USA, coppia gay fa causa: l'utero in affitto è un "diritto", va pagato dall'assicurazione sanitaria

La richiesta dei due uomini punta a far riconoscere come "disabilità" il fatto di non disporre di un utero: pretesa assurda, invidiosa e rivelatrice. Se vincessero in tribunale in tutta l'America assicurazioni e datori di lavoro dovrebbero rimborsare le gestazioni per altri for men
Condividi questo articolo

Una coppia gay ha avviato una causa al tribunale del lavoro di New York chiedendo che l’assicurazione fornita dal datore di lavoro paghi al posto loro tutti i costi dell’utero in affitto, al fine di garantire “pari opportunità nell’accesso alle cure della fertilità”. A tutti gli effetti si richiede che una coppia di maschi gay diventi per legge una categoria protetta in quanto entrambi privi di utero e privi di accesso a un utero.

Se vincessero la causa, in tutti gli Stati Uniti la surrogata solo per le coppie di uomini gay diventerebbe a carico delle assicurazioni sanitarie o dei datori di lavoro.

Il Guardian, in un lungo articolo della vicenda, descrive la coppia così: «Corey Briskin e Nicholas Maggipinto si sono conosciuti alla facoltà di legge nel 2011, si sono fidanzati nel 2014 e hanno annunciato il loro matrimonio nel 2016 sul New York Times. Si sono trasferiti in un condominio sul lungomare di Williamsburg, Brooklyn, con una luminosa sala giochi per famiglie al piano terra».

La coppia racconta di avere appreso i costi di un figlio biologico tramite utero in affitto nel corso di un appuntamento con un medico della fertilità fornito dall'organizzazione Gay Parents to Be (Futuri genitori gay), pubblicizzata su Instagram. «Maggipinto impiega  15 minuti per illustrarmi tutte le spese che dovrebbero sostenere se cercassero di avere un figlio geneticamente imparentato con uno di loro. Il risultato finale? "Minimo duecentomila dollari" dice, battendo l'indice sul tavolo a ogni parola in segno di incredulità», scrive il giornalista del Guardian.

«Non potevano permetterselo. Maggipinto percepisce uno stipendio da avvocato in una grande azienda, ma è oberato di debiti studenteschi. Briskin lavorava per la città di New York come assistente del procuratore distrettuale, guadagnando circa 60.000 dollari all'anno. I suoi benefit lavorativi includevano una generosa assicurazione sanitaria. Ma quando hanno letto la polizza hanno scoperto di essere l'unica categoria di persone esclusa dalla copertura della FIV (fecondazione in vitro). L'infertilità era definita come l'incapacità di avere un figlio attraverso il sesso eterosessuale o inseminazione intrauterina. Ciò significava che gli etero e le lesbiche che lavoravano per la città di New York avrebbero potuto coprire i costi della FIV, ma le coppie gay non avrebbero mai potuto beneficiarne».

«Briskin e Maggipinto hanno allora presentato una denuncia collettiva alla Commissione statunitense per le pari opportunità di impiego (EEOC) contro la città di New York, citando in giudizio gli ex-datori di lavoro di Briskin per discriminazione illegale sul posto di lavoro. Se vinceranno, i datori di lavoro e le assicurazioni sanitarie di tutti gli Stati Uniti saranno costretti a cambiare le loro politiche per dare ai maschi omosessuali lo stesso accesso ai benefici della fertilità di chiunque altro».

In sostanza la coppia sostiene che la polizza assicurativa della città li discrimina perché, se fossero due donne o se fossero in una relazione eterosessuale,«avrebbero accesso ai benefici della FIV a cui hanno diritto i dipendenti della città».

USA, coppia gay fa causa: l'utero in affitto è un "diritto", va pagato dall'assicurazione sanitaria
La femminista americana Phyllis Chesler

La femminista americana Phyllis Chesler riassume cosi’ la vicenda: «Protestano contro l'"ingiustizia" di non essere nati biologicamente femmine. Sebbene siano entrambi uomini bianchi istruiti e benestanti, denunciano la "discriminazione" dovuta all'incidente della loro nascita che, nonostante il loro privilegio educativo, economico, sociale, legale e sportivo, cercano di far dichiarare "disabile" o classe protetta. Rivendicano anche il "diritto alla fertilità" dei maschi gay».

«Immagino che, in qualche misura, l'invidia per l'utero possa giocare un ruolo nella richiesta di una cosiddetta "giustizia riproduttiva" per gli uomini gay» continua Chesler. Infatti «mentre le donne senza partner maschile (single e lesbiche) possono accedere a un'assistenza relativamente poco tecnologica per riprodursi, gli uomini senza partner femminile hanno bisogno di ricorrere all'utero in affitto per ottenere una genitorialità genetica esclusiva.

E così, gli uomini gay ora vogliono che le compagnie di assicurazione trattino il fatto di essere nati maschi come una disabilità o come una categoria protetta, che richiede un indennizzo. Sono preoccupata che il denaro e il potere legale degli uomini gay possano prevalere sui diritti dei bambini, delle donne donatrici di ovuli e delle madri naturali, che non hanno un potere economico o politico equivalente

Articolo integrale qui. Qui il saggio di Phyllis Chesler.

Traduzione di Maria Celeste


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
7 Novembre 2022
Belgio, nuova legge sul femminicidio. Da studiare
In Europa la violenza maschile è la principale causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni. Il Belgio si attrezza con una nuova legge che per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche fondate su statistiche ufficiali. Avendo ben presente che la violenza è un dispositivo del dominio maschile
Fermare la strage delle donne. E’ questo il senso della nuova “legge sulla prevenzione e la lotta contro i femminicidi, i delitti basati sul genere e le violenze che li precedono” adottata in prima lettura nel Consiglio dei ministri lo scorso 25 ottobre in Belgio. Depositata dalla Segretaria di Stato per la Parità di Genere, Sarah Schlitz (Ecolo/Verdi), la legge quadro per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche di lotta fondate su statistiche ufficiali. E in […]
Leggi ora
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora
21 Ottobre 2022
Donne-contenitori: prolife e pro-utero in affitto la vedono allo stesso modo
Per gli uni e per gli altri il corpo femminile deve mettersi a disposizione per "produrre" il nascituro rinunciando alla possibilità di scelta una volta che la gravidanza è avviata. Ma una nuova vita inizia davvero solo quando c'è il sì materno: fatto inaggirabile e irraggiungibile dal diritto. Diversamente l'unica possibilità è la coazione
Sul ddl depositato da Maurizio Gasparri per modificare l’articolo 1 del Codice civile e introdurre nel nostro ordinamento il riconoscimento della capacità giuridica al concepito "con l’intento di prevenire l’aborto volontario, in qualsiasi forma, legale o clandestino che sia” si possono dire almeno tre cose. La prima: è altamente improbabile che il ddl arrivi nelle aule parlamentari. L'immediata conseguenza della sua approvazione sarebbe la sostanziale inapplicabilità della legge 194 perché l'aborto equivarrebbe di fatto a un omicidio. Nessuna delle forze di maggioranza […]
Leggi ora
6 Ottobre 2022
"Distruggi i diritti delle donne": JK Rowling contro la premier scozzese e la sua legge trans
Come in Spagna anche in Scozia il femminismo combatte contro una legge voluta dalla prima ministra Nicola Sturgeon che introduce l'autodeterminazione di genere senza alcuna diagnosi medica e abbassando a 16 anni l'età per l'accesso. E anche stavolta l'autrice di Harry Potter è al fianco delle donne, delle bambine e dei bambini
JK Rowling si fotografa con una maglietta che dice: "Nicola Sturgeon, distruttrice dei diritti delle donne" per sostenere le donne che protestano davanti al parlamento scozzese contro la controversa legge di riforma del riconoscimento di genere voluta dalla Prima Ministra scozzese. Le attiviste di For Women Scotland (Scozia per le donne) si sono riunite questa mattina davanti al Parlamento scozzese per una manifestazione contro il disegno di legge promosso da Sturgeon, che renderebbe più facile l’autodeterminazione di genere –lo abbiamo […]
Leggi ora
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora
24 Settembre 2022
SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS
A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- […]
Leggi ora