Uomini nelle carceri femminili: le lettere delle detenute californiane

Condividi questo articolo

Vi avevamo già raccontato (vedere qui) dei quasi 300 detenuti californiani che stanno chiedendo di essere trasferiti nelle carceri femminili in base alla nuova legge del Senato, il SB132, che consente a chiunque "si identifichi" come donna -a prescindere dal fatto di avere genitali maschili- di scontare la pena fra le donne. L'applicazione della nuova norma sta sconquassando il sistema carcerario dello Stato americano e terrorizzando le detenute, costrette a condividere spazi angusti con sedicenti "donne", talora sex offender che minacciano la loro sicurezza. I diritti degli uomini, transgender o meno, vengono sempre prima di quelli delle donne, e questa è una legge che non cambia mai. Qui le lettere, scritte su fogli di quaderno, di due detenute che chiedono di non dover subire questa pena ulteriore e ingiusta. Ecco l'"identità di genere" in azione.

_____________________________________________________________________________________________________________

Egregi presidente Durbin e senatore Grassley, il mio nome è Amie Ichicawa.

Sono la fondatrice della organizzazione no profit Woman II Woman e rappresento 1300 detenute ed ex-detenute della California. Scrivo per evidenziare che se passerà l’Equality Act metterà in pericolo non solo le donne detenute, ma tutte le donne a livello nazionale. Lo so perché sono stata in prigione e quello che sta succedendo nelle prigioni della California come risultato del SB132, la legge del Senato “The Transgender Respect, Agency, and Dignity Act” che è la versione a livello carcerario dell’Equality Act. 

Ciò che stanno già sperimentando le donne nelle prigioni statali è lo state estendendo a livello nazionale. Le scappatoie per aggirare la legge si nascondono dietro un linguaggio ingannevole, ma sono alla luce del sole per chiunque cerchi di manipolarla in modo da avere accesso diretto a possibili vittime.

A prima vista sembrano misure importanti e progressiste per il sistema carcerario. Chi vuole negare a qualcuno rispetto e uguaglianza? Le stesse persone che hanno scritto queste leggi, senza considerare minimamente una delle parti più dimenticate e facilmente sacrificabili della società americana - le donne detenute. Ai transgender incarcerati e alle persone di genere non conforme vengono chiesti pronomi e titoli all’ingresso. Quando io sono stata registrata in prigione mi è stato detto che ero semplicemente X37739. Adesso loro possono scegliere dove stare: “Concedere celle singole, ospitare la persona con un'altra a sua scelta, o spostare chi rappresenta una minaccia dai luoghi da cui potrebbe accedere alla persona che ha espresso preoccupazioni per la propria sicurezza”. 

In questo modo i predatori dentro il sistema carcerario hanno accesso diretto a chi ha espresso problemi di sicurezza, la donna, le cui migliaia di preoccupazioni sono ignorate. Tutte in carcere si trovano faccia a faccia col pericolo ogni giorno. Questa non è uguaglianza. Le richieste di trasferimento si stanno accumulando e nessuna di queste riguarda uomini transgender che vogliono andare in un carcere maschile. Le richieste non possono essere rifiutate per non attuare discriminazioni che riguardano: 1. l’anatomia della persona detenuta, inclusi -ma non limitata a -i suoi genitali o altre caratteristiche fisiche 2. l’orientamento sessuale della persona detenuta.
Questo significa che un uomo che potenzialmente manipola il sistema presentandosi come persona non binaria o di genere non conforme ha tutto il diritto di scontare la sua pena in un carcere femminile. Mentre state leggendo c’è uno stupratore violento e seriale in un carcere della California che ha completamente smesso la terapia ormonale e vive apertamente da uomo in una struttura femminile. Persino uno stupratore violento merita più diritti e più considerazione per la sua sicurezza della comunità delle detenute. 

La maggior parte delle donne detenute soffrono di PTSD, post traumatic stress disorder, hanno una lunga storia di abusi fisici, sessuali e mentali oltre ad aver avuto relazioni che le hanno danneggiate. Queste donne non solo stanno scontando le pene che gli sono state inflitte, ma anche la pena aggiuntiva di vivere costantemente nella paura che uno dei nuovi compagni di cella possa essere una di quelle persone che abusa della nuova legge.

Il carcere femminile ha un layout completamente diverso da quello maschile. Nel braccio femminile le donne sono ospitate in unità con quattro corridoi. Ogni corridoio ha 8 stanze. Ogni stanza ha 4 letti a castello, un wc, due lavabi e una doccia. Wc e docce non hanno porte. Ci sono dei divisori che coprono solo la parte centrale del corpo lasciando scoperti sotto e sopra.  Ci si fa la doccia e ovviamente si va in bagno in cella. Non c’è modo di evitare di esporsi ai compagni di cella che se ne abbia o meno l’intenzione. Ci sono  celle da due persone con docce alla fine di ciascun corridoio. I wc sono alla testa del letto. Non c’è nessuna separazione tra letto e wc. Sommare a queste condizioni già di per sé dure altre attività quotidiane come fare una doccia alla presenza di qualcuno con genitali diversi è un'enorme omissione da parte dei legislatori per la sicurezza e della salute mentale delle donne.

Le carceri hanno raggiunto la capienza massima. Ci sono atti che dimostrano che nel 2020 il carcere femminile della California funzionava al 131,7% della capacità. Questa è una forma di punizione aggiuntiva, un’assoluta e intenzionale indifferenza nei confronti delle donne. Il mio team riceve nuove informazioni ogni giorno da donne che hanno completamente perso fiducia nel sistema, che vivono nella paura e che si chiedono come potranno difendersi quando le cose si metteranno male. Si sentono tradite perché non sono state coinvolte nelle discussioni e nei sondaggi sul SB132. Le donne sono escluse dalla protezione promessa dal Department of Corrections con le formule verbose usate dal SB132 che rispecchia l’Equality Act. 

Ciò che sta accadendo nelle carceri femminili della California è la cancellazione dei diritti delle donne. Si comincia dal livello più basso della società rimuovendo i diritti delle donne che sono state dimenticate. Questo è ciò che succederà nell’intero stato quando la legge passerà così come è. 

Grazie per l’attenzione e l’opportunità di condividere le preoccupazioni della mia comunità e di dare voce a chi non ne ha. Vi prego di leggere le lettere allegate A e B di donne detenute che spiegano cosa sta succedendo a causa della legge.
Con rispetto, Amie Ichicawa Fondatrice di Woman II Woman

Uomini nelle carceri femminili: le lettere delle detenute californiane

LETTERA A

Il mio nome è Danielle F., sono detenuta nel CIW (California Institution for Women). Non condivido la legge 132 del Senato scritta dal senatore Scott Weiner e firmata irresponsabilmente dal governatore Newson. Non la condivido. Ho paura di questa cosa. Sono una vittima di violenza domestica e stupro. Che succederà se uno di questi sex offenders che hanno il pene ci violenta? Chiedo che vengano fatte delle revisioni al SB132 che rispondano a queste serie preoccupazioni sulla sicurezza. Grazie per il vostro tempo.

Cordialmente, Danielle F, 1822

Uomini nelle carceri femminili: le lettere delle detenute californiane

LETTERA B
A chi di competenza
Il mio nome è Heather Knauff, WF 7697. Sono detenuta nel CWI. Non sono d’accordo con la legge del Senato 132 scritta dal senatore Scott Weiner e firmata irresponsabilmente dal Governatore Newson che dice che la legge supporterà la comunità CDCR di detenuti transgender, non binari e intersex. Questo permetterà ai sex offenders di sfruttare le donne che sono svantaggiate fisicamente rispetto agli uomini. Condividiamo degli spazi molto ristretti cioè con privacy e protezione limitata. Permettere questo è oltraggioso e non etico. Ci sono già uomini che sono diventati donne che sono tornate a essere uomini per sfruttare questo sistema debole che abbandona la popolazione delle donne già svantaggiate a soffrire ancora di più a causa dei sex offender.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
21 Gennaio 2023
Anche in Italia si apre -finalmente!- il dibattito sui bloccanti della pubertà
A rompere il silenzio la Società Psicoanalitica Italiana che chiede una discussione scientifica aperta su questi trattamenti che definisce "sperimentali", non supportati da adeguati studi e a forte rischio etico perché predeterminano il destino di bambine e bambini
In notevole ritardo rispetto al Grande Nord europeo, alla Gran Bretagna all'Australia, ad alcuni stati USA -che hanno bruscamente frenato sull'uso del puberty blocker come "terapia" per bambine e bambini dai comportamenti non conformi al genere, anche in Italia si rompe finalmente il silenzio con una lettera indirizzata al governo da parte della Società Psicoanalitica Italiana, che invita alla prudenza e all'apertura di una discussione scientifica pubblica. A seguire riproduciamo le interviste realizzate da Marina Terragni per Il Foglio e […]
Leggi ora
16 Gennaio 2023
Gli psicoanalisti italiani: stop ai puberty blockers
La Società Psicoanalitica Italiana critica sui bloccanti per la pubertà ai bambini: trattamento pericoloso e sperimentale. E si unisce a femministe gender critical e genitori nel chiedere dati scientifici e un dibattito pubblico sul migliore trattamento per i minori che soffrono disforia di genere
Da anni noi femministe gender critical lottiamo contro lo scandalo della medicalizzazione dei bambini nel nome dell’identità di genere. E da anni veniamo bollate come fasciste, reazionarie, bigotte. Oggi finalmente una società scientifica accreditata italiana, la Società Psicoanalitica Italiana (SPI), prende posizione, unendosi a noi nel lanciare un grido di allarme: l’uso di bloccanti della pubertà è un trattamento sperimentale che non ha una solida base scientifica, e causa gravi effetti collaterali. Soprattutto, nella maggior parte dei casi la disforia […]
Leggi ora
14 Gennaio 2023
UK: il servizio sanitario fa marcia indietro sui servizi per la "maternità transgender" dopo la rivolta delle ostetriche
Lottare serve: in Gran Bretagna levatrici e infermiere si ribellano all’annunciata apertura di corsi e reparti dedicati a gravidanza e parto di persone “trans e non binarie”. E l’NHS stoppa l’iniziativa. Intanto negli USA si parla di trapianto di utero tra viventi: donne donatrici a vantaggio di uomini che desiderano vivere "esperienze fisiologiche femminili". Il vecchio sogno patriarcale di sempre: prendere il posto delle donne. Oggi agito dai neopatriarchi T
Lottare serve. La rivolta di ostetriche e infermiere ha sventato il piano del Servizio Sanitario Nazionale inglese (NHS) di organizzare servizi dedicati alla "maternità transgender". Il 16 dicembre scorso era apparso un annuncio per reclutare personale per gestire la formazione delle "persone trans e non binarie che partoriscono" in 40 servizi di maternità dell'NHS, annuncio che ha provocato l’immediata reazione di addette al settore. Un gruppo di circa 300 infermiere, ostetriche e psicologhe ha scritto una lettera aperta a Lizzie […]
Leggi ora