USA: il capitalismo woke minaccia la democrazia

Emblematico il caso della Disney super-gay friendly, in rivolta contro la nuova legge della Florida che ostacola l'insegnamento sull'identità di genere nelle scuole. La gran parte delle aziende americane è pro Lgbtq, e prepara scioperi e rappresaglie contro la volontà popolare che va in un'altra direzione. Una vera e propria lotta di classe di CEO e manager contro la maggioranza dei cittadini: l'illuminante saggio di Darel E. Paul. Imperdibile
Condividi questo articolo

Schwa, bagni gender neutral, teorie queer, intersezionalità, “transfemminismo” pro industria dello sfruttamento sessuale, tutti i “problemi da primo mondo” che stanno a cuore al mondo del politicamente corretto vanno al di là della politica della destra/sinistra. Sono le manifestazioni di un nuovo potere economico che gli esperti chiamano “capitalismo woke”.

Vi presentiamo la sintesi di “Il capitale woke nel XXI secolo”, un saggio di Darel E. Paul, professore di scienze politiche al prestigioso Williams College, che esamina la questione del “capitalismo risvegliato" , parla del ruolo che sia la destra che la sinistra hanno giocato nella creazione di questo bizzarro mostro economico e ideologico, e di quello che ora dovrebbero fare per disfarlo.

I. IL CASO “WOKE DISNEY”

Il saggio comincia con un caso di studio: l’infiltrazione del capitalismo woke alla Walt Disney Corporation, il maggiore datore di lavoro della Florida, e come ha interferito con l’iter del disegno di legge sui “Diritti dei genitori nell'istruzione”, firmato dal governatore repubblicano Ron DeSantis lo scorso 28 marzo. La legge mette un freno all’insegnamento dell’identità di genere e alla facilitazione della “transizione sociale” dei minori all’insaputa dei genitori nelle scuole pubbliche, ed è stata rinominata imprecisamente “Don’t say gay bill” dai suoi oppositori.

 “Ben prima che DeSantis firmasse il disegno di legge, l'associazione LGBT Human Rights Campaign stava intensificando le sue pressioni più sugli amministratori delegati delle aziende che sui i politici. Il 28 febbraio l'associazione ha pubblicato una lettera firmata da oltre 150 società in cui si affermava l'opposizione al disegno di legge della Florida e a tutte le leggi simili in altri Stati. "Si è immediatamente notato che la Walt Disney Corporation non era nell'elenco” scrive Paul.

Il CEO della Disney Bob Chapek si è trovato tra due fuochi. Da un lato ha dovuto prendere atto di un disegno di legge popolare sostenuto da un voto a maggioranza netta e da un governatore popolare al primo mandato. Dall'altro ha affrontato i media e i suoi dipendenti.”

Dopo aver cercato di placare i "leader Disney LGBTQ+" e lo staff attraverso incontri e comunicazioni interne, Chapek è stato costretto ad esprimersi pubblicamente sulla questione all’assemblea annuale degli azionisti della Disney. Ma nemmeno una dichiarazione pubblica di opposizione al disegno di legge sui “Diritti dei genitori nell'istruzione”, la promessa di produrre più contenuti LGBT e di donare 5 milioni di dollari a gruppi di interesse LGBT da parte di Chapek hanno messo fine alla controversia.

Quando si è scoperto il sostegno della Disney a molti dei legislatori repubblicani che avevano promosso la legge, i dipendenti hanno organizzato "Disney Do Better Walkout", una settimana di uscite giornaliere di 15 minuti durante le pause pomeridiane. Sono seguite ulteriori concessioni da parte della Disney, tra cui lo stop del sostegno ai repubblicani e  “una nuova struttura interna per condurre l'azienda verso valori e interessi LGBT”.

Ma i “leader Disney LGBT” minacciano ora uno sciopero della Disney contro lo Stato della Florida e dichiarano apertamente che l’obiettivo è l’abrogazione della legge sui Diritti dei genitori nell'istruzione.

“Se si verificasse uno sciopero della Disney, non sarebbe certo la prima volta che il business americano usa il suo potere strutturale per contrastare la volontà popolare. Chiusure di fabbriche, licenziamenti di massa, serrate e rifiuto di investire sono esempi fin troppo comuni degli sforzi strategici del capitale per sconfiggere i propri dipendenti. La novità però è l'arma dello sciopero del capitale usata contro lo Stato e la democrazia,” osserva Paul.

USA: il capitalismo woke minaccia la democrazia

II. IL CAPITALISMO AMERICANO E' WOKE

La seconda parte del saggio spiega come questo nuovo sistema di credenze, chiamato "giustizia sociale", "intersezionalità" o "wokeness", è arrivato a catturare quasi tutte le istituzioni del potere privato negli Stati Uniti, dalle professioni al mondo accademico, dall'istruzione ai media, dalla Silicon Valley a Wall Street.

“L'affermazione della wokeness nel settore degli affari è forse il successo più sorprendente di questa ideologia. Un problema per il Partito Repubblicano che ha trascorso gli ultimi quarant'anni facendo gli interessi del capitale americano e che ora si trova in conflitto sulla concessione di agevolazioni fiscali e sgravi normativi a società che disprezzano la base elettorale e l'agenda culturale del partito,” scrive Paul. “Siamo abituati a vedere le questioni della guerra culturale come una lotta ideologica, ma l'ascesa del capitalismo woke inquadra meglio la nostra difficile situazione. Siamo profondamente impantanati in una lotta di classe. Si potrebbe anche paragonare questo esercizio di potere d'élite al colonialismo. Per dirla nei termini più crudi: professionisti e manager globalizzati da una parte; élite regionali e classi medie dall'altra. 

La posta in gioco è alta: l’influenza sull'autogoverno democratico e sul potere di definire la realtà”.

III. IL POTERE DELLA CLASSE WOKE

Nella terza parte Paul presenta le più recenti analisi del capitalismo woke, auspicando una teoria unificata per arginarlo. “Saper leggere il fenomeno del capitalismo woke come struttura di potere è il primo passo per arrivare a regolarlo. Obiettivo che non sarà raggiunto alle prossime elezioni o prossimo atto legislativo, ma solo dopo anni o addirittura decenni di lotte. Solo una volta che avremo capito il capitalismo woke e da dove viene il suo potere, potremo avere una speranza realistica di vincerlo a lungo termine.”

Tra i recenti tentativi di analisi, Paul si sofferma su tre libri pubblicati nel 2021. La dittatura di Woke Capital dell'analista politico Stephen Soukup ha offerto una critica conservatrice del movimento ‘ambientale, sociale e di governance (ESG)’ negli investimenti finanziari e ha lanciato un appello a ‘depoliticizzare gli affari’. In Woke, Inc. , l'imprenditore tecnologico Vivek Ramaswamy ha fornito un resoconto della wokeness aziendale come forma di entusiasmo religioso ma anche di wokewashing ‘reputazionale’, esponendo i suoi timori per il futuro della democrazia americana. Il capitalismo woke: come la moralità aziendale sta sabotando la democrazia dell'accademico Carl Rhodes ha presentato una posizione di sinistra sulla wokeness come corrotta dall'ipocrisia capitalista e ha lanciato un appello ai progressisti per difendere la socialdemocrazia dalla cooptazione delle aziende woke”.

Partendo da queste analisi, Darel E. Paul si sofferma sul ruolo di quella che chiama “classe dei professionisti” (professional class), o “lavoratori della conoscenza”, membri della “classe creativa”:Woke Disney dimostra chiaramente l'importanza, persino la centralità, dei dipendenti della classe professionale nella creazione e nella perpetuazione del capitale woke. Dopotutto, è stata la rivolta dei dipendenti a spingere Bob Chapek all'azione. La Disney è fortemente dipendente proprio dal tipo di lavoro qualificato e non di routine caratteristico della classe.”

“La classe professionale ha aperto la strada alla wokeness, che ha avuto origine nel mondo accademico [americano], si è diffusa prima all'istruzione, alla medicina e alle attività di consulenza, quindi ai media e alle professioni legali e infine alla cultura della classe stessa. […] In questo senso, il capitalismo woke non è certo un'anomalia rispetto a ciò che è tipicamente americano. In effetti si tratta dell'epitome di due sviluppi intrecciati nell'economia politica americana dagli anni '60: il potere aziendale globalizzato e una cultura terapeutica nazionale” conclude Paul.

IV. VERSO UNA RESISTENZA AL CAPITALISMO WOKE

Paul conclude: “Il contraccolpo alla wokeness è già qui: testimoniano i numerosi nuovi regolamenti e progetti di legge che vietano l'insegnamento della teoria critica della razza , che reinseriscono le definizioni tradizionali degli sport femminili e che in Texas sottopongono terapie transgender per minori a un controllo legale e medico intensificato mai visto in nessun altro posto nel mondo.”

Ma, avverte che “senza un supporto più ampio, tutti gli Stati di cui sopra saranno soggetti a minacce di sciopero dei capitalisti e all'esercizio del potere federale per volere della classe professionale-manageriale. Qualsiasi progetto intellettuale e politico di successo deve quindi confrontarsi sia con la wokeness che con il capitale. Le critiche di sinistra al capitalismo, se vogliono offrire spunti utili per l'azione politica, devono tenere conto del ruolo centrale svolto dalla classe professionale-manageriale e dalla sua cultura. Le giuste critiche alla wokeness, se vogliono diventare qualcosa di più che materiale per appelli di raccolta fondi per la ‘guerra culturale’, devono riconoscere il potere strutturale di questa classe reso possibile dall'economia politica neoliberista che la destra stessa ha contribuito a creare. La destra deve accettare che né la politica né l'economia sono 'a valle della cultura'. La politica, l'economia e la cultura sono strutture di potere che si autorafforzano reciprocamente, e tutte devono essere impegnate simultaneamente se la sconfitta del capitalismo woke vuole avere qualche speranza.”

Maria Celeste

articolo originale qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
11 Gennaio 2024
Bambini stupratori: rapporto shock in UK
In Gran Bretagna 18 stupri al giorno vengono commessi da minori sui loro coetanei: nel 2022 questi casi sono stati 15 mila quasi sempre a opera di giovanissimi maschi. Un rapporto della polizia britannica dimostra come il libero accesso alla pornografia violenta online sta normalizzando i comportamenti sessuali criminali in Inghilterra e in tutti gli altri Paesi occidentali
Da anni segnaliamo i danni psicologici e materiali prodotti su un'intera generazione dal libero accesso alla pornografia violenta online, consumata da bambini e bambine a partire dai 7 anni ma anche molto prima: gli stupri di gruppo commessi dai minori sono solo la punta dell'iceberg di questo fenomeno drammatico che oggi è stato analizzato e quantificato da uno studio delle polizia britannica. Su questo tema potete trovare articoli precedenti qui, qui, qui, qui, qui e qui. Siamo state quasi solo […]
Leggi ora
7 Gennaio 2024
New Hampshire: mai più chirurgia sui minori per il "cambio di sesso"
Lo stato americano ha approvato un disegno di legge che vieta ai chirurghi di effettuare sugli under 18 anni operazioni come la rimozione delle ovaie e del seno per le femmine e del pene e testicoli per i maschi. Il ddl afferma che questi interventi violano il "consenso informato" del paziente e sottolinea che gli studi non hanno dimostrato una diminuzione del rischio suicidio dei minori dopo gli interventi. Anzi: il pericolo aumenta
Il New Hampshire si appresta a vietare ai minori di 18 anni di sottoporsi ad interventi per il cambio di sesso. Giovedì scorso la Camera del New Hampshire ha approvato, anche con l’aiuto di alcuni deputati democratici, un disegno di legge in tal senso. L’House Bill 619 proibisce ai medici di eseguire “qualsiasi intervento chirurgico di riassegnazione del genere genitale”, cioè l’asportazione di utero, ovaie e seno nel caso delle donne; di testicoli e pene per l’uomo, a chiunque nel […]
Leggi ora
31 Dicembre 2023
La pubertà forse andrebbe bloccata a TUTTI: deriva transumana dell'Organizzazione Mondiale della Sanità
Con un vero e proprio blitz natalizio l’OMS annuncia di voler elaborare nuove linee guida gender-affermative e mette in piedi un panel formato per tre quarti da transattivisti favorevoli alla medicalizzazione dei bambini. Preferibilmente tutti, anche quelli che non soffrono di disforia. Perché scegliere di che sesso sei deve diventare un diritto universale. Una petizione internazionale chiede di fermare l’iniziativa
Pochi giorni prima di Natale l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che svilupperà nuove linee guida sulla “salute delle persone trans e di genere diverso”, con particolare attenzione all’accesso agli ormoni e agli interventi chirurgici (quelle che definisce “cure inclusive di genere”). ”) e al riconoscimento giuridico dell’autoidentificazione di genere (self id). L’OMS ha inoltre annunciato di aver formato un gruppo per sviluppare le linee guida. Di questo gruppo di esperti fanno parte molti apparatchik della World Professional Association of Transgender Health (WPATH), tra cui […]
Leggi ora