Università di Barcellona: prof femminista boicottata dagli studenti queer

Un altro caso Stock, questa volta nell'ateneo catalano. Presa di mira la docente e scrittrice femminista Juana Gallego a causa del suo gender criticism. Casi che si moltiplicano in tutte le accademie occidentali, ma le autorità stanno a guardare. L'iniziativa a sostegno della docente lanciata dal femminismo spagnolo
Condividi questo articolo
Juana Gallego, scrittrice e docente all'Universitat Autònoma de Barcelona -Master di Genere e Comunicazione- ​​è sotto attacco da parte degli studenti queer che prima dell'inizio del corso hanno annunciato al coordinatore del master che avrebbero boicottato le sue lezioni a causa delle idee che esprime sui media o nel suo blog.
Una vicenda che ricorda quella di molte altre docenti -il caso più famoso quello di Kathleen Stock- allontanate dalle università per le loro posizioni gender critical. 
Della questione della censura nelle accademie abbiamo parlato più volte: vedere qui e qui, qui e ancora qui.  
Le femministe spagnole della rete Confluencia Movimiento Feminista hanno diffuso un comunicato a sostegno di Gallego -a seguire il testo tradotto-: potete aderire all'iniziativa cliccando qui. 
    
"Il movimento femminista è già perseguitato in Spagna nonostante la "legge trans" non sia stata ancora approvata. Questa legge prevede sanzioni, revoca delle licenze a chi osa dissentire sulla base di criteri scientifici e deontologici professionali, nonché revoca dell'affidamento e sanzioni disciplinari per incuria alle famiglie e ai tutori legali dei giovani minorenni. È una legge bavaglio che giustifica la diffamazione, il silenzio, la cancellazione e la persecuzione ideologica e politica delle femministe per il fatto che dicono la verità sulla dottrina queer e sul transgenderismo. Femministe storiche come Lidia Falcón, scrittrici femministe come Lucía Etxebarría e professioniste femministe come Carola López Moya hanno subito e stanno subendo cancellazione e molestie istituzionali che non sono ammissibili in uno stato di diritto.
Affinché tutto ciò sembri accettabile il patriarcato neoliberista ha iniettato per anni la sua propaganda nei giovani con il sostegno istituzionale, finanziario e mediatico. Si è infiltrato nel movimento femminista per neutralizzarlo dall'interno. Ha disumanizzato e stigmatizzato le femministe. Insomma, ha sfruttato la debolezza della sinistra sprofondata nella politica postmoderna delle identità ed è sempre più incapace di comprendere tutte le dimensioni politiche del mercato globale.
L'assalto alle università è iniziato da tempo e le attuali generazioni di studenti e un grande numero di insegnanti riproducono ciecamente dogmi e strategie antidemocratiche. La corruzione degli obiettivi e delle funzioni delle Unità e degli Osservatori per l'uguaglianza, che erano stati creati sostenere la promozione delle donne negli istituti di istruzione superiore, rivela il livello di penetrazione ideologica del patriarcato neoliberista attraverso la dottrina queer e il transattivismo.
Nella Conferenza DoFemCo dello scorso novembre sono state portate orribili testimonianze di docenti nelle università spagnole, britanniche, canadesi, argentine e brasiliane vittime di molestie insopportabili a fronte del silenzio delle loro istituzioni, fino alla perdita di incarichi accademici e al licenziamento, una resa all'ortodossia intellettuale di un corpo studentesco che impedisce, ad esempio, di definire “donna” una donna umana adulta o di condannare lo sfruttamento sessuale e riproduttivo delle donne.
Il Movimento femminista spagnolo, organizzato e rappresentato da decine di organizzazioni provenienti da tutto il paese, condanna fermamente questa persecuzione ideologica e politica e chiede che le autorità accademiche e politiche, private e statali, pongano fine immediata e senza incertezza a questa situazione, in coerenza con le ragioni scientifiche ed essendosi dichiaratamente impegnate a favore della democrazia e delle politiche di uguaglianza.
Chiediamo inoltre che il danno causato all'immagine e all'integrità accademica della professoressa Juana Gallego venga riparato nell'istituto di appartenenza, e che si ripristini il clima di pluralità, rispetto personale e dibattito intellettuale  essenziale per costruire e trasmettere la conoscenza e per contribuire al miglioramento della società".

A seguire il testo di boicottaggio della mia persona inviato dagli studenti del master in cui ho insegnato più o meno le stesse materie di Gallego -Filosofia ed etica della comunicazione- presso l'università IUAV di Venezia. Come si può osservare si tratta di veri e propri testi fotocopia, con gli stessi capi di accusa formulati nello stesso linguaggio.

In seguito a questa lettera IUAV mi ha invitato a rinunciare all'incarico, richiesta che ho respinto con fermezza.

Cara Professoressa X,
e care Proff. Y e Z (che ci leggono in copia),
inoltro questa mail a nome di tutte e tutti noi studenti del master in Management della Comunicazione e delle Politiche Culturali.

Apprendiamo perplessi della nomina di Marina Terragni come titolare del corso di ‘Filosofia ed etica dell’informazione contemporanea’, previsto per il secondo modulo. Alla luce delle posizioni reazionarie ed escludenti espresse in molti articoli del suo blog e post pubblici sulle sue pagine social, ci diciamo quindi contrarie e contrari a questa scelta. Rivendichiamo tale opposizione poiché riteniamo le sue posizioni non semplicemente lontane dalle nostre, ma più gravemente offensive e inconciliabili con il progetto di IUAV e di questo master. Basti citare l’apertura dell’ateneo alle carriere con ‘identità alias’, di contro all’opposizione di Terragni verso il ‘self-id’ e l’autodeterminazione delle persone trans, ma anche le critiche infondate alle teorie queer, che siamo invece felici siano state incluse fra i contenuti del master. Questa scelta minaccia l’integrità di un percorso espressamente legato ai discorsi femministi, intersezionali e queer, e mette potenzialmente in discussione le sue aule come spazio sicuro. Ci spinge a dirlo innanzitutto l’uso fatto da Terragni delle piattaforme di comunicazione, così centrali per questo insegnamento.
Chiediamo spiegazioni per questa scelta, con stima e fiducia nei confronti del suo giudizio, ma sosteniamo con altrettanta convinzione la nostra posizione. Accogliamo il suo invito a un pensiero e una pratica di trasformazione, ma questa non è la direzione in cui vogliamo che il master proceda.


Cordialmente,
il Corpo Studentesco del Master 

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
27 Giugno 2022
New England Journal of Medicine: il divieto di aborto è una catastrofe sanitaria
La prestigiosa rivista lancia l'allarme: saranno soprattutto le donne povere e di colore a pagare il prezzo della sentenza della Corte Suprema, ricacciate ad abortire nella clandestinità con gravi rischi per la loro salute. Anche la pillola del giorno dopo e perfino la spirale potrebbero essere vietati e perseguiti come mezzi abortivi
La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in Dobbs v. Jackson Women's Health Organization rappresenta uno straordinario capovolgimento (...) Eppure non era inaspettato. Nel lungo e doloroso preludio alla decisione, molti stati hanno gravemente limitato l'accesso all'assistenza sanitaria riproduttiva. La foglia di fico che copriva queste restrizioni era che l'aborto indotto era una procedura pericolosa che richiedeva una regolamentazione più severa per proteggere la salute delle donne che cercavano tale assistenza. I fatti smentiscono questa falsa retorica.  Gli ultimi dati disponibili negli Stati Uniti […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
Come hanno fatto a vincere la guerra contro Roe
Non avere trasformato la Roe v. Wade in legge è stato l'errore capitale della sinistra americana, a cominciare da Barack Obama. L'aborto era una questione del tutto secondaria per i liberal assorbiti dalle trans-politics, che hanno passato gli anni a cancellare la parola "donna" rinominandola come "mestruatore" e "portatore di utero", anziché occuparsi dei diritti delle donne
Come hanno fatto i pro-life americani a vincere la guerra contro la sentenza Roe v. Wade? Nell’articolo di cui vi presentiamo ampli stralci la giornalista Sarah Ditum spiega come l’incuria e l’arroganza dei democratici hanno involontariamente aiutato a riportare indietro di 50 anni i diritti delle donne in America. "Quando è diventato certo che il diritto all'aborto delle donne americane sarebbe stato revocato? La sentenza della Corte Suprema secondo la quale "Roe era terribilmente sbagliata fin dall'inizio" è trapelata quasi due mesi fa, […]
Leggi ora
25 Giugno 2022
Elezioni di midterm negli USA: dopo la sentenza sull'aborto le donne saranno decisive?
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti in una quasi-guerra civile? Il voto di novembre sarà il primo banco di prova. Le donne potrebbero costituire il nucleo forte di quel fronte moderato che negli USA non riesce a trovare espressione politica
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto, tenendo insieme le cattoliche e le agnostiche, le donne di sinistra e quelle di destra in difesa della legge 194/78? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti, per descrivere con un eufemismo la quasi-guerra civile in corso negli Stati Uniti? Le elezioni di midterm a novembre, che vedevano favoriti i repubblicani, saranno il primo banco di prova: quante elettrici, sia pure […]
Leggi ora
23 Giugno 2022
Questione trans: cambio di vento tra i progressisti
Il "la" lo danno i democratici americani, ma anche nel resto d'Occidente la trans-filia dei progressisti comincia a dare segni di cedimento. Opportunismo elettoralistico, certo. Ma il cambiamento va registrato. Tenendo gli occhi bene aperti
Michele Serra è un amico e apprezzo molto che si sia assunto la responsabilità di rompere il silenzio da sinistra -finalmente-sull'insopportabile ingiustizia dei corpi maschili negli sport femminili (L'Amaca su La Repubblica ieri, 22 giugno), ingiustizia contro la quale lottiamo da molto tempo (qui troverete un'infinità di testi su questo tema). Un appunto, se possibile: avrei evitato di usare la definizione woke cisgender, imposta dal transattivismo, e nella quale la stragrande maggioranza delle donne del mondo, atlete e non atlete, […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ma le donne esistono ancora
Il titolo non ci piace troppo, in particolare quel laconico "ancora", ma grazie a La Repubblica per avere ospitato il nostro intervento nel dibattito che si è aperto a partire dal testo di Michela Marzano intitolato "Se non è il sesso a fare la donna". Lo ripubblichiamo qui perché non lo trovate sull'online
Pubblicato su La Repubblica il nostro testo nel dibattito aperto da Michela Marzano con il suo intervento sulle "donne con il pene" e altre meraviglie. Manteniamo il titolo originale che è stato dato al nostro intervento per non fare confusione, anche se non ci piace granché. Ecco il testo integrale a seguire. Che cos’è una donna? È quella che ci ha messi al mondo, tutte e tutti. Su questo non può esserci alcun dubbio. Il che non significa affatto che […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ciao ciao "Lia": stop mondiale ai nuotatori trans nelle gare femminili
Nonostante lo scandaloso e opportunistico silenzio dei media sportivi, La Federazione Mondiale del Nuoto chiude ai corpi maschili nelle gare femminili (qualcosa del genere è stato deciso anche per il ciclismo). Presto, si spera, arriveranno tutte le altre categorie. I casi "Lia" Thomas, trans ruba-trofei, non si ripeteranno più. Onore alle atlete che hanno combattuto contro questa colossale ingiustizia. E a tutte noi che resistiamo da anni alla violenza misogina della gender ideology
Lottare serve: un pezzo dopo l'altro il muro della trans-ideologia sta crollando. E mentre i democratici americani -parola di Hillary Clinton- prendono clamorosamente le distanze dal transattivismo perché si rendono conto che su questi temi rischiano di giocarsi la presidenza degli Stati Uniti, la Fina (Fédération Internationale de Natation), organo di governo mondiale del nuoto, ha votato a favore di nuove regole secondo le quali gli atleti transgender non potranno gareggiare nelle competizioni d'élite femminili se hanno attraversato una qualsiasi parte del […]
Leggi ora