UK: stop alle "cure" psicologiche per le-gli omosessuali. Che invece restano valide per la disforia di genere

Una nuova legge si appresta a vietare le terapie "riparative" per gay e lesbiche. Nessuno stop invece al trattamento per chi soffre a causa dell'identità di genere: qui l'approccio psicologico resta la prima scelta. Assimilare le due condizioni è un grave errore, che risponde all'ideologia e non ai reali bisogni delle persone coinvolte
Condividi questo articolo

Anche la Gran Bretagna, come recentemente Canada, Francia e Nuova Zelanda, si accinge a varare una legge che vieta le terapie riparative o di conversione, ovvero quei trattamenti psicologici e/o psichiatrici finalizzati a tentare di cambiare l'orientamento sessuale di una persona gay o lesbica.

Ma la legge NON riguarderà la cosiddetta identità di genere.

In poche parole, il divieto si applicherà solo ai tentativi di ricondurre l'orientamento omosessuale alla "normalità" eterosessuale -una vera e propria forma di tortura- mentre l'approccio psicologico non sarà vietato per le persone -in particolare le-i minori- con disforia di genere, o che comunque si percepiscano con sofferenza "non-conformi" al sesso di nascita.

Il divieto di terapie psicologiche per queste persone, ribadiamo, soprattutto se minori, spianerebbe infatti la strada ai trattamenti ormonali -puberty blocker e ormoni cross-sex- come unica alternativa possibile, quando invece oggi l'efficacia e la non-novicità di questi trattamenti è messa in discussione non solo in UK ma in tutto il Grande Nord, in Australia, in vari Stati americani.

Soprattutto, quando le detransitioner o desister, ragazze avviate precocemente sulla strada degli ormoni e successivamente pentite -a cominciare da Keira Bell- continuano a testimoniare a gran voce l'importanza di un primo approccio psicologico, approccio che a loro è stato negato con conseguenze gravissime sulla loro vita e sulla loro salute.

Anche in Italia si moltiplicano gli appelli per una legge che proibisca le terapie di conversione: tra gli altri il Consiglio Comunale di Milano nel mese del Pride si accinge a esaminare una mozione in questo senso proposta dal PD.

Ma sarebbe un grave errore non distinguere, come fa invece opportunamente la Gran Bretagna, tra persone omosessuali e persone con disforia di genere.

Più che un grave errore, probabilmente, la forte spinta dei transattivisti per fare passare -anche per questa strada- la libera identità di genere o self-id.

Non vi è alcuna relazione infatti tra l'orientamento omosessuale e la disforia di genere, che per quanto "depatologizzata" dall'OMS resta pur sempre un "disturbo della salute sessuale" che necessita quindi qualche forma di cura, mentre l'essere gay e lesbiche non costituisce affatto un "disturbo da curare" ma è una naturale variante della sessualità umana.

Assimilare le due condizioni, e in particolare appaiarle in una norma di legge, è un grave errore prospettico, che risponde all'ideologia e non ai reali bisogni di tutte le persone coinvolte.

Si potrebbe anzi sostenere che trattare precocemente con ormoni minori gender nonconforming, bypassando l'approccio psicologico -in modo da adattare cosmeticamente il loro corpo all'identità percepita- costituisce in sé una forma di "terapia" riparativa sul modello iraniano: in quel Paese le persone omosessuali vengono duramente perseguite, mentre chi "cambia sesso" viene accettato e integrato nella società.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
30 Novembre 2023
Nata da madre in affitto
Olivia Maurel, 32 anni, è nata da una madre surrogata e oggi si batte in prima linea contro la pratica che definisce “atroce” e “mostruosa”. Ha sempre saputo che qualcosa non andava nella sua famiglia. Soffre di depressione, ha avuto problemi di alcolismo e ha tentato più volte il suicidio. Solo recentemente ha scoperto la verità sulle sue origini e di aver subito il trauma dell’abbandono. “A nessun bambino” dice “deve più capitare quello che è successo a me”
Commerciale o "altruistica" la surrogata va abolita. Sono le parole di Olivia Maurel, nata nel dicembre 1991 in Kentucky da surrogata tradizionale (ovvero in cui anche l'ovocita appartiene alla "madre in affitto", ndr) che in una conferenza al parlamento della Repubblica ceca ha raccontato la sua esperienza. Oggi, sposata con due figli a Cannes, "fiera di esser femminista" come si legge sulla sua pagina X, si batte contro la surrogata. La sua testimonianza, molto preziosa in quanto sono ancora pochissimi […]
Leggi ora
12 Novembre 2023
Israele 7 ottobre: appello perché venga riconosciuto come femminicidio di massa
Le donne vittime dell’attacco di Hamas non sono state uccise come tutti gli altri civili: sono state esposte nude, stuprate, brutalizzate, umiliate, decapitate, i loro corpi bruciati e fatti a pezzi. “Volevamo sporcarle” dicono i terroristi. La violenza contro queste donne risponde alla definizione di femminicidio di massa: dalla Francia una petizione alle ONG internazionali
Le donne vittime dell’attacco di Hamas non sono state uccise come tutti gli altri civili: sono state esposte nude, stuprate, brutalizzate, umiliate, decapitate, i loro corpi bruciati e fatti a pezzi. “Volevamo sporcarle” dicono i terroristi. La violenza contro queste donne risponde alla definizione di femminicidio di massa: dalla Francia una petizione alle ONG internazionali
Leggi ora
10 Novembre 2023
Accademici britannici contro la cancel culture
Il prossimo 20 novembre sarà presentato il London Universities Council for Academic Freedom, ente che riunisce un centinaio di docenti delle maggiori università inglesi con l’intento di lottare contro la censura e il pensiero unico che negli ultimi anni hanno impedito il confronto e la libertà accademica compromettendo la formazione di migliaia di studenti. Nel mirino soprattutto realtà Lgbtq+ come Stonewall che hanno pesantemente influenzato l’istruzione universitaria e superiore. Era ora, and go on!
Come riportato dal The Telegraph oltre un centinaio di accademici provenienti dalle migliori università britanniche hanno unito le forze per fronteggiare la crescente minaccia della cancel culture attraverso la creazione di un nuovo ente dedicato alla libertà accademica. In una pionieristica iniziativa gli studiosi hanno dato vita al "London Universities Council for Academic Freedom" (Consiglio delle università londinesi per la libertà accademica), che coinvolge tutte le istituzioni accademiche della capitale tra cui l'University College London (UCL), il King's College London, […]
Leggi ora
9 Novembre 2023
13 novembre a L'Aja contro l'utero in affitto
La Conferenza di Diritto Internazionale Privato spinge per il riconoscimento transnazionale dei contratti di gestazione per altri con l'intento di forzare le legislazioni nazionali a vantaggio dei profitti del biomercato. La coalizione Icams contro la GPA ha organizzato una manifestazione in difesa della dignità delle donne e contro il mercato di bambine e bambini
La Coalizione internazionale per l’abolizione della maternità surrogata (ICASM) ha organizzato per il 13 novembre una manifestazione internazionale davanti alla Conferenza dell’Aja di diritto internazionale privato (HCCH) per opporsi alla regolamentazione della “maternità surrogata” transfrontaliera.  Si sta infatti cercando di imporre una regolamentazione internazionale per la cosiddetta “maternità surrogata”: dal 13 novembre l’HCCH istituirà un gruppo di lavoro con il compito di redigere una convenzione per consentire il riconoscimento transfrontaliero dei contratti. Questo per  soddisfare la crescente domanda nel biomercato […]
Leggi ora
8 Novembre 2023
Canada: infermiera gender critical rischia il posto
Amy Hamm lavora in un reparto di psichiatria ed è sotto inchiesta per avere promosso in rete i diritti delle donne basati sul sesso e la tutela dei minori. Il BCCNM, ente che regolamenta la professione infermieristica, intende sospenderla a meno che non partecipi a un programma di rieducazione ma Amy si oppone: l’udienza è in corso. La giornalista USA Megyn Kelly l’ha intervistata
L'infermiera canadese Amy Hamm - una delle fondatrici della coalizione no-profit Canadian Women Sex Based Rights (caWsbar) - lavora in un reparto di psichiatria acuta specializzato in salute mentale e consumo di sostanze. Amy rischia di perdere la propria licenza infermieristica e il lavoro poiché avrebbe promosso in rete i diritti delle donne basati sul sesso e la tutela dei minori. Negli ultimi anni, Amy è stata oggetto di un'indagine da parte del British Columbia College of Nurses & Midwives […]
Leggi ora
6 Novembre 2023
Basta farmaci a bambine/i con disforia di genere!
Per molti anni pioniera dei trattamenti a base di puberty blocker e ormoni per minori “non conformi al genere” oggi la psichiatra finlandese Riittakerttu Kaltiala denuncia queste “terapie” come pericolose, inutili e prive di riscontri scientifici. E invita i medici di tutto il mondo a trovare il coraggio di rompere il silenzio imposto dalla censura degli attivisti e dal muro di gomma dei media
In Italia persiste un ostinato silenzio sui trattamenti farmacologici destinate alle/ai minori con disforia di genere (puberty blocker, ormoni cross sex, chirurgia di "riassegnazione del sesso") secondo il protocollo della cosiddetta terapia affermativa del genere. Non è possibile sapere quante/i minori siano stati trattati o stiano intraprendendo il trattamento, in quanti e quali centri vengano trattati e con quali percentuali di "successo" (o insuccesso). Mentre in tutto il mondo occidentale il dibattito è aperto da tempo e in alcuni Paesi […]
Leggi ora