del femminismo ha letto questa inaspettata proposta come un modo per mettere a tacere le obiezioni sulla Ley Trans: un patto, uno scambio, una legge abolizionista in cambio di una Lgbtq.

Valanga viola a Madrid

I maggiori gruppi e le più grandi organizzazioni femministe spagnole si sono unite e hanno marciato insieme.

La preparazione di questo evento nazionale ha richiesto molti mesi. Le femministe di tutta la Spagna si sono organizzate per raggiungere Madrid con pullman, treni, mezzi di trasporti privati. Le reti social sono state il principale mezzo per la realizzazione dell'evento.

Una dimostrazione del fatto che le donne non si lasciano intimorire dalla violenza e dall'arroganza degli Lgbtq -ormai dominati dalla corrente queer- né dall' aggressività dei rumorosi movimenti “transfemministi”, nelle cui agende non vi è nessun punto a favore delle donne, ma si promuove piuttosto il loro sfruttamento e la loro cancellazione.

Valanga viola a Madrid

Ci siamo emozionate vedendo le sorelle spagnole marciare, gridare, sorridere e abbracciarsi, dando l’esempio alle donne di altri paesi che ora si sentono meno sole e sono pronte per opporsi ai soprusi che vivono giornalmente in nome della tolleranza.

Quello che le sorelle spagnole ci insegnano è che:

Il femminismo non è diviso, o lotti per la liberazione delle donne o no. O sei femminista o non lo sei.

I cartelli e gli slogan più significativi e d’impatto:

- La pornografia è scuola per stupratori.

- La differenza fra uno che va a puttane e uno stupratore sono i soldi.

- Puttaniere, paghi per violentare. Sottomissione non è consenso.

- Ormonizzare bambine e bambini non è un diritto.

-Genere = Oppressione

- Né cis nè trans. La femminilità non è un’identità.

- Commercializzare l'utero di una donna povera è un crimine

- Spazi sicuri per donne e bambine.

- La mia vagina non è uno strumento di lavoro.

- Se provoca traumi psicologici e postumi fisici e psichici non è un lavoro.

- L'uomo che ti stupra non ti chiederà con quale genere ti identifichi

- Le donne non vengono "trovate morte", le donne sono uccise da uomini.

- Non mi identifico con il genere femminile che mi hanno assegnato alla nascita e questo non mi rende né "uomo" né "gender fluid" né "non binary". Mi rende FEMMINISTA.

Questi e tanti altri sono stati i temi lanciati dalle femministe a Madrid, che pretendono la realizzazione della loro agenda.

Le nostre sorelle spagnole hanno fatto un chiaro passo in avanti, un'onda che speriamo possa raggiungere anche l'Italia, liberare la rabbia e la voglia di ribellarci insieme.

Valanga viola a Madrid

dalla Spagna, Sara Punzo e Carla Garcia


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
14 Gennaio 2023
UK: il servizio sanitario fa marcia indietro sui servizi per la "maternità transgender" dopo la rivolta delle ostetriche
Lottare serve: in Gran Bretagna levatrici e infermiere si ribellano all’annunciata apertura di corsi e reparti dedicati a gravidanza e parto di persone “trans e non binarie”. E l’NHS stoppa l’iniziativa. Intanto negli USA si parla di trapianto di utero tra viventi: donne donatrici a vantaggio di uomini che desiderano vivere "esperienze fisiologiche femminili". Il vecchio sogno patriarcale di sempre: prendere il posto delle donne. Oggi agito dai neopatriarchi T
Lottare serve. La rivolta di ostetriche e infermiere ha sventato il piano del Servizio Sanitario Nazionale inglese (NHS) di organizzare servizi dedicati alla "maternità transgender". Il 16 dicembre scorso era apparso un annuncio per reclutare personale per gestire la formazione delle "persone trans e non binarie che partoriscono" in 40 servizi di maternità dell'NHS, annuncio che ha provocato l’immediata reazione di addette al settore. Un gruppo di circa 300 infermiere, ostetriche e psicologhe ha scritto una lettera aperta a Lizzie […]
Leggi ora
8 Gennaio 2023
Anche l’Olanda frena sui "bambini trans"
Lo studio del 2006 su cui si fonda il cosiddetto “protocollo olandese” esportato in tutto il mondo-la somministrazione di bloccanti della pubertà ai minori con comportamento non conforme al sesso di nascita- fu finanziato dall’azienda farmaceutica che produce i blocker, ed è stato più volte screditato. Come in UK, Svezia, Finlandia, anche in quel Paese oggi si chiede uno stop a queste “terapie” che causano seri danni alla salute
Si chiama “protocollo olandese” il trattamento di bambini con disforia di genere con bloccanti della pubertà. E si basa su un unico studio del 2006 che introduce il concetto del “cambio di sesso per bambini transgender” e che sarebbe stato finanziato da Ferring Pharmaceuticals, l'azienda che commercializza la triptorelina, il farmaco con cui viene fermato il naturale sviluppo di bambine e bambini. Lo rivela un reportage del giornalista Jan Kuitenbrouwer e del sociologo Peter Vasterman pubblicato recentemente sul NRC Handelsblad, […]
Leggi ora
27 Dicembre 2022
L'abolizione globale del sesso
La legge appena approvata in Scozia che sostituisce il sesso con la libera scelta del genere. Quella in via di approvazione in Spagna. E il progetto della Germania. Nel suo articolo su Newsweek Kara Dansky mette in guardia sul self-id anche gli Stati Uniti. Ma da Gran Bretagna, Svezia, Finlandia arrivano segnali in netta controtendenza: la partita è ancora tutta da giocare
Il 22 dicembre è stato un giorno nero per il femminismo gender critical: nonostante le vivaci proteste fuori dal Parlamento la Scozia ha approvato la legge che consente l'autoidentificazione di genere o self-id -senza eccezione per gli autori di reati sessuali che potranno liberamente accedere, identificandosi come donne, agli spazi femminili. Anche in Spagna la Ley Trans che ha un impianto molto simile ha superato il primo step alla Camera Bassa e si avvia nelle prossime settimane verso l'approvazione definitiva […]
Leggi ora