Usa: mediche trans contro la transizione dei bambini

Brusca frenata su ormoni e chirurgia per i minori con disforia anche da parte di Erica Anderson e Marci Bowers. Entrambe trans -Bowers è la chirurga che ha operato la famosa Jazz Jennings, nella foto, oggi affetta da disturbi dell'alimentazione, depressione e gravi problemi post-intervento- esprimono forti dubbi. Il boom di cause legali spinge alla cautela anche WPATH, Associazione per la Salute Transgender. Ma il New York Times non dà spazio a queste voci
Condividi questo articolo

In questi giorni ha fatto il giro del mondo lintervista di Abigail Shrier a due esperti del trattamento della disforia di genere, a loro volta transessuali, che hanno messo in dubbio le procedure standard attualmente usate su bambine e bambini.

Si tratta di Marci Bowers, chirurga specializzata in vaginoplastica e inversione del pene, e Erica Anderson, psicologa clinica presso la “Clinica di genere per bambini e adolescenti” dell'Università della California a San Francisco. Entrambe sono nate uomini e hanno fatto una “transizione di genere” in età adulta. Bowers è anche conosciuto per avere operato Jazz Jennings, intervento mostrato nel reality I Am Jazz.

Bowers e Anderson sono membri del comitato del WPATH, l’Associazione Professionale Mondiale per la Salute Transgender che pubblica le linee guida per lo standard di cura della disforia di genere utilizzate in tutto il mondo.

Nell’intervista, Bowers e Anderson hanno espresso dubbi sulla somministrazione di bloccanti ai minori nelle prime fasi della pubertà, pratica che invece è raccomandata nello “Standard di cura per la salute dei transessuali, transessuali e persone non conformi” pubblicato dal WPATH (vedere qui).

In particolare, Bowers ha confermato che i cosiddetti bloccanti della pubertà -originariamente sviluppati negli Stati Uniti per la castrazione chimica dei condannati per crimini sessuali- causano danni gravi e irreversibili alla densità ossea, allo sviluppo degli organi sessuali e del cervello, inabilità di provare piacere sessuale e infertilità. Shrier sottolinea che finora nessun medico del campo della cosiddetta “medicina transgender” aveva ammesso tanto.

Usa: mediche trans contro la transizione dei bambini
Studio pubblicato da The Lancet: epatocarcinoma in ragazza in "terapia" con testosterone

Le due esperte avrebbero dunque criticato le linee guida della loro stessa associazione professionale, rischiando ostracismo e accuse di transfobia? In realtà, Marci Bowers è destinata a diventare il futuro direttore del WPATH.

L’intervista li definisce whistleblower -segnalatori di illeciti-, ma i veri whistleblower sono altri, come l’anonima canadese che già nel 2019 denunciava in un rapporto investigativo che gli “standard di cura dei transgender” del WPATH non erano basati su prove scientifiche (vedere qui).

Bowers e Anderson improvvisamente fanno un passo indietro su uno standard di cura che hanno contribuito a creare, e danno pubblicità alla loro posizione rilasciando l’intervista proprio alla seguitissima Abigail Shrier -autrice del bestseller sulle ragazze disforiche Irreversible Damage. Questo dopo un tentativo fallito di Anderson di pubblicare un editoriale sul New York Times, rifiutato con il motivo che l’argomento non era al momento tra le priorità (vedere qui).

Questo cambio di rotta arriva dopo il recente boom di cause legali da parte di giovani detransitioner pentiti della loro “transizione” e di professionisti della sanità ed ex-dipendenti delle cliniche di genere nel Regno Unito (Keira Bell , Sonia Appleby), negli Stati Uniti (associazioni di pediatri) e in Australia (detransitioner). Il ripensamento di Bowers e Anderson fa pensare ai proverbiali “ratti che abbandonano la nave che affonda”, come è stato commentato sui social network.

Le dichiarazioni rilasciate in questa intervista potrebbero indicare che, per evitare cause legali e probabili condanne  e obbligo a versare risarcimenti, persino il potente WPATH, che a partire dal 2022 sarà diretto proprio da Bowers, potrebbe presto rivedere le sue politiche sui bloccanti della pubertà e sulla mutilazione degli organi sessuali dei minori.

Oltre ai problemi legali, negli ultimi tempi la chirurgia di Bowers non gode di buona pubblicità. La salute della sua paziente più famosa, Jazz Jennings, tre anni dopo l’operazione continua a peggiorare visibilmente. Jennings recentemente ha ammesso di soffrire di disturbi dell’alimentazione che l'hanno portata a ingrassare di 40 kg in breve tempo. Negli ultimi anni Jennings ha già rinviato l’ingresso all’università per problemi di depressione e si è sottoposta a tre interventi di riparazione dopo l’operazione di Bowers, controversa perché il chirurgo aveva usato tessuto dell’intestino in quanto il pene di Jennings non forniva abbastanza materiale per effetto dei bloccanti della pubertà (vedere qui).

Intanto anche il Royal Australian and New Zealand College of Psychiatrists (RANZCP) sottolinea l'importanza della terapia psicologica per i minori affetti da disforia di genere (vedere qui). 

Maria Celeste



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
22 Aprile 2024
Lettera a Rishi Sunak: serve un'inchiesta pubblica sull'influenza dell'ideologia transgender
Centotrenta parlamentari, medici, psichiatri, accademici e detransitioner britannici -tra loro anche JK Rowling- hanno scritto una lettera al primo ministro per invitarlo ad esaminare “l’influenza pervasiva” dell’ideologia transgender nelle scuole e nel servizio sanitario nazionale e ad accertare le responsabilità del danno prodotto a migliaia di bambine e bambini
"Rishi, se leggi questa petizione per favore, fai la cosa giusta e avvia con urgenza un’inchiesta pubblica. Il benessere dei nostri figli dipende da questo”. A scrivere è lo psicoterapeuta James Esses, coordinatore della dichiarazione per la realtà biologica e uno dei firmatari di un appello rivolto al primo ministro britannico dopo il grande scandalo del trattamento dei bambini “confusi e vulnerabili” da parte di professionisti medici, reso evidente del rapporto di Hilary Cass. Tra i primi firmatari anche JK […]
Leggi ora
21 Aprile 2024
Il gender è un campo di battaglia
Joe Biden in piena campagna elettorale sostituisce la parola sesso con identità di genere. Germania e Svezia approvano nuove leggi trans che consentono l’autoidentificazione (self-id): i genitori tedeschi potranno decidere di che sesso è la creatura neonata a prescindere dal fatto che abbia un pene o una vagina. Intanto dopo l’Inghilterra anche la Scozia proibisce I bloccanti della pubertà per i minori “non conformi”. E in Spagna a un anno dall’entrata in vigore della Ley Trans i “cambi di sesso” sono aumentati del 400 per cento. Perfino una trentina di militari barbuti si sono dichiarati donne. La lobby spinge furiosamente e il caos è indicibile
Mentre anche in Scozia, dopo l'Inghilterra, non si prescriverà più la "terapia affermativa" (puberty blocker seguiti da ormoni e chirurgia) ai minorenni, decisione assunta in seguito alla pubblicazione del clamoroso Cass Review, negli Stati Uniti il presidente Biden - o meglio, la sua amministrazione saldamente obamiana- in piena campagna elettorale per le presidenziali di novembre ha di fatto abolito il Titolo IX dell'Education Amendments in vigore dal 1972. L'emendamento prescriveva che nessuno/a sulla base del sesso potesse essere escluso dalla […]
Leggi ora
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora