UK, la Commissione per l'Uguaglianza e i Diritti Umani chiude i rapporti con gli Lgbt di Stonewall

I diritti umani valgono per tutti, non solo per le persone Lgbt, a cominciare dalla libertà di parola: la Commissione per l'Uguaglianza rompe con Stonewall e dice basta a censura e pensiero unico. Un altro colpo al transcult in Gran Bretagna
Condividi questo articolo

In una  lettera  al gruppo "Sex Matters" Kishwer Falkner, presidente di EHRC - Commissione per l'uguaglianza e i diritti umani- organismo che vigila sulle pari opportunità in UK, ha comunicato di avere chiuso i suoi rapporti con Stonewall, la più grande organizzazione Lgbt.

"In quanto organizzazione finanziata con fondi pubblici, dobbiamo assicurarci di fare le scelte migliori per quanto riguarda il nostro budget e di recente abbiamo riesaminato tutte le nostre convenzioni" ha detto Falkner.

Per molti anni Stonewall ha influenzato fortemente le politiche pubbliche britanniche in tema di uguaglianza e diritti umani, ha imposto il suo punto di vista su questioni come l'uso degli spazi, bagno e spogliatoi, la lingua da usare quando si parla di uomini e donne, la trans-inclusivity obbligatoria, con tanto di imposizione di nastrini arcobaleno al personale della pubblica amministrazione

"Il programma Stonewall Diversity incoraggia i suoi membri a controllare i pensieri e le parole dei dipendenti in misura inaccettabile" ha detto la co-fondatrice di Sex Matters Maya Forstater.

La notizia dell'uscita dall'EHRC dal programma Stonewall arriva la stessa settimana in cui l'Università dell'Essex ha pubblicato l' indagine "Reindorf Review" sul non-platforming (divieto di parola) per due accademiche femministe. Secondo l'avvocato Akua Reindorf l'università ha adottato politiche che riflettono "la legge come Stonewall preferirebbe che fosse, piuttosto che la legge così com'è", creando una "cultura della paura".

Difendendo il diritto delle persone gender-critical a esprimere il loro punto di vista, la presidente di EHRC ha aggiunto che i tribunali devono proteggessero la libertà di culto o di opinione anche nel caso di "convinzioni altamente contestate". Diversamente si rischierebbe di "lasciare le persone non protette dalla discriminazione e dalle molestie, con una restrizione della libertà di parola nei dibattiti sui diritti dei transgender, sulla riforma del Gender Recognition Act e sulle definizioni di 'donna' e 'uomo'".

la notizia qui

Intanto in un articolo su The Times, intitolato Stonewall dovrebbe tenersi fuori dalla guerra per i diritti trans Matthew Parris, uno tra i 14 fondatori dell'organizzazione, ha sostenuto che la realtà che ha contribuito a fondare si è persa da quando si sono ottenuti i diritti per i gay, impantanandosi in una questione che non la riguarda. Parris sostiene che da trent'anni a questa parte la vita per gay e lesbiche è davvero cambiata, che la società non è più omofoba e che non ci sono più ragioni per sentirsi vittime. Può comunque essere che ci sia ancora bisogno di sostenere i diritti delle persone omosessuali, e fino all'anno scorso Parris dice di averlo fatto in Stonewall.

Ma oggi, dice, "Stonewall ha perso la sua strada. Il sole che tutti pensavamo di aver visto si è perso dietro nuvole di rabbia, intolleranza e partigianeria. L'organizzazione è coinvolta nella questione trans, messa all'angolo in una posizione estremista su un dibattito nel quale un ente di beneficenza formato per aiutare uomini gay, donne lesbiche e bisessuali non avrebbe mai dovuto inserirsi.... Ora l'ente di beneficenza che ho contribuito a fondare mi ha coinvolto nel tentativo di negare la libertà di parola in un'università?".

"C'è qualcosa di perverso" continua Parris "nel collegare i gay ai trans. Gli uomini gay non vogliono essere donne. Ci piace essere uomini. Dubito che essere lesbica significhi non voler essere una donna. I nostri problemi non hanno nulla a che fare con l'identificazione o il cambiamento del nostro corpo: sappiamo cosa siamo e nessuno lo discute. La maggior parte degli uomini gay resisterebbe con forza al suggerimento che siamo ragazzi che vogliono essere ragazze. Non riesco a pensare a niente che mi piacerebbe di meno. L'unica cosa che collega gay e lesbiche con le persone trans è l'empatia con chiunque sia escluso, oppresso, emarginato o rifiutato.

 "Stonewall avrebbe dovuto resistere" continua Parris. "Ora sembra essersi immerso nella questione giudiziaria se gli aspiranti bambini transessuali possano o meno acconsentire all'intervento chimico o chirurgico. Ma questo non è qualcosa di cui gay, lesbiche o bisessuali possono parlare con maggiore autorità di qualsiasi altro cittadino. Ripeto: non ha niente a che fare con noi....

Forse la verità è che, dopo il successo nella nostra grande campagna per l'uguaglianza, Stonewall è rimasto con uno staff ammirevole, un CEO e un team di raccolta fondi e, inconsciamente, desiderava un'altra grande causa degna di nota. Ebbene, a volte un grande esercito che ha solo piccole battaglie da combattere farebbe meglio a ridimensionarsi. So che molti uomini gay sono imbarazzati da Stonewall e vedo il paradosso che alcune delle sue attività stanno effettivamente danneggiando la posizione della comunità gay. Non vogliamo essere associati alle sortite nelle guerre trans. Vogliamo sentirci orgogliosi, non feriti, non vittime. Le persone trans hanno bisogno di un gruppo di supporto. Ma questa è una cosa loro. I gay non dovrebbero colonizzare i loro problemi. O dèi, come siamo arrivati ​​qui?".

qui tutto l'articolo di Matthew Parris

traduzione di Marina Terragni

Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerete altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento. Se pensate che il nostro lavoro possa essere utile per la vostra vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.  

Potete inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
27 Marzo 2023
La violenza è strutturale al transfemminismo?
Paola Pieri, del gruppo MaternaMente, racconta la violenza che ha subito a Firenze da parte di trans attivisti
Testo di Paola Pieri, del gruppo MaternaMente. Giovedì scorso, 23 marzo, mi reco di fronte all’ospedale di Careggi, qui a Firenze, dove si teneva un piccolo presidio indetto da “Resistenze al nanomondo”, presente Silvia Guerini, autrice del libro “Dal corpo neutro al cyborg postumano, riflessioni critiche all’ideologia gender”. Presidio indetto in tal luogo perché è dove vengono gestiti, nel reparto di endocrinologia, decine di minorenni e non, con “disforia di genere”, trattati con bloccanti della pubertà, ormoni e altro previsto […]
Leggi ora
23 Marzo 2023
Petrillo: il mio corpo non conta, voglio usare le docce delle donne. E si ritira dai mondiali di Torun per motivi di "incolumità"
Vincere le gare non basta: Petrillo rivendica anche di usare gli spogliatoi femminili dopo che la Federazione Italiana di Atletica su richiesta delle atlete ha deciso per spazi riservati. “Lo stato mi riconosce come donna, i genitali maschili non contano. E poi" sbeffeggia “non sarà certo la prima volta che li vedono”. Intanto rinuncia ai prossimi mondiali per ragioni "di sicurezza "
Pochi giorni fa abbiamo pubblicato un resoconto della gara di Valentina nata Fabrizio Petrillo ad Ancona, con le reazioni delle atlete battute dal suo corpo maschile. Le atlete hanno spiegato chiaramente che, pur rispettando il percorso personale di Petrillo, atleticamente non sono alla pari e che si sentono discriminate. Le dichiarazioni rilasciate dalle atlete al Feminist Post sono state riprese da altre testate, tra cui Il Giornale (qui), e hanno provocato dei commenti da parte di Petrillo che ha aver […]
Leggi ora
21 Marzo 2023
“Abbiamo sbagliato”: pioniera dei bloccanti della pubertà ammette il danno
Susan Bradley, psichiatra canadese fondatrice negli anni Settanta di una clinica per minori “disforici” e autorità in questo campo oggi dichiara che il passaggio dalla terapia psicologica ai farmaci è stato un grave errore. Perché i loro effetti sono gravi e non reversibili, perché quei trattamenti sono “autoritari” e sperimentali. E perché in 9 casi su 10 la disforia dei bambini è solo temporanea e maschera altri disturbi
In un’intervista alla Daily Caller News Foundation, la dottoressa Susan Bradley, psichiatra canadese e pioniera del trattamento della disforia di genere nei bambini, si è schierata contro il popolare modello che prevede l’affermazione delle identità transgender dei bambini e la cura tramite l’utilizzo di medicinali che bloccano la pubertà, pratica a cui in passato aveva preso parte. Bradley aveva aperto una clinica pediatrica nel 1975 per i bambini affetti da disforia di genere, un profondo senso di malessere riguardante il […]
Leggi ora
3 Marzo 2023
La transessualità non è un pranzo per genderqueer
Essere transessuali non è transgenderismo ma un’esperienza profondamente drammatica e dall’esito incerto. Che nulla ha a che vedere con gli stereotipi stantii con cui si esprime l’identità di genere. Le riflessioni di Neviana Calzolari
Ripubblichiamo per gentile concessione di Dol's Magazine. Articolo originale qui Neviana Calzolari, sociologa, attivista, scrittrice e volto tv. Eppure ben poco mainstream, anzi, fra le osservatrici più acute (e critiche) del panorama politico-sociale dei nostri tempi (...) Il gruppo I-Dee di Milano e l’associazione Ipazia di Catania l’hanno incontrata. – Il ddl Zan era stato pensato per combattere l’omotransfobia, quindi con buone intenzioni – esordisce Neviana –, ciò nonostante rimango scettica su certa terminologia, in particolare sull’”identità di genere” che allarma buona parte del mondo […]
Leggi ora
23 Febbraio 2023
Disturbi mentali nei bambini: è un'epidemia. In parallelo con il boom della "disforia di genere"
Uno studio americano rivela che il disagio psichico negli adolescenti è in un picco di crescita dal 2012 con sintomi diversi tra maschi e femmine. E che quasi sempre l’idea di voler “cambiare sesso” si accompagna ad altri problemi. Solitudine, social network, pornografia: come il marketing selvaggio sta distruggendo una generazione
Si è finalmente rotto anche in Italia il silenzio sui bloccanti della pubertà prescritti a bambine e bambini con comportamenti non conformi al genere. Si è rotto soprattutto grazie agli sforzi delle femministe radicali, dei gruppi di genitori e degli psicanalisti italiani che hanno scritto al governo (vedere qui). Il dibattito è arrivato anche in TV, con due recenti puntate di Quarta Repubblica con interventi di esperti italiani e stranieri, dalle femministe Marina Terragni (qui, da 1'46'') e Monica Ricci […]
Leggi ora
17 Febbraio 2023
"PICCOLA" SIGNIFICATIVA VITTORIA: PER PETRILLO, TRANSATLETA, DIVIETO DI ACCESSO AGLI SPOGLIATOI FEMMINILI 
Dopo la sentenza del tribunale all’anagrafe Petrillo è donna. Ma il suo corpo resta maschile. Le atlete chiedono e ottengono dalla loro federazione che non acceda ai loro spazi riservati. Quanto meno si riconosce l’esistenza del problema. Poi verranno i campi di gara
Si tratta, quanto meno, del riconoscimento del problema. L'atleta Petrillo qualche mese fa ha ottenuto dal Tribunale il cambio del nome all'anagrafe -da Fabrizio a Valentina- ma il suo corpo resta maschile. La condivisione degli spogliatoi crea pertanto grande imbarazzo alle atlete. In attesa che si risolva compiutamente e definitivamente la questione dei corpi maschili negli sport femminili, una piccola ma significativa vittoria: per Petrillo saranno allestiti spogliatoi separati. Il che rende ancora più evidente l'insopportabilità della situazione. Si tratta […]
Leggi ora