UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical

L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
Condividi questo articolo

CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI

La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro autistico, a ormoni e operazioni chirurgiche di "transizione" che hanno alterato per sempre i loro corpi e la loro vita.

La decisione arriva immediatamente dopo la pubblicazione di alcune linee guida (qui il testo completo) per il trattamento di minori con disforia di genere compilate dalla pediatra Hilary Cass, alla guida di un’inchiesta indipendente commissionata dal Ministro della Salute britannico Sajid Javid (della vicenda abbiamo scritto qui).

La clinica Tavistock, affiliata al servizio sanitario nazionale, sarà sostituita da centri regionali presso ospedali pediatrici già esistenti, che offriranno un'assistenza più “olistica” con “forti collegamenti con i servizi di salute mentale” (cioè con una prevalenza delle terapie psicologiche su quelle farmacologiche).

La Tavistock, la clinica di genere più importante del Regno Unito, era da tempo nell’occhio del ciclone, in particolare dopo la causa legale intentata e vinta da Keira Bell, spinta a prendere ormoni a 16 anni e ora figura-simbolo delle detransitioner (qui la sua storia, e il verdetto finale).

Nel grande scandalo di mala sanità della clinica Tavistock è coinvolto anche un medico italiano, lo psichiatra Domenico Di Ceglie, promotore del cosiddetto “modello affermativo” anche per i giovanissimi seppure tra mille contraddizioni, come spiegato in questo exposé.

La chiusura della Tavistock, riferimento mondiale per il transificio di bambine e bambini, è il giro di boa definitivo. Improrogabile anche in Italia un'inchiesta che chiarisca quante/i minori sono sottoposti a trattamenti farmacologici, sulla base di quali protocolli e con quali risultati.

ALLISON BAILEY VINCE AL TRIBUNALE DEL LAVORO: FU DISCRIMINATA PER OPINIONI GENDER CRITICAL SU SPINTA DI STONEWALL

Dopo la recente vittoria di Maya Forstater (di cui vi abbiamo raccontato qui), anche l’avvocata penalista Allison Bailey ha vinto la causa per discriminazione al tribunale del lavoro.

Bailey, la cui causa è stata sostenuta da JK Rowling e da moltissime persone comuni che hanno donato alla sua campagna di crowdfounding, aveva fatto causa al suo datore di lavoro, Garden Court Chambers, e a Stonewall, l'organizzazione LGBTQ che Garden Court Chambers pagava per consigli su come diventare "un luogo di lavoro più inclusivo". Come Maya Forstater, anche Allison Bailey era stata finita sotto accusa per dei tweet: in questi Bailey, parlava del “soffitto di cotone” –ovvero il fenomeno di uomini che si identificano “come donne” e cercano di forzare donne lesbiche ad avere relazioni sessuali con loro– e lamentava il fatto che Stonewall, una delle organizzazioni storiche per i diritti degli omosessuali in Gran Bretagna, si fosse ridotta a intimidire le donne lesbiche in nome dell'attivismo pro-identità di genere.

Lo studio legale Garden Court Chambers aveva dichiarato pubblicamente che l’avvocata Bailey, tra i fondatori della charity per i diritti degli omosessuali LGB Alliance, sarebbe stata “sotto inchiesta” in seguito a un reclamo di Stonewall.

Il tribunale del lavoro di Central London ha stabilito che si trattò di discriminazione da parte di Garden Court Chambers, condannato a pagare a Bailey un risarcimento danni, inclusi danni aggravati.

L’organizzazione Stonewall, accusata da Bailey insieme al proprio datore di lavoro, non è stata condannata dal tribunale del lavoro. Ma esce da questo verdetto con  la reputazione gravemente danneggiata, in quanto il tribunale ha condannato il datore di lavoro di Bailey a pagare un risarcimento danni proprio per avere seguito i consigli di Stonewall.

Il Times riporta la notizia in prima pagina, con una foto di Rowling e Bailey. Qui l'articolo integrale, e qui il testo del comunicato stampa rilasciato dall’avvocata Bailey.

Maria Celeste


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
22 Aprile 2024
Lettera a Rishi Sunak: serve un'inchiesta pubblica sull'influenza dell'ideologia transgender
Centotrenta parlamentari, medici, psichiatri, accademici e detransitioner britannici -tra loro anche JK Rowling- hanno scritto una lettera al primo ministro per invitarlo ad esaminare “l’influenza pervasiva” dell’ideologia transgender nelle scuole e nel servizio sanitario nazionale e ad accertare le responsabilità del danno prodotto a migliaia di bambine e bambini
"Rishi, se leggi questa petizione per favore, fai la cosa giusta e avvia con urgenza un’inchiesta pubblica. Il benessere dei nostri figli dipende da questo”. A scrivere è lo psicoterapeuta James Esses, coordinatore della dichiarazione per la realtà biologica e uno dei firmatari di un appello rivolto al primo ministro britannico dopo il grande scandalo del trattamento dei bambini “confusi e vulnerabili” da parte di professionisti medici, reso evidente del rapporto di Hilary Cass. Tra i primi firmatari anche JK […]
Leggi ora
21 Aprile 2024
Il gender è un campo di battaglia
Joe Biden in piena campagna elettorale sostituisce la parola sesso con identità di genere. Germania e Svezia approvano nuove leggi trans che consentono l’autoidentificazione (self-id): i genitori tedeschi potranno decidere di che sesso è la creatura neonata a prescindere dal fatto che abbia un pene o una vagina. Intanto dopo l’Inghilterra anche la Scozia proibisce I bloccanti della pubertà per i minori “non conformi”. E in Spagna a un anno dall’entrata in vigore della Ley Trans i “cambi di sesso” sono aumentati del 400 per cento. Perfino una trentina di militari barbuti si sono dichiarati donne. La lobby spinge furiosamente e il caos è indicibile
Mentre anche in Scozia, dopo l'Inghilterra, non si prescriverà più la "terapia affermativa" (puberty blocker seguiti da ormoni e chirurgia) ai minorenni, decisione assunta in seguito alla pubblicazione del clamoroso Cass Review, negli Stati Uniti il presidente Biden - o meglio, la sua amministrazione saldamente obamiana- in piena campagna elettorale per le presidenziali di novembre ha di fatto abolito il Titolo IX dell'Education Amendments in vigore dal 1972. L'emendamento prescriveva che nessuno/a sulla base del sesso potesse essere escluso dalla […]
Leggi ora
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora