UK: bloccanti della pubertà vietati anche nelle cliniche private. E in Francia si apre il dibattito
Nel Regno Unito per tre mesi a partire dal 3 giugno non saranno accettate le prescrizioni di bloccanti della pubertà a minorenni da parte di cliniche private inglesi o europee. A Parigi il Senato vota un provvedimento che sulla stessa strada ma la prima firmataria riceve intimidazioni e minacce

Condividi questo articolo

Nel Regno Unito per tre mesi a partire dal 3 giugno non saranno accettate le prescrizioni di bloccanti della pubertà a minorenni da parte di cliniche private inglesi o europee. A Parigi il Senato vota un provvedimento che sulla stessa strada ma la prima firmataria riceve intimidazioi e minacce.

E’ stato uno degli ultimi atti del governo britannico di Rishi Sunak prima delle elezioni: un provvedimento per evitare che a nessun bambino o adolescente siano prescritti i bloccanti della pubertà per curare la disforia di genere. Il servizio sanitario nazionale britannico (Nhs) aveva già vietato la somministrazione della triptorelina dopo la pubblicazione, lo scorso mese, del rapporto della dottoressa Hillary Cass sui servizi di identità di genere. Ma non era abbastanza.

Downing Street considera quella dei bloccanti della pubertà una vera e propria emergenza sanitaria tanto da aver varato, il 29 maggio, nuove misure per impedire che i bambini e gli adolescenti inglesi abbiano accesso al percorso terapeutico considerato poco affidabile nonché nocivo dal rapporto Cass.Dal 3 giugno al 3 settembre non saranno più valide in tutto il Regno Unito le prescrizioni di triptorelina o altri farmaci simili fatte da medici privati britannici o dottori che vivono nella Ue o in Svizzera.

La ministra della sanità Victoria Atkins ha varato questa ennesima stretta dopo che la  dottoressa Helen Webberley, che gestisce la clinica offshore GenderGP, ha prescritto la triptorelina a bambini di appena nove anni e senza il consenso dei genitori per dare loro “la giusta pubertà” definendo i bloccanti  “sicuri e salvavita”.

Intanto in Francia il Senato ha approvato un progetto di legge che chiede restrizioni nell’uso dei puberty blockers e vieta per i minori gli ormoni cross-sex  e la chirurgia di “riassegnazione del sesso”. Il progetto di legge è stato approvato grazie ai voti del centrodestra e dei partiti di centro e avversato da socialisti, verdi e progressisti che hanno gridato alla transfobia. Perché il progetto diventi legge è necessaria l’approvazione da parte dell’Assemblea Nazionale, che al momento appare piuttosto improbabile, ma il dibattito politico sulla terapia affermativa per i minori si è finalmente aperto anche in Francia.

Jacqueline Eustache-Brinio, senatrice repubblicana prima relatrice del progetto di legge, ha spiegato che il suo intento è “prevenire che i minori con disforia si ritrovino pentiti  per trattamenti medici o chirurgici intrapresi in seguito a una diagnosi errata” e ha aggiunto che “il testo non è transfobico né intende psichiatrizzare le persone trans o negare i diritti dei bambini”. Ma in seguito alla presentazione la senatrice sta subendo “attacchi da associazioni di attivisti che si muovono come al solito, con intimidazioni e minacce”

In coerenza con le nuove legislazioni in UK e in tutto il Nord Europa il progetto di legge prevede che un minore che voglia intraprendere la terapia affermativa con puberty blockers si debba rivolgere a un centro multidisciplinare specializzato che possa valutare le eventuali controindicazioni e la sua capacità di esprimere consenso, e che comunque il trattamento venga avviato almeno due anni dal primo appuntamento con gli specialisti. E che i medici che non rispettano la legge siano perseguibili penalmente, con sanzioni fino a 30 mila euro e con la pena massima due anni di detenzione.

Sempre in Francia continua la persecuzione a opera dei transattivisti di Dora Moutot e Marguerite Stern, giovani femministe autrici del bestseller Transmania. Da tempo le due donne vengono minacciate da di morte e il loro indirizzo di casa è stato diffuso su X. Qui Dora Moutot intervistata da Flo Read per UnHerd

 

.

 


Condividi questo articolo
Torna in alto